ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
18 min

Tutti i vincoli del nuovo ospedale di Bellinzona

I progettisti dovranno confrontarsi con un’importante serie di questioni tecniche, fra sicurezza fluviale, edificabilità e viabilità
Bellinzonese
2 ore

Pomeriggio di ballo liscio a Pollegio con l’Atte Blenio-Riviera

Appuntamento per giovedì 9 febbraio al ristorante Alla Botte
Bellinzonese
2 ore

Omaggio a più voci a Enrico Della Torre a Camorino

Appuntamento per lunedì 13 febbraio alle 19 al centro culturale areapangeart
Locarnese
2 ore

La sfida: ricreare (e degustare) i 101 stili di birra ufficiali

L’iniziativa, promossa dal BeerLab di Gordola, è aperta a tutti e si ripeterà settimanalmente il giovedì sera
Luganese
2 ore

Appuntamento su sostenibilità e architettura in ambito alpino

Questi i temi che verranno trattati all’Istituto internazionale di Architettura a Lugano martedì 14 febbraio alle 18.30
Locarnese
2 ore

L’Arte dell’ascolto profondo, evento online con Daniel Levy

Lo propone l’Accademia Internazionale di Eufonia di Locarno giovedì 9 febbraio dalle 20
Bellinzonese
2 ore

L’Ambri Piotta sostiene la lotta contro una malattia rara

Il 17 febbraio i giocatori indosseranno una maglia speciale: il ricavato dell’asta andrà all’associazione ‘Noi ci siamo’ che sensibilizza sulla Fop
Ticino
3 ore

Superamento dei livelli, il Plr boccia la proposta commissionale

In Gran Consiglio arriverà anche il rapporto di minoranza di Polli: da Lega, Ps, Centro e Verdi ‘proposta evidentemente fragile, non ha obiettivi’
Mendrisiotto
3 ore

Anche i Quartieri di Mendrisio si mettono la maschera

Dopo il Carnevale di Genestrerio, andato in scena domenica scorsa, è giunta l’ora di Besazio, Capolago e Ligornetto
Mendrisiotto
3 ore

A Novazzano torna ‘Ul Zanzara’

Per gli amanti del Carnevale sarà possibile festeggiare già a partire da martedì sera
Luganese
3 ore

Processo Enderlin, ‘dopo 9 anni di Purgatorio comincia la vita’

L’imprenditore luganese è stato condannato a 13 mesi sospesi. Cade l’accusa delle retrocessioni bancarie
Bellinzonese
3 ore

Ad Ambrì-Sopra ‘via alla Posta’ diventa ‘via Alina Borioli’

La commissione cantonale di nomenclatura ha approvato la modifica, proposta dalla scomparsa Tiziana Mona e cofirmatari
Locarnese
4 ore

Asta di beneficenza per i bambini del Kenya

Martedì 7 febbraio, dalle 14.30 alle 16.30, all’interno del centro diurno ‘Alcentrodì’ di Ascona, a favore dell’associazione ‘The Dreamers Association’
Locarnese
4 ore

Semine e novellame, così il Dipartimento ne orienta la rotta

All’Assemblea della Società di pesca Onsernone-Melezza Christophe Molina ha illustrato gli indirizzi del Dipartimento in materia di gestione ittica
Luganese
4 ore

‘Il Centro’ di Agno accoglie una nuova presidenza

Thierry Cerclé avrà al suo fianco la vice Graziella Lamprecht, in rappresentanza anche della sezione ‘Giovani del Centro’
laR
 
11.10.2022 - 05:25
Aggiornamento: 07.11.2022 - 14:35

Pretore da sostituire, bagarre in Commissione giustizia

Passa la candidata socialista per la sostituzione di Franca Galfetti Soldini, in quota Plr. E i liberali-radicali non firmano il rapporto: ‘Ripicche’.

pretore-da-sostituire-bagarre-in-commissione-giustizia
Ti-Press/Archivio
Chi porterà ordine in aula?

Colpo di scena, ieri, durante la seduta della Commissione giustizia e diritti del Gran consiglio (Gc). Il rapporto firmato dalla maggioranza dei commissari per la sostituzione di Franca Galfetti Soldini, pretore della sezione 3 della Pretura di Lugano che a fine anno andrà in pensione, propone al Gc l’elezione dell’avvocata Rossana Romanelli Bellomo, attuale pretore aggiunto della sezione 2 della stessa Pretura. La sorpresa è dettata dall’appartenenza politica: Romanelli Bellomo è stata candidata dal Partito socialista (Ps), mentre l’uscente Galfetti Soldini è in quota Partito liberale-radicale (Plr). E proprio il Plr, assieme ai rappresentati Udc e Verdi, non ha sottoscritto il rapporto. A sostenere la candidatura invece un insolito asse fra Ps, Centro e Lega.

Plr: ‘Non si tratta della candidata migliore Sosterremo la nostra in Gran consiglio’

«In realtà non è un vero e proprio colpo di scena, ce l’aspettavamo – ci dice Giovanna Viscardi (Plr) –. Siamo però un po’ scocciati per com’è andata. Siamo convinti che non si tratti della candidata migliore». Romanelli Bellomo non è infatti l’unica papabile alla successione, e l’ultima parola spetterà comunque al legislativo che tratterà l’argomento a metà novembre. Un nome in particolare è sostenuto dal Plr: Alessandra Giezendanner, segretario assessore della sezione 3 (la stessa dell’uscente) della Pretura luganese. «Anche la nostra candidata ha una lunga esperienza: ha cominciato quando c’era ancora il vecchio Codice di procedura civile e la carica che ricopre all’epoca prevedeva che facesse le veci del pretore durante le udienze, cosa che oggi spetta al pretore aggiunto. È un’esperta delle materie che tratta la sezione della pretura 3. Avrà il nostro sostegno anche a livello di Gc».

Durisch: ‘Siamo sottorappresentati’ Viscardi: ‘Non a Lugano’

«La signora Romanelli Bellomo è una persona competente e valida – osserva invece Ivo Durisch (Ps) –. Da anni svolge la funzione di pretore aggiunto e ha già partecipato ad altri concorsi. Poi c’è la questione delle sensibilità di area, che viene valutata a ogni votazione e alla quale è necessario prestare attenzione. E da questo punto di vista, nelle preture la nostra area, come quella leghista, è sottorappresentata». «Questa motivazione non sta in piedi – sostiene però Viscardi –, perché a livello di pretori la rappresentanza corrisponde ai risultati elettori (il Ps conta già Claudia Canonica, della sezione 4, ndr)». «Va comunque fatto un discorso generale – la replica di Durisch –: bisogna guardare alle preture nel complesso, non solo a quella di Lugano». Dello stesso tenore anche le tesi degli altri due grandi partiti che hanno sostenuto la candidatura. «Abbiamo sostenuto questo nome perché si tratta di una persona che è già pretore aggiunto da tanti anni, con una lunga esperienza, e già diverse candidature alla carica di pretore alle spalle. Fra le varie proposte è quella che ci ha convinto maggiormente» (Sabrina Aldi, Lega); «la candidata ha tutti i requisiti in regola, pertanto non c’è nulla da dire. E i socialisti in generale sono sottorappresentati, mentre i liberali sono sovrappresentati nella magistratura in generale» (Fiorenzo Dadò, Alleanza del Centro).

Dadò e Aldi: ‘Candidata socialista più idonea di quella liberale’

Ma Viscardi vede altro: «Questo è l’ennesimo esempio del malfunzionamento e della dipendenza dagli umori della politica nelle nomine in magistratura. Il buon funzionamento della giustizia non dovrebbe dipendere da ripicche partitiche. Dicono che c’è la necessità di avere le principali rappresentanze politiche affinché possano garantire la pluralità di ideologia all’interno della magistratura. Questo caso è la prova che questo non è in realtà vero, perché se partiti diversi come Ps, Lega e il Centro hanno trovato un accordo, evidentemente non c’è più questa necessità ideologica...». Accuse rispedite al mittente da Lega e Centro. «Si tratta di accuse pretestuose. Nessuna ripicca, non misurino gli altri con il proprio metro – la seccata replica di Dadò –. I membri del Plr della Commissione dovrebbero farsi un esame di coscienza: è da mesi che creano un clima ostile nei confronti degli altri partiti. Semplicemente, la candidata proposta dai socialisti era oggettivamente più idonea di quella proposta dai liberali». «Inoltre – aggiunge Aldi – qui stiamo parlando di un partito ampiamente sovrarappresentato (il Plr, ndr). Se c’è la possibilità di sostenere un candidato di un altro partito, che invece è sottorappresentato, per riequilibrare un po’ le cose, non ci vedo francamente nulla di scandaloso. Anzi, è un motivo di sostegno in più». Se ne riparlerà, dunque, fra un mesetto in Gc.

Leggi anche:

Una vita in Pretura: ‘La volontà di rendere giustizia’

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved