ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
3 ore

‘Anche l’Ipct è sottoposto alla Legge sulla trasparenza’

Accesso negato alla risoluzione che riduce il tasso di conversione, Pronzini (Mps) interpella il Consiglio di Stato
Mendrisiotto
6 ore

Castel San Pietro, ‘Troppi rifiuti... facciamo la nostra parte’

Conferenza indetta dal Ppd e Gg per mercoledì 5 ottobre. Si parlerà anche del progetto dell’Acsi, “Comune Zero Rifiuti”
Mendrisiotto
7 ore

Percorsi manzoniani a LaFilanda di Mendrisio

A partire da domenica 2 ottobre incontri letterari con i personaggi de I Promessi sposi
Luganese
7 ore

Misure di efficienza energetica a Collina d’Oro

A breve interventi di risparmio in stabili, strutture e attività comunali ‘senza pregiudicare la sicurezza e il lavoro dell’amministrazione’
Luganese
7 ore

Non Profit Day a Villa Negroni il 1° ottobre

L’evento dedicato alle associazioni, fondazioni, cooperative e imprese sociali che operano sul territorio
Mendrisiotto
7 ore

Assemblea del Partito popolare democratico di Stabio

Temi: il cambiamento del nome del partito e le prossime elezioni cantonali
Luganese
8 ore

Il sì e il no: le azioni educative in un incontro a Tesserete

Conferenza per genitori e insegnanti sul volume della ricercatrice Silvana Tiani Brunelli
Locarnese
8 ore

Alcuni grandi temi di Locarno nella serata con la sezione Plr

Domani alla Spai una discussione sul territorio del quartiere Rusca e Saleggi: dal comparto Ex-Gas/Macello alla variante di Pr Marina
Luganese
8 ore

Besso, la Biblioteca dei ragazzi compie 40 anni + 2

Domenica 9 ottobre storie e clownerie. Ogni anno 600 bambini portano a casa più di mille libri.
Luganese
8 ore

Massagno, riapre Casa Pasquée. Si ricomincia da Luigi Taddei

Esposizione al via in occasione dei trent’anni dalla scomparsa dell’artista ticinese
Luganese
8 ore

Lugano, ingranata la marcia sul Polo congressuale

Il Municipio informa l’Interpartitica: imminenti i messaggi sull’acquisto dello stabile Rsi di Besso e sul comparto Campo Marzio Nord
Ticino
8 ore

Vent’anni di Strade Sicure e ‘il Ticino torna nella media’

Il numero di incidenti a sud delle Alpi è calato del 63% in 20 anni, rientrando in linea con i dati nazionali
Mendrisiotto
9 ore

Stabio, nuovi contenitori interrati per i sacchi in arrivo

I giorni di raccolta rifiuti porta a porta diminuiranno da due a uno. Chi vorrà potrà smaltirli al campo sportivo Montalbano, in via Giulia e in via Boff.
Bellinzonese
9 ore

Corso sull’alimentazione per persone con mobilità ridotta

Lo propone il Gruppo paraplegici Ticino venerdì 30 settembre all’Hotel Unione. A seguire cena salutare
Luganese
9 ore

A Lugano il primo Innovation Highway con 6 startup ticinesi

L’evento il 13 ottobre al Campus Est dell’Università di Lugano. Si parlerà di idee e progetti
Bellinzonese
9 ore

Bambino investito a Giubiasco inseguendo un pallone

È successo al parco giochi di Cima Piazza, all’altezza dell’ex palazzo comunale. Sanguinava dalla testa ma era vigile
laR
 
19.08.2022 - 19:16

‘Devo allenarmi per l’uni ma... che fatica trovare spazi’

Prepararsi per l’ammissione alla facoltà di sport, tra vincoli comunali e cantonali e difficoltà a trovare una palestra: la testimonianza e le repliche

di Chiara Balestra e Dino Stevanovic
devo-allenarmi-per-l-uni-ma-che-fatica-trovare-spazi
Ti-Press
Richiede costanza

Non è facile trovare spazi a disposizione di ragazzi e ragazze che hanno intenzione di allenarsi per i test d’ammissione alle facoltà universitarie di sport. È una giovane di Cureglia, che preferisce restare anonima (nome noto alla redazione), a sollevare il problema poiché intenzionata a iscriversi ai corsi di scienze dell’educazione e del movimento a Losanna. Facoltà che, appunto, richiede agli interessati un esame d’ingresso particolarmente intenso e composto da diverse prove. Tra queste c’è «una parte di ginnastica artistica e attrezzistica che prevede dei percorsi con gli attrezzi; una che si sviluppa sui giochi tradizionali come calcio, pallavolo, basket e tchoukball; un’altra di atletica composta dalla corsa dei tre chilometri, dalla corsa a ostacoli, dal salto in lungo e dal lancio della palla medica; e infine è richiesto un esercizio di ginnastica ritmica, ovvero una coreografia fatta con una palla o una corda».

‘Allenamenti per quattro weekend: poco’

Il test è esigente e per superarlo con successo è necessario un allenamento costante e mirato. Qui cominciano i primi grattacapi per la ragazza: soprattutto per le prove di ginnastica artistica e attrezzistica è necessaria una palestra per allenarsi, ma purtroppo è stato complicato trovarne di disponibili. «Abbiamo chiesto l’utilizzo delle palestre del Liceo Lugano 2 di Savosa, ma ci hanno detto che essendo strutture cantonali non possono essere date agli allievi. Poi abbiamo provato a contattare diversi Comuni, ma se non si è residenti la palestra non viene concessa – spiega la nostra interlocutrice –. Anche il Centro sportivo di Tenero non era agibile: solo gli iscritti alla scuola e le società sportive possono usufruire delle palestre, ci è stato risposto». Alla fine la giovane è riuscita a trovare uno spazio a Vezia, grazie alla convenzione siglata dal Comune con Cureglia. La disponibilità di questa palestra è stata però limitata: «Siamo riusciti ad allenarci solo quattro weekend. Poco, se l’intento è quello di prepararsi al meglio per gli esami d’ingresso».

Il Dicastero sport di Lugano: ‘Noi concediamo sempre le Scuole di Cassarate’

A detta della ragazza intervistata, nel Luganese è quindi complicato trovare delle palestre che siano a disposizione dei giovani per esercitarsi. Dopo aver chiesto a svariati Comuni e ricevendo sempre la medesima risposta negativa, la giovane ha evitato di domandare alla Città di Lugano se ci fosse una palestra disponibile. Un errore di valutazione, forse. A tal proposito, infatti, Lisa Caspescha – assistente di direzione del Dicastero sport di Lugano –, mette in chiaro il fatto che il Dicastero solitamente concede la palestra delle Scuole di Cassarate, per il tempo necessario ai ragazzi. «Partendo dal presupposto che le palestre durante la stagione estiva vengono tenute chiuse, eccezion fatta per eventuali campi delle società sportive, tutti gli anni ci scrivono alcuni studenti che hanno in previsione di fare gli esami di ammissione nelle facoltà di sport e che hanno quindi bisogno di spazi per allenarsi. In tal caso, concediamo le Scuole di Cassarate senza verificare scrupolosamente la residenza», spiega. Chi ha necessità, quindi, può usufruire di questa palestra per svolgere gli esercizi organizzandosi come meglio crede. Caspescha conclude dicendo che «quest’anno ci sono arrivate due richieste da parte di altrettanti ragazzi e abbiamo dato loro le chiavi della palestra. Così facendo hanno potuto gestirsi in modo indipendente».

Palestre dei licei? Decs: ‘A Bellinzona’

E se la Città offre delle possibilità, il distretto effettivamente appare scoperto da questo punto di vista, quantomeno per quel che riguarda le palestre dei licei. Come indica la direzione del Dipartimento dell’educazione, della cultura e dello sport, da noi contattata, in casi come il nostro è necessario far capo al Sopraceneri. "Allo stato attuale – spiegano – i candidati ticinesi alla formazione sportiva superiore possono far capo alla palestra del Liceo di Bellinzona, dove il vicedirettore, nonché docente di educazione fisica, si mette a disposizione per 4-5 allenamenti garantendo il relativo supporto tecnico-teorico". Il Decs smentisce invece, almeno in parte, le dichiarazioni della ragazza sul Centro sportivo di Tenero: "Da sempre garantisce ai candidati sopraccitati la massima disponibilità nel limite delle proprie possibilità". Il Cantone, infine, consiglia "di prendere contatto con l’Associazione cantonale ticinese di ginnastica e col Centro atletica Ticino per poter accedere agli allenamenti e ricevere al contempo aiuti tecnici indispensabili per superare gli esami d’ammissione ai corsi universitari".

Come si può risolvere il problema?

Delle soluzioni ci sono dunque, ma la situazione descritta dalla nostra fonte non è in tutti i casi rosea. Oltretutto, secondo la giovane, per ovviare al problema non sarebbe male partire dal principio: «Già al liceo, durante le ore dedicate alle lezioni di ginnastica, sarebbe utile provare gli esercizi. Eventualmente i docenti potrebbero aiutare gli allievi a trovare delle palestre o fornire dei contatti in modo da agevolare la procedura di ricerca di spazi». In aggiunta, in diversi cantoni della Svizzera, vi è la possibilità di partecipare a dei corsi che hanno lo scopo di preparare gli iscritti agli esami d’ingresso delle facoltà di sport nelle diverse università. «Ad esempio, a Losanna, ogni sabato e domenica i ragazzi hanno la possibilità di allenarsi assieme ai professori, che saranno poi presenti agli esami d’ammissione. Dei corsi simili sarebbe sicuramente comodo averli anche qui», conclude la ragazza.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved