maroggia-sara-un-mulino-piu-bio
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
19 ore

Intragna, dal cornicione della scuola cadono pezzi d’intonaco

Immediato intervento dei tecnici per una verifica dell’accaduto. Municipio pronto a metter mano agli interventi del caso; la ripresa a settembre garantita
Ticino
21 ore

Finiscono le vacanze, torna la colonna: 10km al Gottardo sud

Fra Biasca e Airolo si arrivava nel primo pomeriggio di oggi a due ore di attesa
Ticino
1 gior

Furti per 5mila franchi nei distributori automatici, due arresti

Un 40enne e una 30enne avrebbero colpito le gettoniere di almeno 8 apparecchi soprattutto nei pressi delle stazioni ferroviarie
Luganese
1 gior

È morto il motociclista coinvolto ieri in un incidente a Croglio

L’uomo, un 28enne italiano, ha urtato violentemente un’automobile all’altezza di Madonna del Piano, venendo sbalzato dal mezzo e rovinando a terra
Locarnese
1 gior

A Locarno ‘movida’ prolungata, gli esercenti: ‘è un primo passo’

Le reazioni di bar e ristoranti dopo la decisione dell’Esecutivo di prolungare la possibilità per quest’ultimi di mettere musica di sottofondo 
Mendrisiotto
1 gior

InterCity a Chiasso, ‘Difenderemo sempre la nostra fermata’

Molti i temi in agenda per la seduta extra-muros che impegnerà il Municipio a fine mese. Il punto con il sindaco Bruno Arrigoni.
Gallery
Luganese
1 gior

Auto contro moto a Madonna del Piano: un ferito grave

Incidente della circolazione attorno alle 20 sulla strada che da Ponte Tresa conduce a Fornasette, chiusa per i rilievi del caso
Ticino
1 gior

Il luglio 2022 è stato il secondo più caldo di sempre in Ticino

Il mese appena trascorso ha visto uno scarto di +2,6 °C rispetto alla norma 1991-2020: il record rimane a luglio 2015, con uno scarto di oltre 3°C
Ticino
1 gior

Strategia energetica, Marchesi (Udc): ‘Il nucleare al centro’

Il presidente e consigliere nazionale democentrista ‘preoccupato’ per la situazione attuale svela la sua ricetta: ‘Finora da Berna proposte insufficienti’
Bellinzonese
1 gior

Dieci chilometri di colonna sotto il sole tra Biasca e Airolo

Rientro dei vacanzieri e momentanea chiusura della galleria del San Gottardo mandano l’asse autostradale in tilt
Bellinzonese
2 gior

Tunnel del San Gottardo chiuso in entrambe le direzioni

Veicolo in avaria poco prima di mezzogiorno: situazione ‘calda’ sull’asse autostradale ticinese
Bellinzonese
2 gior

Bistrot di Bellinzona, ‘Nessuna truffa né maltrattamenti’

Il gerente Ivan Lukic non nasconde le difficoltà economiche. Tuttavia alcune persone hanno ‘tenuto duro, credendo nel progetto. Altre lo hanno diffamato’
Luganese
2 gior

Rovio, fucile notificato ma il padre era senza porto d’armi

Emergono ulteriori aspetti legati al grave fatto di sangue capitato domenica scorsa ad Agno: il 49enne non aveva il permesso di girare con il Flobert
Ticino
2 gior

Aspettando Godot... e Greta Gysin. L’area rossoverde attende

Sarebbe imminente la decisione della consigliera nazionale dei Verdi se candidarsi o meno per il governo. Bourgoin e Riget: ’Avanti, con o senza di lei’
Bellinzonese
2 gior

Vacanze costose e beni di lusso con i guadagni della cocaina

Condannato a 4 anni e 3 mesi (più l’espulsione dalla Svizzera) un 35enne recidivo e reo confesso. La Corte: ‘Prognosi nefasta’
24.02.2022 - 08:47
Aggiornamento: 14:47
di Malva Cometta

Maroggia, sarà un Mulino più... ‘bio’

Reportage dal cantiere e intervista al titolare Alessandro Fontana, che svela l’aspetto e l’operatività della nuova struttura, pronta a gennaio 2023

Più biologico, più performante e più agevole. A oltre due anni dal terribile incendio che l’ha distrutto, il Mulino di Maroggia è pronto per un nuovo capitolo. I lavori di ricostruzione sono avviati: dopo l’ottenimento della licenza edilizia, il completamento della parte edile è previsto per settembre, il montaggio dell’impiantistica e l’installazione elettrica per ottobre. «Dopodiché l’ideale sarebbe di arrivare a gennaio con tutto pronto e collaudato» spiega il titolare Alessandro Fontana. Il progetto costerà circa 12 milioni di franchi e, grazie all’iniziativa di solidarietà #iosonoilmulino, ne sono stati garantiti finora 80mila. Siamo andati sul cantiere per fare il punto.

Agevolazioni con il maltempo

Il piano prevede l’edificazione di una torre nello stesso punto in cui sorgeva la precedente, distrutta dalle fiamme, accanto a quella ancora intatta; la ricostruzione del corpo principale in cui avverrà la produzione della farina; un’entrata sul lato della strada per le operazioni di carico e una per lo scarico del grano; la creazione di un mulino per la polenta e infine il risanamento della parte bruciata, con l’idea di mantenere l’architettura originaria di mattoni e finestre ad arco. Sono previste inoltre agevolazioni per la consegna del frumento, del grano duro e della segale per i coltivatori regionali. «Prima i contadini faticavano per portare la materia base fino al vagone del treno perché non c’era spazio tra l’edificio e il binario. Ora sarà possibile scaricarla anche con il maltempo perché con il sistema nuovo la fossa di consegna è coperta», spiega il titolare.

Proprio grazie a questa miglioria il Mulino è stato inserito nel Progetto di Sviluppo Regionale, «ci è stata riconosciuta un’importanza per il settore primario: i cereali li ritiriamo noi. Se così non fosse dovrebbero essere smerciati in Svizzera interna e si perderebbe il valore aggiunto del locale» evidenzia Fontana.

Macchinari più performanti

La funzione delle due torri sarà quella di contenere la materia prima, per una capacità stimata di 1’200 tonnellate ciascuna. Il grano verrà poi trasferito nel corpo centrale dove oltre a essere lavorato verrà stoccato, imballato e preparato alla distribuzione. «Il processo di fondo è lo stesso – racconta il titolare ma cambiano i macchinari che sono più performanti e automatizzati e hanno un livello superiore di sanificazione, importante per la questione della contaminazione crociata tra i vari prodotti. Inoltre, attraverso un sistema di miscelazione saremo in grado di offrire prodotti ancora più su misura: la scelta sarà più ampia e personalizzabile».

Verso una produzione biologica

Un’altra importante differenza rispetto a prima è che grazie alla nuova struttura il Mulino potrà lavorare anche il prodotto biologico. «Sempre più contadini fanno la conversione da agricoltura convenzionale a biologica, e questo implica che il grano non viene trattato. Perciò ci sarà un nuovo spazio concepito affinché si possa conservare la materia e lavorarla in maniera congrua senza contaminazioni con gli altri prodotti e attraverso un macchinario di tecnologia avanzata», racconta Fontana. Questo macchinario è una delle tecnologie più avanzate nel campo della lavorazione dei cereali e anche uno degli strumenti principali per la produzione biologica. Si tratta di una macchina dotata di selezione ottica che attraverso tre telecamere identifica i chicchi di grano colpiti da un fungo chiamato fusariosi e li espelle. «Questo strumento è importante nell’ottica della lavorazione bio perché laddove non si possono usare fungicidi, i funghi crescono e bisogna quindi essere in grado di selezionarli. Con i metodi tradizionali che sono basati sulla differenza di peso, non era possibile distinguere tra i chicchi con fusariosi e quelli senza perché il peso non variava in maniera rilevante».

Macinate fra 50 e 55 tonnellate al giorno

«Il potenziale di un mulino – sottolinea il titolare – si misura in base alla capacità di macinazione sulle 24 ore. Il nuovo impianto ci permetterà di funzionare 24 ore su 24, quindi andremo a concentrare la produzione in due o tre settimane al mese. L’impianto lavora meglio se non si ferma. Saranno macinate tra le 50 e le 55 tonnellate di prodotto al giorno. Avremo quindi più tempo per eseguire le miscele, gli imballaggi, la gestione del magazzino. Ci sarà una razionalizzazione». Un altro progetto dell’azienda, nato nel 2018, è Homebaker, un E-commerce che «permette di dialogare con il cliente e rifornirlo direttamente. Grazie a questo sistema i nostri prodotti hanno varcato i confini della Svizzera, per arrivare fino in Germania».

«La difficoltà è quella di gestire un progetto di dimensioni importanti in tempi brevissimi con in parallelo un’azienda completamente funzionante. Però siamo pronti per affrontare questo nuovo capitolo, per risorgere dalle ceneri, che ci hanno permesso di crescere e migliorare» conclude Fontana volgendo lo sguardo al futuro.

Leggi anche:

In fiamme il mulino di Maroggia

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
alessandro fontana maroggia mulino maroggia
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved