ULTIME NOTIZIE Cantone
Video
Ticino
1 ora

La Chiesa si mette in attesa ‘un po’ particolare’ del Natale

Messaggio alla Diocesi ticinese del vescovo Alain de Raemy in occasione domenica dell’inizio del cammino d’Avvento
Luganese
5 ore

A2, PoLuMe anche da Gentilino alla Vedeggio-Cassarate

L’Ustra conferma: in autostrada si potrà usare la terza corsia d’emergenza come ‘dinamica’ in caso di necessità fino a Lugano nord
Ticino
5 ore

Cantonali ’23, Andrea Giudici torna in pista. E lo fa con l’Udc

Deputato liberale radicale dal 2003 al 2019, l‘avvocato locarnese proverà a tornare in Gran Consiglio: ’I democentristi rappresentano meglio le mie idee’
VIDEO
Locarnese
5 ore

‘Non si può ammazzare una donna per un ciuffo di capelli’

Tre 18enni che frequentano il Liceo Papio hanno deciso di compiere un gesto simbolico a sostegno delle donne iraniane che lottano per i propri diritti
Bellinzonese
13 ore

‘Hanno dato il massimo ma sono stati travolti da una tempesta’

La difesa dei vertici della casa anziani di Sementina chiede l’assoluzione contestando anche le direttive di Merlani. Morisoli: ‘Fatto il possibile’
Ticino
13 ore

Targhe, il governo rilancia con 2 proposte. Dal Centro nuovo No

Il Consiglio di Stato tende la mano con delle alternative di calcolo. Gli iniziativisti non ci stanno, la sinistra sì. Ognuno per la sua strada, ancora
Ticino
14 ore

‘Polizia unica? Sfruttiamo le potenzialità del sistema attuale’

Fsfp in assemblea. E sul delicato e controverso dossier si attende che la politica decida.‘Venga però sentita anche la nostra Federazione’
Luganese
14 ore

La proposta: due vie a senso unico a Cassarate

In un’interrogazione, la consigliera comunale Lara Olgiati (Plr) ritiene che la modifica viaria delle vie Pico e Vicari migliorerebbe traffico e sicurezza
Gallery
Mendrisiotto
14 ore

Boffalora: al posto della villetta arrivano due palazzine

Altro cantiere residenziale in vista alla porta nord di Chiasso. L’operazione annuncia un investimento di oltre 6 milioni di franchi
Luganese
14 ore

Il 46° parallelo a Lugano? ‘Lo promuoverà l’ente turistico’

Non sarà il Comune, se non indirettamente, ad assumersi la promozione della latitudine geografica che attraversa la città
Locarnese
15 ore

Picchiò un ragazzo in Piazza Grande, 3 anni di carcere

Un 19enne di origini siriane residente nel Luganese colpevole anche di rapina, infrazione e contravvenzione alla Legge federale sugli stupefacenti
Luganese
16 ore

Lugano, viadotto del Brentino: ‘Progetto in pausa’

Slitta qualsiasi ipotesi di riqualifica del comparto, in attesa che si completino gli approfondimenti su altri temi (PoLuMe e svincolo Lugano Sud)
Ticino
16 ore

Il salario minimo legale non sarà adeguato al rincaro

Il Consiglio di Stato boccia la mozione di Ivo Durisch (Ps): ‘Un adeguamento sarebbe contrario alla volontà del legislatore e alla legge’
Locarnese
16 ore

Incendio di Loco, militi ed elicottero impegnati tutto il giorno

Ripresi venerdì mattina i lavori di spegnimento degli ultimi focolai e bonifica delle zone toccate dal rogo boschivo scoppiato giovedì al Monte Cortascio
Luganese
16 ore

Tesserete, aperture festive della Bottega del Mondo

Orari di lavoro straordinari dall’8 dicembre all’8 gennaio per il negozio capriaschese specializzato in commercio equo e solidale
Locarnese
17 ore

Servizi culturali locarnesi: oltre 50 candidati alla Direzione

Scaduto il concorso per l’assunzione della nuova figura dirigenziale, che sarà scelta da una commissione ad hoc formata da 8 membri (di cui 5 ‘tecnici’)
Mendrisiotto
17 ore

A Vacallo un’azione contro la violenza sulle donne

Per tutta la giornata del 25 novembre sono esposte sulle scale della chiesa di Santa Croce 13 paia di scarpe, quanti i femminicidi in Svizzera nel 2022
Ticino
17 ore

Oggi è il Black Friday ma i radar non fanno sconti

Tutti i flash da evitare fra il 28 novembre e il 4 dicembre: da Blenio alla Leventina, da Bellinzona a Chiasso, da Lugano a Locarno
Luganese
17 ore

Navigazione Lugano, un anno di Green Line

Grazie all’introduzione delle corse della motonave Ceresio 1931 sono state risparmiate oltre 46 tonnellate di anidride carbonica
Bellinzonese
17 ore

Violenza sulle donne: a Cadenazzo foto, documentario e dibattito

Alcune iniziative organizzate dal Municipio insieme alla Pro e all’associazione Victims of Beauty Silence Kills Dignity
Luganese
18 ore

Lugano, accensione dell’albero: appuntamento al 1° dicembre

La tradizionale cerimonia natalizia prenderà avvio alle 17.15 in piazza della Riforma, con il clou – ossia l’accensione vera e propria – alle 18
Mendrisiotto
18 ore

Cooperativa Abitativa Mendrisiotto in assemblea

L’incontro è previsto giovedì 8 dicembre alla Consarc/Galleria di Chiasso. Un’occasione per meglio conoscere attività e meccanismi del sodalizio
Mendrisiotto
18 ore

Mendrisio, dodici giorni di autosili gratuiti

L’iniziativa interessa le strutture comunali di via Zorzi e via Municipio e vuole favorire la clientela di negozi e commerci nel periodo prenatalizio
Mendrisiotto
18 ore

A Mendrisio in arrivo la Festa dell’Albero

L’evento, organizzato dalla locale sezione del Plr, si terrà domenica 11 dicembre dalle 11.30 alle 19 al Mercato coperto
Ticino
18 ore

Transizione energetica: come e quando?

Se ne parlerà in una serata organizzata dal Club Plinio Verda lunedì sera a Lugano. Focus: il passaggio a un sistema basato sulle fonti rinnovabili
Bellinzonese
19 ore

‘Il tentato omicidio regna sui cantieri edili ticinesi’

Presidio di Unia a Bellinzona dov’è morto l’operaio: appello a committenti, associazioni padronali, progettisti, organi di controllo e inquirenti
Locarnese
20 ore

Locarno on Ice, un weekend a tutti giochi (e musica)

Sabato e domenica nel Villaggio allestito in Piazza Grande spazio al mondo ludico della tradizione, ai concerti, al calcio e alle Storie di Ghiaccio
Mendrisiotto
22 ore

Un camion si rovescia sul fianco, ferite non gravi per l’autista

Incidente stamattina intorno alle 10.30 a Castel San Pietro durante una fase di scarico del mezzo. Il conducente è stato estratto con la pinza idraulica
laR
 
03.06.2022 - 05:30
Aggiornamento: 15:51

Villa Favorita a Lugano, contrarietà politica quasi unanime

Variante pianificatoria: una trentina le osservazioni giunte a Palazzo civico. Il capodicastero Filippo Lombardi: ‘Pronti a modificarla’

villa-favorita-a-lugano-contrarieta-politica-quasi-unanime
Ti-Press/Archivio
Parte della proprietà vista dal lago

La censura giunge da quasi tutti i gruppi politici in Consiglio comunale (Cc). La variante di Piano regolatore (Pr) della sezione di Castagnola e Brè, che comprende il sedime di Villa Favorita, soddisfa "grossomodo" soltanto l’Udc. Dagli altri piovono più che altro critiche e il richiamo a rispettare il voto del legislativo risalente al 2013 e, quantomeno, a inserire la passeggiata a lago nel messaggio municipale che giungerà nei prossimi mesi sui banchi del legislativo. Nel frattempo, la consultazione sulla variante in pubblicazione è terminata la settimana scorsa e sono una trentina le osservazioni giunte a Palazzo civico da parte di singoli cittadini, partiti, organizzazioni e associazioni. Tutte, sollevano appunti e note di biasimo più o meno severe nei confronti della proposta pubblicata per il prestigioso e ampio comparto di quasi 31mila metri quadrati.

‘Ci sono margini per modifiche’

Dal canto suo, Filippo Lombardi, titolare del Dicastero dello sviluppo territoriale, tiene a precisare che il Municipio non ha ancora deciso nulla, la variante è stata messa solo in consultazione e che ci «sono margini per modificarla: dovremo fare una valutazione, prima di portare in Municipio una o più proposte. Quando l’esecutivo deciderà, la o le sottoporrà al Cc. Faccio presente che tanto è già stato negoziato e che la situazione odierna non è più quella di quattro o cinque anni fa. C’è un soggetto privato che ha acquistato il sedime a caro prezzo e sta ristrutturando a sue spese. Se si dovesse imporre un vincolo che prima non c’era, come minimo farà opposizione fin dove potrà e alla fine dopo anni, se sarà costretto ad accettare uno o più vincoli, chiederà diversi milioni di franchi, per un’espropriazione. Bisogna essere coscienti di questo».

Udc unica voce fuori dal coro

Tra i gruppi politici in Cc, piace soltanto all’Udc la variante pianificatoria pubblicata illustrata nel Rapporto di pianificazione (Mauro Galfetti, marzo 2021), elaborato su mandato della Città. Il capogruppo Alain Bühler conferma che «quanto proposto dal Municipio, in attesa che venga licenziato il relativo messaggio, ci trova grossomodo concordi. È una soluzione equilibrata e soprattutto non onerosa per le delicate finanze cittadine. Ogni altra variante contemplerebbe gioco forza un risarcimento per gli attuali proprietari del comparto e quindi un investimento plurimilionario per il Comune che non è assolutamente prioritario per la Città rispetto ad altri progetti e investimenti ben più importanti».

I più espliciti

Verdi e Ps: ‘Ci vuole l’accesso pubblico al lago’

Il Partito socialista e i Verdi di Lugano hanno presentato le osservazioni al Municipio in merito alla variante. Danilo Baratti (Verdi) ricorda: «Noi ci eravamo già espressi chiaramente contro questa soluzione tre anni fa, dopo che il Municipio l’aveva esposta alla Commissione interpartitica. Nella consultazione sulla variante di Pr abbiamo quindi ribadito e rafforzato le nostre critiche. Tra le varie opzioni possibili, il Municipio ha scelto la più minimalista e timida, la più servile nei confronti del privato, la meno attenta all’interesse pubblico. Rispetto alla risoluzione votata dal Cc nel 2013, che parlava esplicitamente di ‘pubblica fruizione del viale a lago e di parte del parco’, la soluzione proposta è di fatto una presa in giro. Di conseguenza, non voteremo un messaggio con questa variante e speriamo che altrettanto facciano molti altri consiglieri comunali, così da portare il Municipio a impostare diversamente il discorso. Evidentemente manca per ora la volontà politica di affrontare in modo incisivo la questione, per noi molto importante, dell’accesso pubblico alle rive del lago. Ma se Lugano non brilla, il problema è più generale. Sul tema lavora da anni l’associazione ‘Rives publiques’, che nella primavera 2023 intende lanciare un’iniziativa popolare federale in merito».

«Non bisogna rinunciare alla passeggiata a lago». Questo è il punto fermo, secondo Carlo Zoppi, capogruppo socialista: «L’interesse pubblico dev’essere mantenuto e il Municipio deve difenderlo, difendere gli interessi della cittadinanza e la decisione adottata all’unanimità dal Cc l’11 novembre del 2013. Nelle osservazioni, continua Zoppi «abbiamo dato indicazioni politiche senza imporre soluzioni, ma occorre migliorare l’accessibilità al lago e la libera fruibilità degli spazi adiacenti a scopo ricreativo e turistico. Il concetto di ‘passeggiata a lago’ deve essere portato avanti nel massimo della sua potenzialità garantendo in una prima fase a livello pianificatorio il non peggioramento dell’inserimento della zona nelle nuove regole pianificatorie proposte nella presente modifica di Pr. Il concetto di fruibilità pubblica del parco deve essere portato avanti nel massimo delle sue potenzialità, e non rendendo pubblica solo una piccola parte scoscesa (fino alla Corbellina)».

È una delle zone più belle della città

Lukas Bernasconi (Lega dei ticinesi) ritiene che «la possibilità di avere la passeggiata a lago debba essere prevista nel Pr. Si tratta però di conciliare le legittime richieste dei proprietari con la volontà di rendere fruibile questa zona straordinaria. Quando parliamo di Villa Favorita parliamo di una delle zone più belle, se non la più bella di Lugano. Per il momento, il tema non è stato ancora affrontato al nostro interno, mi esprimo quindi unicamente a titolo personale e non a nome del gruppo Lega. Vedo difficile che la variante messa in consultazione possa raccogliere i favori di una solida maggioranza. Non prevedere la passeggiata a lago significa privare per sempre i cittadini di uno spazio di eccezionale bellezza. È necessario continuare la negoziazione con i privati per trovare una soluzione più equilibrata e rispettosa».

Rupen Nacaroglu (Plr), premette che il messaggio non c’è ancora, ma rileva «che la rinuncia, approvata dal Cantone, alla passeggiata pubblica lungo la riva del lago disattende completamente la decisione del Cc del 2013 ed è in contrasto anche con le risultanze del Piano direttore cantonale». Il gruppo Plr ha preso atto della variante e si riunirà a breve per discuterne: «È evidente che a causa del pregio del comparto e dell’importanza degli interessi in gioco i tempi si siano allungati oltremodo. Trovarsi ora, dopo tutti questi anni, confrontati con una soluzione che solleva nuovamente polemiche lascia l’amaro in bocca». Per cui, «non possiamo ancora esprimerci, tra le altre cose, in merito alla passeggiata attraverso via Cortivo ma non vogliamo limitarci a questo: come gruppo prenderemo posizione ma cercheremo inoltre di capire quali siano le alternative percorribili per fare in modo che vengano fornite soluzioni proporzionali che possano tutelare, da una parte le necessità e le giuste rivendicazioni della proprietà privata, e dall’altra le decisioni prese in passato da Cc e più in generale l’interesse pubblico. In questo senso, già nel 2018, e nell’ottica di quando disposto dalla legge federale e cantonale, il gruppo aveva sottoposto al Municipio di Lugano un atto parlamentare in merito alla valorizzazione e alla tutela del comparto che interrogava sull’opportunità di creare una passeggiata a lago, sotto i muri d’argine della Villa, ovvero sul demanio pubblico».

‘Occorrono altri approfondimenti’

Lorenzo Beretta Piccoli (Ppd) richiama invece le mozioni ‘Raddoppiamo il Parco Ciani’ e ‘Raddoppiamo il Parco Ciani bis’ presentate dal suo partito negli anni scorsi e mette in evidenza che «abbiamo da sempre riconosciuto l’importanza di una passeggiata il più possibile continua da Capo di San Martino a Gandria. In questo contesto quello di Villa Favorita è indubbiamente un comparto che gioca un ruolo importante, ma che appartiene a privati. Nei nostri atti parlamentari abbiamo suggerito la possibilità di esplorare la posa di una passerella a lago lungo il perimetro della proprietà, scenario, a nostro avviso, ancora attuale. Da parte nostra apprezziamo l’impegno del Municipio a trovare una soluzione alternativa con i proprietari, tuttavia, considerata la rilevanza del tema e la fase ancora preliminare della procedura, riteniamo in questo momento necessari ulteriori approfondimenti. In questo senso sarà anche importante insistere sulla possibilità di rendere fruibile il parco almeno saltuariamente, alcune volte all’anno. Del resto lo era anche con la precedente proprietà quando vi erano le grandi mostre alla Pinacoteca».

‘Equivale allo status quo’

Sara Beretta Piccoli, capogruppo misto (Ticino&Lavoro e Più donne) sostiene che «più che di una ‘variante’ si dovrebbe parlare di una ‘costante’, in fondo la soluzione proposta non è una soluzione ma uno status quo. Il Municipio da anni si è arenato su trattative di Piano regolatore improponibili. Bisognerebbe una volta avere il coraggio di proporre delle soluzioni alternative tipo una passerella a lago per poter veramente collegare il quartiere di Cassarate al sentiero di Gandria. Quando ero nel Ppd, si era già proposto la passerella a lago qualche anno fa per sbloccare la situazione».

Del tema si parlerà certamente dopo l’estate, per un dibattito che già oggi si annuncia particolarmente caldo, a meno che il Municipio non proponga una versione più vicina alle sensibilità esposte dai capigruppo.

Leggi anche:

Lugano, ‘inaccettabile la variante per Villa Favorita’

Lugano, ‘inaccettabile la variante per Villa Favorita’

Villa Favorita di Lugano, ‘da respingere la variante di Pr’

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved