ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
45 sec

Visita alla scoperta della Collezione Ghisla

Un tour condotto dal proprietario in persona è in programma domenica 9 ottobre, alle 16. Visitabile la mostra temporanea d’autunno di Andrea Mariconti
Locarnese
5 min

Moghegno, castagne... a tutta birra

Sabato 8 ottobre verrà presentata, alle 11.30, la “Bira di Baröi”. Da mezzogiorno grigliata, musica con i Trii Bütt, giochi in piazza e tanto altro
Locarnese
14 min

Castagnata con la Pro Minusio in zona Rivapiana-Portigon

Le caldarroste saranno distribuite dalle 15 e ad allietare la manifestazione (che sarà annullata in caso di cattivo tempo) vi sarà un gruppo musicale.
Locarnese
20 min

Essere adolescenti nell’epoca della fragilità adulta

La clinica Santa Croce di Orselina propone una conferenza sul tema giovedì 13 ottobre dalle 18 nella Sala dei congressi di Muralto
Locarnese
35 min

‘Ascona è un Comune ricco, abbassiamo il moltiplicatore’

Lo chiede, per andare incontro ai cittadini già confrontati con crisi energetica e aumento dei premi delle casse malati, il gruppo Lega/Udc/Indipendenti
Mendrisiotto
47 min

Mendrisio, la Giornata internazionale della salute mentale

In vista del 10 ottobre, arriva la presa di posizione congiunta di Supsi, Osc, Pro Mente Sana e Club ’74
Ticino
51 min

Lascia il vescovo Lazzeri? Due nomi per la gestione pro tempore

Il capo della Curia di Lugano sarebbe prossimo a dimettersi. Farine e De Raemy in lizza per l’amministrazione in attesa della designazione del successore
Mendrisiotto
1 ora

La Sagra della castagna riparte ‘con il botto’

A Morbio Superiore sono pronti ad accogliere l’edizione numero 43 della manifestazione, che torna alla normalità
Mendrisiotto
2 ore

Mendrisio ritrova la ‘sua’ Fiera di San Martino

Da giovedì 10 a domenica 13 sui prati attorno alla chiesetta si rinnoverà l’incontro con il mondo agricolo
Mendrisiotto
2 ore

Disturbi dell’apprendimento, conferenza a Riva San Vitale

L’appuntamento è per mercoledì 19 ottobre nell’aula magna dello Steger Center Viginia Tech
Luganese
3 ore

‘Cambiare il sistema di nomina per i direttori delle scuole’

È quanto chiede, con un’interpellanza al Governo, l’Mps dopo l’arresto per atti sessuali con fanciulli del direttore di una scuola media di Lugano
Locarnese
3 ore

Locarno, la Mappo-Morettina chiusa di notte per lavori

Gli interventi di manutenzione degli impianti elettromeccanici si protrarranno da lunedì prossimo al 28 ottobre. Traffico deviato sulle cantonali
Luganese
3 ore

‘Lugano città universitaria?’, se ne parla in una conferenza

L’evento promosso da Lugano Forum 2030 è in programma lunedì 17 ottobre al palazzo dei Congressi
laR
 
02.04.2022 - 05:20

Alfonsina Storni: la statua c’è. Ma per quanto?

Posata giovedì, nella piazza a lei dedicata a Sala Capriasca, la controversa opera che simboleggia il suicidio della poetessa. In corso un sondaggio.

alfonsina-storni-la-statua-c-e-ma-per-quanto
Ti-Press
Non fa l’unanimità

Non è mancata qualche tensione, giovedì mattina nel nucleo di Sala Capriasca, alla posa della statua dedicata ad Alfonsina Storni. E diversamente, forse, non poteva essere: l’opera artistica realizzata dalla scultrice ticinese Eva Antonini sta scaldando gli animi capriaschesi da ormai circa due anni. Annunciata nella primavera del 2020 – e accompagnata poi da ricorsi, atti parlamentari e una petizione –, la statua in bronzo ha infine trovato posto sulla piazza dedicata alla poetessa argentina di origine ticinese, a pochi passi dall’abitazione dove visse per alcuni anni. Ma non è detto che sarà la sua ubicazione definitiva: ai residenti del quartiere è stato inviato nei giorni scorsi un sondaggio al quale rispondere entro il 22 aprile, indicando se ritengono l’opera d’arte opportuna o meno per la piazza.

‘Indegno ricordarla così’

«Il nuovo Municipio ha deciso, finalmente, di dare voce alla popolazione attraverso questo sondaggio», ci dice il vicesindaco di Capriasca. Manuel Borla siede nell’esecutivo da meno di un anno ed è diventato capodicastero Patrimonio culturale e Sviluppo territoriale, seguendo così anche il dossier riguardante la statua. Un argomento che conosce bene, in quanto quando era ancora consigliere comunale era fra i contrari all’opera. «È vero. Esteticamente può piacere o non piacere, ma ci tengo a sottolineare una cosa. Tre anni prima del suicidio, Alfonsina Storni si ammalò di cancro al seno, che le fu amputato. A causa di quest’amputazione ha patito dolore e sofferenza. Ricordarla, nella piazza dove ha vissuto, nell’atto del suicidio e peraltro mostrandone il seno, lo trovo irrispettoso e ingiusto. Alfonsina, giornalista, scrittrice, poetessa, maestra e sempre in difesa dei più deboli avrebbe potuto essere ricordata in modi più opportuni».

Nuovo Municipio più conciliante

Borla non è l’unico a pensarla così: nell’autunno del 2020 è stata lanciata una petizione per opporsi alla posa del manufatto firmata da ottantacinque persone. È poi seguito un ricorso nel febbraio 2021 presentato da un gruppo di abitanti del quartiere, che ha impugnato la licenza edilizia rilasciata dal Comune sollevando diverse questioni di natura paesaggistica, edilizia e procedurale. Il Consiglio di Stato, il 25 agosto successivo, ha tuttavia respinto l’opposizione ritenendo, fra le altre cose, che il luogo scelto sia adatto per commemorare la poetessa scomparsa nel 1938, quando si tolse la vita nelle acque di Mar del Plata. Un gesto estremo reso poi celebre anche grazie alla nota canzone del 1969 ‘Alfonsina y el Mar’, brano che contiene il verso scelto poi come titolo da Antonini per la sua opera: ‘Vestida de mar’. E nonostante la posizione del governo, i contrari non hanno mollato. «Si tratta di un progetto portato avanti dal precedente Municipio senza una condivisione con la cittadinanza interessata – osserva il municipale –. Non erano state consultate né la commissione di quartiere, né la commissione per il nucleo, né la commissione cultura».

Un’alternativa? ‘Per esempio i giardinetti di Tesserete’

Con la nuova legislatura il vento è cambiato, così come la disponibilità del Municipio di venire a patti. Ma non prima di conoscere l’effettiva opinione dei cittadini di Sala. L’opera in ogni caso è già stata finanziata e realizzata: qualora dovessero prevalere i ‘no’, che fine farebbe? «Il Municipio sta valutando posti alternativi dove posizionarla. Uno potrebbero essere i giardinetti di Tesserete, che forse si presterebbero meglio a ospitare una statua, rispetto al nucleo medioevale di Sala. Vorremmo tramutare quel luogo nella vera piazza del comune di Capriasca, c’è già un progetto. Un’altra ubicazione valida potrebbe essere in una delle ex case comunali che abbiamo a disposizione». Borla evidenzia infine che, se anche se la statua dovesse venir spostata, piazza Alfonsina Storni – a parte il nome – non resterebbe priva di riferimenti al celebre personaggio storico: «C’è già una targa commemorativa donata dall’ambasciata argentina. Elegante e discreta, com’era Alfonsina Storni».

Leggi anche:

Capriasca, il Municipio svela la statua di Alfonsina Storni

Il suicidio di Alfonsina Storni finisce al Consiglio di Stato

La statua di Alfonsina Storni? ‘Adatta al nucleo di Sala’

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved