collina-d-oro-l-acqua-vogliamo-gestirla-noi-e-referendum
Ti-Press
Villa Lucchini a Gentilino, sede dell’Ufficio tecnico comunale
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
3 ore

Conti di Lugano approvati, all’ombra dell’ex Macello

Via libera al Consuntivo 2021, ma il Ps: ‘Mancano assunzione di responsabilità e riconciliazione’. Scintille fra Ghisletta e Badaracco sulla Resega.
Luganese
5 ore

5 luglio, ore 21: Lugano ‘libera’ dalla zona rossa

Archiviata la Ukraine Reform Conference 2022, viabilità cittadina ripristinata così come trasporto pubblico e posteggi
Luganese
7 ore

Ripartono a Lugano i corsi di italiano per stranieri

A partire da settembre, l’Associazione Il Centro organizza moduli di 60 ore fino a dicembre
Luganese
8 ore

A Gandria metti una sera tra lago, canti e balli

Musica reggae venerdì 8 luglio alla Bottega. Ospite l’artista brasiliano, Dom Lampa. Musica latina e reggae
Ticino
8 ore

Valuta transfrontaliera, intercettati oltre 23 milioni di euro

Il bilancio della Guardia di finanza di Como sull’attività svolta lo scorso anno
Ticino
8 ore

‘Naturale’, ‘ecologico’. Diciture ingannevoli ‘da regolare’

Frequenti sulle confezioni dei prodotti, secondo i risultati di un sondaggio delle organizzazioni dei consumatori influenzano notevolmente gli acquisti
Ticino
8 ore

Peter Burkard presidente dell’Ordine dei farmacisti ticinesi

Prende il posto di Mario Tanzi, che lascia dopo 32 anni di mandato e la nomina a presidente onorario
Bellinzonese
8 ore

‘Lumino si doti di un fondo di incentivi al risparmio idrico’

Con un’interrogazione Marianna Cavalli chiede di prevedere contributi per interventi tecnici al fine di ridurre il consumo giornaliero di acqua potabile
Ticino
9 ore

Impianti di risalita turistici, giugno positivo

L’Utpt: ‘Si assiste a un ritorno della clientela estera’
Grigioni
9 ore

Sempre più cinghiali nella Bassa Mesolcina: come contenerli

Il capo dei guardacaccia Nicola De Tann: ‘Finora causati importanti danni solo a pascoli e prati da sfalcio’
Ticino
9 ore

Posti di tirocinio: ‘La scelta ai ragazzi, non all’economia’

Aumentano i contratti già firmati, ma c’è una sensibile differenza di offerta (e richiesta) tra un settore e l’altro. ‘Per le ragazze è più difficile’
Luganese
10 ore

Casinò Campione, confermata l’ammissione al concordato

Il tribunale di Como ha fissato l’udienza per il voto dei creditori al 19 settembre
27.05.2022 - 21:39
Aggiornamento: 30.05.2022 - 17:10

Collina d’Oro, ‘l’acqua vogliamo gestirla noi’: è referendum

Lanciata la raccolta delle firme contro il messaggio municipale sulla cessione alle Aziende industriali di Lugano della gestione globale dell’acquedotto

L’acquedotto è il mio e me lo gestisco io. Parafrasando il noto slogan femminista, e sintetizzando un po’, possiamo così riassumere la contrarietà di un’importante fetta di consiglieri comunali di Collina d’Oro al messaggio municipale che stabilisce la cessione globale della gestione dell’acquedotto comunale alle Ail (Aziende industriali di Lugano). Messaggio che è stato approvato dal legislativo lo scorso 9 maggio, ma non all’unanimità: 17 i favorevoli, 10 i contrari e 2 gli astenuti. Il tema però è sentito e l’importante quota di oppositori ha creato dunque un comitato interpartitico (formato da rappresentanti di Ppd, Plr e Ps) lanciandosi nella raccolta di firme necessarie per lo svolgimento di un referendum.

‘Passo indietro nell’autonomia comunale’

«Noi non mettiamo in discussione Ail e la sua buona qualità aziendale, piuttosto l’iter del messaggio: proposto all’ultimo momento senza approfondire le alternative» evidenziano i membri del comitato referendario che abbiamo sentito. «Della questione si è discusso già durante la legislatura precedente, ma è rimasta sui banchi del Municipio fino a inizio aprile, quando il messaggio è arrivato al Consiglio comunale (Cc)». Inoltre «per noi è anche una questione di autonomia: per un Comune come Collina d’Oro, che ha le dimensioni e le risorse per mantenersi indipendente, concedere un servizio importante come l’acqua potabile senza interpellare la popolazione ci sembra un peccato oltre che un passo indietro rispetto all’autonomia comunale. Rimarremmo proprietari della struttura, ma senza poter decidere in autonomia né le tariffe né gli investimenti. Sulla carta l’ultima parola è garantita al Comune, ma nella realtà dei fatti le tariffe sarebbero indirettamente comunque determinate dalle Ail, come da Ail sarebbero indicate le aziende a cui rivolgersi per gli appalti in caso di investimenti. La gestione interna avrebbe invece come vantaggi la possibilità di decidere autonomamente a chi conferire eventuali appalti, quella di formare apprendisti sul territorio. Altri Comuni vicini, come Paradiso, gestiscono in proprio l’acquedotto. Perché noi no?».

‘Gli scenari siano approfonditi’

Le Ail gestiscono già parzialmente l’acquedotto comunale per quanto riguarda i seguenti ambiti: sorveglianza, servizio di picchetto, pulizia dei serbatoi, gestione della banca dati. A causa di nuove e sempre più stringenti normative, il Municipio ha pensato di affidare la gestione totale alle Ail, che dal canto loro hanno dato la disdetta della propria gestione parziale al 31 dicembre. Il Comune ha dunque tempo fino alla fine dell’anno per decidere cosa fare. E stando al messaggio municipale, quantomeno due dei possibili scenari sono stati abbozzati. Qualora al Comune tornasse la gestione globale, sarebbe obbligato ad assumere quattro dipendenti nel 2023 (tre fontanieri e un ingegnere), sarebbe necessario inoltre effettuare altri investimenti sia materiali sia a livello di personale (potenziando ad esempio le percentuali di lavoro di alcuni dipendenti) e si avrebbero spesso complessive per 1,55 milioni di franchi l’anno prossimo. Il secondo scenario invece, quello della gestione globale affidata alle Ail, prevede spese per circa 1,26 milioni: un risparmio di circa 300’000 franchi. «Sì, ma gli 1,26 milioni non tengono conto del personale che già oggi lavora per l’acquedotto nell’Ufficio tecnico comunale e che ovviamente non uscirebbe dall’organico comunale – ribatte la controparte –. E poi, l’attuale gestione genera un utile di mezzo milione, che permetterebbe di assumere il personale qualificato per la gestione in proprio senza alzare le tariffe dell’acqua. In generale contestiamo il fatto di non aver potuto valutare in maniera ponderata le altre possibilità. Ci sarebbe ad esempio piaciuto che il Municipio avesse fatto fare uno studio più esaustivo della gestione in proprio. E poi, se Ail non è favorevole alla gestione parziale, non è possibile trovare altre aziende che lo siano? Inoltre, siccome il mandato di prestazione è previsto su tre anni, al termine di questi che garanzie di continuità ci sono?».

Domande sulle quali contrari e favorevoli potrebbero dibattere, qualora le 389 firme necessarie per il referendum dovessero venir raccolte entro il 9 luglio.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
ail collina d'oro referendum
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved