in-aula-voragine-da-24-milioni-nell-ambito-immobiliare
Ti-Press
Domani parola ad accusa e difesa
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
8 ore

Fotovoltaico e aziende, giovedì 25 terzo e ultimo incontro

Promosso dal Dipartimento del territorio in collaborazione con la Cc-Ti, si terrà a S.Antonino nella Sala Multiuso
Luganese
9 ore

‘Devo allenarmi per l’uni ma... che fatica trovare spazi’

Prepararsi per l’ammissione alla facoltà di sport, tra vincoli comunali e cantonali e difficoltà a trovare una palestra: la testimonianza e le repliche
Ticino
10 ore

Pedibus, tra sicurezza ed ecologia

A oggi in Ticino oltre 1’300 bambini usufruiscono dei percorsi ufficiali, all’insegna di una mobilità sostenibile e più green
Mendrisiotto
10 ore

‘Fughe’ di cloro in piscina, chiudono tre vasche su quattro

Soluzione di compromesso di Chiasso davanti alla richiesta di Vacallo di archiviare la stagione balneare. Obiettivo comune, tutelare la falda idrica
Luganese
10 ore

‘Ha sede legale a Lugano’ lo Stato Antartico di San Giorgio

Lo studio di via Pioda valuta provvedimenti a tutela della propria immagine dopo essere stato tirato in ballo da persone finite sotto inchiesta in Italia
Mendrisiotto
10 ore

Operatore di prossimità, a Mendrisio c’è il bando

La Città cerca una figura a metà tempo a partire dal gennaio prossimo. L’assunzione segue la decisione di staccarsi dal Servizio regionale
Bellinzonese
10 ore

Lumino: contro pericoli naturali e roghi si punta pure sul bosco

Chiesti al Cc 50mila franchi per elaborare un piano di gestione del territorio forestale e prevedere strutture idonee per contrastare gli incendi
Ticino
11 ore

Estate: in bilico fra santi e falsi dei... e controlli radar

Come ogni venerdì la Polizia cantonale comunica le località nelle quali verranno effettuati controlli elettronici della velocità dal 22 al 28 agosto
Mendrisiotto
12 ore

Sat Mendrisio organizza una gita in Val Formazza

Si partirà dal capoluogo momò alle 6.30 di sabato 3 settembre. La camminata durerà cinque ore. Le iscrizioni entro il 27 agosto
Locarnese
12 ore

Assemblea dell’Associazione Football Club Locarno

Per i soci del sodalizio calcistico del Lido ritrovo martedì a Palazzo Marcacci. Oltre al preventivo vi saranno le nomine del comitato
Mendrisiotto
12 ore

Riva San Vitale, festa di fine estate con concerti dal vivo

Musica live dei gruppi Luis Landrini Band e Vasco Jam. Appuntamento per sabato 27 agosto al Lido comunale tra rock e folclore latino
Locarnese
12 ore

Orselina, proiezioni cinematografiche al Parco

Tre serate all’insegna della settima arte nel giardino del paese. Organizzate dalla Pro in collaborazione con Festival, Cisa e Ticino Film Commission
Grigioni
12 ore

Maloja/Isola, elicottero fallisce l’atterraggio: 3 feriti lievi

Il velivolo si è ribaltato lateralmente. I tre passeggeri hanno lasciato l’abitacolo da soli
Locarnese
12 ore

Cevio, consegnate le firme per i due referendum

A decidere sulla vendita di un terreno e la costruzione di una scuola ‘patriziale’ a Bignasco saranno i cittadini
06.04.2022 - 20:24

In aula voragine da 24 milioni nell’ambito immobiliare

Amministratore e dipendente della M&A alle Assise criminali di Lugano devono rispondere di reati patrimoniali. Una ventina i clienti danneggiati

«Indubbiamente ho tirato troppo la corda e non mi sono reso conto dell’indebitamento. Ho fatto un uso improprio dei capitali». Così si è giustificato un 68enne italiano, amministratore della società luganese M&A attiva nel finanziamento in ambito immobiliare, comparso oggi davanti alla Corte delle Assise criminali di Lugano con l’accusa di ripetuta appropriazione indebita, truffa, cattiva gestione, falsità in documenti e minaccia. In aula accanto a lui anche un dipendente della società, attraverso la quale i due imputati avrebbero raccolto complessivamente oltre 36 milioni di euro, 24 dei quali utilizzati indebitamente. I fatti risalgono al periodo compreso tra il 2014 e il 2019. I due, dopo aver emesso una serie di obbligazioni per svariati milioni, non sono riusciti a coprire i costi da esse generate, come il pagamento di cedole o il rimborso delle stesse obbligazioni. A farne le spese una ventina di clienti. Nell’atto d’accusa firmato dalla procuratrice pubblica Chiara Borelli figura anche un collegamento, legato a un’operazione di riciclaggio, con Adriano e Filippo Cambria, padre e figlio coinvolti nel ‘caso Adria’. L’imputato 68enne avrebbe ottenuto dai due alcuni milioni senza curarsi della loro provenienza illecita. «Non è il compito mio andare a controllare da dove arriva questo denaro», si è difeso.

‘L’iniziativa Weber sulle case secondarie ci ha tagliato le gambe’

«Voglio presentarvi il mio modello di businnes. Io non sono un costruttore ma un finanziere, trovo il denaro e lancio programmi residenziali con lo scopo di vendere poi gli immobili», ha affermato l’imputato rivolgendosi alla Corte presieduta dalla giudice Francesca Verda Chiocchetti (giudici a latere Monica Sartori-Lombardi e Fabrizio Filippo Monaci). Non sempre però le cose sono andate come l’uomo aveva previsto. «Il mercato in Ticino non è sempre facile. Alcuni progetti sono rimasti invenduti e mancava liquidità». Nonostante questo la società ha continuato a sottoscrivere obbligazioni con investitori interessati al mercato immobiliare. Soldi che in parte venivano usati per coprire i debiti pregressi e pagare gli stipendi. «Il mio compito era di ricercare i capitali per gli investimenti finanziari. Dovevo avvicinare gli investitori qualificati per le iniziative immobiliari. Facevo questo a ritmo incessante, come una macchinetta», ha spiegato il 58enne dipendente, che è accusato di complicità e correità. Momento di svolta per la società e il destino dei due imputati è avvenuto con l’approvazione dell’iniziativa Weber sulle case secondarie, che ha limitato al 20% la presenza di case secondarie in ogni Comune. Da quel momento gli affari della M&A si sono deteriorati, arrivando a generare parte dei buchi milionari che poi hanno portato all’inchiesta e al processo. «Da quel momento la domanda per le case secondarie ha rincontrato una flessione. A questo problema si sono aggiunti un paio di progetti che non sono andati a buon fine. Alcuni appartamenti, una volta realizzati, non rispondevano più alle richieste del mercato e non si è quindi riusciti a venderli. Il mercato ticinese è quello che è, abbiamo provato a operare in altre regioni svizzere e in altri stati ma non ha funzionato», si è giustificato il 68enne, che dopo la carcerazione preventiva ha deciso di scontare la pena anticipatamente. «La vita mi ha dato molto, ho fatto una bellissima carriera. Sono arrivato in Svizzera per caso e ho avuto lavori motivanti. Ora mi sento un uomo fallito. Sento il peso dell’onta su di me e il dispiacere per chiudere male la mia vita. So di aver fatto un errore spaventoso», ha affermato l’imputato.

Riciclaggio legato alla Adria costruzioni

Nell’atto d’accusa, come detto, figurano anche i nomi di Adriano e Filippo Cambria, titolari della Adria costruzioni, finiti al centro di un’indagine che ha coinvolto anche Yves Wellauer, direttore della banca Wir. I Cambria, lo ricordiamo, hanno potuto godere in un periodo tra il 2014 e il 2015 di un credito garantito dalla banca di 100 milioni, utilizzati per avviare cantieri e operazioni immobiliari. Ma anche per garantirsi un altissimo stile di vita, tra auto di lusso e yacht. Parte di questo denaro, come sostiene la pp, sarebbe passato anche dalla M&A. I Cambria hanno accreditato un totale di oltre due milioni alla società luganese. Un’azione che, sostiene la procuratrice, avrebbe potuto vanificare l’accertamento dell’origine, il ritrovamento e la confisca di quei soldi.

Il processo proseguirà domani, quando a prendere la parola davanti alla Corte saranno accusa e difesa.

Leggi anche:

Caso Adria, cinque persone rinviate a giudizio dinanzi alle Criminali

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
chiara borelli criminali francesca verda chiocchetti lugano
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved