ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
11 ore

Minusio, Lyceum club da Pedro Pedrazzini

Visita all’atelier dello scultore locarnese giovedì prossimo. A seguire, la merenda
Gallery
Locarnese
11 ore

La Rega decolla nei consensi e nella simpatia

Ben 14’000 visitatrici e visitatori hanno approfittato dell’opportunità di gettare uno sguardo dietro le quinte della base e dell’hangar
Luganese
13 ore

Inaugurato il nuovo Consorzio depurazione acque della Magliasina

Entrato in servizio a Purasca nel 1987 è stato oggetto di ampliamento e ottimizzazione generale fra il 2018 e il 2022
Luganese
16 ore

Precipita mongolfiera: fra curiosi e passanti... la sorpresa

Si è trattato di un’esercitazione congiunta fra la Società svizzera di salvataggio di Lugano e il Gruppo aerostatico Ticino
Mendrisiotto
19 ore

Case ‘Greenlife’, il Municipio nega la licenza edilizia

A Novazzano l‘esecutivo boccia il progetto del complesso abitativo in zona Torraccia. ’Non è in sintonia con il paesaggio’
Locarnese
23 ore

Delitto Emmenbrücke, il presunto colpevole resta in carcere

Richiesti altri tre mesi di carcerazione preventiva per l’uomo sospettato di aver assassinato la 29enne di Losone nel luglio 2021. C’è anche la perizia
Ticino
23 ore

‘Hanno distrutto la vita di mio padre 87enne. E la giustizia?’

Cede dei terreni a due figlie, ma per la terza ‘è un raggiro, non era in grado di capire’. Quando la fragilità della terza età è sfruttata dai famigliari
Mendrisiotto
1 gior

Tra l’Alabama e il Ticino

L’economista della Supsi Spartaco Greppi commenta la strategia economica prospettata da Ticino Manufacturing dopo l’adesione al salario minimo
Ticino
1 gior

Ancora alcuni posti liberi per la giornata sul servizio pubblico

Giovani a confronto. La manifestazione si svolgerà a Bellinzona l’8 ottobre
Ticino
1 gior

Jaquinta Defilippi e Quattropani dichiarano fedeltà alle leggi

Dopo la loro elezione a magistrati da parte del Gran Consiglio. Lei procuratrice pubblica, lui pretore di Leventina
Luganese
1 gior

‘Per il Decs è permesso fare propaganda politica nelle scuole?’

In un’interrogazione Robbiani e Guscio (Lega) contestano una lettera recapitata alle famiglie nella quale si invita a manifestare al taglio alle pensioni
Luganese
1 gior

Castagnola, credito di 3,5 milioni per via Cortivo

Il progetto intende sostituire le canalizzazioni comunali come pure realizzare un posteggio per cicli e motocicli
Ticino
1 gior

Un ottobre da... radar

Tutti i punti osservati speciali dalla Polizia cantonale della settimana fra il 3 e il 9 ottobre: occhio alla velocità
Bellinzonese
1 gior

Camorino, servono 2,5 milioni in più per il Centro polivalente

Il Consiglio di Stato chiede un credito suppletorio ai già stanziati 11 milioni: ‘Necessario aumentare le superfici degli alloggi’ per richiedenti l’asilo
Luganese
1 gior

Lugano, disavanzo di 5,3 milioni nel Preventivo 2023

Dato positivo, ma da relativizzare, spiega Foletti, considerando il nuovo sistema di calcolo. Moltiplicatore d’imposta: si propone di lasciarlo al 77%
Luganese
1 gior

A Lugano e Mendrisio la Biennale svizzera del territorio

Si terrà dal 6 all’8 ottobre. Il pubblico verrà confrontato con il tema ‘(non)finito’, legato alla continua necessità di materie prime
13.04.2022 - 17:28
Aggiornamento: 18:17

Pompieri di Lugano, il 2021 è l’anno delle svolte

Dai lavori previsti per la caserma di via Trevano alla creazione di un centro di formazione fino al potenziamento dell’organico e alle bodycam

pompieri-di-lugano-il-2021-e-l-anno-delle-svolte
Ti-Press
Scatta l’allarme

Avrebbe potuto compromettere l’intera attività del Corpo civici pompieri la pandemia che, prepotentemente, ha squarciato la quotidianità non solo di Lugano ma di tutto un mondo. Così, invece, non è stato. Pur confinando e limitando i militi nella frequentazione della caserma, anche gli ultimi dodici mesi sono stati forieri di nuovi stimoli e obiettivi. A illustrarli è stato il comandante Federico Sala «a conferma – ha spiegato il tenente colonnello – che anche il 2021 è stato un anno importante e che ha rappresentato un’ulteriore sfida per la fondamentale proiezione verso il futuro del nostro glorioso Corpo». Centosettanta anni il prossimo anno i ‘grisù’ luganesi possono, in effetti, ben dire di essere oggi un punto fermo per tutto il distretto, e non solo. A disposizione, oltre che della Città, di 24 Comuni convenzionati e della reciprocità su scala ticinese, con un organico di 153 militi (di cui 7 donne), lo scorso anno ha registrato ben 3’712 interventi, suddivisi fra 993 urgenze e 2’719 servizi.

«Sono stati due anni molto difficili – ha ripercorso il biennio dell’emergenza sanitaria il comandante – che ha richiesto decisioni altrettante difficili e sofferte, a cominciare dall’interruzione di tutte le attività di formazione. Ciò ha pesato soprattutto sui volontari che sono da sempre la nostra spina dorsale». Ed è proprio «in un panorama pompieristico in costante evoluzione che anche il 2021 ha rappresentato un’ulteriore sfida per l’indispensabile crescita». A caratterizzare il primo importante traguardo è l’avvenuto accreditamento dell’Accademia per pompieri professionisti di lingua italiana e i successivi e necessari passi così da poterne garantire l’avvio nei primi mesi del 2022: «La scuola che forma aspiranti pompieri professionisti si compone di un percorso della durata di 18 mesi. Le competenze erogate spaziano dalla lotta antincendio, incidenti in ambito atomico, biologico e chimico, fino ad arrivare ai soccorsi tecnici e l’assistenza preclinica dei pazienti».

Per la caserma 5,4 milioni

Un’accademia che la stessa capodicastero Karin Valenzano-Rossi ha definito «un orgoglio», capace di sollevare nel contempo anche tutta una riflessione sugli spazi, tanto che si sta valutando la creazione di un Centro di formazione sul Piano della Stampa, «capace di accrescere le attuali e future esigenze formative, di soddisfare le esigenze operative del Corpo pompieri e promuovere la formazione specialistica non solo per i pompieri professionisti e volontari, ma anche per i partner di soccorso e per le aziende pubbliche e private». Ancora allo stadio di approfondimenti, il nuovo quartier generale potrebbe porsi quale preziosa spalla alla storica sede di via Trevano 127, costruita nel 1965, e che vedrà da qui al 2025 una consistente ristrutturazione e opere di ammodernamento non solo della caserma ma anche dei sedici appartamenti a disposizione dei militi. Lavori necessari per i quali Lugano ha messo sul tavolo 5 milioni e 400mila franchi.

Si accennava a un anno che ha incubato diverse mete: «Un’altra necessità – è stato spiegato nel corso della conferenza stampa – riguarda il posizionamento a ovest. In concerto con i colleghi di stanza all’aeroporto di Agno, l’obiettivo è quello di aumentarne la formazione e di creare un distaccamento di militi e veicoli capaci di raggiungere nel minor tempo possibile quella regione. L’idea è di un picchetto sul posto, come operato per esempio dai soccorsi sanitari, che copra la settimana da lunedì a sabato, a favore degli interventi urbani». Un territorio, dunque, più ‘marcato’, che probabilmente andrà a coprire, dopo l’atteso avallo del Consiglio di Stato, anche il nuovo Comune di Tresa.

Organico verso i sessanta professionisti

Del resto l’orizzonte di Lugano tiene conto di nuove assunzioni così da potenziarne le risorse umane. Terminata la cosiddetta fase 2 che porterà nel 2023 a una quarantina di militi professionisti, quella che sarà la terza fase vedrà al servizio del Corpo luganese 60 unità. L’impegno costante e i numeri del resto confermano la necessità di un potenziamento: «Il 2021 peraltro – non ha mancato di far sapere Sala – è l’anno in cui il Corpo ha effettuato il maggior numero di promozioni, ciò non solo per premiare lo sforzo dei militi messo in campo ma per premiare la competenza accresciuta e le conoscenze e la dedizione dimostrate».

Se guardiamo alle cifre crude, le statistiche disegnano infatti un anno impegnativo. Fra urgenze e servizi i militi sono stati chiamati una media di 10 volte al giorno. Da una parte per il fuoco (524 interventi di cui 7 boschivi, «parlerei però più che di dolo di un aumento dei casi di disattenzione» ha specificato il comandante) e dall’altra per i servizi d’igiene (2’570). Poi una lunga lista fra abc (191 nel settore atomico, biologico, chimico), acqua (124), salvataggi (70), eventi naturali (29). Gli incendi, quindi, restano la preoccupazione numero uno per i ‘grisù’ (più della metà degli interventi d’urgenza che hanno registrato una media giornaliera di 2,72 nonché di oltre 12mila ore di servizio e 5’555 militi ingaggiati). Un carico doppio, curiosando negli annali, se confrontiamo il 2010 e i suoi 709 interventi d’urgenza e 928 servizi. Interventi, peraltro, sempre più complicati, delicati, caratterizzati dalla necessità di ‘documentare’ fosse solo per carpirne le responsabilità e le dinamiche, tanto da portare a una seria riflessione sulla necessità di dotare ciascun pompiere di una telecamera. La tempistica? «Probabilmente entro fine anno» ci conferma Federico Sala.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved