14.09.2022 - 16:03
Aggiornamento: 16:56

San Pellegrino Sapori 2022 parla spagnolo

È il grande Paese iberico l’ospite di quest’edizione della manifestazione culinaria, in programma dal 26 settembre al 13 novembre

a cura di Red.Lugano
san-pellegrino-sapori-2022-parla-spagnolo
L’organizzatore Dany Stauffacher con gli chef ospiti

Parla spagnolo la sedicesima edizione di San Pellegrino Sapori 2022, presentata ieri al Casinò di Lugano. Dal Luganese al Locarnese, e anche oltre Gottardo, alcuni tra i più noti chef stellati si alterneranno ai fornelli di alcuni tra i più prestigiosi ristoranti e alberghi per dar vita alle cosiddette ‘12 Official Nights’. E gli ospiti, quest’anno, proverranno dalla Spagna.

"Valorizzando le qualità specifiche degli alimenti che fanno parte del patrimonio culinario della Spagna – si legge in una nota –, nel rispetto delle loro caratteristiche tradizionali, a San Pellegrino Sapori verrà sottolineato, da un lato, il ruolo storico del Paese che si distingue per aver introdotto per primo, all’inizio del Cinquecento, alcuni ingredienti come il pomodoro, la patata, il mais o il cacao, che oggi si utilizzano comunemente in tutta Europa, e dall’altro la grande evoluzione avvenuta negli ultimi decenni fino a creare una vera e propria ‘nuova cucina’ creativa, innovativa e distintiva". E infatti, la selezione degli chef ospiti non ha tenuto conto solo delle loro capacità professionali, ma anche di quelle di raccontare storie e trasmettere emozioni. «Per noi – ha detto da parte sua Dany Stauffacher, organizzatore dell’evento – aver potuto contare sulla collaborazione di Don Rafael Anson, presidente dell’Accademia iberoamericana di gastronomia e presidente onorario dell’Accademia internazionale di gastronomia, e avere come partner anche la Comunidad de Madrid, ci inorgoglisce molto».

La manifestazione avrà luogo dal 26 settembre al 13 novembre, con apertura e chiusura entrambe all’Hotel Splendide Royal. Per il programma completo e la lista degli chef, consultare il sito www.sanpellegrinosaporiticino.ch.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved