ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
53 min

‘I detenuti con misure terapeutiche vanno adeguatamente seguiti’

La richiesta al governo delle commissioni ‘Giustizia’ e ‘Carceri’ è ora nero su bianco. La mozione firmata da tutti i gruppi parlamentari
Ticino
1 ora

‘Avanti’, la porta è aperta a tutti

Presentato il nuovo movimento fondato da Mirante e Roncelli dopo le dimissioni dal Partito socialista. ‘Una forza di centro sinistra, moderna e aperta’
Luganese
2 ore

Pura, condannata a 4 anni la donna che accoltellò l’ex marito

La Corte ha accolto integralmente le richieste di pubblica accusa e accusatore privato, sostenendo che l’imputato abbia mentito per costruirsi un alibi
Ticino
2 ore

Primo incontro fra partiti sul dopo Carobbio agli Stati

Domani rendez-vous tra i vertici cantonali delle forze politiche rappresentate a Berna. Per scongiurare un ‘bel pasticcio’, Farinelli dixit
Ticino
3 ore

Tirocinio, ‘i contratti sciolti non allungano la formazione’

Lo fa sapere il Dipartimento dell’educazione cultura e sport (Decs), che ha anche aperto il concorso per la nomina dei docenti per il prossimo anno
Grigioni
3 ore

Val Calanca, strada forse riaperta prima del weekend

Nella migliore delle ipotesi i lavori di sgombero inizieranno domani. Anche oggi il meteo ha ostacolato la valutazione dei rischi di nuovi scoscendimenti
Luganese
3 ore

Il Convento del Bigorio apre le sue porte per una giornata

L’8 dicembre sarà possibile visitare gli spazi di un monumento cantonale protetto, dal coro dei frati alla cappella Botta
Luganese
3 ore

Sottrasse mezzo milione a un conoscente, ma non fu riciclaggio

Appropriazione indebita: inflitti 15 mesi di carcere, sospesi con la condizionale, a un 39enne comparso di fronte alle Assise criminali di Lugano
Bellinzonese
4 ore

Corsi di potatura secca di alberi da frutta

Sabato 10 dicembre dalle 9.30 alle 12.30 a Malvaglia e sabato 17 dicembre dalle 9.30 alle 12.30 a Stabio
Bellinzonese
4 ore

Ultima tappa per completare la fibra ottica nel Bellinzonese

Amb e Swisscom comunicano che l’anno prossimo saranno connessi anche a Pianezzo, Paudo, Claro, Gudo, Moleno e Preonzo
Locarnese
4 ore

Museo e atelier Remo Rossi, è ‘BIANCA’ l’idea vincente

Lo studio Buzzi Architetti ha vinto il concorso a inviti per la progettazione di complesso e spazio espositivo dedicati allo scultore morto 40 anni fa
Bellinzonese
4 ore

‘Via Roggia dei Mulini rimarrà sicura anche con le palazzine’

Il Municipio di Bellinzona risponde all’interpellanza di Boscolo e Sansossio, confermando che il comparto rientra nella mobilità sostenibile
Bellinzonese
4 ore

Patriziato di Carasso in assemblea

Giovedì 15 dicembre alle 20.15 nella sala patriziale sarà, fra l’altro, discusso il preventivo 2023 che prevede un avanzo d’esercizio di 260mila franchi
Mendrisiotto
5 ore

Stabio, consegnate le Menzioni comunali 2022

Il Municipio incontra la popolazione per lo scambio di auguri e premia sportivi e cittadini meritevoli. Oltre a un edificio ecosostenibile
Ticino
5 ore

‘Il nuovo accordo fiscale è molto favorevole per i frontalieri’

Lo scrive in una lettera ai giornali lombardi il ministro dell’Economia italiano Giorgetti, che fa il punto della situazione sull’annoso dossier
Bellinzonese
5 ore

La ‘Mostra d’arte solidale’ allo Spazio aperto di Bellinzona

L’inaugurazione con musica e rinfresco si terrà domenica 11 dicembre alle 16
Luganese
5 ore

Lugano, dibattito sulla protezione dei diritti umani

Convegno all’Usi, sabato 10 dicembre, per discutere del tema partendo dall’Esame periodico universale dell’Assemblea generale dell’Onu
Bellinzonese
5 ore

Omaggio a più voci a Enrico Della Torre a Camorino

Appuntamento per il 12 dicembre alle 19 al centro culturale Areapangeart
Luganese
5 ore

Il ballo aiuta a convivere con il Parkinson

La Croce Rossa Svizzera propone un corso dedicato alla sede di Lugano. Si inizia il 19 gennaio
Bellinzonese
5 ore

Bellinzona, Veglia d’Avvento con il vescovo Alain De Raemy

L’evento organizzato dalla Pastorale giovanile avrà luogo sabato 17 dicembre dalle 20.30 nella chiesa di San Giovanni
Bellinzonese
5 ore

La Saga di Teodorico da Verona farà tappa a Sementina

Sabato 10 dicembre alle 17 nel centro Ciossetto verrà proposta la seconda rappresentazione del ciclo di poemi sinfonici composto da Matteo Manzolini
laR
 
31.05.2022 - 05:30

Villa Favorita di Lugano, ‘da respingere la variante di Pr’

Martino Rossi, primo firmatario della mozione risalente al 2004 stronca la soluzione individuata dal Municipio in accordo con la proprietà

villa-favorita-di-lugano-da-respingere-la-variante-di-pr
Ti-Press/Archivio
Una veduta dall’alto del prestigioso sedime di Villa Favorita

Se fosse un esame, la bocciatura sarebbe scontata. Martino Rossi non ha dubbi. Lo ha peraltro scritto nero su bianco nelle osservazioni in merito alla variante di Piano regolatore (Pr), elaborata per dare seguito alla risoluzione adottata all’unanimità dei presenti (56 voti favorevoli) dal Consiglio comunale l’11 novembre del 2013. Il legislativo, lo ricordiamo, era chiamato a esprimersi, dopo ben nove anni, sulla mozione presentata dallo stesso Rossi (allora capogruppo socialista) intitolata "La Città acquista e valorizza Villa Favorita". Secondo Rossi, non può che essere respinta la soluzione individuata dal Municipio di Lugano: «Parlarne in termini di compromesso è già fin troppo generoso». Alle stesse conclusioni giungono anche le osservazioni presentate dai Verdi di Lugano, dalla sezione cittadina del Ps, dai Cittadini per il territorio del Luganese (Ctl) e dall’avvocato Adriano Censi.

‘Siamo ai piedi della scala’

Perché la variante di Pr è da rifiutare? «Anzitutto, sicuramente l’eccessiva dilatazione dei tempi per giungere a una scelta. Il tema è stato posto nel 2004 quando la proprietà era ancora nelle mani della baronessa Carmen Thyssen-Bornemisza che però aveva già vuotato la Pinacoteca – ricorda Rossi –. In quel periodo, il Cantone rimproverava al Municipio di Lugano le deboli misure di protezione. Quello sarebbe stato momento ideale per avviare una trattativa. Sono inoltre state ignorate le tempistiche di legge per l’evasione degli atti parlamentari (due anni per giungere al voto del Consiglio comunale). Allora, la titolare del dossier e del Dicastero pianificazione era Giovanna Masoni che chiedeva tempo per negoziare con la proprietà. Insomma, 18 anni dopo, siamo ai piedi della scala. Nel frattempo, l’autorità ha lasciato costruire di tutto e di più nel sedime».

La Promenade? ‘Una presa in giro’

Quali altri aspetti sono insoddisfacenti? «In questi anni, mi ha colpito come il Municipio si era espresso a più riprese sulla fattibilità, a costi sostenibili per la Città, dell’ipotesi di un’apertura al pubblico parziale del parco e per un diritto di passo – osserva l’ex capogruppo Ps in Cc –. La mozione venne parzialmente accolta dal legislativo cittadino (all’unanimità) dopo aver concordato una soluzione di compromesso tra esecutivo e legislativo. Una soluzione alla quale aveva aderito pubblicamente lo stesso Marco Borradori (allora sindaco di Lugano). Ora, è trascorso quasi un altro decennio ma la soluzione proposta stravolge i contenuti della risoluzione votata. Definire ‘Promenade’ quel tragitto indicato nella variante è una presa in giro».

Tuttavia, nel 2014, venne istituita una Zona di pianificazione cantonale, "per definire a realizzazione di una passeggiata pubblica a lago e la pubblica fruizione del Parco, o di parte di esso". Il Consiglio di Stato inserì questi intendimenti nel Piano direttore (scheda P7). Quattro anni dopo, il Dicastero dello sviluppo Territoriale presentò un documento intitolato "Villa Favorita. Scenario di pianificazione", nel quale si illustrano sommariamente sei ipotesi pianificatorie che, secondo il Municipio, avrebbero potuto rispondere a quanto votato dal Consiglio comunale nel 2013, ma poi le abbandona perché la proprietà non le condivide.

Dopo 18 anni, nulla di concreto

Gi interventi che la Città propone lungo la via Riviera e la via Cortivo appaiono «come arrangiamenti di strade, che non hanno nulla a che vedere con ciò che era stato votato», aggiunge Rossi. Non solo. «Si vuol far credere che la procedura sarebbe stata litigiosa e avrebbe richiesto tempi lunghi e onerosi. Ma sono argomenti ridicoli, se dopo 18 anni, non si arriva a nulla di concreto attraverso gli accordi con la proprietà. Eppure, come evocato dall’avvocato Censi, ci sono margini importanti per negoziare ottimi accordi, visto che villa Favorita venne venduta dopo la votazione del novembre 2013». Nel periodo in cui venne presentata la mozione si evocava l’acquisto da parte della Città. Tanto che il Municipio aveva formulato l’ipotesi di un affitto a lungo termine con possibilità successiva di acquisizione (e durante la conferenza stampa a Palazzo civico Eligio Boni perorava l’acquisto offrendo un contributo personale di un milione di franchi) e partirono discussioni in merito fra la baronessa, la Città e il Cantone. «La baronessa sembrava disposta a vendere la "zona a lago" del complesso – ricorda l’ex capogruppo Ps in Consiglio comunale –. Marco Borradori (allora direttore del Dipartimento del territorio) parlava di misure di protezione insufficienti e propugnava una soluzione fra Confederazione, Cantone e Città. Ne parlava come di un’occasione da non perdere per entrare in possesso di Villa Favorita, mentre una perizia immobiliare allestita dalla Fidinam, ordinata dalla baronessa, valutò il complesso in 47 milioni di franchi».

Martino Rossi ritiene che siano "da adottare in tempi rapidi solo le norme di protezione del parco e dei monumenti storici, dovute in base alla Legge sulla protezione dei beni culturali (Lbc). Le concessioni alla proprietà previste dalle nuove Norme di applicazione del piano regolatore (Napr) devono essere congelate: sia l’aumento dei volumi edificabili (Casa Rossa) che la possibilità di modifica della destinazione d’uso della Pinacoteca". Rossi scrive pure che "queste concessioni eventuali devono far parte di una soluzione conforme alle decisioni adottate nel 2013, i cui contenuti minimi non devono essere inferiori a quelli previsti dall’ipotesi 3 scartata dal Municipio, emendata, se necessario, come segue: diritto di passo pubblico dall’entrata del cancello di accesso alla villa su via Riviera fino alla fine del mappale 291, con collegamento da lì a via Cortivo (anziché prolungato fino alla scalinata degli Oleandri)".

La costruzione cominciò nel 1687

La costruzione di una villa in riva al lago a Castagnola, su iniziativa di Karl Konrad von Beroldingen, cancelliere di origine urana del baliaggio di Lugano, cominciò nel 1687. Nel 1732, la proprietà passò alla famiglia Riva, per quasi due secoli, prima di cederla a Federico Leopoldo di Prussia (1919-32). Il principe della famiglia imperiale tedesca riorganizzò l’enorme giardino, ricco di piante esotiche, ampliò la proprietà con successivi acquisti, realizzò la congiunzione tra villa e glorietta e iniziò i lavori per il viale principale sul lungolago della lunghezza di circa un chilometro fiancheggiato da cipressi. Nel 1932, il successivo proprietario, il barone Hans Heinrich Thyssen-Bornemisza, a creare il museo pinacoteca di 20 sale, ispirato nel concetto alla "Neue Pinakothek" di Monaco, fino al definitivo trasferimento delle opere al Museo di Madrid (1992). Nel 1986, il barone promosse un concorso d’architettura per ampliare la galleria d’arte. Lo vinse uno dei più prestigiosi studi d’architettura a livello mondiale, quello degli inglesi James Stirling e Michael Wilford, ma la nuova galleria non venne mai realizzata.

Leggi anche:

Lugano, individuato il compromesso per Villa Favorita

Lugano, ‘inaccettabile la variante per Villa Favorita’

Lugano, c'è un accordo per Villa Favorita

Lugano, ‘inaccettabile la variante per Villa Favorita’

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved