ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
30 min

Sbarrata fino a nuovo avviso la strada cantonale Altanca-Ronco

L’abitato di Altanca e la zona del Piora saranno raggiungibili dalla strada cantonale Piotta-Altanca
Mendrisiotto
34 min

Trompe l’oeil, ‘non c’è stato nessuno sfregio’

L’amministratrice dell’azienda di Besazio reagisce all’interpellanza dell’AlternativA. ‘La procedura? Tutto in regola’
Luganese
52 min

Savosa, ricevuta la nuova giudice del Tribunale federale

Nei giorni scorsi, il Municipio ha accolto e si è complimentato con la sua concittadina Federica De Rossa, dopo la prestigiosa nomina
Mendrisiotto
1 ora

Sacchi dei rifiuti meno cari a Morbio Inferiore

Il Municipio rivede il prezzo dei rotoli da 17 e 35 litri. L’Ordinanza modificata sarà in vigore dal gennaio 2023
Ticino
1 ora

Calo pernottamenti, Pianezzi: ‘Investire su tutte le stagioni’

Il presidente di Hotelleriesuisse Ticino commenta i dati comunicati oggi: ‘2021 irripetibile, ora bisogna cercare margini dove ci sono: autunno e inverno’
Luganese
1 ora

Lugano, accoltellamento Manor: l’accusa annuncia l’appello

Il Ministero pubblico della Confederazione si tiene aperta la possibilità di dichiarare l’appello una volta ricevuta la sentenza motivata scritta
Luganese
1 ora

Barbengo, le Officine Cameroni celebrano sessant’anni

L’azienda, nel piazzale della sede, ha voluto condividere la ricorrenza con alcuni politici e ha omaggiato tre collaboratori storici
Mendrisiotto
2 ore

Risparmio energetico, il basso Mendrisiotto spegne la luce

I quattro Comuni serviti dall’Age Sa adottano misure per abbattere i consumi. Tra queste, spicca la rinuncia alle luminarie natalizie
Mendrisiotto
2 ore

‘Un giovedì da leoni’ a sostegno di tre associazioni

L’evento è stato organizzato dai quattro club di servizio del Mendrisiotto (Lions, Rotary, Kiwanis e Soroptimist International) e si è tenuto a maggio
Locarnese
2 ore

L’illuminazione pubblica non si può spegnere neanche volendo

‘No’ del Cantone, per motivi di sicurezza, alla proposta di Ses ai 38 Comuni del suo comprensorio. Intanto l’azienda si impegna per il risparmio
Ticino
2 ore

Fiscalità e telelavoro dei frontalieri, ‘attiviamoci subito’

Un’interrogazione di Maderni (Plr) e Gendotti (Centro/Ppd) chiede di muoversi come fatto dalla Confederazione con la Francia
Locarnese
3 ore

Restauro del giardino del Papio, lavori a buon punto

Prevista una presentazione pubblica del progetto che ridarà splendore a uno dei rari esempi di ‘arredamento verde’ di stile borromaico
Locarnese
3 ore

Karate, riconoscimento europeo per il 7° Dan Mario Campise

Già organizzatore del Campionato del mondo a Locarno e di due Wuko Day, ha avvicinato in modo decisivo la disciplina ai disabili
Locarnese
3 ore

Apprendisti vodesi in visita all’Ida Foce Ticino a Gordola

Una sessantina fra apprendisti operatori di edifici e infrastrutture e addetti alle pulizie in viaggio di studio
Bellinzonese
3 ore

Da oggi a Bellinzona i castelli si spengono alle 22

Il Municipio ha deciso di introdurre da subito misure per risparmiare energia: illuminazione pubblica più fioca e massimo 20 °C negli uffici comunali
Locarnese
3 ore

Vita e arte di Pierre Casè, genesi di una biografia

Intervista allo scrittore Martino Giovanettina, che ha pubblicato un libro sul pittore e curatore di mostre locarnese
Luganese
4 ore

Lugano, disagi al traffico per l’arrivo dell’Fc Basilea

Domenica pomeriggio e la sera, per la partita di Cornaredo, sono annunciate chiusure e deviazioni stradali dalla stazione allo stadio
Bellinzonese
4 ore

Biasca, conferenza sull’abolizione della pena di morte in Ticino

Appuntamento per martedì 25 ottobre alle 19 al Museo militare Forte Mondascia. Il relatore sarà il giudice Werner Walser
laR
 
30.03.2022 - 05:30
Aggiornamento: 18:01

Tamaro Village, una causa contro Comune e Cantone

La annuncia la Depos City Discount Sa, promotrice del progetto, che intende chiedere un risarcimento danni per la gestione del dossier

tamaro-village-una-causa-contro-comune-e-cantone
I campi da padel sarebbero dovuti sorgere accanto allo Splash&Spa, lì dove si vuol costruire il Tamaro Village

«C’è proprio una volontà di mettere il bastone fra le ruote da parte di alcuni municipali». C’è molta amarezza nelle parole di Lorenza Cattaneo Colombo, presidente della Depos City Discount Sa, che lamenta «molteplici errori e un modo di affrontare, o per meglio dire di ostacolare, i nuovi progetti dell’edilizia privata». Amarezza tale, per cui la società intende ora intentare una causa civile contro il Comune di Monteceneri e il Cantone «in risarcimento degli ingenti danni che finora abbiamo subito». Danni, al momento, ancora non quantificati. Casus belli: il Tamaro Village, progetto in sospeso dal 2019 per via di un ricorso di Pro Natura e rispedito recentemente al Consiglio di Stato (CdS) dal Tribunale cantonale amministrativo (Tram) affinché entri nel merito. A questo si aggiunge l’ultimo progetto della società, tre campi da padel provvisori sul sedime dove dovrebbe sorgere il Tamaro Village: la domanda di costruzione è stata inoltrata lo scorso dicembre ed è ancora pendente.

Lo sbaglio di Municipio e Consiglio di Stato

La doccia fredda è arrivata settimana scorsa, quando il Tram ha accolto il ricorso, sottolineando l’errore procedurale del Municipio. Errore poi ripetuto dal governo. Sostanzialmente, l’esecutivo comunale ha notificato la licenza edilizia preliminare per il Tamaro Village soltanto a Pro Natura, e non al suo legale. Daniel Ponti, avvocato di Pro Natura, ha fatto poi richiesta di regolare notifica, impugnando la decisione. Tuttavia, Municipio prima ed esecutivo cantonale poi, hanno respinto il ricorso ritenendolo fuori tempo massimo. «Un grave errore procedurale – osserva la presidente –, a causa del quale la realizzazione del progetto sarà rinviata di una decina d’anni. Il CdS, invece di dichiarare solamente irricevibile il ricorso, avrebbe potuto già esprimersi nel merito. Ora invece siamo tornati praticamente al punto di partenza». E la questione dei campi da padel?

I campi da padel, ‘progetto temporaneo’

«Si trattava di un progetto temporaneo, in attesa di ottenere la licenza edilizia definitiva per la costruzione dell’hotel (il Tamaro Village comprende un albergo su quattro piani con 150 posti letto, oltre a dei negozi e una struttura medica legata allo sport, ndr). La domanda si limitava a tre reti e altrettanti tappeti blu con sabbia naturale, recintati – sottolinea Cattaneo Colombo –. Per lo spogliatoio, i servizi igienici e le docce si sarebbe fatto capo allo Splash & Spa». Il terreno destinato ai due progetti è infatti immediatamente a est dell’acquaparco, al quale il Tamaro Village dovrebbe essere collegato con una passerella di circa venti metri, lì dove fino a due anni fa sorgeva la pista da ghiaccio dell’Hockey Club Ceresio. «Abbiamo concesso alla società quel sedime gratuitamente per dodici anni – ricorda l’imprenditrice –. Della pista hanno usufruito la popolazione, i ragazzi delle scuole elementari e medie di tutta la valle, nonché innumerevoli squadre di giocatori provenienti da tutta la Svizzera. Poi, a causa delle restrizioni dovute al Covid, è stata dapprima chiusa e poi demolita».

‘Ci hanno fatto perdere un altro treno’

Quella per i campi da padel a prima vista sembrava una richiesta di routine. Si sta invece procrastinando più dell’atteso. «Non abbiamo ricevuto nulla, un preavviso, un parere negativo. È solo arrivata dal Cantone una richiesta di complemento della documentazione. Dal Municipio, solo delle vaghe telefonate: ‘Non preoccuparti, la licenza è in dirittura d’arrivo’ o ‘sareste eventualmente disposti a concedere uno sconticino per i domiciliati di Monteceneri?’» lamenta Cattaneo Colombo. Ma il tempo perso è prezioso: «Siccome eravamo convinti che la licenza sarebbe arrivata entro tempi ragionevoli, abbiamo richiesto delle offerte per la realizzazione del progetto. Tutte purtroppo con termini di consegna bimestrali, che non abbiamo evidentemente potuto confermare. Ora siamo quasi ad aprile e ci troviamo in ritardo sia per l’effetto novità, sia per una costruzione che non potrà essere in nessun caso pronta entro la fine della primavera. E dall’autunno alla primavera non si può giocare, trattandosi di campi all’aperto. Il Comune ci ha fatto perdere un altro treno, un altro progetto che probabilmente non verrà, a questo punto, più realizzato...».

L’errore? ‘Non dell’ex sindaca’

Il Tamaro Village però non è stato definitivamente respinto. «Vero, e noi restiamo ottimisti sull’esito del ricorso. Però chissà quando arriverà, temo che almeno altri cinque anni dobbiamo metterli in conto. È veramente un grande peccato. Abbiamo avuto diversi interessati agli spazi commerciali. Tutte trattative che ora sono sospese e difficilmente riprenderanno. Anche perché verosimilmente anche il progetto andrà quantomeno rivisto, fra cinque anni ne avrà dieci e sarà vecchio». La presidente ha espresso ironicamente il proprio dispiacere già settimana scorsa, sui social, scrivendo in un post ‘Cercasi Municipio competente’. Un’esternazione ripresa poi dal ‘Mattino della domenica’ in chiave anti liberale-radicale, dato che sindaca al momento dell’avvio della procedura e del ricorso era Anna Celio Cattaneo, cognata dell’imprenditrice, sorella del consigliere nazionale Rocco Cattaneo. «L’errore però non è stato compiuto da Anna – precisa Cattaneo Colombo –, che peraltro per evitare conflitti d’interesse non partecipava alle sedute riguardanti il progetto. I capodicastero dell’Edilizia privata e della Pianificazione del territorio erano rispettivamente Carlo Soldini (Ps) e Marco Cattani (Lega)». E sebbene l’esecutivo montecenerino attuale sia quasi totalmente cambiato, per la presidente ci sarebbe ancora «una volontà di mettere il bastone fra le ruote da parte di alcuni municipali ai progetti di edilizia privata che non piacciono. Non capisco che problema possano dare tre campi da padel in quel posto lì, dove per dodici anni c’è stata una pista di ghiaccio con musica, luci, buvette, spogliatoi...».

Leggi anche:

Tamaro Village, il Tram accoglie il ricorso di Pro Natura

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved