ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
1 ora

Lavori forestali, nelle selve degli appalti

Per decidere su un concorso nel Basso Distretto ci sono voluti due bandi e tre sentenze. E (forse) non è ancora finita
Ticino
1 ora

Cantonali ‘23, Marchesi: ’Mi candido per entrare in governo’

Il presidente Udc, in un‘intervista a ‘laRegione’, ufficializza la discesa in campo: ’In Consiglio di Stato meno famiglia Mulino Bianco e più dinamismo’
Luganese
7 ore

Lugano, Lalia non slega il legislativo

I prelievi dovuti per legge ottengono la maggioranza assoluta, malgrado il teatrino in salsa leghista, con Bignasca contro il suo sindaco
Locarnese
8 ore

Il Museo di Storia naturale è ancorato alla pianificazione

Approvata dal legislativo di Locarno la variante per l’insediamento della struttura nel complesso conventuale di Santa Caterina
Ticino
10 ore

Detenuti e misure terapeutiche, il parlamento accelera

Presto una mozione delle commissioni ‘Giustizia’ e ‘Carceri’. Durisch: ora il trattamento in carcere non funziona, urge un reparto di psichiatria forense
Bellinzonese
10 ore

In arrivo sei aule prefabbricate per i bambini della Gerretta

Bellinzona: accolta la clausola d’urgenza e bocciato l’emendamento che chiedeva di riattivare le vecchie scuole di Molinazzo e Daro
Bellinzonese
11 ore

Daro, ecco i soldi: parte la ricostruzione di via ai Ronchi

Il Cc ha votato l’anticipo di 2,45 milioni. La Città pretende il risarcimento dal proprietario del cantiere edile all’origine del crollo
Luganese
11 ore

AlpTransit verso sud, Lugano picchia i pugni contro Berna

Votata all’unanimità la risoluzione extra-Loc che critica il progetto di Berna di tagliare la Neat e chiede di proseguire il tracciato fino al confine
Bellinzonese
11 ore

Giubiasco, 14 anni dopo luce verde alla centrale a biogas

Il Cc di Bellinzona ha avallato l’operazione lanciata dall’Amb con la Sopracenerina per un impianto che costerà quasi 27 milioni
22.04.2022 - 11:54
Aggiornamento: 15:57

Campione ricorre alle sezioni unite della Corte dei Conti

Dopo la bocciatura del piano di riequilibrio finanziario. Di fronte all’ipotesi di un nuovo commissariamento, il sindaco Roberto Canesi è ‘tranquillo’

di Marco Marelli
campione-ricorre-alle-sezioni-unite-della-corte-dei-conti
archivio Ti-Press
Roberto Canesi

«Se ci dicono che dobbiamo andare a casa, non mi metto a piangere...». Roberto Canesi, sindaco di Campione d’Italia, commenta così la possibilità che il Comune dell’enclave possa essere nuovamente commissariato, così come è stato nel 2018, con l’arrivo in riva al Ceresio del commissario prefettizio Giorgio Zanzi. A inizio marzo la Corte dei Conti della Lombardia ha bocciato il piano di riequilibrio finanziario pluriennale 2021-2029. Una bocciatura lungamente motivata (il dispositivo è articolato in 87 pagine) che chiama in causa anche il Casinò che ha riaperto i battenti lo scorso 26 gennaio. «Una bocciatura dei nostri conti che erano stati approvati dal Ministero dell’interno, per cui abbiamo deciso di ricorrere davanti alle sezioni riunite della Corte dei Conti – continua Canesi –. E il ricorso è stato depositato ieri dai due avvocati a cui abbiamo affidato l’incarico, la professoressa Chiara Cacciavillani di Venezia e il professor Gennaro Terracciano di Roma».

Un ricorso sviluppato in una ventina di pagine in cui i due esperti ribattono alle valutazioni negative dei giudici contabili lombardi, secondo i quali i conti presentati dal comune dell’enclave sono "poco credibili", "incerti" e "inadeguati". Valutazioni che sembrano sottintendere un giudizio netto, definitivo, inappellabile. Così non è, ovviamente, per il sindaco dell’enclave. La decisione delle sezioni riunite della Corte dei Conti (la Cassazione del diritto contabile) è attesa fra novanta giorni. Se il piano di riequilibrio dovesse essere bocciato, il Consiglio comunale verrebbe sciolto. Insomma, nuovo commissariamento che per l’enclave sarebbe l’ennesima mazzata.

«Ma io sono tranquillo, anche perché il lavoro svolto da quando sono in carica lo considero più che positivo, e questo lo si deve al contributo della Giunta, del Consiglio comunale e dei dipendenti comunali – ancora Canesi –. Lo prova il fatto che il Comune presenta un bilancio comunale con un attivo di 4 milioni di franchi. Una somma considerevole per un Comune con 1’800 abitanti. La scorsa settimana abbiamo pagato una mensilità pregressa a dipendenti e a ex dipendenti comunali e l’indennità ai carabinieri. Certo c’è un problema di debiti. Quando sono entrato in carica ammontavano a 43 milioni di franchi, oggi siamo scesi a 41 milioni. Da qui la decisione di presentare un piano di rientro dei debiti lungo 9 anni. Periodo in cui pensiamo di chiudere questa partita che ha messo in crisi la comunità campionese. Però, attenzione, non escludo di anticipare i tempi, liquidare i debiti in tre-quattro anni. Come? Con la dismissione dei cinque beni comunali che senza successo abbiamo messo all’asta. Ora abbiamo scelto la strada della trattativa privata, che ha comportato una riduzione dei prezzi degli immobili, ma non di molto. Fors’anche per questo ci sono state diverse manifestazioni d’interesse, per quasi tutti gli immobili che il Comune ha deciso di alienare. Dovremmo riuscire a incassare una quindicina di milioni di euro». Insomma, non crede di dover fare le valigie? «Il tempo dell’impegno non è ancora esaurito», risponde Canesi. Giudici contabili consentendo.

Leggi anche:

Campione, no al piano di bilancio stabilmente riequilibrato

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved