ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
1 ora

Pregassona, porte aperte dell’associazione Amélie

Appuntamento per sabato 1 ottobre dalle 10 alle 18 in via Ceresio 43. Durante l’incontro sarà presentato il nuovo programma delle attività
Locarnese
4 ore

Ascona, una conferenza tra fede e denaro

Relatore sarà Markus Krienke, teologo e filosofo
Locarnese
6 ore

‘Le Corti inCanto’: offriamo delicatezza in cambio di passione

Dopo 15 edizioni il Gruppo Centro Storico di Locarno vuole cedere il testimone a chi intenda dare continuità alla manifestazione
Ticino
8 ore

Divertimento, pregiudizi, didattica, ricerca... cos’è il gaming?

Chiacchierata a tutto tondo col ricercatore Supsi Masiar Babazadeh: ‘Non è solo Super Mario, ci sono programmi usati anche dalle aziende per i neoassunti’
Bellinzonese
8 ore

Una Bellinzona più pulita val bene una fredda giornata di vento

Clean Up Day: oltre alle scuole si è attivato anche un gruppo di volontari capitanato dall’amministratrice di un profilo Facebook dedicato alla città
Luganese
16 ore

Orti familiari comunali a Lugano, ‘tutti devono concorrere’

Il bando scade il 14 ottobre. La municipale Cristina Zanini Barzaghi: ‘Gli anziani i più interessati, già passati attraverso altre crisi economiche’
GALLERY
Mendrisiotto
18 ore

Mendrisio, ‘Sagra del Borgo riuscita al 100 per cento’

Nella tre giorni di festa che ha caratterizzato il nucleo storico non ci sono stati interventi per risse o violenze. Sam sollecitato in due occasioni.
Mendrisiotto
19 ore

Chiasso, natura e paesaggio per il ‘nuovo’ Faloppia

Il Municipio presenta al Consiglio comunale la richiesta di un credito di 300mila franchi per elaborare il progetto definitivo di riqualifica
Mendrisiotto
20 ore

‘ProgettoAmore’ e i fondi per l’emergenza in Ucraina

I proventi della manifestazione sono stati donati all’associazione Insieme per la pace che grazie a due volontari ha portato provviste a Nikolaev
Ticino
20 ore

Il governo dice sì al fondo per apprendisti in difficoltà

Accolta la proposta di Fonio ed Ermotti-Lepori. Sarà gestito dal Decs, rifornito da pubblico e privato, e servirà a rifondere le direzioni delle sedi
Luganese
20 ore

Marco Valli cittadino onorario di Comano

La proclamazione con il voto unanime del Consiglio comunale per il suo impegno: 40 anni dedicati alla collettività
laR
 
15.03.2022 - 10:47
Aggiornamento: 14:28

Manuele Bertoli: ‘Su Unitas non sono a conoscenza diretta’

Il presidente del Consiglio di Stato, vicino all’associazione ciechi e ipovedenti della Svizzera italiana, si esprime sui casi di molestie e mobbing

manuele-bertoli-su-unitas-non-sono-a-conoscenza-diretta
Ti-Press
Manuele Bertoli

Si parlava con sempre maggiore insistenza all’interno di Unitas dei casi di molestie e mobbing. Casi che sarebbero avvenuti sull’arco di un tempo molto lungo. In molti, pare, sapessero. In pochi avevano il coraggio di parlare e portare al comitato, in toto o ai singoli membri, questo disagio. Manuele Bertoli, attuale presidente del Consiglio di Stato e direttore del Dipartimento educazione cultura e sport, ne ha rivestito in passato la carica di direttore e di vicepresidente. Oggi continua a essere vicino all’associazione dei ciechi e ipovedenti della Svizzera italiana all’interno di una delle fondazioni. A lui abbiamo rivolto alcuni interrogativi.

Nella sua veste di già direttore e vicepresidente Unitas non ha mai raccolto segnalazioni riguardanti casi di molestie di cui si era fatto protagonista la persona ai vertici dell’associazione? Non ha mai sentito neppure "voci di corridoio"? Quale ex direttore Unitas era al corrente dei casi di mobbing e molestie inerenti la stessa persona su diversi collaboratori costretti a lasciare l’associazione in quanto la situazione era diventata insostenibile? Peraltro lei viene citato in un testamento morale di un’operatrice già nel 2001. Il comportamento dell’ex responsabile risalirebbe fin a decenni fa. Come valuta il tentativo di non considerare negli anni sfoghi e accuse lanciati da persone vicine all’associazione?

Non sono mai stato informato e non sono a conoscenza diretta di casi di molestie. Escludo vi siano stati casi di mobbing quando io ero direttore.

Come giudica l’increscioso operato dell’ex presidente, oggi confermato da diverse persone fra soci, utenti, dipendenti e volontari, in particolare donne?

Quello che lei definisce "increscioso operato" è ora al vaglio della giustizia e credo sia bene lasciare ad essa fare il proprio corso. Poi semmai i giudizi li si darà a posteriori.

Lei è stato coinvolto e risulta "in copia" quale consigliere di Stato, nella corrispondenza che il comitato inviava sul caso dell’uomo accusato di molestie. Essendo il dipartimento di riferimento il Dss, lei ha messo al corrente il collega di quella che era stata definita una "situazione delicata"?

Sono stato informato del fatto che il comitato di Unitas aveva preso delle decisioni sulla persona coinvolta, peraltro senza indicazione di particolari, non in qualità di membro del Governo ma come persona da sempre vicina all’associazione (anche se poi lo si indica negli scritti come consigliere di Stato e non come signor Bertoli, Ndr). Nel comitato Unitas vi era una persona rappresentante dello Stato che ha informato i servizi del Dss, come da suo compito.

Lei fa parte della fondazione che fa capo a Unitas. Non crede sarebbe stato meglio evitare di nominarvi al suo interno l’ex presidente, che oggi continua ad avere "influenza" su scelte finanziarie riguardanti soci Unitas?

La nomina risale a ben prima che le questioni da voi sollevate fossero a me conosciute. In ogni caso tutte le decisioni finanziarie a favore dei richiedenti sono preparate dagli operatori Unitas, protocollate e prese dall’intero Consiglio di fondazione per iscritto e invio su circolazione; non credo sia mai stato possibile per una sola persona bloccare gli incarti, ammesso che qualcuno l’abbia mai voluto.

Non crede a questo punto sia giusto azzerare l’attuale comitato Unitas?

È una decisione che spetta all’assemblea. Da quel che mi è stato comunicato, il comitato Unitas ha agito appena messo a conoscenza dei fatti contestati alla persona di cui stiamo parlando, facendosi assistere anche da un legale (lo stesso il cui comportamento solleva, cfr sopra, quantomeno alcuni dubbi etici e deontologici, Ndr).

Leggi anche:

Unitas, la ‘lunga mano’ e i troppi silenzi

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved