30.12.2021 - 11:48
Aggiornamento: 14:02

Lugano, il casinò non gioca con la salute

La casa da gioco illustra come ha intensificato il suo protocollo di accoglienza per garantire un ambiente protetto a visitatori e dipendenti

lugano-il-casino-non-gioca-con-la-salute
archivio Ti-Press
Una veduta sul Casinò

Il Casinò di Lugano ha intensificato il suo protocollo di accoglienza sicura per garantire un ambiente protetto ai visitatori. Il piano di protezione, spiega la casa da gioco in una nota, si concretizza “nel rispetto delle misure del distanziamento sociale, nel controllo attento della certificazione Covid o di guarigione per l’ingresso dei clienti, nell’utilizzo corretto dei dispositivi di protezione individuale, nella sanificazione di tutti gli ambienti a intervalli regolari con prodotti professionali, nella somministrazione di bevande e di alimenti in ottemperanza alla normativa vigente e nella predisposizione di colonnine con dispenser muniti di soluzione idroalcolica per igienizzare le mani, costantemente a disposizione”. Il piano di protezione “viene aggiornato costantemente, allineandosi alle indicazioni sanitarie vigenti e alle istruzioni della Confederazione”. Le postazioni delle slot machines continuano a essere divise da plexiglas, in ogni sala ci sono purificatori e in ogni piano sono proiettati video sulle norme da seguire. Nella struttura è pure presente cartellonistica esplicativa.

Le misure di sicurezza riguardano anche il personale, formato e incaricato di monitorare e promuovere il rispetto delle misure di prevenzione. “Per tutti i dipendenti della casa da gioco vige l’obbligo della mascherina in tutte le aree della struttura, uffici compresi, e il controllo della temperatura all’entrata in servizio oltre che la possibilità di effettuare test antigenici rapidi periodici di controllo”. Come spiega l’amministratore delegato Paolo Sanvido, “in un momento delicato come quello che stiamo vivendo, il livello di attenzione si è chiaramente alzato e ci siamo dotati di regole ferree, condivise da tutto lo staff, al fine di garantire a tutti i nostri dipendenti e ai nostri giocatori il massimo benessere”.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved