ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
11 ore

Ferite di media gravità per centauro finito fuori strada

L’incidente è avvenuto sul mezzogiorno di sabato lungo la strada cantonale che da Carabietta conduce ad Agnuzzo
Bellinzonese
12 ore

Scontro fra due auto a Cadenazzo: un ferito

Il tratto di via Ala Campagna è stato chiuso per oltre un’ora per consentire le operazioni di soccorso e il recupero dei veicoli accidentati
Video
Ticino
16 ore

La Chiesa si mette in attesa ‘un po’ particolare’ del Natale

Messaggio alla Diocesi ticinese del vescovo Alain de Raemy in occasione domenica dell’inizio del cammino d’Avvento
Luganese
20 ore

A2, PoLuMe anche da Gentilino alla Vedeggio-Cassarate

L’Ustra conferma: in autostrada si potrà usare la terza corsia d’emergenza come ‘dinamica’ in caso di necessità fino a Lugano nord
Ticino
20 ore

Cantonali ’23, Andrea Giudici torna in pista. E lo fa con l’Udc

Deputato liberale radicale dal 2003 al 2019, l‘avvocato locarnese proverà a tornare in Gran Consiglio: ’I democentristi rappresentano meglio le mie idee’
VIDEO
Locarnese
20 ore

‘Non si può ammazzare una donna per un ciuffo di capelli’

Tre 18enni che frequentano il Liceo Papio hanno deciso di compiere un gesto simbolico a sostegno delle donne iraniane che lottano per i propri diritti
Bellinzonese
1 gior

‘Hanno dato il massimo ma sono stati travolti da una tempesta’

La difesa dei vertici della casa anziani di Sementina chiede l’assoluzione contestando anche le direttive di Merlani. Morisoli: ‘Fatto il possibile’
Ticino
1 gior

Targhe, il governo rilancia con 2 proposte. Dal Centro nuovo No

Il Consiglio di Stato tende la mano con delle alternative di calcolo. Gli iniziativisti non ci stanno, la sinistra sì. Ognuno per la sua strada, ancora
Ticino
1 gior

‘Polizia unica? Sfruttiamo le potenzialità del sistema attuale’

Fsfp in assemblea. E sul delicato e controverso dossier si attende che la politica decida.‘Venga però sentita anche la nostra Federazione’
Luganese
1 gior

La proposta: due vie a senso unico a Cassarate

In un’interrogazione, la consigliera comunale Lara Olgiati (Plr) ritiene che la modifica viaria delle vie Pico e Vicari migliorerebbe traffico e sicurezza
Gallery
Mendrisiotto
1 gior

Boffalora: al posto della villetta arrivano due palazzine

Altro cantiere residenziale in vista alla porta nord di Chiasso. L’operazione annuncia un investimento di oltre 6 milioni di franchi
Luganese
1 gior

Il 46° parallelo a Lugano? ‘Lo promuoverà l’ente turistico’

Non sarà il Comune, se non indirettamente, ad assumersi la promozione della latitudine geografica che attraversa la città
06.10.2022 - 17:46
Aggiornamento: 18:10

Lugano, accoltellamento Manor: l’accusa annuncia l’appello

Il Ministero pubblico della Confederazione si tiene aperta la possibilità di dichiarare l’appello una volta ricevuta la sentenza motivata scritta

lugano-accoltellamento-manor-l-accusa-annuncia-l-appello
Ti-Press
Correva il 24 novembre del 2020

Non è ancora definitivamente chiuso il caso dell’accoltellamento alla Manor di Lugano del 24 novembre 2020. Forse. Il Ministero pubblico della Confederazione (Mpc) ha infatti presentato annuncio ufficiale d’appello, entro i termini di legge che scadevano venerdì scorso. Non si tratta, al momento, di una dichiarazione d’appello. Quest’ultima riaprirebbe sostanzialmente il caso portandolo al secondo grado, ossia alla Corte d’appello del Tribunale penale federale (Tpf) di Bellinzona. L’annuncio invece permette, per il momento, di mantenere aperta questa possibilità.

Si andrebbe, in tutti i casi, al 2023

La notizia ci è stata confermata quest’oggi sia dall’Mpc sia dal Tpf, che ha precisato che l’annuncio di appello è stato presentato solo dalla pubblica accusa, rappresentata dalla procuratrice federale Elisabetta Tizzoni. Non si è avvalsa di questa facoltà invece la difesa, ossia gli avvocati Daniele Iuliucci e Simone Creazzo. Affinché si arrivi eventualmente al processo di secondo grado, in ogni caso, devono passare ancora diversi mesi. La Corte di primo grado del Tpf – composta dai giudici Fiorenza Bergomi (presidente), Roy Garré e Monica Galliker – ha infatti tre mesi di tempo per inoltrare alle parti la sentenza motivata scritta. Quella orale è stata pronunciata il 19 settembre scorso, c’è quindi tempo fino a metà dicembre circa. Una volta ricevuta la sentenza motivata, l’Mpc avrà altri venti giorni per decidere se trasformare l’annuncio in dichiarazione, motivando anche le ragioni del proprio appello. La palla passerebbe poi nel campo della difesa, che avrebbe poi a sua volta la possibilità in ulteriori venti giorni di dichiarare il cosiddetto appello adesivo. Si andrebbe, dunque, in tutti i casi al 2023. A meno che la sentenza motivata non arrivi in tempi particolarmente brevi, cosa che sembrerebbe non molto probabile vista la complessità del caso e la durata stessa del processo in primo grado.

‘Duplice tentato assassinio a sfondo jihadista’

L’imputata, ricordiamo, è stata condannata a nove anni di detenzione e a una multa di 2’000 franchi per ripetuto tentato assassinio, violazione della Legge federale che vieta i gruppi ‘al-Qaida’ e ‘Stato Islamico’ nonché le organizzazioni associate, come pure per ripetuto esercizio illecito della prostituzione. La sua colpa principale è dovuta a quanto ha compiuto al quinto piano dei grandi magazzini cittadini quasi due anni fa, quando ha intenzionalmente tentato di uccidere con un coltello da cucina acquistato poco prima due donne. Lo scopo era decapitarle, inneggiando all’Isis. Fortunatamente la donna non è riuscita nel suo intento, ferendo tuttavia in maniera seria una delle vittime. Il caso, che dalla sera stessa è stato definito dalle autorità cantonali e federali di polizia come sospetto atto di terrorismo, ha fatto il giro del mondo. E anche la Corte presieduta da Bergomi enunciando la sentenza ha definito i fatti «duplice tentato assassinio a sfondo jihadista».

Gravi turbe psichiatriche

Durante il procedimento sono emersi per contro i gravi problemi psichiatrici che affliggono la 29enne accoltellatrice, al punto che le è stata diagnosticata una scemata imputabilità di grado medio. La difesa si è appellata in maniera importante alle turbe della donna, chiedendo una condanna di otto anni per ripetuto tentato omicidio intenzionale e non assassinio, come poi effettivamente stabilito dai giudici. L’accusa aveva invece chiesto quattordici anni di detenzione, sostenendo che i disturbi psichiatrici non impediscono di considerare l’aggressione un atto terroristico, tesi poi confermata dalla Corte. Per via dei suoi disturbi, l’imputata è stata anche condannata a un trattamento stazionario da eseguirsi in struttura chiusa, nonché al pagamento del torto morale stabilito in 30’000 franchi alla vittima principale.

Leggi anche:

'Ho visto una donna a terra nel sangue, un'altra con un coltello'

‘È un duplice tentato assassinio a sfondo jihadista’

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved