ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
7 ore

Tra l’Alabama e il Ticino

L’economista della Supsi Spartaco Greppi commenta la strategia economica prospettata da Ticino Manufacturing dopo l’adesione al salario minimo
Ticino
7 ore

Ancora alcuni posti liberi per la giornata sul servizio pubblico

Giovani a confronto. La manifestazione si svolgerà a Bellinzona l’8 ottobre
Ticino
8 ore

Jaquinta Defilippi e Quattropani dichiarano fedeltà alle leggi

Dopo la loro elezione a magistrati da parte del Gran Consiglio. Lei procuratrice pubblica, lui pretore di Leventina
Luganese
8 ore

‘Per il Decs è permesso fare propaganda politica nelle scuole?’

In un’interrogazione Robbiani e Guscio (Lega) contestano una lettera recapitata alle famiglie nella quale si invita a manifestare al taglio alle pensioni
Luganese
9 ore

Castagnola, credito di 3,5 milioni per via Cortivo

Il progetto intende sostituire le canalizzazioni comunali come pure realizzare un posteggio per cicli e motocicli
Ticino
9 ore

Un ottobre da... radar

Tutti i punti osservati speciali dalla Polizia cantonale della settimana fra il 3 e il 9 ottobre: occhio alla velocità
Bellinzonese
9 ore

Camorino, servono 2,5 milioni in più per il Centro polivalente

Il Consiglio di Stato chiede un credito suppletorio ai già stanziati 11 milioni: ‘Necessario aumentare le superfici degli alloggi’ per richiedenti l’asilo
Luganese
9 ore

Lugano, disavanzo di 5,3 milioni nel Preventivo 2023

Dato positivo, ma da relativizzare, spiega Foletti, considerando il nuovo sistema di calcolo. Moltiplicatore d’imposta: si propone di lasciarlo al 77%
Luganese
10 ore

A Lugano e Mendrisio la Biennale svizzera del territorio

Si terrà dal 6 all’8 ottobre. Il pubblico verrà confrontato con il tema ‘(non)finito’, legato alla continua necessità di materie prime
15.06.2022 - 18:40
Aggiornamento: 16.06.2022 - 17:08

Ferrovia Lugano-Ponte Tresa: ‘Si procede senza sosta’

Un bilancio 2021 positivo: aumento dei passeggeri rispetto al 2020 e una capienza di 600 persone sui treni in doppia composizione

ferrovia-lugano-ponte-tresa-si-procede-senza-sosta
Ti-Press
Il vagone Flp sulla tratta da Lugano a Ponte Tresa

All’assemblea ordinaria delle Ferrovie Luganesi Sa (Flp) si è volto uno sguardo al passato, per tracciare il bilancio 2021 e uno al futuro, verso l’ampliamento e messa in opera della rete tram-treno che collega Lugano e Ponte Tresa (Rttl), progetto di cui Flp è parte integrante e che contribuirà a rivoluzionare la mobilità dell’intera regione.

«La nostra azienda prosegue senza sosta e con slancio verso i suoi ambiziosi e importanti progetti – ha commentato il direttore dell’azienda Roberto Ferroni in occasione del rapporto d’esercizio 2021 –. Dapprima il potenziamento del trasporto pubblico operato a livello cantonale e il cambio orario dal 13 dicembre 2020 (che ci ha permesso di aggiungere una corsa in più nei fine settimana per favorire le coincidenze con i treni Ffs) e poi, nell’imminente futuro, il più grande disegno della Rete tram-treno del Luganese, entrambi determinanti nel cambiamento di paradigma della mobilità di tutti».

L’arrivo dei Tramlink

Ripercorrendo, in breve, la storia recente delle Ferrovie Luganesi, l’evento più significativo per lo sviluppo della Flp è avvenuto nella notte dell’11 marzo 2021, quando il primo treno Tramlink (dell’azienda Stadler) è stato posato sui binari della Ferrovia Lugano-Ponte Tresa. Giunta l’autorizzazione all’esercizio da parte dell’Ufficio federale dei trasporti (Uft), i primi tram-treno sono divenuti ufficialmente operativi con la corsa delle 4.54 del 7 agosto e il 30 dello stesso mese è entrata in circolazione, per la prima volta, la doppia composizione. «Quelli di Flp erano i primi Tramlink giunti in Svizzera, e la nostra società ha funto da apripista a beneficio anche delle altre aziende elvetiche che li hanno ordinati dopo di noi». Oggi i veicoli di questo tipo sono nove e sono tutti operativi.

Dati alla mano

I dati concreti di maggior rilievo dell’anno 2021? Il numero di passeggeri trasportati complessivamente ha registrato un + 23.8% rispetto al 2020, con un’affluenza di oltre 2 milioni di persone. Se il tram-treno è in doppia composizione, possono accedervi fino a 600 passeggeri. Sono stati svolti anche dei lavori di manutenzione alle infrastrutture delle stazioni di Lugano, Ponte Tresa, Magliaso e Caslano per addattarle alla circolazione dei nuovi treni in accordo con le direttive dell’Uft.

‘Perseguire la visione dei pionieri’

L’ampliamento della rete ferroviaria del Luganese rappresenta sicuramente una sfida, ma la presidente, Clarissa Indemini, ha dichiarato di crederci fino in fondo: «La nostra società continua il suo percorso nell’intento di voler perseguire la visione lungimirante dei pionieri di questa ferrovia e gli scopi per i quali è stata creata, ossia collegare tra loro in modo sempre più efficiente le aree dell’agglomerato, per potersi anche allacciare alla rete ferroviaria nazionale, facilitando ogni tipo di relazioni. La ferrovia, del resto, è sempre stata la struttura portante dell’evoluzione e del progresso della società e dell’economia, sin dai suoi esordi nell’entusiasmo dell’Ottocento».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved