ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
42 sec

Alla Base Rega Ticino i 70 anni del soccorso aereo

Giornata di porte aperte sabato, all’Aeroporto Cantonale, per sottolineare la ricorrenza. In concomitanza si terrà ‘Telethon Vola’, evento benefico
Luganese
20 min

A Paradiso si parla di gotta e pseudogotta

In programma una conferenza pubblica martedì 4 ottobre alla sala multiuso con ospite il dottor Numa Masina
Mendrisiotto
29 min

Basso Mendrisiotto, ‘siano scelte consapevoli e responsabili’

Alla vigilia dell’incontro che riunirà i sindaci al tavolo, abbiamo parlato con il capo sezione Enti Locali Marzio Della Santa
Locarnese
57 min

La Divisione urbanistica e infrastrutture sale a Cardada

Una gita fuori ufficio per i dipendenti del settore della Città, un po’ per diletto un po’ per toccare con mano progetti e sfide del territorio
Mendrisiotto
5 ore

Lavori forestali, nelle selve degli appalti

Per decidere su un concorso nel Basso Distretto ci sono voluti due bandi e tre sentenze. E (forse) non è ancora finita
Ticino
5 ore

Cantonali ‘23, Marchesi: ’Mi candido per entrare in governo’

Il presidente Udc, in un‘intervista a ‘laRegione’, ufficializza la discesa in campo: ’In Consiglio di Stato meno famiglia Mulino Bianco e più dinamismo’
Luganese
11 ore

Lugano, Lalia non slega il legislativo

I prelievi dovuti per legge ottengono la maggioranza assoluta, malgrado il teatrino in salsa leghista, con Bignasca contro il suo sindaco
Locarnese
12 ore

Il Museo di Storia naturale è ancorato alla pianificazione

Approvata dal legislativo di Locarno la variante per l’insediamento della struttura nel complesso conventuale di Santa Caterina
Ticino
13 ore

Detenuti e misure terapeutiche, il parlamento accelera

Presto una mozione delle commissioni ‘Giustizia’ e ‘Carceri’. Durisch: ora il trattamento in carcere non funziona, urge un reparto di psichiatria forense
Bellinzonese
13 ore

In arrivo sei aule prefabbricate per i bambini della Gerretta

Bellinzona: accolta la clausola d’urgenza e bocciato l’emendamento che chiedeva di riattivare le vecchie scuole di Molinazzo e Daro
Bellinzonese
14 ore

Daro, ecco i soldi: parte la ricostruzione di via ai Ronchi

Il Cc ha votato l’anticipo di 2,45 milioni. La Città pretende il risarcimento dal proprietario del cantiere edile all’origine del crollo
Luganese
15 ore

AlpTransit verso sud, Lugano picchia i pugni contro Berna

Votata all’unanimità la risoluzione extra-Loc che critica il progetto di Berna di tagliare la Neat e chiede di proseguire il tracciato fino al confine
Bellinzonese
15 ore

Giubiasco, 14 anni dopo luce verde alla centrale a biogas

Il Cc di Bellinzona ha avallato l’operazione lanciata dall’Amb con la Sopracenerina per un impianto che costerà quasi 27 milioni
Mendrisiotto
15 ore

Clinica psichiatrica, alla sbarra un 18enne accusato di stupro

La vicenda si sarebbe consumata a Mendrisio tra due pazienti, entrambi sotto l’influsso dei medicamenti. Il processo è previsto per ottobre
Bellinzonese
16 ore

Ex sindaco condannato per impiego di stranieri senza permesso

Pena pecuniaria sospesa per un 68enne, già alla guida di un Municipio leventinese, reo di aver ingaggiato un cittadino serbo non autorizzato a lavorare
laR
 
13.08.2022 - 05:15
Aggiornamento: 09:41

Rovio, fucile notificato ma il padre era senza porto d’armi

Emergono ulteriori aspetti legati al grave fatto di sangue capitato domenica scorsa ad Agno: il 49enne non aveva il permesso di girare con il Flobert

rovio-fucile-notificato-ma-il-padre-era-senza-porto-d-armi
Ti-Press
Il 49enne al carcere giudiziario La Farera

Com’è possibile che una persona con dipendenze e nota alle autorità abbia avuto fra le mani un’arma da fuoco? Senza contare che, sembrerebbe, a casa ne sarebbero state trovate altre. E ancora: vista la diffusione di armi in Svizzera, c’è pericolo che altri episodi simili si ripetano? Tra i tanti interrogativi scatenati dal grave fatto di sangue capitato domenica scorsa ad Agno, quando il 22enne è stato ferito da un colpo partito dal fucile del padre 49enne, quelli relativi al porto d’armi sono tra i più rilevanti.

Il 22enne sta rispondendo alle domande degli inquirenti

Uno dei capi d’imputazione nei confronti del padre, sui quali stanno indagando gli inquirenti coordinati dalla procuratrice pubblica Margherita Lanzillo è proprio l’infrazione alla Legge federale sulle armi, gli accessori di armi e le munizioni (Larm). Da nostre informazioni, infatti, sembrerebbe che il 49enne di Rovio avesse notificato il fucile alle autorità competenti ma non avesse il porto d’armi e quindi non avrebbe potuto lasciare l’abitazione armato di un Flobert calibro 22 con canna e calcio mozzati. Un fucile dal quale, stando alla versione dell’uomo, i due colpi sarebbero partiti per sbaglio. Uno dei quali ha colpito il figlio alla schiena, tuttora in cure intense. Intanto, il 22enne ha accettato di rispondere alle domande degli inquirenti.

Il Flobert 22? ‘In passato, in palio nelle lotterie di paese’

A disciplinare i vari aspetti in questa materia a livello nazionale è la Larm, aggiornata con un’Ordinanza nel 2019 (la Oarm). In Ticino, a occuparsi della notifica del possesso di armi e del permesso di porto d’arma, è il Servizio armi, esplosivi e sicurezza privata (Saes) della Polizia cantonale. Ma cosa sappiamo del fucile Flobert calibro 22? «Intanto – ci spiegano all’Ambrosini di via Soave, uno dei più noti e apprezzati negozi di armi di Lugano e della regione –, si tratta di un fucile molto diffuso. Era utilizzato in particolare in ambito agricolo e, in passato, era talmente radicato che veniva frequentemente messo in palio nelle lotterie di paese». Si tratta di un’arma per la quale ci vuole una dichiarazione, la prima delle tre categorie nelle quali si suddividono le armi soggette alla Larm.

Le nuove regole per i permessi

«È una nuova categorizzazione di fatto creata in seguito all’adozione della Oarm», ci chiariscono dall’armeria. Gli altri due gruppi comprendono le armi soggette all’obbligo di autorizzazione e le armi vietate. Per l’acquisto delle prime è necessario un contratto scritto con le informazioni sull’arma stessa, su chi l’acquista e su chi la vende, la regala o la presta. Il contratto va inviato entro trenta giorni alla Polcantonale. Ai cittadini stranieri o senza un permesso di domicilio, è richiesto un apposito permesso per ogni acquisto di arma o di parti essenziali di arma. Per la seconda categoria, è necessario il già citato un permesso: va inviata la richiesta pertinente con l’estratto del casellario giudiziale svizzero e una copia di un documento alla Polcantonale. Infine, per alcune delle armi vietate, quest’ultima può rilasciare un’autorizzazione eccezionale per sportivi o collezionisti. Sono queste le disposizioni generali, alle quali vi sono comunque diverse eccezioni.

Ci vogliono le carte in regola

«Quest’ultima categoria è stata di fatto creata nel 2019 – ci spiegano dall’armeria luganese –, rendendo il sistema più complesso. Anche per noi rivenditori è diventato talvolta più complicato spiegare a dovere le procedure ai potenziali acquirenti. Sono però aumentati notevolmente i controlli. Ad esempio, è necessario dimostrare con prove anche fotografiche che le armi sono custodite in sicurezza. Inoltre, gli uffici cantonali organizzano ancor più frequentemente dei colloqui conoscitivi con chi acquista un’arma. In particolar modo con i giovani». Questo, perché oltre alla notifica di un’arma, generalmente, si richiede il permesso per il porto d’arma, ossia l’autorizzazione a portare fuori dal proprio domicilio un’arma carica pronta all’uso a scopo di difesa personale. Un’autorizzazione valida al massimo cinque anni e rinnovabile. Chi vuole ottenere questo permesso, e vale anche per chi eredita armi in quanto il lascito è comparato all’acquisto, deve dimostrare di essere capace d’intendere e di volere, di non essere sottoposto a curatele o tutele di qualche genere e non deve dare motivo di ritenere che possa esporre sé o altri a pericolo. Bisogna inoltre superare un esame teorico sulla conoscenza delle disposizioni e pratico sul maneggio e tiro con l’arma e non bisogna naturalmente avere iscritte nel casellario giudiziale condanne per reati che denotano carattere violento o per crimini o delitti commessi ripetutamente.

Tuttavia, oltre a questi controlli iniziali, sembrerebbe che le autorità competenti non effettuino più ulteriori verifiche sull’idoneità dei possessori di armi, dopo aver concesso le autorizzazioni iniziali.

Leggi anche:

Tentato assassinio ad Agno: 49enne ha sparato a un 22enne

Rovio, il movente sarebbe il furto del figlio alla nonna paterna

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved