13.04.2022 - 16:32
Aggiornamento: 18.04.2022 - 16:33

Il 56esimo Concorso di Scienza e gioventù si terrà a Lugano

I sette partecipanti ticinesi sottoporranno i loro lavori originali al giudizio della giuria insieme a un centinaio di altri finalisti svizzeri

il-56esimo-concorso-di-scienza-e-gioventu-si-terra-a-lugano
Scienza e gioventù
Sette i finalisti ticinesi (fra i quali una del Grigioni italiano) al Concorso nazionale di Scienza e gioventù

Dal prossimo 21 al 23 aprile sette giovani ticinesi (Grigioni italiano compreso) presenteranno i loro progetti di ricerca nell’ambito della finale del 56esimo Concorso nazionale di Scienza e gioventù, che quest’anno sarà ospitato dal nuovo campus Usi-Supsi di Viganello. Insieme a un centinaio di altri finalisti provenienti da tutta la Svizzera sottoporranno i loro lavori originali al giudizio della giuria degli esperti e, sabato 23 aprile, riceveranno i meritati riconoscimenti in palio. I sette ticinesi sono: Martino Valsangiacomo (Breganzona) che frequenta il Liceo Lugano 2; Martino Camponovo (Ponte Capriasca, Liceo Lugano 2); Ramon Fitze (Vezia, Liceo Lugano 2); Daniel Barta (Massagno, Liceo Lugano 2); Nathan Oberti (S. Antonino, Liceo cantonale di Bellinzona); Jocelyne Savi (Ponte Capriasca, Liceo Lugano 1) e Aki Giulia Bücher (Lostallo, Büdner Kantonsschule).

Progetti creativi in vari ambiti

L’esposizione dei lavori che partecipano alla finale è prevista venerdì 22 dalle 14 alle 17.30 e sabato 23 aprile dalle 9 alle 11, sempre al Campus Est. Per ottenere l’ammissione alla fase conclusiva del Concorso nazionale ufficiale, i giovani ticinesi e i loro coetanei del resto della Svizzera hanno escogitato le idee più stupefacenti e si sono impegnati a fondo per realizzarle. Dal loro impegno sono scaturiti progetti creativi e scoperte sensazionali nei più disparati ambiti: dalla progettazione e realizzazione di un "Tiny House" all’analisi di un sistema per integrare una cella redox con una coltura di cianobatteri commestibili, in modo che sia possibile recuperare l’ossigeno liberato dalla crescita dei microorganismi per la produzione di energia elettrica. Oltre ai premi in denaro che saranno attribuiti in proporzione alla valutazione espressa dalla giuria, gli autori dei migliori lavori si aggiudicheranno, come ulteriore riconoscimento, diversi premi speciali che permetteranno loro di partecipare a concorsi scientifici e altre manifestazioni internazionali.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved