ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
22 min

Intercity, un treno chiamato desiderio. Oggi esaudito

Il via libera della Camera alta alle fermate nel Distretto fa gioire i sindaci di Chiasso e Mendrisio. Che rinviano il confronto sulle stazioni
Luganese
1 ora

Lugano Region: ‘Risultati migliori del previsto’

I pernottamenti del 2022 superano quelli degli anni prepandemici, ma si guarda al 2023 con prudenza. Spaventa in particolare l’inflazione.
Mendrisiotto
1 ora

Arzo: fu tentato omicidio, inflitti sei anni e mezzo di carcere

La Corte di appello e di revisione penale pronuncia una nuova sentenza nei confronti dell’uomo che strinse il collo della moglie fino a farla svenire
Ticino
2 ore

Casse malati, 11mila firme per gli sgravi. E un asino che raglia

La Lega consegna in governo le sottoscrizioni all’iniziativa per la deducibilità integrale dei premi. Poco dopo la sinistra porta i regali per i ricchi
Ticino
2 ore

‘No a qualsiasi scenario che impedisca al popolo di votare’

Marina Carobbio e il (molto probabile) seggio vacante al Consiglio degli Stati post Cantonali, il presidente cantonale dell’Udc pianta già qualche paletto
Luganese
2 ore

Pregassona, riproposto il Natale insieme

Aperte le iscrizioni per il pranzo in compagnia organizzato al capannone dal Kiwanis Club Lugano, dopo due anni di pausa dovuti alla pandemia
Luganese
3 ore

Lugano celebra i suoi volontari

In occasione della Giornata internazionale del volontariato indetta dalle Nazioni Unite, il Municipio ha ringraziato i settecento presenti
Bellinzonese
3 ore

Bella prova degli schermidori turriti in quel di Küssnacht

Associazione Bellinzona scherma soddisfatta dei propri atleti che hanno partecipato alla prima gara a livello nazionale dopo il lungo stop dovuto al Covid
Luganese
3 ore

Cureglia, dopo due anni torna il pranzo per le persone in Avs

Al tradizionale appuntamento hanno partecipato centinaia di cittadini e il Municipio al completo guidato dalla sindaca Tessa Gambazzi Pagnamenta
Locarnese
3 ore

La ‘trappola’ in via Arbigo: ‘Il mio cane poteva morire’

Brutta esperienza per una giovane di Losone, che portando a spasso l’amico a 4 zampe ha evitato per poco che ingoiasse una penna ‘travestita’ da boccone
Bellinzonese
3 ore

Riduzione della sofferenza psicofisica o stress con l’Atte

Il corso di Mindfulness (otto incontri e una giornata intensiva) si terrà a partire dal 18 gennaio al Centro diurno a Bellinzona
Mendrisiotto
3 ore

Lanciata la petizione contro il postribolo a Balerna

Nelle scorse settimane era stata depositata la richiesta per il cambio di destinazione d’uso di un edificio che attualmente ospita un’officina
Bellinzonese
4 ore

A Bellinzona torna la notte di musica live nei bar

Mercoledì 7 dicembre, dalle 19 a mezzanotte in centro città, si terranno 9 concerti in 7 locali
laR
 
02.04.2022 - 05:20

Alfonsina Storni: la statua c’è. Ma per quanto?

Posata giovedì, nella piazza a lei dedicata a Sala Capriasca, la controversa opera che simboleggia il suicidio della poetessa. In corso un sondaggio.

alfonsina-storni-la-statua-c-e-ma-per-quanto
Ti-Press
Non fa l’unanimità

Non è mancata qualche tensione, giovedì mattina nel nucleo di Sala Capriasca, alla posa della statua dedicata ad Alfonsina Storni. E diversamente, forse, non poteva essere: l’opera artistica realizzata dalla scultrice ticinese Eva Antonini sta scaldando gli animi capriaschesi da ormai circa due anni. Annunciata nella primavera del 2020 – e accompagnata poi da ricorsi, atti parlamentari e una petizione –, la statua in bronzo ha infine trovato posto sulla piazza dedicata alla poetessa argentina di origine ticinese, a pochi passi dall’abitazione dove visse per alcuni anni. Ma non è detto che sarà la sua ubicazione definitiva: ai residenti del quartiere è stato inviato nei giorni scorsi un sondaggio al quale rispondere entro il 22 aprile, indicando se ritengono l’opera d’arte opportuna o meno per la piazza.

‘Indegno ricordarla così’

«Il nuovo Municipio ha deciso, finalmente, di dare voce alla popolazione attraverso questo sondaggio», ci dice il vicesindaco di Capriasca. Manuel Borla siede nell’esecutivo da meno di un anno ed è diventato capodicastero Patrimonio culturale e Sviluppo territoriale, seguendo così anche il dossier riguardante la statua. Un argomento che conosce bene, in quanto quando era ancora consigliere comunale era fra i contrari all’opera. «È vero. Esteticamente può piacere o non piacere, ma ci tengo a sottolineare una cosa. Tre anni prima del suicidio, Alfonsina Storni si ammalò di cancro al seno, che le fu amputato. A causa di quest’amputazione ha patito dolore e sofferenza. Ricordarla, nella piazza dove ha vissuto, nell’atto del suicidio e peraltro mostrandone il seno, lo trovo irrispettoso e ingiusto. Alfonsina, giornalista, scrittrice, poetessa, maestra e sempre in difesa dei più deboli avrebbe potuto essere ricordata in modi più opportuni».

Nuovo Municipio più conciliante

Borla non è l’unico a pensarla così: nell’autunno del 2020 è stata lanciata una petizione per opporsi alla posa del manufatto firmata da ottantacinque persone. È poi seguito un ricorso nel febbraio 2021 presentato da un gruppo di abitanti del quartiere, che ha impugnato la licenza edilizia rilasciata dal Comune sollevando diverse questioni di natura paesaggistica, edilizia e procedurale. Il Consiglio di Stato, il 25 agosto successivo, ha tuttavia respinto l’opposizione ritenendo, fra le altre cose, che il luogo scelto sia adatto per commemorare la poetessa scomparsa nel 1938, quando si tolse la vita nelle acque di Mar del Plata. Un gesto estremo reso poi celebre anche grazie alla nota canzone del 1969 ‘Alfonsina y el Mar’, brano che contiene il verso scelto poi come titolo da Antonini per la sua opera: ‘Vestida de mar’. E nonostante la posizione del governo, i contrari non hanno mollato. «Si tratta di un progetto portato avanti dal precedente Municipio senza una condivisione con la cittadinanza interessata – osserva il municipale –. Non erano state consultate né la commissione di quartiere, né la commissione per il nucleo, né la commissione cultura».

Un’alternativa? ‘Per esempio i giardinetti di Tesserete’

Con la nuova legislatura il vento è cambiato, così come la disponibilità del Municipio di venire a patti. Ma non prima di conoscere l’effettiva opinione dei cittadini di Sala. L’opera in ogni caso è già stata finanziata e realizzata: qualora dovessero prevalere i ‘no’, che fine farebbe? «Il Municipio sta valutando posti alternativi dove posizionarla. Uno potrebbero essere i giardinetti di Tesserete, che forse si presterebbero meglio a ospitare una statua, rispetto al nucleo medioevale di Sala. Vorremmo tramutare quel luogo nella vera piazza del comune di Capriasca, c’è già un progetto. Un’altra ubicazione valida potrebbe essere in una delle ex case comunali che abbiamo a disposizione». Borla evidenzia infine che, se anche se la statua dovesse venir spostata, piazza Alfonsina Storni – a parte il nome – non resterebbe priva di riferimenti al celebre personaggio storico: «C’è già una targa commemorativa donata dall’ambasciata argentina. Elegante e discreta, com’era Alfonsina Storni».

Leggi anche:

Capriasca, il Municipio svela la statua di Alfonsina Storni

Il suicidio di Alfonsina Storni finisce al Consiglio di Stato

La statua di Alfonsina Storni? ‘Adatta al nucleo di Sala’

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved