ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
59 min

La cultura previene o alimenta le violenze fondate sul genere?

A queste e altre domande si cercherà di dare risposta lunedì 30 gennaio alle 19.45 alla Scuola Media Bellinzona 1
Luganese
1 ora

Persona dispersa sul Monte Sassalto, sopra Caslano

Le operazioni di ricerca sono scattate nella serata di ieri. Impegnata la Rega, prima con il visore notturno e poi in volo a vista
Grigioni
1 ora

Grono ha 66 abitanti in più

Nel Comune grigionese, al 31 dicembre 2022, abitavano 1’493 persone. Registrati 155 arrivi contro 88 partenze, 13 nascite e 14 decessi
Ticino
17 ore

‘Dovete osare, la possibilità di fare bene è concreta’

Le elezioni cantonali e il Congresso del Centro, il presidente Dadò sprona candidati e candidate a scendere in campo. Ovvero, a fare campagna
Ticino
20 ore

‘Approfondiremo il tema, ma così su due piedi sono scettico’

Speziali dice la sua sulla congiunzione delle liste con l’Udc per le ‘federali’. Per il presidente Plr: ‘Differenze piuttosto evidenti tra i due partiti’
Bellinzonese
22 ore

‘Fin lì era filato tutto liscio, poi la bottigliata in testa’

Per il sindaco di Cadenazzo Marco Bertoli, il battibecco di Carnevale sarebbe nato da una sigaretta accesa all’interno del capannone
Bellinzonese
1 gior

Coriandoli ma non solo: a Cadenazzo volano pure pugni e calci

Prima serata di bagordi carnascialeschi segnata da una persona ferita al capannone. Il presidente: ‘Episodio fortunatamente isolato e circosrcritto’
Locarnese
1 gior

Brissago, il bando di pesca finisce imbrigliato nelle reti

Il Tribunale amministrativo concede l’effetto sospensivo al ricorso di un professionista che contesta l’ampliamento dell’area inizialmente concordata
Luganese
1 gior

‘Spetta agli organizzatori gestire i propri rifiuti’

Il Municipio risponde a un’interrogazione in cui si questionava sull’impatto ambientale delle manifestazioni pubbliche
Luganese
1 gior

Lac, bilancio condizionato dalla pandemia del Covid

L’ente culturale fa segnare un leggero utile d’esercizio, i conti in Consiglio comunale
Bellinzonese
1 gior

Bodio: riprendono i mercatini benefici dell’Associazione Alessia

A partire da mercoledì 1 febbraio nello stabile ex Monteforno
Ticino
1 gior

Città dei mestieri, ‘un punto centrale, ora bisogna irradiarsi’

Presentato il bilancio del terzo anno: in continua crescita gli utenti alla ricerca di informazioni su formazione professionale e mondo del lavoro
Mendrisiotto
1 gior

Truffe per almeno due milioni di franchi: venti mesi sospesi

Condannato alle Assise correzionali di Mendrisio un 67enne per fatti avvenuti tra il 2012 e il 2014. Danneggiate oltre 19 persone.
Bellinzonese
1 gior

Porte aperte alle Scuole Santa Maria di Bellinzona

Giovedì 9 febbraio possibilità di assistere alle lezioni e incontrare i docenti di scuole elementari e medie
Luganese
1 gior

Gli orologi... del crimine, confiscati e messi all’asta

Rolex, Cartier, e una quantità di monili a un incanto giudiziario a Rivera
Ticino
1 gior

Ufficio anziani e cure a domicilio, nominato Daniele Stival

Prende il posto di Francesco Branca, in pensione dopo una lunga carriera. La nomina è stata decisa nella riunione di mercoledì dal Consiglio di Stato
30.08.2022 - 12:40
Aggiornamento: 01.09.2022 - 12:16

Accoltellamento Manor, ‘lo rifarei, ma non in Svizzera’

L’imputata cambia leggermente versione al secondo giorno processuale, sostiene che tornando indietro tenterebbe nuovamente di uccidere, ma in Siria

accoltellamento-manor-lo-rifarei-ma-non-in-svizzera
Ti-Press
Due donne ferite, una gravemente

«Lo rifarei, ma non in Svizzera». Cambia, leggermente, versione dei fatti l’imputata al processo per il duplice accoltellamento alla Manor di Lugano del 24 novembre 2020. Dopo aver dichiarato durante l’interrogatorio di ieri che se tornasse indietro, rifarebbe nuovamente ciò che ha commesso, ossia tentare di uccidere due donne, sollecitata dai suoi legali oggi ha fornito una spiegazione diversa su questo delicato punto.

Innamorata di un jihadista

«In Svizzera non lo rifarei, ma in un altro Paese sì – ha detto –. Sarei partita, li avrei raggiunti e avrei fatto lì quel che ho fatto alla Manor di Lugano». L’allusione è ai contatti che aveva stabilito tramite Facebook e WhatsApp con due jihadisti siriani e coi quali per anni si è scambiata migliaia di messaggi. Di uno dei due, a suo dire fratelli, in particolare si era innamorata e avevano intrecciato una sorta di relazione sentimentale a distanza. La 29enne ha effettivamente cercato di raggiungerla, la Siria, nel 2017, venendo tuttavia bloccata dalle autorità turche poco prima del confine e rispedita in Svizzera dove poi è stata arrestata direttamente all’aeroporto di Zurigo.

‘Aveva detto che non l’avrebbe rifatto’

Una versione dei fatti dunque leggermente modificata, ma che in realtà, a detta degli avvocati difensori Daniele Iuliucci e Simone Creazzo, sarebbe una terza versione dato che precedentemente al processo l’imputata avrebbe anche dichiarato che no, tornando indietro non avrebbe rifatto quanto fatto. Aspetti, questi, che probabilmente verranno approfonditi durante l’arringa in programma giovedì, così come la requisitoria. Oggi, invece, era in programma solo l’interrogatorio alla dottoressa Alessandra Canuto, che ha effettuato la seconda perizia psichiatrica un anno dopo quella del dottor Carlo Calanchini, sempre su mandato del Ministero pubblico della Confederazione (Mpc). Un secondo, breve, interrogatorio dell’imputata non era dunque previsto, ma è stato richiesto dalla difesa, proprio per chiarire alcuni aspetti relativi ai due contatti siriani della donna.

Ha mandato 18’000 franchi in Siria

E proprio questo rapporto è all’origine dell’estensione delle accuse nei confronti della 29enne da parte dell’Mpc. Come ha dichiarato ieri, l’imputata ha infatti inviato circa 18’000 franchi ai due in Siria, soldi che sarebbero coscientemente stati destinati alla guerra. Denaro risparmiato, in parte con l’esercizio (illecito) della prostituzione e in parte grazie alle indennità dell’assistenza sociale prima e alle rendite d’invalidità poi. Di fronte a tali dichiarazioni, la procuratrice federale Elisabetta Tizzoni ha esteso dunque le imputazioni al reato di sostegno nonché ripetuto finanziamento di terrorismo, in concorso con il reato di violazione della Legge federale che vieta i gruppi al-Qaida e Stato Islamico nonché le organizzazioni associate.

Le perizie psichiatriche concordano...

Tornando alla seconda perizia, Canuto – alla quale era stato chiesto un complemento peritale concernente soprattutto gli aspetti legati all’esecuzione di eventuali misure e ai trattamenti da prescrivere all’imputata – sostanzialmente concorda per sommi capi con Calanchini. «Le due diagnosi non dimostrano grandi differenze – ha detto alla Corte del Tribunale penale federale di Bellinzona, presieduta da Fiorenza Bergomi –. Non ci sono grandi margini di lavoro sulla coscienza del reato commesso, sull’empatia. Non ci sono stati fenomeni né di pentimento né di rimorso rispetto a quanto successo». Canuto ha però riscontrato dei «piccoli segnali»: la 29enne si è dimostrata meno oppositiva, ha stretto legami con altre detenute e iniziato una formazione in carcere. Inoltre, negli ultimi mesi al disturbo psicotico si sarebbe aggiunta «una componente più affettiva», aggiungendo così un disturbo schizoaffettivo alla diagnosi.

... ma non sul luogo di espiazione della pena

Sostanzialmente ‘dettagli’ clinici, è stato detto. Canuto e Calanchini non concordano invece sull’espiazione della pena. Di base entrambi gli esperti ritengono che ci voglia un trattamento stazionario chiuso, visto anche il rischio di recidiva medio-alto, ma se per Calanchini è sufficiente anche il penitenziario cantonale a Lugano, per Canuto non è così: «Alla terapia è necessario abbinare un trattamento chiuso con approccio psico-affettivo. In Ticino non credo esistano strutture con un approccio sufficientemente largo e globale. Alla Stampa il servizio psichiatrico esegue misure essenzialmente di tipo ambulatoriale. Meglio una presa a carico multidisciplinare». Pertanto, Canuto consiglia o il carcere per detenuti psichiatrici pericolosi Curabilis nel canton Ginevra o il penitenziario femminile di Hindelbank, nel canton Berna.

Giovedì si procederà con requisitoria e arringa, il 19 settembre è invece prevista la sentenza.

Leggi anche:

'Ho visto una donna a terra nel sangue, un'altra con un coltello'

‘Se potessi tornare indietro lo rifarei, ma meglio’

Accoltellamento Manor, ‘combinazione psichica infausta’

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved