07.07.2022 - 11:30
Aggiornamento: 22:27

A Lugano un omaggio pittorico al popolo ucraino

È esposta a Palazzo civico fino al 15 agosto la sequenza di opere di Fernando Bordoni denominata ‘Ucraina 2022, una comunità che resiste’

a cura di Red.Lugano
a-lugano-un-omaggio-pittorico-al-popolo-ucraino
Visitabile dalle 7.30 alle 12 e dalle 13.30 alle 17

S’intitola ‘Ucraina 2022, una comunità che resiste’ ed è un omaggio al popolo ucraino dell’artista Fernando Bordoni. La sequenza di opere pittoriche si compone di sette dipinti, realizzati uno al giorno durante la prima settimana dell’invasione russa, è stata allestita sulla parete esterna del Consiglio comunale e sarà esposta fino al 15 agosto.

"Le opere esposte sono il frutto dei sentimenti dell’artista di fronte alla tragicità del momento storico – si legge in una nota della Città –. Il giorno seguente ai primi attacchi delle forze armate russe, Bordoni inizia un percorso di studio di composizioni su piccolo formato: dal principio dell’invasione, un’opera al giorno per sette giorni, come una cura che non può nulla contro il cancro della guerra, ma rimane un gesto artistico voluto e auto-imposto a testimonianza del ritorno dell’orrore di un conflitto armato alle porte dell’Europa. La decisione di dare alle opere di quei giorni una dimensione più ampia trasponendole su tele di grande formato è giunta un mese dopo, le opere esposte a Palazzo civico sono il risultato di questo percorso artistico di elaborazione dei primi giorni di un dramma epocale".

Bordoni è stato ricevuto oggi dal Municipio. "Con pochi gesti netti e precisi l’artista riesce a illustrare l’aggressione nemica – ha detto il capodicastero Cultura Roberto Badaracco –, lo sconvolgimento di una nazione e la sua riunione al fine di resistere. Ci è parso importante mettere in valore queste opere anche per marcare l’importante momento diplomatico vissuto dalla Città di Lugano con la Urc 2022".

L’esposizione è visitabile a Palazzo Civico dalle 7.30 alle 12 e dalle 13.30 alle 17.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved