ULTIME NOTIZIE Cantone
Video
Ticino
1 ora

La Chiesa si mette in attesa ‘un po’ particolare’ del Natale

Messaggio alla Diocesi ticinese del vescovo Alain de Raemy in occasione domenica dell’inizio del cammino d’Avvento
Luganese
5 ore

A2, PoLuMe anche da Gentilino alla Vedeggio-Cassarate

L’Ustra conferma: in autostrada si potrà usare la terza corsia d’emergenza come ‘dinamica’ in caso di necessità fino a Lugano nord
Ticino
5 ore

Cantonali ’23, Andrea Giudici torna in pista. E lo fa con l’Udc

Deputato liberale radicale dal 2003 al 2019, l‘avvocato locarnese proverà a tornare in Gran Consiglio: ’I democentristi rappresentano meglio le mie idee’
VIDEO
Locarnese
5 ore

‘Non si può ammazzare una donna per un ciuffo di capelli’

Tre 18enni che frequentano il Liceo Papio hanno deciso di compiere un gesto simbolico a sostegno delle donne iraniane che lottano per i propri diritti
Bellinzonese
13 ore

‘Hanno dato il massimo ma sono stati travolti da una tempesta’

La difesa dei vertici della casa anziani di Sementina chiede l’assoluzione contestando anche le direttive di Merlani. Morisoli: ‘Fatto il possibile’
Ticino
13 ore

Targhe, il governo rilancia con 2 proposte. Dal Centro nuovo No

Il Consiglio di Stato tende la mano con delle alternative di calcolo. Gli iniziativisti non ci stanno, la sinistra sì. Ognuno per la sua strada, ancora
Ticino
14 ore

‘Polizia unica? Sfruttiamo le potenzialità del sistema attuale’

Fsfp in assemblea. E sul delicato e controverso dossier si attende che la politica decida.‘Venga però sentita anche la nostra Federazione’
Luganese
14 ore

La proposta: due vie a senso unico a Cassarate

In un’interrogazione, la consigliera comunale Lara Olgiati (Plr) ritiene che la modifica viaria delle vie Pico e Vicari migliorerebbe traffico e sicurezza
Gallery
Mendrisiotto
14 ore

Boffalora: al posto della villetta arrivano due palazzine

Altro cantiere residenziale in vista alla porta nord di Chiasso. L’operazione annuncia un investimento di oltre 6 milioni di franchi
Luganese
14 ore

Il 46° parallelo a Lugano? ‘Lo promuoverà l’ente turistico’

Non sarà il Comune, se non indirettamente, ad assumersi la promozione della latitudine geografica che attraversa la città
Locarnese
15 ore

Picchiò un ragazzo in Piazza Grande, 3 anni di carcere

Un 19enne di origini siriane residente nel Luganese colpevole anche di rapina, infrazione e contravvenzione alla Legge federale sugli stupefacenti
Luganese
16 ore

Lugano, viadotto del Brentino: ‘Progetto in pausa’

Slitta qualsiasi ipotesi di riqualifica del comparto, in attesa che si completino gli approfondimenti su altri temi (PoLuMe e svincolo Lugano Sud)
Ticino
16 ore

Il salario minimo legale non sarà adeguato al rincaro

Il Consiglio di Stato boccia la mozione di Ivo Durisch (Ps): ‘Un adeguamento sarebbe contrario alla volontà del legislatore e alla legge’
Locarnese
16 ore

Incendio di Loco, militi ed elicottero impegnati tutto il giorno

Ripresi venerdì mattina i lavori di spegnimento degli ultimi focolai e bonifica delle zone toccate dal rogo boschivo scoppiato giovedì al Monte Cortascio
25.01.2022 - 10:00

A Pura diatriba sulle campane a suon di... petizioni

Dopo una raccolta di firme per far ridurre i rintocchi il Municipio ha disposto alcune concessioni, che ‘non soddisfano’. E ora c’è una contropetizione

di Guido Grilli
a-pura-diatriba-sulle-campane-a-suon-di-petizioni
Ti-Press
Il pomo della discordia

Troppi rintocchi di campana, di giorno, di notte, alle ore piene, alle mezze ore, all’alba. A Pura – ma a ben guardare nel Cantone la polemica non è nuova, specie nel Mendrisiotto, l’ultimo caso è scoppiato a novembre a Stabio – la popolazione è divisa sulle campane, perché principalmente tolgono il sonno a chi abita sotto o nei paraggi del campanile (di proprietà, curiosità, del Comune) della chiesa parrocchiale di San Martino.

‘Parroco e Consiglio parrocchiale più disponibili del Municipio’

Così una petizione lanciata nei mesi scorsi che ha raccolto 44 adesioni ha portato il tema nella stanza dei bottoni. L’esito? Lo scorso 10 gennaio il Municipio ha deliberato adottando la propria “decisione municipale relativa all’uso non liturgico delle campane”. Gli autori della petizione chiedevano: 1) che le ore diurne vengano battute una sola volta; 2) che si rinunci ai rintocchi delle mezz’ore; 3) che si mantenga il silenzio dalle 20 alle 8; 4) che si rinunci allo scampanio quotidiano delle 6.30. Ebbene, l’Esecutivo (che vede in maggioranza ‘PuraMente Civica’, anche se da nostre informazioni la diatriba non segue logiche partitiche, tanto che all’interno della stessa lista le posizioni divergono) ha disposto quanto segue: 1) Per il battito delle ore diurne viene mantenuto il doppio rintocco; 2) Tra le 21 e le 7 il rintocco delle ore viene mantenuto, rinunciando però al doppio rintocco; 3) Lo scampanio dell’Ave Maria alle 6.30 può essere posticipato a discrezione del Consiglio parrocchiale di Pura; 4) La presente decisione viene attuata a titolo di prova a partire dal 15 maggio 2022; 5) Contro la presente decisione è data facoltà di ricorso al Consiglio di Stato entro un termine di 30 giorni. Soddisfatti? «Per niente», assicura Lucio Nesta, primo firmatario della petizione e promotore della raccolta di firme. Sono perplesso di questa decisione poco lungimirante, perché, paradossalmente, il Consiglio parrocchiale e il parroco don Lukasz Janus in un incontro a inizio novembre fra le parti si erano persino detti decisamente più disponibili ad ascoltarci e aperti ad assecondare le nostre richieste rispetto al Municipio, tanto che avevano proposto a titolo di prova di rinunciare allo scampanio notturno, da inizio maggio a fine ottobre, che è l’aspetto più importante della nostra petizione».

‘Alcune famiglie hanno cambiato Comune per il disturbo delle campane’

Ricorrerete al Consiglio di Stato? «No, a livello nazionale la questione da quanto ho capito è molto disciplinata e anche un ricorso non avrebbe possibilità di spuntarla. Quel che stiamo pensando è a una nuova raccolta di firme, coinvolgendo di più coloro che abitano a ridosso del campanile (sono 500, su una popolazione complessiva di 1’337 abitanti, coloro che abitano nel nucleo, ndr). Inoltre, ho intenzione di scrivere al Municipio e in copia al Consiglio comunale per inoltrare le osservazioni alla luce della decisione», fa sapere il promotore della petizione, che assicura: «Il problema principale sono le campane di notte. Io da quattro anni, da quando abito a Pura, metto i tappi. So di famiglie che hanno cambiato Comune per il disturbo delle campane».

Ma il pomo della discordia, in definitiva, risiede tra la volontà di mantenere le tradizioni e la richiesta, invece, di una maggiore quiete, specie di notte. Ma – sorpresa – da pochi giorni a Pura si sta levando la voce anche di chi appunto, in nome della tradizione, chiede al Municipio di abolire la risoluzione del 10 gennaio e di tornare esattamente alla passata usanza, con tutti i rintocchi di campana finora in atto, senza insomma nessuna concessione a chi avanza lamentele. Prima firmataria è Maura Luvini, che evidenzia: «Mi sembra che una buona parte della popolazione sia pro campane. Mi dispiaceva lasciare cadere la questione. Con questa petizione vorrei arrivare ad almeno duecento firme e penso di farcela, per l’inizio-metà febbraio. Qualcuno è venuto persino a suonarmi il campanello di casa per firmare. La petizione che consegneremo intende chiedere al Municipio di lasciare tutto com’è. Ci proviamo, senza rancore. Io, è vero, non abito proprio sotto il campanile, ma di case lì ce ne sono poche. C’è la scuola. In questo paese non c’è già più niente. Ci hanno tolto l’ufficio postale, la banca, il macellaio. Ora ci vogliono togliere anche il suono delle campane. Poi, Pura è un paese ancora molto religioso, le messa è molto ben frequentata, ci sono ancora molti bambini e ragazzi che servono messa». E per ora il campanile, con la sua chiesa, sta sempre al centro del villaggio. Sul numero e l’intensità dei rintocchi di campana chissà chi la spunterà.

Leggi anche:

Campane moleste a Stabio, tra decibel e tradizione

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved