ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
1 ora

‘I pirati del Lago Maggiore’ al Centro Triangolo

Marco Bazzi presenterà il suo libro giovedì 1 dicembre alle 17.30, in occasione del finissage della mostra di Maddalena Mora e Luca Albrecht
Locarnese
1 ora

Contro la violenza sulle donne, le scarpe rosse in piazza

Azione di sensibilizzazione in via Ramogna sulla tematica da parte delle socie di Soroptimist Club e Zonta Club Locarno
Locarnese
2 ore

Concerto del Coro Calicantus nella Chiesa di Maggia

Appuntamento venerdì, alle 20.30. La formazione diretta dal maestro Mario Fontana proporrà canti tradizionali dal mondo intero
Luganese
4 ore

Secondo sgombero ex Macello, c’è stata sproporzionalità

La Corte dei reclami penali ha accolto alcune contestazioni degli autogestiti in merito ai rilievi del Dna e alla raccolta delle impronte
Bellinzonese
6 ore

Nuova sede Ior a Bellinzona, approvato lo studio di fattibilità

Il Consiglio di fondazione lo sottoporrà ora all’Usi che lo invierà, con la richiesta di finanziamento federale, alla Segreteria di Stato per la ricerca
Mendrisiotto
6 ore

Basso Mendrisiotto, depositata una istanza di aggregazione

I tre promotori di Balerna alle intenzioni hanno fatto seguire i fatti. Ora avranno tre mesi di tempo per raccogliere 350 firme
Luganese
14 ore

Lugano, Lombardi: ‘Commissioni di quartiere da attivare’

Il municipale amareggiato per lo scarso interesse dimostrato nella consultazione sul Piano direttore comunale. ‘Coinvolgere resta importante’
Mendrisiotto
14 ore

Al Centro temporaneo per migranti si sente la pressione

Tornano a salire i numeri della struttura che, dopo Rancate, accoglie le persone destinate a essere riammesse in Italia
04.04.2022 - 17:29
Aggiornamento: 17:47

Montarina, si proceda con una variante di Pr

I commissari della Pianificazione chiedono la tutela di Casa Walty e Villa Ganser: ‘Incomprensibile la loro esclusione dal Perimetro di valorizzazione’

montarina-si-proceda-con-una-variante-di-pr
Dipartimento del territorio
Una parte del quartiere di Montarina vista dall’alto

"Se il ricorso relativo ai fondi 1025 e 1026 dovesse venire accolto, il Municipio è invitato a includere i due mappali in uno studio pianificatorio. In attesa del consolidamento legale del Piano regolatore si adottino le opportune misure di salvaguardia della pianificazione, segnatamente l’adozione della zona di pianificazione e il rigetto di eventuali future domande di costruzione che minacciano il quartiere di Montarina". Sono le risoluzioni principali che la Commissione della pianificazione del territorio, all’unanimità, ha inserito nel preavviso favorevole alla mozione interpartitica presentata lo scorso febbraio (primo firmatario, Nicola Schönenberger, Verdi di Lugano) che chiede, tra l’altro, la salvaguardia dei fondi 1025 (Casa Guido Walty, 1959, progettata dagli architetti Camenzind e Brocchi) e 1026 (Villa Ganser, 1914) ritenendo inspiegabile la loro esclusione dal Perimetro di valorizzazione (Pv), approvato dal Cantone nel quadro della prima variante beni culturali (Bc 1).

Mozione non solo parzialmente ricevibile

Il Municipio di Lugano, nel suo preavviso del 10 giugno dell’anno scorso, ha ritenuto invece che la mozione fosse parzialmente ricevibile. La richiesta di modifica del Piano regolatore (punto 2 della mozione) è ritenuta ricevibile, mentre l’istituzione di una zona di pianificazione esulerebbe dalle competenze del Consiglio comunale e andrebbe dunque considerata come richiesta del legislativo nei confronti dell’esecutivo. Sempre secondo l’esecutivo, questi due fondi, su cui sorgono Casa Walty e Villa Ganser, non sono stati integrati nel perimetro di valorizzazione, perché è stato ritenuto che non avessero un influsso sulla protezione degli oggetti tutelati nel comparto della Montarina. In generale, i fondi compresi nel Pv non sono dei fondi sui quali vi sono oggetti da tutelare, ma fondi che fanno parte di un comparto in cui vi è un bene da tutelare e per i quali si è ritenuto debbano essere previsti provvedimenti particolari a tutela dello stesso e del suo contesto. Tuttavia, agli occhi dei commissari, non sono convincenti le motivazioni del Municipio relative all’esclusione dei fondi dal Pv: entrambi, erano inclusi nella zona sensibile del quartiere, come risulta dallo studio condotto nel 2006, dalla Commissione e dall’Ufficio dei beni culturali, che indicava una zona sensibile nel quartiere, comprendente i due oggetti. Non solo. La casa Walty è stata segnalata nella decisione del Consiglio di Stato del 12 aprile 2017 relativa alla variante beni culturali 1. Ora, a Lugano, 150 beni godono di una tutela locale e 200 sono tutelati a livello cantonale. All’inizio del 2020, il Municipio ha avviato una nuova variante beni culturali (variante Bc 2) per le sezioni di Lugano e Castagnola, che comprende anche Montarina. La variante, trasmessa il 17 giugno 2021 al Dipartimento del territorio, per l’esame preliminare (non ancora giunto), valuta una sessantina di oggetti.

Leggi anche:

Montarina, la Città esclude la zona di pianificazione

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved