i-cinquant-anni-del-tamaro-diventano-un-giallo
Delitto in quota
+2
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
10 min

Sagra della costina a Madonna d’Arla con lo sci club

La manifestazione alla sua 49esima edizione nel castagneto del Pian Piret in programma il 14, 15 e 16 luglio
Luganese
40 min

Lugano, perdita d’acqua in via Maraini: disagi alla circolazione

Sulla strada si circola su una sola corsia e a senso alternato. La polizia invita a usare l’accesso autostradale di Lugano Nord
Mendrisiotto
53 min

Mendrisio, tiro sportivo promosso da Pro Militia

Il 16 luglio al Centro sportivo di Penate è in programma il tradizionale evento
Luganese
1 ora

Concerto di Fabri Fibra, Lugano chiude il lungolago

Chiuso alla circolazione veicolare il quai mercoledì sera, da Piazza Castello alla rotonda del Lac
Mendrisiotto
1 ora

Mendrisio, divieto di usare acqua per scopi non domestici

La misura intimata a tutti i quartieri della Città a causa ‘del perdurare di scarsità di precipitazioni e dei forti consumi’
Bellinzonese
2 ore

Feste campestri a Campo Blenio

Tradizionale appuntamento organizzato dallo Sci club Greina, quest’anno in programma sabato 9 e domenica 10 luglio
Luganese
2 ore

A tu per tu con Ceo e allenatore dell’Fc Lugano a Tesserete

Conferenza pubblica giovedì al centro balneare moderata dal giornalista sportivo Giancarlo Dionisio
Gallery
Luganese
2 ore

Conferenza sull’Ucraina: Lugano non blindata, ma semivuota

Senza aperitivi, ma con disagi tutto sommato contenuti. E sopra le teste il ronzio degli elicotteri, che fa da... colonna sonora alla due-giorni
Luganese
2 ore

Svizzera e Ucraina firmano un’intesa per la protezione del clima

La convenzione ‘permette di mobilitare fondi in aggiunta alla cooperazione internazionale’, afferma il Datec
Speciale ucraina
LIVE

‘La Russia sta attaccando i valori di tutti i Paesi democratici’

Il presidente ucraino Zelensky è intervenuto all’inaugurazione dell’Ukraine recovery conference di Lugano. Segui il live del laRegione
Bellinzonese
2 ore

Musica da camera, tutto pronto per il Montebello Festival

Scatta domani a Bellinzona la 16esima edizione della rassegna internazionale
Luganese
3 ore

‘L’Ucraina può contare sul nostro costante sostegno’

Per la presidente della Commissione Ue Von der Leyen, la conferenza di Lugano è ‘fondamentale per concordare i principi dello sforzo internazionale’
Luganese
3 ore

E la Coop di Breganzona sarà ampliata e rinnovata

Inoltrata la domanda di costruzione alla Città di Lugano. La ristrutturazione sarà conclusa entro la prossima primavera. Sul tetto impianto fotovoltaico
Locarnese
4 ore

Cascina distrutta dalle fiamme sull’Alpe di Neggia

La costruzione, secondo le prime frammentarie informazioni, sarebbe stata colpita da un fulmine, incendiandosi
Bellinzonese
4 ore

Biasca, aperto il concorso per progettare la casa anziani

La nuova casa di riposo rappresenta la seconda tappa del progetto comprendente anche la realizzazione di stabili scolastici nel comparto Bosciorina
Luganese
4 ore

Nato un bimbo al carcere Farera

È la prima volta che una donna partorisce in una struttura carceraria ticinese
Luganese
5 ore

Assistenti di farmacia, consegnati 37 nuovi diplomi

Cerimonia di consegna degli attestati federali di capacità a Lugano. Ospite, il direttore del Dss, Raffaele De Rosa
Locarnese
5 ore

Brissago, alla Hildebrand un ambulatorio per il long-Covid

La clinica metterà a disposizione personale specializzato e conoscenze per il percorso riabilitativo dei pazienti toccati dai postumi della pandemia
Locarnese
6 ore

Verzasca, i 105 anni di Aurelio Gnesa

Storico traguardo per il decano della valle, festeggiato lunedì scorso dalle autorità comunali e dai familiari
Mendrisiotto
6 ore

Riva San Vitale, il Football club si riunisce in assemblea

I lavori si terranno mercoledì 13 luglio nella sala patriziale Al Torchio, con inizio alle 20.15
Locarnese
7 ore

Alba, in attesa di risposte da Berna si compattano i ranghi

L’Associazione che si batte a difesa dell’Aeroporto cantonale di Locarno ha pronto un suo Consiglio strategico
Luganese
8 ore

Prima di quella dei conferenzieri, s’alza la voce di Greenpeace

Azione di alcuni militanti ‘verdi’, che in prossimità della sede degli incontri della conferenza sull’Ucraina hanno issato una finta pala eolica
Luganese
8 ore

A Lugano al lavoro per un ‘Piano Marshall’ ucraino

Ultimi scampoli di conto alla rovescia in riva al Ceresio: alle 13.30 Ignazio Cassis e Volodymyr Zelensky (virtualmente) daranno il via ai lavori
Luganese
12 ore

Conferenza Ucraina: ‘Simbolica? Direi piuttosto solidale’

Artem Rybchenko, ambasciatore ucraino a Berna, sulla Ukraine Recovery Conference di Lugano: ‘Preziosa opportunità di incontro coi partner internazionali’
23.06.2022 - 21:09
Aggiornamento: 24.06.2022 - 09:52

I cinquant’anni del Tamaro diventano un giallo

Stephan Römer risolve il ‘caso Pietro Bernasconi’, primo Crime Trail firmato KrimiSpass tutto in italiano, dal 6 luglio all’Alpe Foppa

Si tinge di giallo l’estate del Monte Tamaro. Ma non per i colori dei fiori di montagna che nella bella stagione punteggiano prati e campi in altura. No, quello che ammanterà la montagna a due passi dal Monte Ceneri a partire da mercoledì 6 luglio è di quelli con riflessi neri. Anzi, noir.


Un enigma da risolvere

Lui ancora non lo sa. Ma quelli che sta trascorrendo proprio ora, per Pietro Bernasconi sono gli ultimi istanti di vita spensierati. Il suo destino, infatti, è ormai già segnato. Il suo conto alla rovescia si esaurirà definitivamente il 6 luglio. La data fissata dai responsabili per l‘inaugurazione del ‘caso Pietro Bernasconi’, un giallo interattivo ’Crime trail – Escursione in giallo’ con la regia di KrimiSpass, azienda punto di riferimento per quanto concerne questo genere di attività all’aria aperta, già presente in Svizzera in altre trenta località.


Cosa sarà successo al vicedirettore tecnico?

Niente di nuovo, verrebbe da dire, dunque per chi già conosce questo genere di passatempi ludici, adatti a tutta la famiglia e per tutte le età. «E invece di novità, il Crime Trail del Tamaro ne presenta diverse – premette il responsabile marketing della Monte Tamaro Sa Stephan Römer –. Prima di tutto perché quello che inaugureremo il 6 luglio sarà anche il primo Crime Trail ‘griffato’ KrimiSpass in italiano. E secondariamente, contrariamente agli altri percorsi presenti sul territorio svizzero, questo è anche l’unico realizzato senza ricorrere a istallazioni in loco. Non è dunque stato necessario introdurre elementi ‘estranei’ nel paesaggio, snaturandolo».

Tutto ciò che serve per risolvere il caso del delitto di Pietro Bernasconi – perché, questo lo si può dire, alla fine il nostro protagonista, indicato come vicedirettore tecnico della cabina del Monte Tamaro, farà una brutta fine – è uno smarthpone (carico) con attivata la geolocalizzazione oltre, ovviamente, a tanto fiuto.


Passo dopo passo, indizio dopo indizio

Il resto verrà cammin facendo: dal punto di partenza, al ristorante dell‘Alpe Foppa, in poi, seguendo le indicazioni fornite tramite l’applicazione web ’smarTrails’, gli investigatori in... erba (e non solo in senso figurato) si imbatteranno in una serie di scoperte e indizi che porteranno a ricomporre il puzzle della fine di Pietro Bernasconi. Lì si troverà un codice Qr (che sarà pure inserito nella nostra home page in internet), che rimanderà all’inizio della vicenda i cui pezzi dovranno rimetterli assieme gli aspiranti Tenente Colombo (o Signora in Giallo, of course).


Smartphone alla mano e via!

«Un’altra novità è data dal fatto che il giallo è stato realizzato e messo in scena con la partecipazione dei dipendenti della Monte Tamaro Sa, che dunque avranno pure loro un ruolo attivo durante le indagini». Non vi resta dunque altro da fare che scoprire quale e assicurare alla giustizia la persona che si è macchiata del delitto del vicedirettore tecnico.

Imparentato con le escape room classiche, sorta di apripista per questo genere di passatempi ludico-sociali, con le cacce al tesoro, le varie cene con delitto e non da ultimo con le escape room a cielo aperto (altra ‘costola’ relativamente giovane e in rapida crescita), il Crime Trail ha tutte le caratteristiche per affermarsi come una delle novità dell’estate 2022 alle nostre latitudini. «Il fatto che sia alla portata di tutti – complessivamente il percorso lo si copre in una quindicina di minuti di cammino, a cui si devono ovviamente aggiungere quelli spesi per risolvere i diversi enigmi con cui si viene confrontati: in totale il tutto dovrebbe durare un’ora-un’ora e mezza – e non da ultimo a partecipazione gratuita – se non il costo della risalita con le telecabina, anche se chi vuole è liberissimo di optare per salire al punto di partenza a piedi – sono sicuramente degli atout non indifferenti per far sì che il caso Pietro Bernasconi possa rivelarsi un successo».


Pensato principalmente per le famiglie, e adatto a tutti

Da dove è nata l’idea di portare un Crime Trail sul Tamaro? «Per degnamente sottolineare i cinquant’anni della Monte Tamaro eravamo alla ricerca di qualcosa di nuovo, intrigante e, nel limite del possibile anche inedito in Ticino in lingua italiana (a Magliaso ce n’è già uno, ma unicamente in tedesco, ndr). Portando in vetta il caso Pietro Bernasconi ritengo che siamo riusciti in questo intento».

A chi è rivolto in particolare il caso Pietro Bernasconi? «Di base è stato concepito per le famiglie, con l’idea di stimolare la collaborazione a gruppi. Ma lo si può benissimo fare anche a coppie o individualmente, e a qualsiasi età. Il percorso non è particolarmente impegnativo, ma nemmeno qualcosa di troppo semplice. Diciamo che si è voluto concepire un prodotto ‘su misura’ per le caratteristiche dei nostri clienti».

Quante ore di lavoro sono state necessarie per la sua realizzazione pratica: «Il fatto che abbiamo voluto adattare il format di questo genere di passatempi rendendolo il più possibile personalizzato ha logicamente richiesto più tempo di quanto non lo richiedano abitualmente le altre istallazioni analoghe. Complessivamente una quindicina di giorni di lavoro a tempo pieno, diluite sull’arco di sei mesi».

E Stephan Römer, l‘ha risolto il caso Pietro Bernasconi? «Beh, assieme ai nostri collaboratori l’abbiamo ovviamente collaudato diverse volte il percorso. Alla fine tutti sono arrivati alla soluzione del caso, chi senza aiuti, chi con una piccola ’spinta’. E chi non dovesse risolvere gli enigmi non si preoccupi: anche per loro sono previsti i classici aiuti. Personalmente, pur conoscendone il finale, devo dire che me li sono veramente goduti questi collaudi, come fosse stato un Crime Trail vero e proprio. Del resto questo genere di format già lo conoscevo da quando lavoravo in Svizzera interna».

Passati i festeggiamenti per i 50 della Monte Tamaro, cosa ne sarà del caso Pietro Bernasconi? «Quello resterà sempre lì, pronto a mettere alla prova altri aspiranti detective. E non è detto che, in base alla rispondenza che avremo, in futuro non si possano aggiungere ulteriori casi, chissà...».


L’ideale ‘palestra’ per investigatori in erba

Cosa è KrimiSpass?

KrimiSpass è stato lanciato nel 2017 dall‘informatico David Baumgartner. Attualmente presenti in trentuno località della Svizzera (in Ticino a Magliaso e, appunto, dal 6 luglio anche all’Alpe Foppa e anche a Bivio se si estende il territorio a quello della Svizzera italiana), con diversi tipi di format. Il caso Pietro Bernasconi, ad esempio, è un adattamento (unico) dell’originale ’Der Fall Pierre Salzmann’.

L’interazione con lo smartphone è garantita dall’applicazione web smarTrails dell’azienda Tourify Gmbh, che può essere utilizzata per realizzare digitalmente percorsi tematici e d’avventura.

Leggi anche:

Monte Tamaro, c’è anche il Crime Trail o escursione in giallo

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
alpe foppa caso pietro bernasconi crime trail krimispass monte tamaro stephan römer
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved