ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
2 min

Ad Ambrì-Sopra ‘Via alla Posta’ diventa ‘Via Alina Borioli’

La commissione cantonale di nomenclatura ha approvato la modifica, proposta dalla scomparsa Tiziana Mona e cofirmatari
Locarnese
1 ora

Asta di beneficenza per i bambini del Kenya

Martedì 7 febbraio, dalle 14.30 alle 16.30, all’interno del centro diurno ‘Alcentrodì’ di Ascona, a favore dell’associazione ‘The Dreamers Association’
Locarnese
1 ora

Semine e novellame, così il Dipartimento ne orienta la rotta

All’Assemblea della Società di pesca Onsernone-Melezza Christophe Molina ha illustrato gli indirizzi del Dipartimento in materia di gestione ittica
Luganese
1 ora

‘Il Centro’ di Agno accoglie una nuova presidenza

Thierry Cerclé avrà al suo fianco la vice Graziella Lamprecht, in rappresentanza anche della sezione ‘Giovani del Centro’
Locarnese
1 ora

Aperitivo a Locarno con i candidati Udc

Appuntamento rivolto ad amici e simpatizzanti e organizzato dalla sezione regionale
Bellinzonese
1 ora

La Città di Bellinzona cerca apprendisti

In scadenza nei prossimi giorni i concorsi d’assunzione in otto professioni
Locarnese
1 ora

Carnevale muraltese, annullato lo spettacolo del Duo Rossi

Cancellato l’evento di venerdì 10 febbraio che avrebbe anticipato i festeggiamenti del sabato, che prevedono dalle 12 l’arrivo dei regnanti e la risottata
Bellinzonese
2 ore

Personico, Giornico e Bodio si ‘aggregano’ nei 18enni

Una cerimonia unica per i tre Comuni della bassa Leventina
Bellinzonese
2 ore

Premiate le migliori vetrine natalizie di Bellinzona

Quasi 1’900 persone hanno espresso la loro preferenza online
Luganese
2 ore

Comano ecco i numeri estratti della lotteria

Alla festa patronale di domenica sono usciti: 16586; 16821; 16705; 16290; 13693 e 16237. Se avete questi numeri fatevi avanti allo 091 941 48 58
Bellinzonese
3 ore

Cappuccetto Rosso sul palco di Minimusica a Bellinzona

Lo spettacolo del Teatro Azzurro rivolto ai bambini di Asilo ed Elementari
Mendrisiotto
4 ore

Lite fra due persone in corso San Gottardo: c’è un arresto

L’alterco è scoppiato alle prime ore del giorno. In manette è finito un 21enne del Mendrisiotto
Luganese
5 ore

Reati finanziari ‘atipici’, chiesti 12 mesi per Davide Enderlin

Il 51enne imprenditore ed ex consigliere comunale del Plr di Lugano deve rispondere di amministrazione infedele e falsità in documenti
Ticino
5 ore

Nuova condanna per Scimonelli, il mafioso nato a Locarno

L’uomo ‘bancomat’ di Matteo Messina Denaro, in carcere dal 2015, è stato riconosciuto colpevole anche di numerosi attentati incendiari
Ticino
5 ore

Il primo secolo delle Colonie dei sindacati e un 2023 di eventi

L’associazione festeggia i 100 anni dalla prima ‘vacanza’ estiva. Nava: ‘Tempo fa aiutavamo i giovani per salute e cibo, oggi insegnandogli la comunità’
Bellinzonese
5 ore

Ex direttore Stalvedro, pena ridotta ma carcere confermato

Ricorso in Appello parzialmente accolto. L’uomo è stato condannato a 27 mesi, di cui 3 da espiare e non 6 come deciso in prima istanza
19.07.2022 - 19:35
Aggiornamento: 20.07.2022 - 08:14

Lugano: droni luminosi al posto dei fuochi tradizionali?

L’idea è di Tiziano Galeazzi: ‘Meno rumore e inquinamento’. L’esperto: ‘Costi simili ai razzi pirotecnici classici’.

lugano-droni-luminosi-al-posto-dei-fuochi-tradizionali
Ti-Press
Spettacolo affascinante, ma... superato?

Un Primo d’agosto con... i droni luminosi. Complici l’attualissimo rischio di incendi dovuto alla siccità e i sempreverdi inquinamenti acustico e ambientale, i tradizionali fuochi d’artificio sono infatti sempre più nel mirino. Migros Ticino li ha tolti dai propri scaffali in virtù del divieto di accendere fuochi all’aperto. A Lugano c’è chi – come il consigliere comunale Aurelio Sargenti (Ps) su Facebook – chiede di rinunciare allo spettacolo. Ma è dal municipale Tiziano Galeazzi (Udc), sempre su Facebook, che è arrivata in giornata l’idea più interessante sull’argomento: organizzare uno show con droni luminosi.

‘Non fanno rumore, non inquinano’

«Viste anche le recenti polemiche sull’inquinamento acustico che causa spavento negli animali, mi sono documentato per una soluzione alternativa – spiega il municipale, da noi sentito –. E mi sono imbattuto in questi spettacoli di luce alternativi, realizzati grazie a mini droni luminosi. Singapore, Dubai, Zurigo: in altre città sono già realtà. Per il Ticino sarebbero una prima. Li avevo peraltro già visti una volta in televisione (ad esempio al Super Bowl negli Stati Uniti, ndr): sono bellissimi. Non fanno rumore. Non inquinano. E hanno un potenziale turistico».

Se ne parlerà in Municipio

Le polemiche alle quali fa riferimento Galeazzi, in realtà non nuove, hanno trovato effettivamente nuova linfa un paio di settimane fa, quando durante gli Swiss Harley Days di Lugano sono stati sparati dei fuochi d’artificio non annunciati al pubblico per circa quindici minuti attorno alle 23. Un episodio, frutto di un malinteso, che ha causato anche una raccolta firme sul tema dei razzi pirotecnici. «Per quest’anno mancano pochi giorni – premette Galeazzi –. Questa è un’idea innovativa che si potrebbe mettere in cantiere per l’anno prossimo. Dipenderà principalmente da due fattori: dai costi e dall’interesse che susciterà nel resto del Municipio. Ne parleremo nei prossimi giorni».

Non si perde la tradizione? ‘No, si evolve’

E se i costi dovessero essere elevati? «Se dovessero essere molto più costosi degli spettacoli pirotecnici tradizionali, si potrebbero cercare anche dei partner privati per cofinanziarli» ipotizza il municipale. I fuochi, soprattutto quelli del Primo d’agosto, sono però parte stessa della tradizione della Festa nazionale. Non teme che si perda, lei che rappresenta il partito della tradizione? «Non si tratta di distruggere la tradizione, di abolire i fuochi. È piuttosto un’evoluzione, una modernizzazione. Solo gli stolti non cambiano mai idea. Si potrebbe fare una prova per un anno e vedere come va, per iniziare».

L’esperto: ‘Il costo? Simile ai fuochi tradizionali’

Ma cosa ne pensano di quest’idea estiva gli esperti nel settore? Lo abbiamo chiesto a Christian Righinetti, pilota e istruttore della DroneAir di Lodrino, attiva nella formazione e nello sviluppo dei progetti inerenti ai droni. «È un’idea alla quale stavamo già lavorando, dietro le quinte, da mesi. Da svizzero, capisco che i fuochi d’artificio siano belli. A me piacciono molto. Oggi però ci sono numerosi aspetti dei quali tener conto, fra questi i diritti degli animali. E poi, i fuochi tradizionali creano anche diversi problemi ai laghi, quantomeno quelli sparati dalle chiatte. Spesso si ritrovano le cartucce di alluminio sulle rive e poi ci sono le polveri, con componenti chimici, che cadono nell’acqua. Quella dei droni invece è una soluzione più ecologica. Sono anche riutilizzabili o aggiornabili. Pertanto, ci eravamo già attivati da un po’ di tempo nella ricerca di fornitori di droni per spettacoli luminosi». E a livello finanziario? «Credo che il prezzo possa essere più o meno lo stesso di uno spettacolo pirotecnico tradizionale».

Due-tre mesi per preparare uno show

L’esperto conferma che in tutti i casi per il Primo d’agosto del 2022 è troppo tardi: «Per pianificare uno spettacolo ci vogliono due-tre mesi di preparazione. Dapprima si deve preparare il software e poi si va sul campo a fare una prova. Sono droni piccoli. Invece delle telecamere hanno montato un rilevatore Gps per il posizionamento a precisione millimetrica e una cupola luminosa multicolore. Spostandosi creano l’effetto fuoco d’artificio, ma anche un effetto logo o immagine in movimento. Ci sono molte possibilità, anche a livello creativo sarebbe un’evoluzione interessante».

Iter regolare

E come iter, ci sarebbero ostacoli procedurali? «Bisognerebbe fare una richiesta all’Ufficio federale dell’aviazione civile per l’utilizzo dello spazio aereo. Vanno avvisati anche il Comune naturalmente e le polizie Cantonale e Comunale, la Rega e tutte le agenzie di trasporto aereo, diramando un avviso temporaneo di volo e indicando la traiettoria e le coordinate dei droni. Ma sono avvisi che vengono divulgati anche nel caso di spettacoli pirotecnici. Noi siamo pronti a collaborare con tutti. Con la Città di Lugano, ma anche con altri enti pubblici, manifestazioni, eventi privati».

Aspettiamo dunque il 2023, per scoprire se siamo all’inizio di una piccola rivoluzione... pirotecnica.

Leggi anche:

Lugano, Harley Days di successo con... fuochi inattesi

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved