ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
12 min

Un territorio raccontato attraverso tredici storie di vita

Le conversazioni del poeta Massimo Daviddi e i ritratti del fotografo Aldo Balmelli in un libro che restituisce lo sguardo dei protagonisti
Ticino
1 ora

Tetto ai premi di cassa malati, Carobbio: ‘Grave non parlarne’

Per la consigliera agli Stati il ‘no’ all’entrata in materia è ‘un brutto segnale’. Chiesa: ‘rifiutiamo il principio, e per il Ticino cambierebbe poco’
Luganese
1 ora

Le oasi di Vezia, idee per un paese più visibile

Dai luoghi di aggregazione a piccole aree di ristoro, molte le proposte pervenute dalla cittadinanza
Luganese
2 ore

Lugano, il futuro del fiume Cassarate passa dal Liceo 1

Per la riqualifica un’inedita collaborazione fra Dipartimento del territorio e ragazzi dell’istituto scolastico, fra nuovi accessi e un percorso didattico
Ticino
2 ore

Vigilanza sulla Procura federale, proposta Fiorenza Bergomi

La Commissione giudiziaria sottopone le proprie indicazioni all’Assemblea federale in vista delle nomine in programma per il 14 dicembre
Ticino
3 ore

Targhe, Dadò: ‘Colpa del governo’. Gobbi: ‘Sei in malafede’

Caos imposta di circolazione, dopo il ritiro dei decreti da parte del Consiglio di Stato è botta e risposta al fulmicotone, tra accuse e puntualizzazioni
Luganese
3 ore

Lugano, assegnate le tre residenze musicali allo Studio Foce

Ai vincitori, tutti della Svizzera italiana, viene dato per cinque giorni un supporto per preparare un tour di almeno cinque date
Bellinzonese
3 ore

Altro appuntamento a Bellinzona con ‘Una volpe in Città’

Domenica 4 dicembre alle 17.30 a Castel Grande Andrea Fazioli svelerà il secondo capitolo del racconto. Venerdì 2 dicembre aprirà la pista di ghiaccio
Bellinzonese
3 ore

L’inverno porta 13 nuovi percorsi per gli amanti delle ciaspole

L’Organizzazione turistica regionale Bellinzonese a Alto Ticino lancia la stagione fredda, ancora una volta segnata dall’attenzione per le passeggiate
Mendrisiotto
4 ore

Concerto inaugurale per l’organo Serassi-Bernasconi

Una serie di momenti musicali e liturgici sottolineano la riapertura della chiesa di Sant’Eusebio a Castel San Pietro
Luganese
4 ore

Umberto Bottazzini ospite alla biblioteca del Liceo Lugano 2

L’esperto di storia e fondamenti della matematica farà il suo intervento martedì 13 dicembre alle 18.15
Mendrisiotto
4 ore

Scontro fra due auto a Rancate, nessun ferito

Il sinistro è avvenuto poco dopo mezzogiorno sulla strada cantonale.
Bellinzonese
4 ore

Egidia Bruno in scena con ‘Rossella’ al teatro Tan di Biasca

Appuntamento per sabato 3 dicembre alle 20.30
Bellinzonese
4 ore

A Bellinzona torna la ‘Notte dei Pupazzi’

L’iniziativa proposta da BiblioBaobab che promuove la lettura e l’amore per i libri si terrà tra venerdì 2 e sabato 3 dicembre
Bellinzonese
4 ore

Concerto del coro femminile ‘La Coralina di Gnosca’ a Bellinzona

Appuntamento per sabato 10 dicembre alle 20 nella chiesa evangelica. Ospite della serata il ‘Christmas Swing Quartet’
25.04.2022 - 17:59
Aggiornamento: 18:32

All’ex convento le celle dei frati per i profughi ucraini

Lo storico edificio Salita dei Frati di Lugano è passato recentemente nelle mani di una fondazione, che ha deciso di destinarlo alla collettività

all-ex-convento-le-celle-dei-frati-per-i-profughi-ucraini
Ti-Press
L’interno del convento

Torneranno presto a popolarsi le celle (in realtà delle vere e proprie stanze) del convento Salita dei Frati, che per diversi secoli hanno ospitato generazioni di frati cappuccini. Negli spazi una volta destinati al riposa e alle preghiere dei religiosi troveranno infatti posto, a partire da questo pomeriggio, i profughi ucraini in fuga dalla guerra. «Ci siamo chiesti cosa si poteva fare di questi locali. La nostra intenzione era quella di restituirli alla collettività. La Protezione civile si è detta subito interessata quando gli abbiamo dato la disponibilità a ospitare le famiglie in fuga dal conflitto». Ha affermato Niccolò Lucchini, presidente della Fondazione ‘Convento Salita dei Frati’. «Abbiamo acquistato questo stabile lo scorso mese di febbraio, anche se ne siamo poi entrati in possesso solo dallo scorso luglio. Lo scopo era salvare un gioiello architettonico dalla speculazione edilizia ed evitare che un pezzo della storia di Lugano andasse perso». In passato l’edificio, un bene storico risalente al 16º secolo che ospita anche una biblioteca con oltre 100mila volumi, era stato a un passo dal finire nelle mani di un imprenditore privato, intenzionato a trasformarlo in una struttura ricettiva di alto livello. «Ora invece ospiterà fino a 60 rifugiati e in futuro potrebbe dare spazio anche ad altre persone bisognose o ad associazioni attive sul territorio. Ci piace pensare che questi spazi, situati in centro città ma divisi da mura e recinzioni, possano diventare un luogo di condivisione e aggregazione, come sta già succedendo per quanto riguarda la biblioteca», ha spiegato Fabio Stampanoni, avvocato e membro della fondazione.

‘Qui spazi ideali, tra zone relax e sale giochi’

Per rendere utilizzabili le stanze, e gli altri spazi condivisi, si sono comunque resi necessari alcuni interventi di ammodernamento. «Ci siamo occupati più che altro di riattivare l’involucro. Non siamo partiti da zero, ma abbiamo apportato alcuni cambiamenti. Lo stile di vita dei frati è sicuramente diverso da quello di una famiglia in fuga dalla guerra», spiega il tenente colonnello della protezione civile (Pc) Aldo Facchini. «La funzione dell’ex convento sarà quella di struttura collettiva di secondo livello. Qui le persone restano per un periodo limitato, si pensa a circa due o tre settimane, prima di essere collocate in appartamenti indipendenti sparsi sul territorio». Oltre alle camere, i militi della Pc hanno adattato i locali alle esigenze dei profughi. «È stata creata una zona giochi per i più piccoli e una stanza relax con televisione e computer. A questi si aggiungono ovviamente gli spazi esterni, dove gli ospiti potranno vivere la bella stagione osservando il panorama. Alcune zone, come lo storico vigneto, resteranno invece chiuse». I profughi avranno anche la possibilità di seguire lezioni e corsi per integrarsi al meglio sul territorio. A occuparsi delle spese di sostentamento dei profughi sarà il Cantone, come già avviene in tutti gli altri centri di accoglienza. La Fondazione ‘Convento Salita dei Frati’ ha invece messo a disposizione la struttura, senza fissare una data di scadenza.

‘Una struttura ideale anche per il futuro’

L’ex convento sarà anche la struttura sulla quale la Protezione civile conta di poter fare affidamento in futuro. Sono attualmente sei i centri di questo tipo sparsi sul territorio, e non si prevede di ampliare il loro numero. «Anzi – prosegue Facchini – la speranza è di chiuderne qualcuno nei prossimi mesi». Quello che apparteneva ai frati cappuccini è in ogni caso l’edificio che meglio si presta a questa funzione: «A differenza di altre strutture, penso ad esempio a quella di Breno, non c’è la necessità da parte del proprietario di tornarne in possesso per riprendere le attività che ospitava fino a poco tempo fa». A questo si aggiunge la collocazione ottimale di cui gode l’ex convento. «In pochi passi si può raggiungere il centro di Lugano e sentirsi parte della comunità, interagendo con altre persone». Inoltre le stanze, spesso piuttosto piccole rispetto a quelle delle altre strutture, ben si prestano a garantire la privacy. Le famiglie non sono infatti costrette a condividere la camera da letto con altre persone. «Si può quindi prevedere che quello di Lugano sarà l’ultimo centro a chiudere i battenti in ordine di tempo», conclude il tenente colonnello della Protezione civile.

L’asilo, un progetto non ancora arenato

Nelle intenzioni della fondazione, l’ex convento avrebbe dovuto ospitare anche un asilo. Il progetto non era però andato in porto per via degli alti costi necessari per rendere la struttura adatta a questa attività. Le dimensioni dei locali, proprio per via della loro origine, erano stati infatti ritenuti troppo limitati. Si sarebbero inoltre dovuti adattare i sanitari alle necessità di bambini piccoli. Il progetto non è comunque definitivamente arenato. Il Consiglio della fondazione sta studiando una possibile soluzione insieme all’architetto Mario Botta, che della stessa fondazione è membro. La speranza dei promotori è quella di realizzare una struttura che possa accogliere fino a una trentina di bambini.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved