droga-e-armi-cavalli-di-razza-tutti-estradati-in-italia
Ti-Press/Archivio
Il traffico di droga proveniva dall’Ecuador
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
18 min

A Coldrerio si cammina con il nordic walking

Dal 29 agosto prossimo riaprono i corsi. L’appuntamento è già fissato tre volte la settimana
Bellinzonese
51 min

Penuria energetica: ’qual è la strategia di Bellinzona?

Claudio Cattori (Centro) sollecita il Municipio in merito alle possibili misure di risparmio e alla capacità dell’Amb di aumentare le produzione
Grigioni
1 ora

Proporzionale e ambulanza, a Mesocco riuscite le iniziative

Raggiunto il limite di firme. Le due tematiche saranno ora sottoposte al Legislativo. In caso di bocciatura i promotori potranno chiedere il voto popolare
Mendrisiotto
1 ora

A Mendrisio ci si prepara per la Sagra del Borgo

Un ritorno che segna la quarta edizione della manifestazione rinnovata. Per associazioni e no c’è ancora spazio per iscriversi
Locarnese
1 ora

Gerra Gambarogno festeggia San Rocco

Domenica vi sarà la tradizionale messa seguita dalla maccheronata e dalle animazioni
Luganese
1 ora

Monteceneri, c’è la proposta di tiro obbligatorio

Lo organizzano i Tiratori del Vedeggio, gratuitamente, settimana prossima al poligono militare
Mendrisiotto
1 ora

L’Asm Arzo tira le somme e guarda alla stagione 2022-2023

I soci si riuniranno a inizio settembre per l’assemblea annuale. In programma relazione presidenziale e nomine
Locarnese
2 ore

A Locarno il ministro degli esteri degli Emirati arabi uniti

In visita alla Schindler Sa, ha incontrato il presidente Cassis e una delegazione cittadina
Locarnese
3 ore

Risparmio energetico, Brissago fa la sua parte

Allo studio misure per ridurre i consumi senza penalizzare l’attività e l’appeal del paese. A cominciare dall’illuminazione natalizia
03.04.2022 - 18:38
Aggiornamento: 20:01
di Marco Marelli

Droga e armi: ‘Cavalli di razza’ tutti estradati in Italia

I ‘tentacoli’ della criminalità organizzata sconfinano in Ticino e in Svizzera, dove sentono di poter agire in piena libertà

I sei presunti ’ndranghetisti, arrestati lo scorso novembre in Svizzera (due dei quali a Lugano), nell’ambito dell’operazione "Cavalli di razza" (104 gli arresti tra Calabria, Toscana e Lombardia), sono stati tutti estradati in Italia. L’ultima estradizione è stata eseguita nel fine settimana negli uffici della Polizia di frontiera di Ponte Chiasso, dove è stato consegnato un 39enne calabrese, originario di Chiaravalle Centrale, residente a Coira, dove era stato arrestato, affiliato alla ’ndrina di Fino Mornasco, una emanazione di quella di Giffone, che ritroviamo in tutte le indagini della Dda di Milano che, dal 1994, hanno certificato il radicamento della criminalità organizzata in provincia di Como, con tentacoli in Ticino.

In Svizzera per schivare il 416 bis

I Clan, per sottrarsi al 416 bis, ovvero l’aggravante dell’associazione mafiosa, che prevede pesanti condanne e un regime carcerario molto duro, avevano deciso di replicare in Svizzera un modello ben strutturato in Italia. E in Svizzera si sentivano di poter agire in piena libertà, come più volte ha sottolineato Alessandra Dolci, da qualche anno capo della Dda di Milano, dopo essere stata per lunghi anni, braccio destro di Ilda Boccassini: "Con questa inchiesta abbiamo documentato la presenza in Svizzera di propaggini della locale ’ndrangheta di Fino Mornasco. Si muovevano con maggior tranquillità, arrivando a dire che conveniva stare in Svizzera perché non c’è il 416 bis (numerose le intercettazioni telefoniche in cui gli arrestati a Zurigo e Coira parlano del carcere duro, ndr)". Negli atti dell’indagine condotta dalla Questura di Milano e dalla Guardia di finanza di Como, oltre che del traffico di droga e armi, si parla anche del fatto che oltre Gottardo al clan di Fino Mornasco veniva chiesta la protezione. Alessandra Dolci: "Abbiamo accertato anche casi di soggetti calabresi titolari di esercizi commerciali in Svizzera, soprattutto ristoranti e locali notturni, che hanno chiesto l’intervento e la protezione dei nostri indagati per far cessare un’attività di spaccio davanti ai loro locali".

Ruolo ‘apicale’ del 41enne arrestato a Lugano

A rifornire gli spacciatori erano gli stessi che poi garantivano la protezione. Nel frattempo, si è appreso che un primo gruppo di dieci arrestati nel Comasco comparirà il 23 giugno davanti al tribunale collegiale di Como con rito immediato. Nel novembre scorso gli oltre cento arrestati erano finiti dietro le sbarre per un ventaglio di reati, fra cui associazione per delinquere di stampo mafioso, traffico internazionale di cocaina (quasi cinque quintali il quantitativo sequestrato soprattutto nei porti di Livorno e Vado Ligure) e di armi (dalla Svizzera in cambio di cocaina: accusa mossa agli affiliati della ’ndrina di Fino Mornasco). Un ruolo apicale nel colossale traffico di cocaina proveniente dall’Ecuador, gli inquirenti lo cuciono su uno dei due arrestati a Lugano, il 41enne arrestato in riva al Ceresio, dove lavorava in un ristorante come cuoco-cameriere.

Leggi anche:

’Ndrangheta, rito immediato per 43 presunti affiliati

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
armi cocaina criminalità organizzata droga estradati lugano razza svizzera ticino
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved