GRANOLLERS M./ZEBALLOS H.
DJOKOVIC N./HERRERA C.
16:45
 
GOLUBIC V. (SUI)
1
BENCIC B. (SUI)
0
2 set
(6-4 : 0-0)
a-locarno-un-sabato-al-mese-per-aggiustare-gli-oggetti-rotti
Prossimi appuntamenti il 5 giugno e il 3 luglio, dalle 9 alle 12
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
12 min

Bosco Gurin, la slittovia è finalmente pronta

Completato il collaudo dell'alpin bob della località turistica, inaugurazione il weekend del 3-4 luglio. Costi lievitati, sicurezza aggiornata ai nuovi standard
Luganese
1 ora

Emanuele Dati a capo dell'ospedale regionale di Lugano

L'Eoc ha nominato il nuovo direttore "chiamato alle impegnative sfide del dopo pandemia e in un contesto di continuo sviluppo"
Bellinzonese
3 ore

Una sede provvisoria per il liceo di Bellinzona

Per la realizzazione il governo cantonale chiede al Gran consiglio lo stanziamento di quasi 9 milioni di franchi
Bellinzonese
4 ore

Bellinzona e Valli, prodotti turistici acquistabili online

Lanciato un mercato digitale dove sarà possibile prenotare biglietti, prodotti e servizi dei principali attrattori del comprensorio
Luganese
4 ore

Medie di Barbengo, nuova palestra da 3,7 milioni

Il Consiglio di Stato ha licenziato il credito per sostituire la struttura provvisoria edificata nel 2011 dopo l'incendio doloso dell'anno prima
Luganese
4 ore

Processo per furti con scasso, condannati due giovani Rom

Tra le vittime pure un noto avvocato penalista. Inflitte condanne sospese con la condizionale in virtù della loro confessione. Espulsi dalla Svizzera
Locarnese
4 ore

Centovalli, annullate anche quest’anno le feste di Comino

Le tradizionali manifestazioni sui monti non si terranno a causa delle difficoltà logistiche-organizzative legate alla pandemia
Bellinzonese
5 ore

Casa anziani Sementina, 'capo struttura appaltata?'

L'Mps in un'interpellanza sostiene che il personale dirigente della struttura sia stato esternalizzato e chiede dunque lumi al Municipio di Bellinzona
Locarnese
5 ore

LocarneseTech cerca un coordinatore per le proprie attività

L'associazione, che mira a supportare le aziende del territorio attive nella robotica e meccatronica, ha aperto un bando di concorso
Luganese
5 ore

Lugano, Parco Ciani: sale sul cancello e cade, ferite serie

Questa notte un giovane ha provato a scavalcare l'accesso, ha perso l'equilibrio ed è caduto dall'altezza di alcuni metri
Ticino
6 ore

Covid, tre contagi e nessuna ulteriore ospedalizzazione

Non si è verificato neanche alcun decesso legato alla pandemia. I pazienti ricoverati restano due, dei quali nessuno in cure intense
Locarnese
6 ore

Centovalli, l'Ente autonomo riattiva la navetta dei monti

Da mercoledì prossimo torna in servizio il bus che da Tenero, via Locarno, porta i clienti escursionisti di alcuni hotel sui monti di Porera
Mendrisiotto
10 ore

'Mendrisio non è ancora diventata un campus universitario'

Parla Mario Botta, papà dell'Accademia, dopo lo 'scontro' fra agenti e studenti. 'Il bilancio di questi anni? Do un voto favorevole'
LGBTQ+
10 ore

La non-binarietà spiegata da chi la vive

Sul fatto di non identificarsi come 'maschio' o 'femmina' circolano molta confusione e parecchi stereotipi. Una testimonianza per capirci di più
Locarnese
10 ore

Allarme tempeste, il problema è il fattore sorpresa

Il sistema di allerta lacustre, messo in discussione da un velista, è all'avanguardia e funziona. Luraschi: “Criticità possibili con eventi meteorologici repentini”
Ticino
19 ore

Disoccupati over 50: sei mesi in più di aiuti per le assunzioni

Passa in parlamento il controprogetto di Maderni (Plr). Ma il Ppd non ci sta e, pur votando il complesso, lancerà un'iniziativa popolare con la proposta originaria
Luganese
20 ore

Scontro frontale a Canobbio, deceduto un motociclista

Il sinistro è avvenuto attorno alle 17.15 su via Tesserete. Un furgone si è scontrato frontalmente con un centauro, morto a causa delle ferite riportate.
Ticino
21 ore

Per gli apprendisti ancora il 40% di sconto sull'Arcobaleno

Anche per il prossimo anno gli apprendisti potranno usufruire di uno sconto del 40% sull'abbonamento Arcobaleno per i mezzi pubblici
Bellinzonese
21 ore

I migliori allievi alle Medie di Ambrì

Consegnati i riconoscimenti
Locarnese
 
17.05.2021 - 21:220

A Locarno un sabato al mese per aggiustare gli oggetti rotti

L’appuntamento è allo Spazio Elle, per tornare ad appropriarsi di quei ‘gesti di una volta’ in favore dell’ambiente e del risparmio

Riparare gli oggetti rotti anziché buttarli, prolungandone la vita, è un gesto che comporta benefici sia per l’ambiente che per il salvadanaio. Una possibilità che alle nostre latitudini si sta estendendo grazie alla nuova proposta del Forum socioculturale del Locarnese che gestisce e coordina lo Spazio Elle di Locarno. Prendendo spunto dai ‘Caffè riparazione’ organizzati in vari luoghi del cantone dall’Associazione consumatrici e consumatori della Svizzera italiana (Acsi), il gruppo ha deciso di implementare l’offerta proponendo a scadenza mensile dei ‘Sabati riparazione’. 

Proposte alternative al sistema del consumismo

«Fin dalla nostra costituzione abbiamo sempre avuto tra gli obiettivi quello di portare avanti il tema della sostenibilità – illustra Francesca Estrada, membro di comitato del Forum –. Con le attività che lanciamo cerchiamo di proporre alla comunità delle alternative valide al sistema dominante basato sul consumismo». Un punto di riferimento in questo senso è costituito dall’economia circolare, modello di produzione e consumo volto a diminuire gli sprechi delle risorse naturali promuovendo la condivisione, il riutilizzo, la riparazione e il riciclo di materiali e prodotti il più a lungo possibile, in contrapposizione al tradizionale modello economico lineare basato sullo schema di estrarre, produrre, utilizzare e gettare. «In quest’ottica – spiega Francesca – ci siamo detti che sarebbe stato interessante dare maggiore impulso ai ‘Caffè riparazione’ che saltuariamente si svolgevano allo Spazio Elle». Un’idea valutata molto positivamente dall’Acsi, che ha subito aderito all’iniziativa.

La nuova proposta è strettamente legata all’Oggettoteca, un progetto sorto da poco negli spazi socioculturali di piazza Pedrazzini e che si presenta come una sorta di biblioteca degli oggetti di uso saltuario. Dall’avvitatore al fornello da campeggio, dall’essiccatore al gazebo, attualmente sono 176 gli articoli inventariati. «L’idea è che se ad esempio nel weekend qualcuno vuol fare dei lavori con il legno e gli mancano degli attrezzi, non va direttamente al supermercato, ma consulta il nostro sito per vedere se qui è disponibile ciò di cui ha bisogno. Il prestito e la condivisione permettono di ridurre gli acquisti e quindi il dispendio di energia e le risorse necessarie sia a produrre nuovi oggetti che a smaltire quelli che hanno ancora del potenziale. E lo stesso consentono di fare queste offerte di riparazione».

Collaborazione per prestiti con l’Oggettoteca

Durante i giorni e gli orari prestabiliti tutti possono portare i propri oggetti rotti pagando 10 franchi di forfait. Sul posto si trova Claudio Cianca, che di mestiere fa il riparatore: «Ci siamo conosciuti perché collaborava con l’Acsi, abbiamo stretto amicizia e si è messo a nostra disposizione a titolo volontario in quanto crede molto in questa filosofia». Una volta in mano l’oggetto rotto, Claudio si prende un po’ di tempo per valutarne lo stato. Se stabilisce che è possibile sistemarlo ci sono due possibilità: nel caso si tratti di un’operazione piuttosto veloce e non ci sia troppa gente, la riparazione avviene sul momento, altrimenti per interventi più complessi porta a casa l’oggetto e poi si occupa personalmente di ricontattare la persona quando è pronto e funzionante. I ‘Sabati riparazione’ sono contraddistinti da una particolarità, ovvero la “prova di condivisione” proposta dall’Oggettoteca. «Se c’è in loco un oggetto analogo a quello che il riparatore deve portare a casa, diamo la possibilità a chi lo desidera di prenderlo in prestito per 5 franchi».

L’8 maggio ha avuto luogo il primo appuntamento. «L’accoglienza è stata buona. Sono passate sette persone che avevano con sé dei ferri da stiro, un tostapane, un aspirapolvere e una sega circolare. Un oggetto è stato aggiustato subito, due sono stati portati a casa da Claudio, mentre gli altri non è stato possibile rimetterli in funzione. Inoltre due persone sono rimaste colpite dall’Oggettoteca e si sono tesserate».

Anche in Ticino, dunque, stanno germogliando dal basso sempre più iniziative incentrate sul rispetto dell’ambiente e dei produttori. Quanto sta prendendo forma allo Spazio Elle, che da qualche mese vanta anche una Semiteca – un armadio sempre accessibile per lo scambio di semi locali –, è un paradigma che negli intenti dei promotori sarebbe prezioso si estendesse ad altri comuni per permettere a questi “gesti di una volta” di tornare nella prassi quotidiana delle persone. «Più si lavora in modo locale, tessendo reti, più si generano possibilità di cambiamento. È proprio quello di cui noi cerchiamo di farci portavoce» conclude Francesca.

Un sito ad hoc per trovare i riparatori più vicini

In attesa dei prossimi ‘Sabati riparazione’ – il 5 giugno e il 3 luglio, dalle 9 alle 12 – e dei ‘Caffè riparazione’ Acsi – il calendario è consultabile su acsi.ch –, esiste un sito supportato da diversi Cantoni svizzeri, tra cui il Ticino, che permette di trovare dei riparatori professionisti per esigenze specifiche, così come di mettere a disposizione le proprie competenze e di leggere una serie di trucchi e consigli per il fai da te. Si tratta di riparatori.ch, “una rete di riparatori per i tuoi oggetti più cari” dice il sottotitolo. Gli ambiti elencati sono numerosi – apparecchi elettrici, abbigliamento, scarpe, gioielli, mobili, veicoli, strumenti musicali, giocattoli e altro ancora –, ognuno suddiviso in sottocategorie. Selezionando quella che si desidera, si apre una cartina interattiva della Svizzera in cui sono indicati i luoghi dove trovare i professionisti che fanno al caso proprio. Oltre che per restituire valore e funzionalità agli oggetti, la piattaforma è anche un modo per dare visibilità ad alcuni mestieri che nel tempo stanno scomparendo.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved