ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
19 sec

‘Anno sabbatico’ per il giornalino di Carnevale di Tesserete

I festeggiamenti che si terranno dal 23 al 25 febbraio non saranno accompagnati dalla satira. Or Penagin è alla ricerca di nuovi redattori
Locarnese
6 ore

A Riazzino si discute della ‘metafisica dopo Kant’

Orizzonti filosofici propone una conferenza con Massimo Marassi, professore di Filosofia teoretica dell’Università Cattolica di Milano
Ticino
6 ore

Alleanza Lega-Udc: Zali attacca, Marchesi imperturbabile

Alla festa elettorale leghista volano parole roventi. Ma il presidente democentrista replica: ‘Non intendo alimentare sterili polemiche’
Mendrisiotto
8 ore

Il Nebiopoli 2023? ‘Un Carnevale da grandi numeri’

Il presidente Alessandro Gazzani tira le somme di quest‘ultima edizione chiassese. ’Il villaggio è diventato troppo stretto’
Locarnese
9 ore

Per la Stranociada un successo… incontenibile

Organizzatori soddisfatti per le 10mila persone sulle due serate, ma qualcuno lamenta ‘caos organizzativo’ alla risottata della domenica
Ticino
12 ore

Interpellanza sul caso del pianista ucraino sostituito

Ay e Ferrari (Pc) chiedono fra l’altro al governo se ‘simili misure dal sapore censorio non giovino alla credibilità della politica culturale del Cantone’
Locarnese
13 ore

Plr e Verdi Liberali di Gordola: ‘Moltiplicatore fisso all’84%’

Il gruppo in Cc si esprime in vista della seduta di martedì sostenendo il rapporto di maggioranza. Municipio e minoranza propongono un aumento
Bellinzonese
13 ore

Valle di Blenio, ultime settimane per distillare a Motto

Il Consorzio Alambicco comunica che l’attività terminerà il 28 febbraio
Bellinzonese
15 ore

Gara dei parlamentari: vincono Buri e Ghisla

Il tradizionale slalom dei granconsiglieri si è svolto ieri a Campo Blenio
Mendrisiotto
16 ore

Castel San Pietro celebra i 100 anni di Elena Solcà

Per sottolineare l’importante traguardo familiari e comunità della casa anziani don Guanella si sono stretti attorno alla festeggiata
Luganese
17 ore

Consegnato alla Fondazione Vanoni l’incasso della riffa

L’iniziativa benefica delle sezioni Plr Centro+Loreto e Molino Nuovo ha permesso di sostenere il progetto ‘Appartamento protetto’ con 900 franchi
Luganese
17 ore

Una serata per parlare di inclusione scolastica

L’appuntamento è per martedì 14 febbraio al cinema Lux di Massagno. Verrà inoltre proiettato il film ‘Tutto il mio folle amore’
Locarnese
19 ore

Grave incidente ad Avegno, un motociclista rischia la vita

Un 56enne del Locarnese ha perso il controllo del mezzo andando a sbattere contro lo spartitraffico riportando gravi ferite
Mendrisiotto
1 gior

La Castello Bene conquista il Nebiopoli 2023

Il corteo mascherato ‘cattura’ 20mila spettatori. Per gli organizzatori del Carnevale chiassese è l’edizione dei record
02.05.2022 - 05:30
Aggiornamento: 16:31

Tesserete, scoperta l’Isola degli oggetti ritrovati

In paese spunta un centro dove gli utensili usati trovano una nuova vita. Il progetto nasce con un intento ecologico promettente

di Luca Marzullo
tesserete-scoperta-l-isola-degli-oggetti-ritrovati
Facebook
La ‘ciurma’ dell’Oggettoteca di Tesserete

«Un trapano acquistato per uso domestico viene utilizzato in media 7 minuti lungo tutto l’arco della sua esistenza, insomma prima di diventare un rifiuto… Non è forse il caso di farselo prestare risparmiando soldi e agendo in maniera ecologicamente più consapevole?». Questo è uno dei ragionamenti alla base della neonata Isola degli oggetti ritrovati di Tesserete, che – nel solco del buon esempio dell’Oggettoteca di Locarno attiva dall’ottobre 2020 – verrà inaugurata l’8 maggio, giornata in cui si organizzerà anche una raccolta oggetti. «Abbiamo organizzato una prima giornata di apertura per raccogliere un po’ di oggetti e farci conoscere domenica 24 aprile, è andata molto bene!» spiega Cosima, che con Margherita, Albertina e Amalia – tutte volontarie – ha fondato il progetto. «È un’idea che abbiamo iniziato a sviluppare già un paio di anni fa, ma che finalmente si sta attuando» ha aggiunto. A partire dalla data di inaugurazione, la struttura sarà aperta il mercoledì e il sabato.

‘Una biblioteca di oggetti’

In sostanza, si tratta di una biblioteca di oggetti e utensili. Ai canonici volumi si sostituiscono martelli, trapani, seghe a motore, addirittura «una macchina per i pop-corn, anche se penso che l’oggetto più strano che abbiamo sia un "acchiappacose" – in realtà non so nemmeno se si chiami così – ma serve per raccattare le cose che cadono nei buchi» racconta Cosima ridendo. Gli oggetti sono sia raccolti da loro, sia donati – sarà infatti possibile farlo l’8 maggio prossimo – in alcuni casi anche acquistati. «In realtà la nostra idea è quella di dare nuova vita agli oggetti che mettiamo a disposizione dei soci, ma alcune cose ci possono servire anche per farci conoscere e abituare la gente a prendere in prestito gli oggetti piuttosto che comprarli, come uno Stand-up paddle» precisa una delle fondatrici. Per poter usufruire dell’offerta dell’Isola degli oggetti ritrovati, è necessario diventarne soci. Per poterlo fare è richiesto il pagamento di una quota di iscrizione pari a 30 franchi all’anno – per persona o nucleo familiare – «Ovviamente, abbiamo una tariffa ridotta per studenti e per persone in difficoltà, per loro infatti la quota ammonta a 20 franchi all’anno» aggiunge Cosima.

Anche un po’ biblioteca

Ogni oggetto può essere preso in prestito per un periodo indicativo di una settimana, anche se la durata varia in base alla natura dell’utensile «abbiamo per esempio dei seggiolini che non avrebbe senso prestare per una sola settimana, dunque concediamo questo genere di cose per un tempo più lungo». Il legame con una biblioteca tradizionale è comunque acuito dalla presenza di alcuni libri. «Abbiamo pensato che potesse rivelarsi utile offrire una serie di testi dal risvolto pratico» spiega Cosima «abbiamo infatti raccolto una serie di guide turistiche e manuali di vario genere, che in alcuni casi possono anche accompagnarsi a un oggetto preso in prestito». All’esterno dell’Isola degli oggetti ritrovati si ha anche una semiteca, ovvero un punto in cui scambiare semi. «È molto semplice, per prendere dei semi bisogna portarne degli altri» questo dovrebbe incentivare anche a coltivare qualcosa per il proprio autoconsumo, con conseguenze positive a livello ambientale.

Utile anche a livello comunitario

Lo spazio in cui si trova l’oggettoteca è stato messo a disposizione dal Comune di Capriasca, mentre diversi aiuti alla realizzazione del progetto sono stati elargiti da Capriasca Ambiente. L’idea di non possedere un oggetto, ma di poterne liberamente usufruire – versando, come detto, una quota associativa di 30 franchi l’anno – in condivisione con altre persone, permette l’instaurarsi di un sentimento comunitario e per certi versi unificante. A questo proposito sono in fase di elaborazione una serie di iniziative volte a coinvolgere e integrare la popolazione.

Una questione ecologica

Inoltre, educarsi a divenire utilizzatori piuttosto che possessori, insomma non comprare qualsiasi cosa ci serva, ma trovare un modo alternativo per poterne usufruire (prendendolo in prestito ad esempio); è una scelta che porta con sé una serie di vantaggi, non unicamente economici. Quasi ogni utensile prima o poi (e la tendenza è di anticipare questo processo) diventa un rifiuto. Plastica, metallo, batterie, sono materiali non semplici da riciclare o smaltire, che dunque si ammassano, deturpando e inquinando l’ambiente. Riutilizzare qualcosa che non si usa più, condurlo per esempio all’Isola degli oggetti ritrovati, interrompe questo meccanismo, gli si infonde nuova vita, salvandolo temporaneamente da un’inquinante degradazione. Un vantaggio ecologico, dunque, che non va sottovalutato.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved