ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
2 ore

Lavori forestali, nelle selve degli appalti

Per decidere su un concorso nel Basso Distretto ci sono voluti due bandi e tre sentenze. E (forse) non è ancora finita
Ticino
2 ore

Cantonali ‘23, Marchesi: ’Mi candido per entrare in governo’

Il presidente Udc, in un‘intervista a ‘laRegione’, ufficializza la discesa in campo: ’In Consiglio di Stato meno famiglia Mulino Bianco e più dinamismo’
Luganese
8 ore

Lugano, Lalia non slega il legislativo

I prelievi dovuti per legge ottengono la maggioranza assoluta, malgrado il teatrino in salsa leghista, con Bignasca contro il suo sindaco
Locarnese
8 ore

Il Museo di Storia naturale è ancorato alla pianificazione

Approvata dal legislativo di Locarno la variante per l’insediamento della struttura nel complesso conventuale di Santa Caterina
Ticino
10 ore

Detenuti e misure terapeutiche, il parlamento accelera

Presto una mozione delle commissioni ‘Giustizia’ e ‘Carceri’. Durisch: ora il trattamento in carcere non funziona, urge un reparto di psichiatria forense
Bellinzonese
10 ore

In arrivo sei aule prefabbricate per i bambini della Gerretta

Bellinzona: accolta la clausola d’urgenza e bocciato l’emendamento che chiedeva di riattivare le vecchie scuole di Molinazzo e Daro
Bellinzonese
11 ore

Daro, ecco i soldi: parte la ricostruzione di via ai Ronchi

Il Cc ha votato l’anticipo di 2,45 milioni. La Città pretende il risarcimento dal proprietario del cantiere edile all’origine del crollo
Luganese
11 ore

AlpTransit verso sud, Lugano picchia i pugni contro Berna

Votata all’unanimità la risoluzione extra-Loc che critica il progetto di Berna di tagliare la Neat e chiede di proseguire il tracciato fino al confine
Bellinzonese
11 ore

Giubiasco, 14 anni dopo luce verde alla centrale a biogas

Il Cc di Bellinzona ha avallato l’operazione lanciata dall’Amb con la Sopracenerina per un impianto che costerà quasi 27 milioni
Mendrisiotto
11 ore

Clinica psichiatrica, alla sbarra un 18enne accusato di stupro

La vicenda si sarebbe consumata a Mendrisio tra due pazienti, entrambi sotto l’influsso dei medicamenti. Il processo è previsto per ottobre
20.06.2022 - 19:44
Aggiornamento: 11.07.2022 - 18:03

Progettisti esclusi dal Pse, la Cat: ‘Continuità per qualità’

L’associazione di categoria si esprime in seguito alla polemica fra Giraudi-Radczuweit e Città di Lugano/Hrs

progettisti-esclusi-dal-pse-la-cat-continuita-per-qualita
Ti-Press
Continuità, controllo, qualità

A seguito della notizia dell’esclusione dei progettisti Giraudi e Radczuweit dal prosieguo del cantiere Polo sportivo e degli eventi (Pse) di Lugano, e della relativa polemica fra lo studio di architetti da un lato e la Città nonché l’impresa costruttrice Hrs dall’altro, prende posizione anche l’associazione di categoria. La Cat (Conferenza delle associazioni tecniche del Canton Ticino, che riunisce fra l’altro progettisti, architetti e ingegneri) in un comunicato ha ribadito infatti gli "aspetti tecnici e procedurali determinanti per la costruzione di un’opera di qualità".

‘Garantire i diritti di eseguire un progetto completo’

"Per raggiungere quest’obiettivo, giustamente sempre sostenuto e annunciato dal Municipio in fase referendaria – si legge –, l’unica strada percorribile (...) è quella di garantire la continuità dell’elaborazione del progetto dalle sue fasi iniziali, nel caso del Pse definiti dall’esito di un concorso di progetto, fino a quelle definitive ed esecutive. Il controllo e l’esigenza di un’opera di qualità (...) non possono a nostro avviso prescindere da questo principio. Ai suoi progettisti devono essere garantiti i diritti, anche morali, di eseguire un progetto completo, prima a livello di concorso di architettura e poi a livello contrattuale successivo. I progettisti sono poi chiamati a loro volta ad agire nell’interesse pubblico e a favore del progetto e del committente".

‘Non la soluzione migliore’

La presa di posizione termina sottolineando che "la scelta di appoggiarsi a una ‘impresa generale’ oppure ‘impresa totale’ per la realizzazione di un’opera pubblica non è quindi da noi ritenuta la soluzione migliore, soprattutto se attuata dopo aver adottato la procedura del concorso di progetto per la scelta del suo progettista. La Cat (...) confida che il lodevole Municipio saprà prendere le decisioni migliori per garantire l’edificazione di un’opera di valore, rispettosa della sua architettura e dei suoi progettisti". Una nota dunque che ricalca alcuni dei timori già espressi settimana scorsa dai gruppi politici del Consiglio comunale (Cc).

I collaboratori della Città e gli spagnoli

Già a dicembre, mesi prima della polemica ma dopo il referendum, la Fas (Federazione architette e architetti svizzeri) aveva messo in guardia il Municipio chiedendo che la Città non perda il controllo su quanto viene fatto con il Pse, nella cruciale fase della progettazione di dettaglio, ossia adesso che verranno scelti i materiali e stabiliti dunque i costi. La capodicastero Cristina Zanini Barzaghi aveva a suo tempo replicato spiegando «abbiamo ben cinque collaboratori che lo stanno seguendo. Sono stati fissati una serie di paletti». Rassicurazioni sufficienti? Inoltre, sebbene non vi siano informazioni ufficiali – il Municipio replicherà al prossimo Cc, il 4 luglio –, sembrerebbe che l’altro studio d’architettura che aveva vinto il concorso nel 2012, Cruz y Ortiz, non sarebbe stato escluso. Dalla Spagna potranno garantire la continuità invocata dalla Cat?

Leggi anche:

‘Il Pse? Lo hanno trasformato in appalto totale’

Pse, timori per i progettisti esclusi: ‘Controlli da garantire’

Lugano, ‘che la Città non perda il controllo sul Pse’

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved