ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
1 ora

Da Berna un sostegno per il ‘centro di partenza’ di Rancate

Passa all’unanimità agli Stati la concessione di una somma forfettaria ai cantoni che in situazioni straordinarie gestiscono centri asilanti provvisori
Mendrisiotto
3 ore

Il Museo dei fossili di Meride spegne dieci candeline

Tra esperienze multimediali e una nuova teca terrestre, il direttore Luca Zulliger si prepara per le porte aperte d’anniversario
Locarnese
6 ore

Un fuoristrada, un gatto e l’amore per la (nuova) vita

Grazie al piacere nel viaggiare assieme al suo fedele Jek, il locarnese ‘Jonni’ è riuscito a riprendersi dopo un tragico incidente in cui è quasi morto
Ticino
6 ore

Salario minimo non adeguato all‘inflazione, Durisch: ‘Contesto!’

Il capogruppo Ps dopo la decisione del governo: ‘Assurdo, è una manovra per non arrivare all’ultima forchetta nel 2025: non sta né in cielo né in Terra’
Luganese
12 ore

Lugano, trasporto pubblico più friendly per i disabili

Approvato il maxi credito (13,6 milioni) per adeguare una parte delle fermate cittadine. Polemica in Consiglio comunale sulle telecamere nei parchi gioco.
Locarno
13 ore

Incrocio del Debarcadero,via libera alla sistemazione

Passa in Consiglio comunale anche la progettazione definitiva degli spazi pubblici del centro urbano
Luganese
13 ore

Morcote allacciata all’impianto di depurazione del Pian Scairolo

Tra i progetti previsti dal Consorzio l’abbattimento di microinquinanti e l’utilizzo di energie alternative
Ticino
15 ore

‘Quell’iniziativa è superata dagli eventi’

Consiglio della magistratura, così la commissione parlamentare: Assemblea dei magistrati e Gran Consiglio hanno nel frattempo designato il nuovo Cdm
Gallery
Mendrisiotto
15 ore

Volto coperto e armati: commando irrompe in una abitazione

In cinque rapinano una casa privata a Novazzano. Immobilizzate le persone all’interno, gli autori del ‘colpo’ si sono poi dati alla fuga
Ticino
16 ore

‘Riconoscimento del carovita così come proposto dal governo’

Risoluzione della sezione ticinese della Federazione svizzera funzionari di polizia
Bellinzonese
17 ore

Airolo ha omaggiato i suoi 18enni

Il ricevimento ufficiale organizzato dal Municipio si è tenuto sabato 26 all’Infocentro A2 Gottardo Sud
Bellinzonese
17 ore

‘Raccontami una storia in ucraino’ a Bellinzona

L’attività promossa dalla biblioteca interculturale BiblioBaobab si terrà mercoledì 30 novembre dalle 10 alle 11 nella sua sede
Mendrisiotto
17 ore

Castel San Pietro, torna scintillante il mercatino di Natale

La manifestazione si terrà sul sagrato della chiesa dalle 14.30 in avanti, con 40 bancarelle e diverse occasioni di divertimento
Mendrisiotto
17 ore

Breggia festeggia i suoi diciottenni

Il sindaco Gaffuri ha augurato ai giovani del comune un degno accesso alla maggiore età
Mendrisiotto
17 ore

Luca Baluta vince il torneo scacchistico di Stabio

Il giovane momò Noah Pellegrini è arrivato secondo, sul podio anche Christian De Lucia
Mendrisiotto
17 ore

Pompieri e beneficenza, torna la raccolta fondi per Telethon

L’appuntamento è per sabato 3 dicembre dalle 8 alle 17 sia in piazzale del Municipio di Mendrisio sia al Centro di pronto intervento
Ticino
17 ore

Non cambia l’età limite per restare in Magistratura: 70 anni

La commissione parlamentare ‘Giustizia e diritti’ silura la proposta di Filippini di scendere a 68. La democentrista ritira l’iniziativa
Ticino
17 ore

Docenti, ne mancano di tedesco e matematica

Presentata l’offerta formativa per l’anno 2023/24. Bertoli: ‘In Ticino la copertura è comunque sufficiente, non come in altre regioni della Svizzera’
Bellinzonese
18 ore

Gudo, festa di San Nicolao con Acli

Appuntamento per domenica 4 dicembre dalle 11.30 al campo sportivo
Mendrisiotto
18 ore

A2, tra terza corsia che verrà e potenziamenti in atto

Il deputato Alessandro Speziali (Plr) ne chiede conto al Consiglio di Stato. E interroga sull’impatto ambientale e fonico del progetto PoLuMe
Bellinzonese
19 ore

Archeologia, antiche ricchezze dissotterrate a Giubiasco

Aperto uno dei quattro tumuli venuti alla luce in un cantiere tra viale 1814 e via Ferriere: ritrovati orecchini, fibule, un pugnale e un’urna funeraria
Locarnese
19 ore

‘Libertà, di cosa è il nome?’ alla Corporazione Borghese

La Società Dante Alighieri di Locarno organizza giovedì 1º dicembre alle ore 18 la conferenza con il filosofo Fabio Merlini
Bellinzonese
21 ore

Due condanne in tribunale per il ‘caso targhe’

Inflitti 14 mesi con la condizionale all’ex funzionario della Sezione della circolazione, reo confesso. Dieci mesi all’assicuratore
Locarnese
22 ore

Influenza aviaria in un cigno nel Locarnese

Si tratta del secondo caso in Svizzera dopo quello in un’azienda a Zurigo. Il virus si trasmette all’uomo solo in casi rari e per contatto stretto
Ticino
23 ore

Cantonali ’23, candidati del Forum alternativo nella lista Ps

L’assemblea del movimento ha deciso ‘di non voler essere l’ennesimo partitino di sinistra, ma di lavorare a un movimento eco-socialista’. Sirica: ‘Felice’
Luganese
23 ore

Comano ha il suo Mercatino di Natale

Il prossimo martedì 6 dicembre il nucleo Tèra d’súra si vestirà con le atmosfere delle festività
il video
Bellinzonese
23 ore

Un amico della 19enne morta: ‘Aveva un grande problema’

Roveredo/Bellinzona, un testimone presente al rave party abusivo parla di ketamina e dice di aver invano proposto al gruppo di allertare l’ambulanza
Luganese
23 ore

A Grancia la Posta cambia sede e ‘vestito’

Inaugurati i nuovi spazi, centrali e accessibili. Obiettivo del Gigante giallo creare dei ‘veri e propri centri di servizi’
Locarnese
23 ore

‘Vento di vita vera’, la storia culturale della Val Bavona

Il film di Kurt Koller verrà proiettato al Cinema Otello di Ascona martedì 29 novembre alle 20.30
Locarnese
1 gior

Consegnato il premio ‘Prenditi cura anche con il cuore’

Il Soroptimist Club Locarno ha deciso di premiare Annick Artaria, che ha svolto la sua formazione presso la Clinica Fondazione Varini a Orselina
28.09.2022 - 05:30
Aggiornamento: 14:21

Direttore arrestato, le famiglie: ‘Non siamo stati capiti’

Faccia a faccia molto animato, martedì sera, alla scuola media del Luganese fra genitori e autorità scolastiche e Decs. Critiche a Bertoli

a cura di Red.Lugano
direttore-arrestato-le-famiglie-non-siamo-stati-capiti
Ti-Press
‘Faceva cose che un docente non dovrebbe fare’

«Non ci siamo sentiti capiti». È questa la reazione di molti genitori che, dopo l’incontro a porte chiuse di ieri sera col Dipartimento educazione, cultura e sport (Decs), si sono mostrati arrabbiati e indignati. L’appuntamento è stato organizzato per rispondere alle domande di chi ha figli che frequentano l’istituto scolastico del Luganese, il cui direttore è stato arrestato a inizio mese con l’accusa di atti sessuali con fanciulli. Questo per aver avuto rapporti completi con una ragazza e per dei toccamenti con un’altra. L’uomo ha ammesso i fatti avvenuti con le giovani minori di 16 anni nell’arco di un paio di mesi tra la primavera e l’estate di quest’anno.

Animi caldi e la lettera per il Decs

Durante la serata gli animi si sono scaldati e molti genitori avrebbero ricordato che negli ultimi anni sono state numerose le segnalazioni di comportamenti inappropriati avuti dal 39enne. Queste, secondo nostre informazioni, sono state fatte da allievi e genitori, sia ad alcuni docenti sia all’ex direttore, non l’imputato, precisiamo, che nel frattempo è stato sospeso dalla carica. Tutto però sembrerebbe essersi fermato, tuttavia, al livello della direzione scolastica. Il direttore del Decs Manuele Bertoli, presente all’incontro, avrebbe infatti ribadito che al Dipartimento non è mai giunta nessuna segnalazione. La stessa dichiarazione era stata fatta alcuni giorni fa, suscitando il dissenso di alcuni genitori che hanno deciso di preparare una lettera dove ricordano le critiche fatte in passato.

Dove si sia veramente fermata l’informazione sarà l’inchiesta della magistratura a stabilirlo. Ad alcune madri e alcuni padri non è però andata giù una parte del discorso della parte istituzionale. Ai genitori sarebbe stato infatti riferito che, nel caso di una segnalazione senza seguito, è necessario insistere facendola presente a livelli più alti e in ogni caso sollecitare più canali per essere sicuri che l’informazione arrivi a chi di dovere.

Per molti, incontro poco soddisfacente

L’incontro non sembrerebbe dunque aver soddisfatto la maggior parte dei presenti, che si chiedono come sia possibile che continue segnalazioni si siano fermate all’istituto, dove secondo molti tutti sapevano che qualcosa non andava nel comportamento del 39enne. Ad aver lasciato delusi alcuni genitori anche gli interventi di Bertoli: «Abbiamo percepito poca empatia da parte del consigliere di Stato».

In concomitanza con il delicato faccia a faccia tra le famiglie e le autorità scolastiche e dipartimentali, abbiamo raccolto un paio di testimonianze che ben delineano l’ambiente all’interno della sede. Si tratta di due ragazze, una ex allieva dell’istituto e l’altra attuale alunna, che abbiamo sentito in forma anonima, ma con il consenso dei genitori. Precisiamo, non si tratta delle due vittime a causa delle quali l’uomo è sotto accusa. Con loro abbiamo intervistato anche una mamma.

LA TESTIMONIANZA #1

‘Una chat con le nostre mail private’

In quell’aula scolastica digitale su Quizlet dovevano accedere con le loro mail private e non con quelle rilasciate a ogni giovane studente dall’istituto. Nell’invitare così, soprattutto le ragazze, a creare un account gli si apriva un canale privilegiato di scambio di messaggi. Sono i nuovi dettagli che alcune allieve e una mamma svelano a ‘laRegione’ del comportamento, diciamo poco professionale, del direttore di scuola media del Luganese arrestato il 7 settembre con la pesante accusa di atti sessuali con fanciulli. Ma nessuno controllava? «Faccia conto – ci dice con estrema naturalezza una delle alunne di una quarta media attuale – che lui era il direttore!».

L’arresto? ‘Uno shock’

C’era intorno alla figura del 39enne, che rivestiva anche il ruolo di professore di latino, un’allure particolare: «Quando l’ho conosciuto, mi è subito sembrato una persona a modo – esordisce la mamma della studente iscritta attualmente in quarta –. A lui ho rivolto le mie preoccupazioni sulla mia situazione familiare e sui problemi che poteva avere mia figlia. Mi è sembrato sul pezzo, mi parlava degli aspetti adolescenziali dei ragazzi, mi ha dato l’impressione di essere preparato, così sono uscita dal suo ufficio che ero entusiasta, è stato uno shock quando ho saputo dell’arresto».

Era ‘troppo gentile’

Eppure il 29 agosto, nel ‘sopralluogo’ delle matricole nella sede della scuola qualche giovane aveva già raccolto le prime ‘voci’: «Mi avevano detto di stare attenta al preside perché sapevano che aveva dei comportamenti sconvenienti con le ragazze. Mi hanno anche parlato di una festa di primavera durante la quale il direttore si era appartato con due ragazze. In quella scuola in molti lo sapevano... Aveva sempre uno sguardo un po’ ‘pesante’ sulle ragazze. Diverso dagli altri prof, la sua confidenza pareva al limite, eccessiva, era ‘troppo gentile’».

‘Aveva detto che sarebbe stato assente’

Anche nel corso delle lezioni il ‘sore’ mostrava di voler seguire un canale comunicativo più diretto con i ragazzi: alla grammatica latina le preferiva la storia e la letteratura romana, la filosofia, così evocava il ‘tempus fugit’, il tempo che fugge... l’occasione persa... «Con lui abbiamo avuto lezione fino a circa una settimana prima del suo arresto. Nell’ultima lezione che lo abbiamo visto ci ha spiegato che sarebbe stato assente ma senza specificare il motivo. Ci aveva detto che sarebbe anche tornato e che le lezioni le avremmo recuperate in seguito».

Se n’era parlato con l’ex direttore

La sorpresa, dunque, è stata tanta nel leggere delle manette: «Ci sono rimasta un po’ così, ma sono anche arrabbiata perché quelle voci giravano da quando andavamo in prima media! Mi ha dato anche fastidio che i professori avessero in passato parlato di questo comportamento con l’ex direttore, alla sua presenza e che poi tutto si fosse fermato lì. Del resto lui si era giustificato dicendo che ‘era semplicemente fatto così’».

Nel tempo, è un’altra osservazione che ci riportano le ragazze, il direttore era cambiato: vestivo in modo più distinto, elegante, più curato: «E poi quelle strane richieste, quando a diverse allieve chiedeva di fermarsi nell’aula di musica. Lo ha fatto anche con una mia amica, ma lei non c’è mai andata...».

LA TESTIMONIANZA #2

‘C’era ansia per andare a colloquio con lui’

Voci insistenti, discorsi strani che mettevano a disagio, comportamenti fuori luogo e una personalità definita a tratti «un po’ viscida». Il quadro fosco che aleggiava attorno alla figura del direttore, nel frattempo sospeso, non è una novità di quest’anno. Ce ne ha parlato anche un’altra ragazza, ex allieva della scuola media in questione.

Voci che giravano già dalla prima media

«Questi comportamenti li abbiamo notati già in terza media. Era come se fosse ossessionato da determinati argomenti (legati al sesso, ndr)», ci dice una ragazza, nome noto alla redazione, che ha terminato la scuola dell’obbligo lo scorso giugno. «A scienze avevamo già un buon docente con il quale avevamo fatto le lezioni di educazione sessuale. Eppure, lui trattava di questi temi anche durante le lezioni di latino, in parallelo ai testi antichi. Era qualcosa di molto imbarazzante, che metteva a disagio. Noi non lo conoscevamo, anche se c’erano già voci che giravano sul suo conto fin dalla prima media». Che tipo di voci? «Non ricordo nel dettaglio. Ma cose strane, si diceva che aveva comportamenti strani, quasi come se importunasse le ragazze. Di solito, lo si diceva per scherzare, però erano voci molto insistenti, si diceva che fosse un po’ molesto. Giravano voci che alcuni anni fa fosse entrato nello spogliatoio delle ragazze durante le prove dello spettacolo di fine anno. Lui aveva un piccolo ufficio nel quale teneva dei colloqui individuali: sentendo di queste voci, c’era l’ansia per andare a parlarci».

‘Faceva cose che un docente non dovrebbe fare’

Non avete segnalato questi comportamenti? «In terza media no. Ricordo di una discussione fra compagne, c’era chi aveva ‘paura’ perché si trattava di un adulto, un vicedirettore (poi diventato direttore, ndr), aveva una posizione di potere. Poi c’era chi diceva che se c’era del disagio bisognava comunicarlo. Sentivamo che c’era qualcosa di non normale, ma alla fine non abbiamo segnalato nulla». Diversamente dalla quarta media. «L’anno seguente però si è fatto più molesto, facendo più spesso battutine e talvolta allungando le mani. A una ragazza ha messo la mano sul fianco durante una lezione per esempio, ad altre sulla coscia. Oppure capitava che si avvicinasse in modo strano ad alcune ragazze, facendo battute di cattivo gusto sul loro modo di vestire. Cose che un docente non dovrebbe fare». In generale, la nostra interlocutrice, riferisce di una personalità «un po’ viscida. Personalmente, non mi piaceva il fatto che ogni tanto sembrava che ti forzasse a parlare di cose di cui non si voleva parlare».

In un incontro con le ragazze si è giustificato

Dato che in quarta media il disagio è aumentato, le ragazze hanno deciso di parlarne con alcuni docenti, fra i quali il docente di classe. «C’è chi ha avuto una reazione strana, quasi non credendoci e cercando di sminuire. Chi invece fin da subito si è preoccupato e ha detto che bisognava fare qualcosa. E a quanto sappiamo, almeno così ci è stato detto, in effetti la situazione è stata segnalata al direttore (precedente a quello arrestato, ndr) e a quanto pare si erano lamentate anche le ragazze di altre classi». E poi cos’è successo? «Lui (il 39enne, ndr) ha parlato con tutte le ragazze. Da un lato sembrava offeso per il fatto che girassero determinate voci sul suo conto e dall’altro pareva dispiaciuto. Si era giustificato dicendo che non pensava che certi suoi comportamenti ci avessero messo a disagio, che avevamo frainteso. Ricordo che alcune ragazze si erano sentite in colpa poi, dicevano che forse avevano esagerato nel segnalare il proprio disagio. Ripensandoci, io invece ho quasi l’impressione ora che fosse un tentativo di manipolarci».

Leggi anche:

Sospettato di atti sessuali con fanciulli: direttore arrestato

Direttore arrestato, Bertoli: ‘Sospeso, notizia molto triste’

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved