ULTIME NOTIZIE Cantone
GALLERY
Mendrisiotto
6 ore

Il Ministro di Nebiopoli ha di nuovo le chiavi della città

Davanti a una piazza movimentata dalla musica della guggen, sono iniziati i festeggiamenti di Chiasso, a quasi tre anni dall’ultima vera edizione
Luganese
7 ore

Scontro tra un’auto e un centauro a Vezia

Ferite non gravi per il motociclista scaraventato a terra dall’impatto. Il traffico in via San Gottardo è rimasto perturbato per circa un’ora
Mendrisiotto
7 ore

‘Il ‘caso Cerutti’? Per la Sezione Plr la crisi è superata’

Il gruppo di Mendrisio incassa la ‘piena fiducia’ dei vertici cantonali. Alla Direttiva il municipale non c’era. ‘Non ritenevo fosse necessario’
Bellinzonese
7 ore

Incidente d’auto a Gnosca: esce di strada e cozza contro un muro

Da una prima valutazione medica l’uomo avrebbe riportato ferite tali da metterne in pericolo la vita. La tratta rimarrà bloccata almeno fino alle 22
Ticino
9 ore

‘Il nostro sistema democratico sta vivendo un momento di crisi’

La capacità di affrontare i cambiamenti e coinvolgere la popolazione è stato il tema del quarto Simposio tra Cantone e comuni
Bellinzonese
9 ore

La valorizzazione della Sponda Sinistra si fa professionale

La Fondazione Valle Morobbia ha assunto Sabrina Bornatico per stimolare e coordinare progetti e iniziative della zona collinare del Comune di Bellinzona
Luganese
10 ore

‘Vogliamo San Martino e San Provino iscritti all’Unesco’

Una petizione chiede che le due manifestazioni rurali siano riconosciute come beni immateriali. Un’iniziativa che parte dal basso, una prima in Svizzera
Locarnese
10 ore

‘Sfruttare la luce per illuminare anche le zone d’ombra’

È l’obiettivo che la Città di Locarno vuole raggiungere grazie alle indicazioni evidenziate nel rapporto della speciale Commissione municipale economia
Mendrisiotto
10 ore

No alla violenza, il Nebiopoli incontra gli allievi di 4ª media

‘È stato interessante. Ora faremo più attenzione’. Con la visita, i giovani hanno potuto scoprire l’apparato organizzativo e di sicurezza del Carnevale
Locarnese
12 ore

Luce verde per il semaforo alla Pergola: obiettivi raggiunti

Lo indica il Consiglio federale, rispondendo a un’interrogazione di Piero Marchesi: ‘Sull’arco di una giornata risparmiate complessivamente 51 ore’
Grigioni
12 ore

Verso un miglior sostegno ai familiari curanti nei Grigioni

Individuati tre punti centrali: sensibilizzazione della popolazione e dei datori di lavoro, così come migliori condizioni per le persone che prestano cure
Bellinzonese
13 ore

Successo per il Raiffeisen Kids Ski Day a Campo Blenio

Circa 130 bambini e bambine si sono lanciati nei percorsi dello sci alpino e dello sci freestyle preparati dallo Sci Club Greina e dall’Adula Snow Team
08.09.2022 - 19:06
Aggiornamento: 19:34

Lugano, in arrivo le linee guida per il risparmio energetico

Quasi pronte le possibili misure infrastrutturali e comportamentali che il gruppo di lavoro presenterà al Municipio per contenere il consumo

lugano-in-arrivo-le-linee-guida-per-il-risparmio-energetico
Ti-Press/Archivio
Al vaglio anche l’abbassamento delle temperature nelle aule scolastiche della Città

È imminente la presentazione della strategia di Lugano per fronteggiare la crisi energetica. Una serie di provvedimenti arriverà sul tavolo del Municipio in una delle prossime sedute. Ci stanno lavorando i membri dell’unità di crisi istituita un paio di anni fa in occasione della pandemia, poi mantenuta per la questione legata alla guerra e ai rifugiati ucraini e ora attivata sul ‘fronte’ energetico. All’interno del gremio, coordinato dal comandante della Polizia di Lugano Roberto Torrente, è stato inserito anche il responsabile dell’Ufficio dell’energia della Città. Gli approfondimenti svolti, spiega il sindaco di Lugano Michele Foletti, sfoceranno in direttive interne sul risparmio praticabile nell’amministrazione cittadina. In riva al Ceresio, continua Foletti, «non si parte da zero, Lugano alla fine del 2019 ha ottenuto il Label Città dell’energia». Intanto il gruppo dei Verdi in Consiglio comunale ha presentato una mozione per chiedere una strategia per regolare l’illuminazione pubblica e privata esterna.

Foletti: ‘Sui costi siamo tranquilli’

A livello di costi, il sindaco intanto rassicura: «Il prospettato aumento non inciderà troppo sulle spese, perché abbiamo stipulato contratti a lungo termine, quindi siamo abbastanza tranquilli per quanto riguarda i nostri centri che consumano di più, come il Palazzo dei Congressi, la pista di ghiaccio e la piscina. Però bisogna fare di tutto per risparmiare». Quanto alla richiesta avanzata dai Verdi, Foletti afferma che «in base alle analisi che abbiamo effettuato, la Città di Lugano ha un efficienza energetica piuttosto alta rispetto all’illuminazione pubblica. Non solo. Già da alcuni anni abbiamo introdotto misure di risparmio energetico». Si potrebbe fare di più o meglio? «Mah, bisogna sempre ponderare il fattore sicurezza e come Municipio dobbiamo soppesare aspetti positivi e negativi di ogni eventuale intervento – risponde il sindaco –. È facile dire ‘spegnete tutto’. In Italia, ad esempio, nelle città lasciate al buio di notte, hanno registrato più incidenti stradali e altri problemi».

Torrente: ‘Vogliamo cambiare l’approccio’

All’interno dell’unità di crisi sono stati creati tre sottogruppi: acqua, gas e corrente elettrica che lavorano in stretto contatto con le Ail Sa per elaborare gli scenari e gli interventi per farvi fronte. «All’interno dell’amministrazione cittadina stiamo elaborando delle linee guida per il risparmio energetico a tutti i livelli – informa Il coordinato Roberto Torrente –. Prevediamo alcuni interventi infrastrutturali, come l’introduzione di un termostato per regolare i riscaldamenti pubblici e sensori per spegnere le luci quando non servono. Inoltre, stiamo valutando delle misure comportamentali dei dipendenti della Città e dei provvedimenti eccezionali». Si tratta, aggiunge Torrente, di misure che intendono portare avanti un discorso di cambiamento dell’approccio di ognuno di noi al consumo di energia. Misure che potranno quindi essere introdotte a lungo termine, per evitare lo spreco di energia. Rispetto alle misure eccezionali (come il contingentamento e il divieto di consumo, ndr.) sono pure previste direttive. Prenderemo inoltre contatto con il gruppo di lavoro del Cantone per capire come muoverci in sintonia».

Le misure che verranno adottate dalla Città di Lugano andranno ad aggiungersi alla sensibilizzazione sull’uso parsimonioso dell’energia promossa a livello federale e cantonale. Misure che non si discosteranno tanto da quelle suggerite di recente dall’Unione delle città svizzere: oltre ad abbassare le temperature dei locali dell’amministrazione e delle aule scolastiche, si consiglia anche di riscaldare l’acqua delle piscine pubbliche coperte di due gradi in meno, di spegnere l’illuminazione degli edifici storici o delle insegne pubblicitarie, di non far funzionare più gli ascensori o le scale mobili, se possibile.

Leggi anche:

Crisi energetica, ‘Lugano spenga le luci di notte’

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved