a-pura-diatriba-sulle-campane-a-suon-di-petizioni
Ti-Press
Il pomo della discordia
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
3 ore

Edilizia, gli aumenti delle materie prime offuscano l’orizzonte

Gli impresari costruttori in assemblea a Mendrisio hanno toccato anche il tema delle infiltrazioni mafiose in Svizzera
Luganese
4 ore

Morcote, al via la stagione estiva per la famiglia

Il primo appuntamento è per domenica 22 a Parco Scherrer, quando andrà in scena lo spettacolo gratuito ‘Aspettando CartaSìa’
Mendrisiotto
4 ore

Sagra della castagna 2022, aperte le iscrizioni

Gli artigiani interessati si devono annunciare entro l’11 giugno. La manifestazione si terrà a Morbio Superiore
Luganese
4 ore

Rovio, verranno sostituiti i tre ippocastani abbattuti

Ha suscitato qualche polemica il taglio degli alberi in piazza. La decisione era stata presa dall’esecutivo in carica fino all’aggregazione
Ticino
4 ore

Imposte di circolazione, i dubbi di Plr e Ps restano

Le due iniziative popolari del Ppd continuano a non convincere del tutto. Speziali: ‘È finanziariamente sostenibile?’. Passalia: ‘Basta, si vada al voto’
Luganese
4 ore

Costi, qualità di vita, moltiplicatore: perché si lascia Lugano

Sebbene il trend demografico si sia invertito, uno studio evidenzia che il saldo migratorio nei confronti dei comuni ticinesi è ancora negativo
Mendrisiotto
4 ore

Si allarga il gremio dell’Ente regionale per lo sport

L’assemblea accoglie Vacallo. In vista anche l’ingresso di Balerna e Brusino Arsizio. Vistati regolamento e statuti
Mendrisiotto
4 ore

Al Serpiano si possono provare le hand bike

L’associazione Ti-Rex Sport ne ha acquistate quattro, che sarà possibile noleggiare per provare il percorso inaugurato lo scorso anno
Luganese
5 ore

Lugano, arriva la prima scuola estiva di criptovalute

Primo passo concreto per il ‘Lugano’s Plan B’. 50 studenti lavoreranno a stretto contatto con esperti e leader del settore a livello mondiale
Ticino
5 ore

‘Le proposte sulla gestione Covid di Ostinelli non ci competono’

La Commissione sanità e sicurezza sociale si esprime sulla petizione del medico che chiedeva un cambio di strategia secondo i suoi suggerimenti
Luganese
5 ore

Sette nuovi diplomati tra i conduttori di cani da terapia

Il gruppo ha finito la formazione e si potrà mettere ora a disposizione delle istituzioni del Cantone
Ticino
5 ore

Altro incidente sull’A2, traffico in tilt verso sud

Pomeriggio nerissimo per la circolazione in Ticino. Disagi anche sulla cantonale nella zona di Manno
Mendrisiotto
5 ore

Riva San Vitale, al via le ‘Olimpiadi rivensi’

Domenica ragazze e ragazzi si misureranno su discipline diverse. Le gare prenderanno il via alle 11
Locarnese
5 ore

‘Spazio Elle, Locarno rinnovi il contratto d’affitto’

Tredici consiglieri comunali mettono le mani avanti e chiedono al Municipio anche la valutazione di un eventuale acquisto del comparto
25.01.2022 - 10:00

A Pura diatriba sulle campane a suon di... petizioni

Dopo una raccolta di firme per far ridurre i rintocchi il Municipio ha disposto alcune concessioni, che ‘non soddisfano’. E ora c’è una contropetizione

Troppi rintocchi di campana, di giorno, di notte, alle ore piene, alle mezze ore, all’alba. A Pura – ma a ben guardare nel Cantone la polemica non è nuova, specie nel Mendrisiotto, l’ultimo caso è scoppiato a novembre a Stabio – la popolazione è divisa sulle campane, perché principalmente tolgono il sonno a chi abita sotto o nei paraggi del campanile (di proprietà, curiosità, del Comune) della chiesa parrocchiale di San Martino.

‘Parroco e Consiglio parrocchiale più disponibili del Municipio’

Così una petizione lanciata nei mesi scorsi che ha raccolto 44 adesioni ha portato il tema nella stanza dei bottoni. L’esito? Lo scorso 10 gennaio il Municipio ha deliberato adottando la propria “decisione municipale relativa all’uso non liturgico delle campane”. Gli autori della petizione chiedevano: 1) che le ore diurne vengano battute una sola volta; 2) che si rinunci ai rintocchi delle mezz’ore; 3) che si mantenga il silenzio dalle 20 alle 8; 4) che si rinunci allo scampanio quotidiano delle 6.30. Ebbene, l’Esecutivo (che vede in maggioranza ‘PuraMente Civica’, anche se da nostre informazioni la diatriba non segue logiche partitiche, tanto che all’interno della stessa lista le posizioni divergono) ha disposto quanto segue: 1) Per il battito delle ore diurne viene mantenuto il doppio rintocco; 2) Tra le 21 e le 7 il rintocco delle ore viene mantenuto, rinunciando però al doppio rintocco; 3) Lo scampanio dell’Ave Maria alle 6.30 può essere posticipato a discrezione del Consiglio parrocchiale di Pura; 4) La presente decisione viene attuata a titolo di prova a partire dal 15 maggio 2022; 5) Contro la presente decisione è data facoltà di ricorso al Consiglio di Stato entro un termine di 30 giorni. Soddisfatti? «Per niente», assicura Lucio Nesta, primo firmatario della petizione e promotore della raccolta di firme. Sono perplesso di questa decisione poco lungimirante, perché, paradossalmente, il Consiglio parrocchiale e il parroco don Lukasz Janus in un incontro a inizio novembre fra le parti si erano persino detti decisamente più disponibili ad ascoltarci e aperti ad assecondare le nostre richieste rispetto al Municipio, tanto che avevano proposto a titolo di prova di rinunciare allo scampanio notturno, da inizio maggio a fine ottobre, che è l’aspetto più importante della nostra petizione».

‘Alcune famiglie hanno cambiato Comune per il disturbo delle campane’

Ricorrerete al Consiglio di Stato? «No, a livello nazionale la questione da quanto ho capito è molto disciplinata e anche un ricorso non avrebbe possibilità di spuntarla. Quel che stiamo pensando è a una nuova raccolta di firme, coinvolgendo di più coloro che abitano a ridosso del campanile (sono 500, su una popolazione complessiva di 1’337 abitanti, coloro che abitano nel nucleo, ndr). Inoltre, ho intenzione di scrivere al Municipio e in copia al Consiglio comunale per inoltrare le osservazioni alla luce della decisione», fa sapere il promotore della petizione, che assicura: «Il problema principale sono le campane di notte. Io da quattro anni, da quando abito a Pura, metto i tappi. So di famiglie che hanno cambiato Comune per il disturbo delle campane».

Ma il pomo della discordia, in definitiva, risiede tra la volontà di mantenere le tradizioni e la richiesta, invece, di una maggiore quiete, specie di notte. Ma – sorpresa – da pochi giorni a Pura si sta levando la voce anche di chi appunto, in nome della tradizione, chiede al Municipio di abolire la risoluzione del 10 gennaio e di tornare esattamente alla passata usanza, con tutti i rintocchi di campana finora in atto, senza insomma nessuna concessione a chi avanza lamentele. Prima firmataria è Maura Luvini, che evidenzia: «Mi sembra che una buona parte della popolazione sia pro campane. Mi dispiaceva lasciare cadere la questione. Con questa petizione vorrei arrivare ad almeno duecento firme e penso di farcela, per l’inizio-metà febbraio. Qualcuno è venuto persino a suonarmi il campanello di casa per firmare. La petizione che consegneremo intende chiedere al Municipio di lasciare tutto com’è. Ci proviamo, senza rancore. Io, è vero, non abito proprio sotto il campanile, ma di case lì ce ne sono poche. C’è la scuola. In questo paese non c’è già più niente. Ci hanno tolto l’ufficio postale, la banca, il macellaio. Ora ci vogliono togliere anche il suono delle campane. Poi, Pura è un paese ancora molto religioso, le messa è molto ben frequentata, ci sono ancora molti bambini e ragazzi che servono messa». E per ora il campanile, con la sua chiesa, sta sempre al centro del villaggio. Sul numero e l’intensità dei rintocchi di campana chissà chi la spunterà.

Leggi anche:

Campane moleste a Stabio, tra decibel e tradizione

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
campane municipio petizione pura
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved