ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
24 min

Al Campus Supsi a Mendrisio si parla di zanzare e altro

In programma per venerdì una conferenza della Società entomologica della Svizzera italiana
Ticino
1 ora

‘I detenuti con misure terapeutiche vanno adeguatamente seguiti’

La richiesta al governo delle commissioni ‘Giustizia’ e ‘Carceri’ è ora nero su bianco. La mozione firmata da tutti i gruppi parlamentari
Ticino
2 ore

‘Avanti’, la porta è aperta a tutti

Presentato il nuovo movimento fondato da Mirante e Roncelli dopo le dimissioni dal Partito socialista. ‘Una forza di centro sinistra, moderna e aperta’
Luganese
3 ore

Pura, condannata a 4 anni la donna che accoltellò l’ex marito

La Corte ha accolto integralmente le richieste di pubblica accusa e accusatore privato, sostenendo che l’imputato abbia mentito per costruirsi un alibi
Ticino
3 ore

Primo incontro fra partiti sul dopo Carobbio agli Stati

Domani rendez-vous tra i vertici cantonali delle forze politiche rappresentate a Berna. Per scongiurare un ‘bel pasticcio’, Farinelli dixit
Ticino
3 ore

Tirocinio, ‘i contratti sciolti non allungano la formazione’

Lo fa sapere il Dipartimento dell’educazione cultura e sport (Decs), che ha anche aperto il concorso per la nomina dei docenti per il prossimo anno
Grigioni
4 ore

Val Calanca, strada forse riaperta prima del weekend

Nella migliore delle ipotesi i lavori di sgombero inizieranno domani. Anche oggi il meteo ha ostacolato la valutazione dei rischi di nuovi scoscendimenti
Luganese
4 ore

Il Convento del Bigorio apre le sue porte per una giornata

L’8 dicembre sarà possibile visitare gli spazi di un monumento cantonale protetto, dal coro dei frati alla cappella Botta
Luganese
4 ore

Sottrasse mezzo milione a un conoscente, ma non fu riciclaggio

Appropriazione indebita: inflitti 15 mesi di carcere, sospesi con la condizionale, a un 39enne comparso di fronte alle Assise criminali di Lugano
Bellinzonese
5 ore

Corsi di potatura secca di alberi da frutta

Sabato 10 dicembre dalle 9.30 alle 12.30 a Malvaglia e sabato 17 dicembre dalle 9.30 alle 12.30 a Stabio
Bellinzonese
5 ore

Ultima tappa per completare la fibra ottica nel Bellinzonese

Amb e Swisscom comunicano che l’anno prossimo saranno connessi anche a Pianezzo, Paudo, Claro, Gudo, Moleno e Preonzo
Locarnese
5 ore

Museo e atelier Remo Rossi, è ‘BIANCA’ l’idea vincente

Lo studio Buzzi Architetti ha vinto il concorso a inviti per la progettazione di complesso e spazio espositivo dedicati allo scultore morto 40 anni fa
Bellinzonese
5 ore

‘Via Roggia dei Mulini rimarrà sicura anche con le palazzine’

Il Municipio di Bellinzona risponde all’interpellanza di Boscolo e Sansossio, confermando che il comparto rientra nella mobilità sostenibile
Bellinzonese
5 ore

Patriziato di Carasso in assemblea

Giovedì 15 dicembre alle 20.15 nella sala patriziale sarà, fra l’altro, discusso il preventivo 2023 che prevede un avanzo d’esercizio di 260mila franchi
laR
 
14.09.2022 - 21:11
Aggiornamento: 22:12

Violenza giovanile, esteso il Progetto Foce a Lugano

Mai allertata la polizia: visto il buon riscontro dell’iniziativa peer to peer durante l’estate, il Municipio ha deciso di estenderla e (forse) riproporla

violenza-giovanile-esteso-il-progetto-foce-a-lugano
Ti-Press
Un’estate senza grossi problemi. Nel riquadro, la casetta del Progetto Foce

L’esperimento è ritenuto riuscito. Al punto che l’iniziativa è già stata estesa per il mese di settembre e ci sono concrete possibilità che venga riproposta l’anno prossimo e, forse e in maniera un po’ differenziata, durante l’imminente stagione fredda. Bilancio positivo dunque per il Progetto Foce, avviato dalla Città di Lugano in collaborazione con alcune associazioni lo scorso aprile con l’intento di prevenire la violenza giovanile e altre forme di disagio legate alla movida, nel luogo ormai per antonomasia di maggior ritrovo delle estati luganesi, la Foce del Cassarate appunto.

‘Mai allertata la polizia’

«Sì, è andata bene – ci conferma il capodicastero Socialità Lorenzo Quadri –, la presenza degli operatori è stata ben accolta e, man mano che la stagione proseguiva, è stata riscontrata un’affluenza sempre più importante allo stand». Gli operatori in questione sono dei giovani, sui 20-25 anni: delle figure alla pari dei frequentatori della Foce. Peer to peer, ma formati. Quattordici studenti in Lavoro sociale della Supsi, o appena diplomati, con il compito di interagire con i giovani allo scopo fare prevenzione e, nei casi più ‘caldi’, evitare che eventuali conflitti escalino. Tuttavia, questa torrida estate si è rivelata meno calda del temuto dal profilo della violenza giovanile, quantomeno alla Foce. «Non c’è stata alcuna occasione nella quale gli operatori siano dovuti intervenire per sedare una rissa, né tantomeno hanno mai dovuto allertare la polizia. In generale, non è mai stato necessario neanche l’intervento della Securitas, almeno per quanto riguarda il nostro stand».

‘Tanta prevenzione’

Le ragioni potrebbero essere tante: una prima, e ipotetica, timida inversione di rotta della tendenza che durante la pandemia e in generale negli scorsi anni ha visto sempre più casi di violenza giovanile; altri luoghi di ritrovo per le ‘teste calde’; la prevenzione peer to peer – una presenza informale, distante da quella rappresentata dall’autorità – ha colto nel segno. Quali che siano i motivi di quest’estate più calma, il progetto è considerato un successo. Non si sono quindi fortunatamente riviste scene come quelle accadute nell’agosto e nel marzo del 2021, quando rispettivamente una lite fra ventenni è sfociata in un’aggressione e un party illegale (si era ancora al tempo delle restrizioni Covid) è degenerato in due risse fra giovani prima e in un attacco a suon di bottiglie contro la polizia poi. Ma se non c’è mai stata la necessità di allarmare le forze dell’ordine, che cosa hanno dunque fatto questi operatori? «Tanta prevenzione».

‘Acqua, frutta, posacenere, preservativi’

«Questo era anche l’intento iniziale del progetto: non imporre una presenza poliziesca, ma piuttosto di dialogo e prevenzione garantendo comunque un presidio. Già la loro sola presenza si è dimostrata un deterrente importante» conclude Quadri. Tra i punti di forza del progetto, la flessibilità: sono cambiati gli orari (passando da una presenza fra le 20 e le 24 a una fra le 20.30 e le 24.40, per coprire meglio il grosso dell’affluenza), quello che inizialmente era un gazebo è diventato col tempo una casetta vera e propria, molto riconoscibile. «Al punto che è diventata un punto di riferimento anche per un certo numero di adulti – sottolinea il municipale –: passano a chiedere informazioni o raccogliere materiale per i figli». Oltre alla documentazione del Servizio di prossimità della Città, allo stand è infatti possibile informarsi su un gran numero di tematiche inerenti ai giovani, dato che nel progetto sono coinvolti anche Radix, Incurf (Insieme contro l’uso ricreativo di farmaci) e danno.ch. E poi, tanto altro: «Alla casetta è stata distribuita acqua e frutta, visto il gran caldo di quest’estate, ma anche portacenere, preservativi».

In inverno? ‘Forse itinerante’

Il Progetto Foce si è rivelato dunque un buon test, al punto che è già stato esteso per tutto il mese di settembre fino alla Festa d’Autunno. E poi? «È previsto un incontro con il gruppo interdivisionale (che coinvolge, oltre alla Divisione socialità, il Dicastero eventi e congressi e la Polizia comunale, ndr) per fare il punto e capire in futuro cosa fare. Prepareranno un rapporto che verso fine mese dovrebbe arrivare in Municipio. Penso però che ci siano tutti gli elementi per riproporlo l’anno prossimo». E per la stagione fredda? «Già nelle ultime settimane l’affluenza dei giovani si è ridotta. Per ottobre si potrebbe pensare a una presenza due sabati al mese. Per i mesi invernali-primaverili potrebbe essere interessante rendere il progetto più itinerante. Sono aspetti che valuteremo».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved