in-aula-voragine-da-24-milioni-nell-ambito-immobiliare
Ti-Press
Domani parola ad accusa e difesa
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
7 min

Film per le famiglie domenica in Piazza Grande

Dopo due anni di pausa forzata dovuta alla pandemia, torna la proposta cinematografica promossa dal Gruppo genitori
Mendrisiotto
11 min

Il Gruppo Progetto Monte organizza merenda, spettacolo e musica

L’appuntamento, organizzato con il sostegno del Comune di Castel San Pietro, è in piazza della Chiesa a Monte domenica 14 agosto, dalle ore 17 alle 19
Locarnese
23 min

Monte Comino, domenica torna la festa popolare

Appuntamento in quota al Grotto al Riposo romantico; carne alla griglia, musica e intrattenimenti per i più piccoli nel programma della giornata
Mendrisiotto
27 min

Chiasso, la piscina quadrata non riaprirà

La decisione è stata presa a titolo precauzionale a seguito della perdita di cloro. Da metà settembre la vasca sarà oggetto di analisi approfondite
Grigioni
39 min

Un Ferragosto alpino a San Bernardino

Ricca offerta di attività per famiglie in centro al paese e nei dintorni
Luganese
49 min

Alla Resega sbarcano due nuove macchine del ghiaccio

Le ENGO IceTiger, che vanno a propulsione elettrica, permetteranno di ripulire la superficie della Cornèr Arena in pochissimo tempo
Bellinzonese
56 min

Il gruppo cornisti di Corzoneso si esibisce a Quinto

Il concerto, organizzato dal Consiglio parrocchiale con il patrocinio del Comune, si terrà lunedì 15 agosto alle 10.45
Bellinzonese
1 ora

Torre, serata di poesia e musica al Cima Norma Art Festival

Appuntamento per sabato 13 agosto a partire dalle 20 nell’ex fabbrica di cioccolato
Luganese
1 ora

Tentato assassinio, c’era alta tensione tra padre e figlio

In via di miglioramento il 22enne. Ieri avrebbe dormito fuori casa per sfuggire alle pesanti liti. Trovata dalla polizia l’arma, un Flobert calibro 22
Grigioni
1 ora

Grigioni, individuato un ottavo branco di lupi

È stato chiamato ‘Wannaspitz’. Attualmente si aggira fra i comuni di Vals, Lumnezia e Ilanz
Bellinzonese
1 ora

A Giubiasco quasi un milione per l’ex palazzo comunale

Dopo una prima fase di risanamento strutturale, è ora necessario installare la nuova caldaia e un impianto per rinfrescare
Locarnese
1 ora

A Fusio si celebra la festa patronale

Il prossimo 15 agosto nel villaggio alto valmaggese si rinnova il tradizionale appuntamento. Nel pomeriggio sarà allestito il mercatino
Bellinzonese
2 ore

Castellinaria, ‘Mercato coperto più accogliente e accessibile’

Per Flavia Marone (presidente del festival) la struttura di Giubiasco presenta vantaggi sia dal punto di vista logistico, sia da quello finanziario
Grigioni
2 ore

I serpenti della Svizzera italiana a San Bernardino

Il biologo Daniele Muri li presenterà durante un incontro pubblico giovedì 11 agosto
06.04.2022 - 20:24

In aula voragine da 24 milioni nell’ambito immobiliare

Amministratore e dipendente della M&A alle Assise criminali di Lugano devono rispondere di reati patrimoniali. Una ventina i clienti danneggiati

«Indubbiamente ho tirato troppo la corda e non mi sono reso conto dell’indebitamento. Ho fatto un uso improprio dei capitali». Così si è giustificato un 68enne italiano, amministratore della società luganese M&A attiva nel finanziamento in ambito immobiliare, comparso oggi davanti alla Corte delle Assise criminali di Lugano con l’accusa di ripetuta appropriazione indebita, truffa, cattiva gestione, falsità in documenti e minaccia. In aula accanto a lui anche un dipendente della società, attraverso la quale i due imputati avrebbero raccolto complessivamente oltre 36 milioni di euro, 24 dei quali utilizzati indebitamente. I fatti risalgono al periodo compreso tra il 2014 e il 2019. I due, dopo aver emesso una serie di obbligazioni per svariati milioni, non sono riusciti a coprire i costi da esse generate, come il pagamento di cedole o il rimborso delle stesse obbligazioni. A farne le spese una ventina di clienti. Nell’atto d’accusa firmato dalla procuratrice pubblica Chiara Borelli figura anche un collegamento, legato a un’operazione di riciclaggio, con Adriano e Filippo Cambria, padre e figlio coinvolti nel ‘caso Adria’. L’imputato 68enne avrebbe ottenuto dai due alcuni milioni senza curarsi della loro provenienza illecita. «Non è il compito mio andare a controllare da dove arriva questo denaro», si è difeso.

‘L’iniziativa Weber sulle case secondarie ci ha tagliato le gambe’

«Voglio presentarvi il mio modello di businnes. Io non sono un costruttore ma un finanziere, trovo il denaro e lancio programmi residenziali con lo scopo di vendere poi gli immobili», ha affermato l’imputato rivolgendosi alla Corte presieduta dalla giudice Francesca Verda Chiocchetti (giudici a latere Monica Sartori-Lombardi e Fabrizio Filippo Monaci). Non sempre però le cose sono andate come l’uomo aveva previsto. «Il mercato in Ticino non è sempre facile. Alcuni progetti sono rimasti invenduti e mancava liquidità». Nonostante questo la società ha continuato a sottoscrivere obbligazioni con investitori interessati al mercato immobiliare. Soldi che in parte venivano usati per coprire i debiti pregressi e pagare gli stipendi. «Il mio compito era di ricercare i capitali per gli investimenti finanziari. Dovevo avvicinare gli investitori qualificati per le iniziative immobiliari. Facevo questo a ritmo incessante, come una macchinetta», ha spiegato il 58enne dipendente, che è accusato di complicità e correità. Momento di svolta per la società e il destino dei due imputati è avvenuto con l’approvazione dell’iniziativa Weber sulle case secondarie, che ha limitato al 20% la presenza di case secondarie in ogni Comune. Da quel momento gli affari della M&A si sono deteriorati, arrivando a generare parte dei buchi milionari che poi hanno portato all’inchiesta e al processo. «Da quel momento la domanda per le case secondarie ha rincontrato una flessione. A questo problema si sono aggiunti un paio di progetti che non sono andati a buon fine. Alcuni appartamenti, una volta realizzati, non rispondevano più alle richieste del mercato e non si è quindi riusciti a venderli. Il mercato ticinese è quello che è, abbiamo provato a operare in altre regioni svizzere e in altri stati ma non ha funzionato», si è giustificato il 68enne, che dopo la carcerazione preventiva ha deciso di scontare la pena anticipatamente. «La vita mi ha dato molto, ho fatto una bellissima carriera. Sono arrivato in Svizzera per caso e ho avuto lavori motivanti. Ora mi sento un uomo fallito. Sento il peso dell’onta su di me e il dispiacere per chiudere male la mia vita. So di aver fatto un errore spaventoso», ha affermato l’imputato.

Riciclaggio legato alla Adria costruzioni

Nell’atto d’accusa, come detto, figurano anche i nomi di Adriano e Filippo Cambria, titolari della Adria costruzioni, finiti al centro di un’indagine che ha coinvolto anche Yves Wellauer, direttore della banca Wir. I Cambria, lo ricordiamo, hanno potuto godere in un periodo tra il 2014 e il 2015 di un credito garantito dalla banca di 100 milioni, utilizzati per avviare cantieri e operazioni immobiliari. Ma anche per garantirsi un altissimo stile di vita, tra auto di lusso e yacht. Parte di questo denaro, come sostiene la pp, sarebbe passato anche dalla M&A. I Cambria hanno accreditato un totale di oltre due milioni alla società luganese. Un’azione che, sostiene la procuratrice, avrebbe potuto vanificare l’accertamento dell’origine, il ritrovamento e la confisca di quei soldi.

Il processo proseguirà domani, quando a prendere la parola davanti alla Corte saranno accusa e difesa.

Leggi anche:

Caso Adria, cinque persone rinviate a giudizio dinanzi alle Criminali

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
chiara borelli criminali francesca verda chiocchetti lugano
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved