divisione-cultura-lugano-alla-ricerca-di-nuovi-attori
Ti-Press
Quattro posti per la cultura di Lugano
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
31 min

Lugano apre Palazzo Civico per ricordare Marco Borradori

Si svolgerà nel patio la cerimonia richiesta dalla Lega e fatta propria dal Municipio a un anno dalla scomparsa dell’ex sindaco
Mendrisiotto
1 ora

Mendrisio, i vincitori del tiro sportivo di Pro Militia

Alla manifestazione hanno preso parte una quarantina di tiratori. Ospite anche il direttore del Dipartimento istituzioni Norman Gobbi
Locarnese
1 ora

Locarnese, slitta la passeggiata degli ‘Amis da la forchéta’

La manifestazione sarà riproposta il 22 ottobre in una veste nuova e con numero limitato di persone
Locarnese
1 ora

Film per le famiglie domenica in Piazza Grande

Dopo due anni di pausa forzata dovuta alla pandemia, torna la proposta cinematografica promossa dal Gruppo genitori
Mendrisiotto
1 ora

Il Gruppo Progetto Monte organizza merenda, spettacolo e musica

L’appuntamento, organizzato con il sostegno del Comune di Castel San Pietro, è in piazza della Chiesa a Monte domenica 14 agosto, dalle ore 17 alle 19
Locarnese
1 ora

Monte Comino, domenica torna la festa popolare

Appuntamento in quota al Grotto al Riposo romantico; carne alla griglia, musica e intrattenimenti per i più piccoli nel programma della giornata
Mendrisiotto
1 ora

Chiasso, la piscina quadrata non riaprirà

La decisione è stata presa a titolo precauzionale a seguito della perdita di cloro. Da metà settembre la vasca sarà oggetto di analisi approfondite
Grigioni
2 ore

Un Ferragosto alpino a San Bernardino

Ricca offerta di attività per famiglie in centro al paese e nei dintorni
Luganese
2 ore

Alla Resega sbarcano due nuove macchine del ghiaccio

Le ENGO IceTiger, che vanno a propulsione elettrica, permetteranno di ripulire la superficie della Cornèr Arena in pochissimo tempo
Bellinzonese
2 ore

Il gruppo cornisti di Corzoneso si esibisce a Quinto

Il concerto, organizzato dal Consiglio parrocchiale con il patrocinio del Comune, si terrà lunedì 15 agosto alle 10.45
Bellinzonese
2 ore

Torre, serata di poesia e musica al Cima Norma Art Festival

Appuntamento per sabato 13 agosto a partire dalle 20 nell’ex fabbrica di cioccolato
Luganese
2 ore

Tentato assassinio, c’era alta tensione tra padre e figlio

In via di miglioramento il 22enne. Ieri avrebbe dormito fuori casa per sfuggire alle pesanti liti. Trovata dalla polizia l’arma, un Flobert calibro 22
Grigioni
3 ore

Grigioni, individuato un ottavo branco di lupi

È stato chiamato ‘Wannaspitz’. Attualmente si aggira fra i comuni di Vals, Lumnezia e Ilanz
Bellinzonese
3 ore

A Giubiasco quasi un milione per l’ex palazzo comunale

Dopo una prima fase di risanamento strutturale, è ora necessario installare la nuova caldaia e un impianto per rinfrescare
07.02.2022 - 19:54

Divisione Cultura, Lugano alla ricerca di nuovi ‘attori’

Con la partenza del responsabile dell’Archivio storico, Pietro Montorfani, che dirigerà la Biblioteca Salita dei Frati, la Città diversifica i profili

La cultura cittadina si fa in quattro. Una dimissione e una riduzione di percentuale daranno luogo, nei prossimi mesi a Lugano, a quattro nuove figure all’interno della Divisione cultura. Con la partenza di Pietro Montorfani, da sei anni responsabile dell’Archivio storico, che andrà a dirigere dal 1° aprile la Biblioteca Salita dei Frati di Lugano e la riduzione di percentuale di Damiano Robbiani, il quale prenderà il timone del Museo del Malcantone, la Città di Lugano ha indetto nuovi concorsi pubblici per la ricerca di un/a esperto/a di tradizioni culturali locali a metà tempo, di un/a storico/a al 60-80%, di un/a storico/a dell’arte a metà tempo e di un/a collaboratore/trice di sviluppo culturale.

Nuove pedine sulla scacchiera della cultura cittadina. Il capodicastero, Roberto Badaracco, spiega la genesi dei cambiamenti: «Una prima riorganizzazione era avvenuta nel 2020, dove avevamo suddiviso la Divisione cultura in vari ambiti: sviluppo culturale, patrimonio culturale e istituzioni culturali. I due tempi parziali di storico andranno per il patrimonio culturale, settore che ha la supervisione dell’Archivio storico e tutta la gestione del patrimonio culturale ad esso collegato (beni culturali, documentazione, di tutto quanto cioè abbiamo in dote e che di nuovo abbiamo ricevuto)».

‘Nei quartieri c’è un patrimonio etno-antropologico da valorizzare’

Ma la novità – sottolinea il municipale – riguarda la ricerca dell’esperto/a di tradizioni culturali locali. «A questo ambito, abbiamo visto nel passato, non si è data l’importanza che merita. Con l’aggregazione dei vari ex Comuni e con la creazione dei quartieri, da una veloce analisi è emerso che c’è un patrimonio culturale molto esteso anche in tutti i rioni. Probabilmente, sia perché si è un po’ troppo Luganocentrici sia perché le competenze di prima della Divisione cultura e dell’Archivio storico erano più rivolte a quella che era la ‘vecchia Lugano’, non si è scandagliato abbastanza e non si è avuto un occhio sufficientemente attento nei confronti di tutto quanto riguarda il patrimonio etno-antropologico. Quindi: linguistica storica, tradizioni locali e orali presenti un po’ in tutti gli ex Comuni di Lugano. Gli ex quartieri possiedono un patrimonio molto importante – penso ad esempio a Carona, Sonvico con gli Amici del Torchio e altre associazioni attive in questo rione, o anche altri ambiti, ma la stessa Val Colla possiede beni che andrebbero ulteriormente valorizzati e soprattutto promossi. L’idea – prosegue il capodicastero – è di riuscire a trovare una persona che conosca bene questi temi e che possa in primo luogo studiare e approfondire tutte queste realtà presenti nei quartieri aggregati alla Città e quindi sviluppare dei programmi di valorizzazione. Questo è emerso non solo come obiettivo della Divisione Cultura ma anche come obiettivo strategico della Città, per salvaguardare le entità, le identità dei quartieri e per promuoverle in tutti i sensi. Questo ambito è tra l’altro molto sentito dalla popolazione, lo abbiamo avvertito attraverso le diverse associazioni che curano e promuovono questo patrimonio presente nei quartieri. Per questo, quindi, si potrebbe creare quella famosa rete culturale della quale si è tante volte parlato; conoscersi meglio, poter mettere in campo nuove risorse».

Roberto Badaracco guarda anche al futuro polo culturale che si svilupperà attorno alla Biblioteca Salita dei Frati: «Con Pietro Montorfani, uno storico di grande valore, potremo senz’altro guardare a proficue collaborazioni». La Divisione attività culturali di Lugano, diretta da Luigi di Corato, ricerca come detto anche un/a collaboratore/trice di sviluppo culturale che avrà fra l’altro il compito di mettere in rete più istituzioni. Si pensa, fra l’altro, alla futura e sempre più vicina – «allestiremo presto il messaggio municipale all’attenzione del Consiglio comunale», fa sapere il capodicastero Cultura, sport ed eventi – acquisizione da parte della Città di Lugano dello stabile di Besso degli studi radio per creare la Casa della musica, che ospiterà fra l’altro il Conservatorio della Svizzera italiana, la Fonoteca e l’Orchestra della Svizzera italiana (Osi). Ebbene, il/la futuro/a collaboratore/trice di sviluppo culturale dovrà incaricarsi anche di coordinare queste grandi realtà culturali, come appunto l’orizzonte che si aprirà nello stabile di via Canevascini che dal 1962 ospita la radio, tutti spazi destinati, come noto, a trasferirsi a Comano. Insomma, Lugano è alla ricerca di nuovi ‘attori’ e nuove competenze per proseguire nell’importante e costante impegno di valorizzazione del proprio vasto patrimonio culturale.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
archivio storico cultura lugano patrimonio
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved