ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
3 ore

Coriandoli ma non solo: a Cadenazzo volano pure pugni e calci

Prima serata di bagordi carnascialeschi segnata da una persona ferita al capannone. Il presidente: ‘Episodio fortunatamente isolato e circosrcritto’
Locarnese
8 ore

Brissago, il bando di pesca finisce imbrigliato nelle reti

Il Tribunale amministrativo concede l’effetto sospensivo al ricorso di un professionista che contesta l’ampliamento dell’area inizialmente concordata
Luganese
17 ore

‘Spetta agli organizzatori gestire i propri rifiuti’

Il Municipio risponde a un’interrogazione in cui si questionava sull’impatto ambientale delle manifestazioni pubbliche
Luganese
18 ore

Lac, bilancio condizionato dalla pandemia del Covid

L’ente culturale fa segnare un leggero utile d’esercizio, i conti in Consiglio comunale
Bellinzonese
18 ore

Bodio: riprendono i mercatini benefici dell’Associazione Alessia

A partire da mercoledì 1 febbraio nello stabile ex Monteforno
Ticino
18 ore

Città dei mestieri, ‘un punto centrale, ora bisogna irradiarsi’

Presentato il bilancio del terzo anno: in continua crescita gli utenti alla ricerca di informazioni su formazione professionale e mondo del lavoro
Mendrisiotto
18 ore

Truffe per almeno due milioni di franchi: venti mesi sospesi

Condannato alle Assise correzionali di Mendrisio un 67enne per fatti avvenuti tra il 2012 e il 2014. Danneggiate oltre 19 persone.
Bellinzonese
19 ore

Porte aperte alle Scuole Santa Maria di Bellinzona

Giovedì 9 febbraio possibilità di assistere alle lezioni e incontrare i docenti di scuole elementari e medie
Luganese
19 ore

Gli orologi... del crimine, confiscati e messi all’asta

Rolex, Cartier, e una quantità di monili a un incanto giudiziario a Rivera
Ticino
19 ore

Ufficio anziani e cure a domicilio, nominato Daniele Stival

Prende il posto di Francesco Branca, in pensione dopo una lunga carriera. La nomina è stata decisa nella riunione di mercoledì dal Consiglio di Stato
Ticino
19 ore

Aumento delle stime fiscalmente neutro, oltre 17mila le firme

I promotori dell’iniziativa popolare costituzionale hanno depositato oggi in Cancelleria le sottoscrizioni
Ticino
20 ore

‘La polizia farà la sua parte per ridurre la spesa pubblica’

Lo ha detto Norman Gobbi durante l’annuale Rapporto di Corpo della Cantonale. ‘Positivo il bilancio del 2022 e la capacità di adattamento’
Ticino
20 ore

‘Bandir gennaio’ non bandisce anche i radar

Come ogni venerdì, ecco la lista delle località nelle quali verranno effettuati controlli elettronici della velocità dal 30 gennaio al 5 febbraio
12.04.2022 - 16:16
Aggiornamento: 17:31

Lugano, svelato il ‘mistero’ artistico in Contrada di Verla

Gli allievi del Csia hanno riassemblato gli elementi dell’installazione in centro città che vuole celebrare il sessantesimo della scuola artistica

lugano-svelato-il-mistero-artistico-in-contrada-di-verla
Csia
L’opera riassemblata dagli allievi richiama il sessantesimo del Csia

Svelato il ‘mistero’ dell’installazione artistica posata in contrada di Verla lo scorso 28 marzo. Nella centralissima via cittadina, da un paio di settimane, sono apparsi degli elementi insoliti, strani, alti quasi quattro metri. La mano, o meglio le mani, dietro a quelle strutture, che oggi hanno preso una forma nuova, si apprende, sono quelle degli studenti del Centro scolastico per le industrie artistiche (Csia), che quest’anno compie sessant’anni. L’installazione artistica è il frutto del lavoro degli allievi e delle allieve decoratori 3D, che hanno assemblato i grandi elementi posati lungo la via pedonale nelle scorse settimane. L’iniziativa voluta dalla direzione del Csia, dal Dipartimento dell’educazione, della cultura e dello sport (Decs) e dalla Divisione della formazione professionale (Dfp), ha coinvolto anche i docenti, nell’ambito dei festeggiamenti dell’anniversario della scuola.

‘Un’iniziativa per stupire e incuriosire’

Anche nei festeggiamenti per i suoi 60 anni, il Csia ha quindi voluto mettere in pratica ciò che insegna e ciò che continua ad apprendere nella formazione dei mestieri d’arte e d’artigianato, nel design visivo e di prodotto, nonché nella formazione delle arti tradizionali. Stamattina in Contrada di Verla, il direttore Roberto Borioli ha sottolineato come "Ogni forma, ogni volume può essere visto come una scultura, un’opera espressiva oppure un messaggio un simbolo, che ricorda come nelle professioni creative del design pensare, concepire, progettare e realizzare, sono fasi che portano a concretizzare sogni e idee. Con questa iniziativa abbiamo voluto stupire e incuriosire. Questo per sottolineare l’importanza di una comunicazione professionale efficace: un campo operativo e di formazione che impegna la nostra scuola da oltre 60 anni".

Oltre 500 allievi e 140 docenti

Per celebrare l’anniversario dei sessant’anni dalla fondazione nell’anno scolastico in corso, il Csia ha già allestito lo scorso autunno negli spazi dell’atrio e della biblioteca della sede di via Brentani a Lugano un’esposizione dedicata alla figura dello storico direttore Pietro Salati (1920-1975) che, dal ’64 al ’75, ha lasciato una traccia importante nella storia della sua scuola. Per la ricorrenza, oltre alla campagna di comunicazione promossa su tutto il territorio cantonale, è stata pure restaurata e riposizionata una gigantesca caffettiera di metallo posizionata all’entrata della sede, quale installazione informativa sugli eventi. Fra gli obiettivi principali dell’istituto, ci sono quelli di sviluppare la creatività degli allievi e di coltivare la loro passione per il design e l’arte in generale. Questa scuola, che conta oltre 500 studenti e 140 docenti, è uno dei centri professionali cantonali coordinati dalla Divisione della formazione professionale del Decs.

Arte applicate, vari percorsi formativi

Il Csia, che comprende la Scuola d’arte applicata (Saa), la Scuola professionale artigianale e industriale (Spai), la Scuola cantonale d’arte (Sca) e la Scuola specializzata superiore di arte applicata (Sss-aa), forma i professionisti e le professioniste nel settore delle arti applicate attraverso diversi percorsi formativi, in costante adeguamento secondo le necessità del mercato. L’ottenimento della maturità professionale o della maturità specializzata permette di proseguire gli studi in Scuole universitarie professionali, nelle Accademie di belle arti e presso alcune Università. Grazie agli attestati federali di capacità nelle professioni delle arti applicate, i giovani e le giovani possono inoltre proseguire la loro formazione nei campi del Design visivo e del Design di prodotto presso la Scuola specializzata superiore in sede Csia o altri istituti di livello terziario.

All’avanguardia, dalla sua nascita

Nel corso degli anni, la scuola ha formato la maggior parte dei professionisti attivi in Ticino nella comunicazione visiva, nelle arti e nel design. I diplomati rivestono ruoli professionali di primo piano anche a livello internazionale. Il Csia è all’avanguardia sin dalle sue origini e ha continuato ad adattarsi ai cambiamenti tecnologici intercorsi con il desktop publishing negli anni 80, la grafica digitale, l’infografica e l’animazione digitale negli anni 90, sino all’integrazione del mondo multimediale. La scuola ha anticipato i tempi con corsi post diploma dal ’94 e l’istituzione di una scuola specializzata superiore in design visivo e design di prodotto, attiva dal 2005.

Leggi anche:

Lugano, installazione ‘misteriosa’ in Contrada di Verla

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved