lugano-il-municipio-gela-l-ente-autonomo-sugli-alloggi
Ti-Press
La Città conta già su circa 300 alloggi di sua proprietà
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
42 sec

’Vin Pan salam’ compie 25 anni

Torna, da giovedì 18 fino a domenica 21 agosto, la sagra sul lungolago a base di musica e gastronomia locale
Locarnese
34 min

Lancio del sasso ad Ascona, un’edizione di alto livello tecnico

Record battuti sia nella categoria femminile sia in quella maschile. L’ambito titolo di campione e campionessa ticinesi va a Urs Hasler e a Corina Mettler
Locarnese
1 ora

A Ronco s/Ascona si degusta risotto

La cena è prevista per sabato 20 agosto a partire dalle 19 in piazza del Semitori
Ticino
1 ora

Milano, nel 2021 un pieno di multe stradali

È la città d’Italia con i maggiori introiti: 102,6 milioni di euro, di cui quasi 13 solo dall’autovelox (nel quale incappano anche non pochi ticinesi)
Locarnese
1 ora

Alla Biblioteca di Locarno si parla di viaggi ed ecologia

All’evento, previsto per mercoledì 17 agosto alle 18.15 nella corte di Palazzo Morettini, interverranno gli scrittori Andrea Bertagni e Sabrina Caregnato
Luganese
2 ore

Ceresio e altri tre laghi svizzeri ai minimi storici

Il perdurare della siccità mette in crisi un po’ tutti i bacini. Fra i fiumi, Reno e Reuss con i valori più bassi rilevati nei mesi estivi
Mendrisiotto
2 ore

Tiro obbligatorio e in campagna a Maroggia

La società di tiro Aurora di Stabio dà appuntamento a venerdì 19 e sabato 20 e poi a venerdì 26 e sabato 27 agosto
Luganese
3 ore

Tresa, lavorava in Ticino il 28enne italiano morto

Lascia la compagna e due figli piccoli la vittima dell’incidente di sabato sera. Era dell’alto Varesotto e si era da poco trasferito nel Comasco
Bellinzonese
3 ore

Monte Carasso, serata pubblica sull’aiuto al Madagascar

All’appuntamento che si terrà il 23 agosto alle 20.15 nel salone dell’ex Convento delle Agostiniane sarà presente Suor Maria degli Angeli
Luganese
3 ore

Si rianima il villaggio medioevale di Redde

Torna nei due primi fine settimana di settembre la festa sulla collina di san Clemente, dove fino al 1’300 d.C, sorgeva un piccolo borgo
Locarnese
1 gior

Intragna, dal cornicione della scuola cadono pezzi d’intonaco

Immediato intervento dei tecnici per una verifica dell’accaduto. Municipio pronto a metter mano agli interventi del caso; la ripresa a settembre garantita
Ticino
1 gior

Finiscono le vacanze, torna la colonna: 10km al Gottardo sud

Fra Biasca e Airolo si arrivava nel primo pomeriggio di oggi a due ore di attesa
Ticino
1 gior

Furti per 5mila franchi nei distributori automatici, due arresti

Un 40enne e una 30enne avrebbero colpito le gettoniere di almeno 8 apparecchi soprattutto nei pressi delle stazioni ferroviarie
Luganese
1 gior

È morto il motociclista coinvolto ieri in un incidente a Croglio

L’uomo, un 28enne italiano, ha urtato violentemente un’automobile all’altezza di Madonna del Piano, venendo sbalzato dal mezzo e rovinando a terra
Locarnese
1 gior

A Locarno ‘movida’ prolungata, gli esercenti: ‘è un primo passo’

Le reazioni di bar e ristoranti dopo la decisione dell’Esecutivo di prolungare la possibilità per quest’ultimi di mettere musica di sottofondo 
Mendrisiotto
1 gior

InterCity a Chiasso, ‘Difenderemo sempre la nostra fermata’

Molti i temi in agenda per la seduta extra-muros che impegnerà il Municipio a fine mese. Il punto con il sindaco Bruno Arrigoni.
17.02.2022 - 09:00
Aggiornamento: 19:52

Lugano: il Municipio gela l’ente autonomo sugli alloggi

Preavviso negativo sulla mozione che chiede l’istituzione di un ente per appartamenti a pigione moderata: ‘Ci sarebbero troppi vincoli’

È chiusa, o quasi, la porta del Municipio di Lugano riguardo alla creazione di un ente autonomo per la gestione degli alloggi a pigione moderata. A dircelo è la capodicastero Immobili della Città, Cristina Zanini Barzaghi, interpellata sull’esito dell’incontro con i capigruppo avvenuto mercoledì su questo tema. Un incontro nato su richiesta dell’esecutivo stesso, dopo che dalla Commissione che sta lavorando sul tema sono giunte ulteriori richieste di chiarimenti. «La mozione fa una proposta rigida, che se implementata, viste le leggi esistenti da noi, non potrebbe essere molto efficace».

Un iter lungo dieci anni

La mozione in questione è stata presentata ormai più di tre anni fa e proviene dalla stessa area politica della municipale (primi firmatari: Raoul Ghisletta, Ps, e Nicola Schönenberger, Verdi). Chiede sostanzialmente di costituire l’Ela: l’Ente Lugano abitazioni accessibili, una concretizzazione del controprogetto all’iniziativa popolare del 2012 ‘Per abitazioni accessibili a tutti’. L’Ela dovrebbe avere un capitale di 10 milioni di franchi, soldi già stanziati dal Consiglio comunale nel 2015 "per avviare una politica concreta di accrescimento delle abitazioni a prezzi accessibili a Lugano a favore dei ceti medio-bassi della popolazione". Nelle intenzioni dell’atto parlamentare, all’ente autonomo di diritto comunale dovrebbe inoltre andare anche la gestione dei circa 300 alloggi di proprietà della Città.

In Ticino vincoli diversi rispetto alla Svizzera interna

«In Ticino, a differenza della Svizzera interna dove questi enti autonomi hanno preso piede, c’è la Legge sulle commesse pubbliche che è molto vincolante. Un ente autonomo per l’alloggio non potrebbe attivarsi con flessibilità nel mercato immobiliare come un privato. I vincoli da rispettare come ente parapubblico impediscono di procedere celermente con delle compravendite. Oltralpe esistono ad esempio delle fondazioni con altri meccanismi legislativi che funzionano in modo più semplice». In altre parole, spiega Zanini Barzaghi, visto il contesto locale, avere o non avere un ente cambierebbe poco. «La Città può fare direttamente lei stessa la promozione di alloggi a pigione moderata».

Immobilismo? ‘Non è vero’

E quindi la Città che dovrebbe fare? «Ritengo che si possa fare di più anche senza un ente specifico. Basterebbe incentivare la costituzione di cooperative partecipandovi direttamente, oppure costituire una società mista analoga ad Alloggi Ticino Sa. Queste soluzioni avrebbero il beneficio di potersi muovere sul mercato immobiliare in modo più agile». Il preavviso quindi è negativo e la palla torna al Cc. Intanto i 10 milioni già votati non sono ancora stati destinati ad azioni concrete e si levano regolarmente critiche all’indirizzo dell’esecutivo e della municipale socialista in particolar modo, di immobilismo sull’argomento. «In realtà qualcosa è già stato fatto. Abbiamo stanziato un credito quadro di quasi 11 milioni per rinnovare i nostri alloggi esistenti, di modo da non alzare gli affitti. Ma per quanto riguarda i ‘veri’ 10 milioni, ci sono per il momento solo indicazioni su comparti favorevoli dove costruire. La situazione del mercato è nel frattempo cambiata: lo sfitto è aumentato e costruire a nuovo non è prioritario».

In arrivo uno studio sull’effettiva domanda di alloggi a pigione moderata

Ma questo vale anche per gli appartamenti a basso affitto? «Esistono sul mercato appartamenti a pigione moderata, prevalentemente vetusti. Fra qualche mese avremo i primi risultati di uno studio del nuovo centro di competenza sull’alloggio della Supsi che incrocia i dati sociali con quelli immobiliari. Perché bisogna considerare che il problema degli affitti è direttamente correlato con i salari troppo bassi: le pigioni che altrove sono considerate corrette, da noi sono spesso ritenute troppo alte». La capodicastero ricorda anche che la Città in questi anni ha realizzato pure il regolamento per l’attribuzione degli alloggi a pigione moderata, e poi l’anno scorso è stata creata la cooperativa Lambertenghi che ha ricevuto un diritto di superficie e ora sta preparando il concorso d’architettura. «Oggi il vero tema è: qual è la miglior promozione dell’alloggio?».

Prossimi dossier: via della Posta e Pse

Che cosa intende? «È una tema difficile perché non tocca solo l’edilizia: bisogna accordarsi con tanti servizi comunali. E poi, su questo dossier, le idee divergono. La mia area, e anch’io, crede che si debba fare una politica fondiaria più attiva, mentre la maggioranza pensa che il mercato possa autoregolarsi. Constato però che dal nuovo Piano direttore emerge la necessità di un maggiore dinamismo in quest’ambito, ad esempio con più collaborazione fra pubblico e privato». Quindi? «Quindi ci sono due dossier sui quali si può già lavorare: gli stabili di via della Posta, che con lo spostamento dell’amministrazione comunale a Cornaredo diventeranno abitabili, e poi la terza tappa del Polo sportivo e degli eventi. Per quanto riguarda il primo, si potrebbe già costituire una cooperativa e promuovere una progettazione partecipata. Per il secondo, vi è da realizzare l’emendamento che chiede la creazione di alloggi a pigione moderata in via Trevano: almeno una delle palazzine dovrà offrire alloggi convenienti. Con la variante di Piano regolatore appena approvata potremo iniziare delle trattative con l’investitore».

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
alloggi pigione moderata cristina zanini barzaghi lugano pigioni moderate
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved