ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
16 min

Bellinzona omaggia le associazioni locali

La Città ha ricevuto giovedì scorso circa 80 volontari attivi in varie realtà che si impegnano per la collettività
Luganese
43 min

Galleria Melide-Grancia, terminati i lavori in direzione nord

Ustra affronterà ora la seconda fase dei lavori di risanamento, che si concluderà nel 2024. Si parla di un investimento totale di 70 milioni
Mendrisiotto
2 ore

Da Berna un sostegno per il ‘centro di partenza’ di Rancate

Passa all’unanimità agli Stati la concessione di una somma forfettaria ai cantoni che in situazioni straordinarie gestiscono centri asilanti provvisori
Mendrisiotto
4 ore

Il Museo dei fossili di Meride spegne dieci candeline

Tra esperienze multimediali e una nuova teca terrestre, il direttore Luca Zulliger si prepara per le porte aperte d’anniversario
Locarnese
7 ore

Un fuoristrada, un gatto e l’amore per la (nuova) vita

Grazie al piacere nel viaggiare assieme al suo fedele Jek, il locarnese ‘Jonni’ è riuscito a riprendersi dopo un tragico incidente in cui è quasi morto
Ticino
7 ore

Salario minimo non adeguato all‘inflazione, Durisch: ‘Contesto!’

Il capogruppo Ps dopo la decisione del governo: ‘Assurdo, è una manovra per non arrivare all’ultima forchetta nel 2025: non sta né in cielo né in Terra’
Luganese
13 ore

Lugano, trasporto pubblico più friendly per i disabili

Approvato il maxi credito (13,6 milioni) per adeguare una parte delle fermate cittadine. Polemica in Consiglio comunale sulle telecamere nei parchi gioco.
Locarno
14 ore

Incrocio del Debarcadero,via libera alla sistemazione

Passa in Consiglio comunale anche la progettazione definitiva degli spazi pubblici del centro urbano
Luganese
14 ore

Morcote allacciata all’impianto di depurazione del Pian Scairolo

Tra i progetti previsti dal Consorzio l’abbattimento di microinquinanti e l’utilizzo di energie alternative
31.03.2022 - 17:00
Aggiornamento: 17:15

Molestie all’Unitas: ‘Sussidi solo con audit indipendente’

Un’interpellanza interpartitica chiede al Consiglio di Stato di intervenire nella vicenda delle molestie emerse nell’associazione

molestie-all-unitas-sussidi-solo-con-audit-indipendente
Ti-Press
E il governo che dice?

Condizionare l’elargizione dei sussidi a una verifica o a un mandato indipendente. È questa la richiesta più forte formulata da un’interpellanza interpartitica – primo firmatario: Marco Noi (Verdi) – sullo spinoso tema delle molestie emerse all’Unitas. "Segnali del genere non possono essere ignorati e impongono al Cantone quale ente sussidiante di fare il necessario per ripristinare fiducia e serenità nell’operato di Unitas e delle fondazioni che la sostengono", si legge nell’atto.

‘Mandante, mandato e mandatario devono essere equidistanti’

A seguito di una prima interrogazione del febbraio scorso della granconsigliera ecologista Claudia Crivelli Barella e dei successivi servizi giornalistici, il comitato dell’Associazione ciechi e ipovedenti della Svizzera italiana ha deciso di dare un incarico all’avvocata Raffaella Martinelli Peter di effettuare un audit su quanto successo. Inoltre, una trentina di volontari, membri e utenti di Unitas ha richiesto le dimissioni del comitato e dei consigli della Fondazione Tarcisio Bisi e Anita Gaggini e della Fondazione Emma ed Ernesto Rulfo. "Risulta difficilmente sostenibile o addirittura improponibile a mente degli e delle interpellanti che un audit sui fatti venga commissionato proprio da quei vertici associativi potenzialmente anch’essi oggetto dell’audit stesso. Mandante, mandato e mandatario dell’audit devono in queste delicatissime situazioni (è bene ricordare che la lettera firmata da 30 persone evidenzia non solo comportamenti da parte degli organi dirigenti ‘... agendo così per omissione’) essere assolutamente neutrali ed equidistanti dalle parti coinvolte, soprattutto a tutela della parte più vulnerabile costituita dall’utenza in evidente stato di bisogno e dalle e dagli impiegate/i il cui contratto di lavoro dipende dalla dirigenza".

Dimissioni: che dice il governo?

Per questi motivi, l’atto parlamentare chiede al Consiglio di Stato (Cds) di intervenire. Quattro le domande rivolte all’esecutivo cantonale: quali controlli ha esercitato ed esercita il Cds per tutelare gli utenti e i dipendenti delle associazioni finanziate dal Cantone? È giudizioso, secondo il Cds, che l’audit su Unitas sia commissionato e pagato da Unitas stessa? Non è intenzione del Cantone condizionare l’elargizione dei sussidi a una propria verifica o commissionata a un mandatario indipendente? Come si pone il Cds, a fronte della richiesta da parte di volontari, soci e utenti, delle dimissioni del comitato di Unitas e dei consigli di fondazione?

Unitas non gode più della fiducia di diverse persone?

Domande dovute, secondo gli interpellanti, proprio perché "dalla citata lettera con la richiesta di dimissioni sembrerebbe che l’organo dell’ente sussidiato responsabile del buon svolgimento di attività e servizi a beneficio di persone in stato di bisogno a causa della loro cecità o ipovisione non goda più della fiducia di diverse persone".

Leggi anche:

Unitas, la ‘lunga mano’ e i troppi silenzi

Unitas: ‘Devono dimettersi anche i membri delle fondazioni’

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved