ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
38 sec

Lascia il Vescovo Lazzeri? Due nomi per la gestione pro tempore

Il Vescovo Lazzeri sarebbe prossimo a dimettersi. Due i nomi in lizza per l’amministrazione in attesa della designazione del successore da parte del Papa
Mendrisiotto
31 min

La Sagra della castagna riparte ‘con il botto’

A Morbio Superiore sono pronti ad accogliere l’edizione numero 43 della manifestazione, che torna alla normalità
Mendrisiotto
1 ora

Mendrisio ritrova la ‘sua’ Fiera di San Martino

Da giovedì 10 a domenica 13 sui prati attorno alla chiesetta si rinnoverà l’incontro con il mondo agricolo
Mendrisiotto
2 ore

Disturbi dell’apprendimento, conferenza a Riva San Vitale

L’appuntamento è per mercoledì 19 ottobre nell’aula magna dello Steger Center Viginia Tech
Luganese
2 ore

‘Cambiare il sistema di nomina per i direttori delle scuole’

È quanto chiede, con un’interpellanza al Governo, l’Mps dopo l’arresto per atti sessuali con fanciulli del direttore di una scuola media di Lugano
Locarnese
2 ore

Locarno, la Mappo-Morettina chiusa di notte per lavori

Gli interventi di manutenzione degli impianti elettromeccanici si protrarranno da lunedì prossimo al 28 ottobre. Traffico deviato sulle cantonali
Luganese
2 ore

‘Lugano città universitaria?’, se ne parla in una conferenza

L’evento promosso da Lugano Forum 2030 è in programma lunedì 17 ottobre al palazzo dei Congressi
Mendrisiotto
3 ore

Risparmio energetico, ‘come si sta organizzando Mendrisio?’

Il consigliere comunale Massimiliano Robbiani (Lega-Udc-Udf) interroga il Municipio e lamenta il ritardo nell’annunciare le misure
Luganese
3 ore

Lugano, si misurano pressione e glicemia

Il controllo, gratuito, è organizzato dalla sezione del Sottoceneri della Croce Rossa Svizzera
Luganese
3 ore

Lugano, nell’amministrazione non ci sono differenze di salario

La Città ha pubblicato i risultati delle analisi effettuate sui collaboratori retribuiti secondo il Regolamento organico comunale
Mendrisiotto
3 ore

‘Ampliare le scuole? Un pilastro per attrarre famiglie’

Il Municipio di Breggia difende il progetto di ampliamento della sede di Lattecaldo. ‘Sostenibile per le finanze, necessario per la didattica’
Ticino
3 ore

I ghiacciai ticinesi rischiano di sparire entro 5-10 anni

Le scarse nevicate e l’estate caldissima hanno accelerato la fusione. Il ghiacciaio del Basòdino potrebbe sciogliersi del tutto in mezzo secolo
Locarnese
4 ore

Apertura al pubblico della miniferrovia Minusio Mappo

Nel fine settimana in circolazione treni a vapore, diesel ed elettrici provenienti anche da Oltralpe e dalla Germania
Luganese
5 ore

Nel mondo delle sale Snoezelen con Sofia Santori

Popolari nelle case per anziani e negli istituti per disabili, oggi si diffondono sempre più anche nell’ambito privato grazie al loro valore terapeutico
04.05.2022 - 19:26
Aggiornamento: 22:37

La parabola discendente di un dirigente bancario

Dalla ‘Lugano da bere’ alla condanna per malversazioni finanziarie, passando dal dissesto Hottinger e dal volontariato in Camerun

la-parabola-discendente-di-un-dirigente-bancario
Ti-Press
Uno dei numerosi casi di soldi investiti a Lugano da imprenditori italiani

Dai fasti e il lusso dei giorni migliori della piazza finanziaria di Lugano al ritrovarsi, oggi, senza un tetto. Tanto da richiedere di trascorrere un’altra notte in prigione alla Farera (dove si trova in detenzione da 161 giorni), nonostante la scarcerazione. È la parabola, che passa dal volontariato in Camerun, vissuta da Alfonso Mattei, 59 anni, ex dirigente bancario, già coinvolto e condannato dal Tribunale penale federale (contro cui è stato presentato ricorso), nel procedimento penale legato al fallimento della Hottinger (cfr. ‘laRegione’ del 5 febbraio 2022). L’uomo è comparso oggi di nuovo in aula penale, stavolta di fronte alla Corte delle Assise correzionali di Lugano, presieduta dal giudice Siro Quadri. Nei suoi confronti, il procuratore pubblico Andrea Gianini ha ipotizzato una serie di reati finanziari ai danni di un imprenditore brianzolo che, alla fine del 2007, gli affidò un milione e mezzo di euro (al cambio di allora, quasi 2,5 milioni di franchi), affinché il denaro venisse investito in un’operazione immobiliare a Viganello, in vista di un eventuale acquisto di un appartamento da parte del cliente. Al termine della requisitoria, Gianini ha chiesto una pena di 15 mesi di prigione, sospesa con la condizionale per un periodo di tre anni.

Riconosciute le pretese dell’accusatore privato

Il giudice Quadri ha confermato la richiesta formulata dall’accusa e ha inflitto al 59enne una condanna per appropriazione indebita, amministrazione infedele e riciclaggio di denaro. I fatti sono vicini alla prescrizione e, come detto, risalgono al periodo che va dalla la fine del 2007 e i primi mesi dell’anno successivo, quando un imprenditore brianzolo attivo nel settore del metallo gli diede parecchio denaro. Soldi che però non sono stati usati come avrebbero dovuto. Peggio: buona parte sono spariti, dopo che l’imputato li ha fatti confluire in una società offshore, con sede nelle Isole Vergini britanniche. L’operazione immobiliare avrebbe dovuto essere gestita da una società che, seppure in liquidazione da oramai il 2014, nel dicembre di due anni fa è stata condannata a risarcire l’imprenditore italiano di 1,5 milioni di euro dalla seconda Camera di Tribunale d’appello. Una sentenza rievocata diverse volte in aula penale, perché, come ha sottolineato il giudice, conferma una gestione del denaro, da parte dell’imputato, non conforme a quanto pattuito con il cliente italiano. Non solo. Quanto ha deciso la seconda Camera di Tribunale d’appello, rappresenta una prova di illecito agli occhi di Quadri, che ha riconosciuto le pretese avanzate dall’avvocato Gianluca Dosi, patrocinatore dell’accusatore privato, allineatosi alla requisitoria del pp Gianini.

Milioni svaniti nel nulla e in Astra

Dal canto suo, in aula penale, l’imputato ha, nella sostanza, riconfermato la sua versione dei fatti fornita agli inquirenti durante l’inchiesta scattata dopo il suo arresto avvenuto il 25 novembre scorso nel Canton Turgovia, a seguito del suo rientro clandestino dall’Africa e su mandato di cattura spiccato dal Ministero pubblico. Mattei ha contestato i reati prospettati dall’accusa. Tra vari non ricordo, per via del lungo tempo trascorso dai fatti, ha comunque pure riconosciuto, almeno in parte, di aver sbagliato. Sostiene tuttavia di aver già risarcito l’imprenditore italiano. Sia con somme in contanti, sia attraverso azioni di una società mineraria australiana, la Astra, il cui nome è già ripetutamente emerso nel procedimento penale sul dissesto della Hottinger. Società che di fatto è stata dichiarata fallita nel 2015 dalle autorità australiane. Da quanto emerso, le azioni di Astra si sono dimostrate farlocche e il fatto che siano state rifilate all’investitore italiano non ha sicuramente giocato a favore di Mattei, che si è difeso affermando di aver ceduto a un amico immobiliarista luganese per portare avanti l’operazione di Viganello. Soldi peraltro prelevati in contanti, di cui successivamente si sono perse le tracce.

A contribuire al lungo tempo trascorso dai fatti è stato anche il ritardo del cliente italiano, che ha formalmente sporto denuncia penale al Ministero pubblico soltanto nel dicembre 2019. L’avvocato Marco Cocchi, legale di Mattei, nell’arringa, ha contestato la maggior parte dei reati sostenuti dall’accusa. Le sue tesi non hanno però convinto il presidente della Corte delle Assise correzionali di Lugano, che ha messo in evidenza la mancata assunzione di responsabilità di Mattei. L’imputato, ha rimarcato Quadri, aveva pure firmato contratti nulli e sottoscritto documenti a nome della società che avrebbe dovuto portare a termine l’operazione immobiliare, nonostante non fosse più l’amministratore unico della stessa.

Leggi anche:

Caso Zullino-Hottinger, condannati tutti e tre gli imputati

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved