l-addio-all-uomo-dei-rettangoli-verdi-lugano-piange-cesare
Ti-Press
Al lavoro sul campo centrale di Lugano
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
4 min

StraLugano, seconda edizione per il trofeo dedicata a Borradori

La 10 chilometri Cityrun in programma il 10 settembre aggiudicherà il titolo speciale in memoria del sindaco scomparso un anno fa
Locarnese
23 min

Muralto, prosegue la rassegna Jazz al lago

Giovedì 11 agosto alla Palma au Lac si esibisce il ‘Cool guitar trio’; musica dalle 19 alle 22
Bellinzonese
49 min

PerBacco! è già tempo di Festa della vendemmia a Bellinzona

La manifestazione invaderà il centro storico cittadino dal 1° al 4 settembre
gallery
Bellinzonese
1 ora

L’alpe Arami di Gorduno diventa ‘un patrimonio di tutti’

Inaugurato l’importante lavoro di recupero e ristrutturazione della baita con ristorazione, dotata di dormitorio, e dei pascoli
Mendrisiotto
1 ora

Otr Mendrisiotto forma altri due selvicoltori

L’Organizzazione turistica regionale dà anche il benvenuto alle nuove leve. Ci sarà per la prima volta anche una donna
Bellinzonese
1 ora

La musica di montagna al lavatoio di Mascengo

Appuntamento giovedì 11 agosto col folclore ticinese e italiano
Luganese
2 ore

Viganello, grave un inquilino caduto nel palazzo

Nella notte un uomo è rimasto ferito sul balcone tetto dello stabile. Sul posto l’intervento degli agenti della Polizia cantonale e cittadina
Locarnese
2 ore

Ascona, Campionato ticinese di lancio del sasso

Uomini e donne in gara sabato prossimo, sulla pedana allestita presso l’autosilo comunale
Locarnese
2 ore

Pre-asilo Pardy, iscrizioni sempre aperte

Vi sono ancora alcuni posti disponibili per bimbi dai due anni in su
03.08.2022 - 16:36
Aggiornamento: 18:48

L’addio all’uomo dei rettangoli verdi, Lugano piange Cesare

Un malore ha chiuso a 41 anni la personale partita con la vita di colui che curava e accudiva i campi del centro sportivo di Cornaredo

I campi del centro sportivo di Cornaredo erano come suoi figli, li accudiva con dedizione tanto da essere per anni un punto di riferimento per tutto il Football Club Lugano, che lo ricorda, dal Consiglio di amministrazione alla dirigenza, dai giocatori agli allievi, con un grato e affettuoso pensiero. Cesare Lotti, quei rettangoli verdi, purtroppo, non li solcherà più. Martedì – ma la famiglia ne ha dato notizia solo oggi – all’età di 41 anni (era nato il 4 maggio del 1981), un malore improvviso gli ha impedito di continuare nella sua personale partita, quella della vita. Un addio che arriva proprio alla vigilia di un match molto importante per la formazione bianconera che domani sera, in casa, incontrerà la compagine israeliana dell’Hapoel Beer Sheva, valida per il terzo turno preliminare di Conference League. Per l’occasione, come annunciato dall’Fcl, sarà osservato, prima del fischio d’inizio, un minuto di silenzio in sua memoria.

Al servizio del Comune da più di vent’anni Lotti, che viveva a Ponte Capriasca, era un vero e proprio personaggio a Cornaredo tanto che, lo dicono in molti fra gli esponenti della società calcistica, "sarà difficile immaginare lo stadio senza la sua presenza, generosità e passione".

Roberto Mazza, direttore della Divisione sport della Città di Lugano, aveva con lui un rapporto speciale: «Era il nostro capocentro per i campi da calcio di città e quartieri, un pilastro. Cesare era una persona estremamente affidabile, rispondeva con puntualità alle esigenze di tutti, da Lugano a Villa Luganese a Carona. Dove c’era bisogno – lo ricorda al nostro giornale – lui c’era sempre. Era il giardiniere ideale per tutti i nostri campi, molto rispettoso delle strutture tanto da averle sempre difese e tutelate nel migliore dei modi. Aveva cominciato, giovanissimo, al Lido comunale, poi era passato a Cornaredo. Nove anni fa, il pensionamento dell’allora responsabile, mi aveva portato a vedere in lui la persona ideale per quella sostituzione che optammo per interna. Un giovanotto grande e buono. Per me è stata una scommessa, aveva 33 anni, da semplice operaio diventava capocentro. Poi il tempo mi ha dato ragione: rispettato sempre da tutti, dall’Fc Lugano fino ai club più locali, fino a chi gravitava intorno alle nostre strutture per motivi vari e che ricevevano da lui chiare e significative indicazioni maturate sul campo. Ha saputo creare un affiatamento di team prezioso, dentro e fuori l’ambito professionale. Per noi tutti la sua morte così improvvisa è stata dunque uno shock, anche perché è mancato proprio sul posto di lavoro. E che fosse amato da tutto il contesto dello sport, non solo luganese ma oltre, viene ora anche dal grande cordoglio espresso in queste ore, dalla Nazionale svizzera, che qui a Cornaredo si è spesso chiusa in ritiro, a squadre come l’Inter che qui hanno giocato e che l’hanno conosciuto e apprezzato».

I funerali si terranno venerdì alle 10.45 dalla camera mortuaria per il Tempio crematorio. Ai genitori, alla moglie, alla sorella e a tutti i familiari giungano le accorate condoglianze del nostro giornale.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
cornaredo fc lugano morte
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved