opposizione-sulla-mega-costruzione-da-7-piani-a-viganello
Archivio Ti-Press
Una panoramica del quartiere interessato
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
6 ore

Lega dei Ticinesi, Consiglio esecutivo al completo

Agli eletti in Cds e al Nazionale, si aggiungono Sabrina Aldi, Massimiliano Robbiani, Patrizio Farei e Alessandro Mazzoleni
Locarnese
8 ore

Gordola, ‘Littering: quando si passerà dalle parole ai fatti?’

Con un’interrogazione al Municipio, il Plr chiede se quanto pianificato per combattere il fenomeno sia stato attuato, altrimenti quando
Ticino
8 ore

Referendum sulla giustizia, votano anche gli italiani all’estero

Il plico con il materiale di voto arriverà per posta entro il 25 maggio a tutti gli iscritti alle anagrafi consolari
Ticino
8 ore

È attivo il Centro tumori cutanei complessi dell’Eoc

Il cancro della pelle è in costante aumento in tutto il mondo. Diagnosi e cura sono ora più efficaci e i tassi di mortalità in calo
Ticino
9 ore

Il futuro energetico al centro dell’assemblea dei fiduciari

I lavori inizieranno domani alle 16 presso Villa Negroni di Vezia, sede dell’istituto di formazione professionale del settore
Locarnese
9 ore

Orselina, i maggiorenni festeggiati dal Municipio

Dopo due anni di attesa, l’esecutivo ha potuto tornare a omaggiare i 18enni del Comune con una visita alla Madonna del Sasso
Luganese
9 ore

Il tempo libero lungo la Tresa

Analizzato da uno studio della Supsi, presentazione a Ponte Tresa
Locarnese
9 ore

Verzasca e Piano, torna la rassegna gastronomica

Dallo scorso 20 maggio, è partita la manifestazione mangereccia dedicata a prodotti locali e piatti della tradizione. Coinvolti undici ristoranti.
Luganese
10 ore

Fienile distrutto dalle fiamme ad Arogno

Le cause del rogo sono per ora sconosciute. Non ci sarebbero feriti o intossicati.
Bellinzonese
10 ore

Malattie genetiche rare, ‘La cucina di Manu’ dona 30mila franchi

La pubblicazione del ricettario in memoria di Manuela Righetti ha permesso di raccogliere l’importante somma per l’Associazione malattie genetiche rare
Luganese
10 ore

Besso pulita! in assemblea

Si parlerà anche dei disagi provocati dai lavori alla stazione Ffs di Lugano
Locarnese
10 ore

Locarno, Ps: ‘Accuse spiacevoli, pretestuose e imbarazzanti’

Bocciatura mozione contro il tabagismo nei parchi giochi: il Ps locale risponde alle insinuazioni della presa di posizione dell’associazione non fumatori
Luganese
10 ore

Molestie all’Unitas, assemblea tesa

Allontanati i giornalisti, trapela malcontento; il Comitato attende l’esito dell’inchiesta
Locarnese
13 ore

San Nazzaro, annegamento al bagno pubblico

Si tratterebbe di un turista. Sul posto sono intervenuti i soccorritori e gli agenti della Polizia cantonale e della Polizia lacuale
laR
 
23.12.2021 - 20:32

Opposizione sulla ‘mega costruzione da 7 piani’ a Viganello

Un gruppo di cittadini si rivolge al Municipio e lancia una petizione. ‘Troppi 140 parcheggi. Si creerebbe un rumore insopportabile’

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

La città di Lugano è da tempo confrontata con una grande percentuale di appartamenti sfitti. Un’analisi del servizio urbano, realizzata lo scorso mese di aprile, stimava un valore di abitazioni vuote pari all’8%. Nonostante questo sono tanti gli imprenditori che, complici gli attuali tassi d’interesse negativi, continuano a investire costruendo nuove unità abitative. Alcune di queste, però, non sono viste di buon occhio da chi abita nelle vicinanze. È il caso di Viganello, dove un gruppo di cittadini si è opposto alla costruzione di un complesso ‘polifunzionale e plurifamiliare’ che dovrebbe sorgere in via Boscioro 20, dove attualmente ci sono i capannoni ‘ex Ronda’. «È qualcosa di davvero imponente», ha spiegato a ‘laRegione’ un confinante (il nome è noto alla redazione) che insieme ad altri abitanti del quartiere ha presentato un’opposizione alla domanda di costruzione, inviandola lo scorso 10 dicembre al Municipio di Lugano. Sul fondo, di oltre 5’600 metri quadrati, dovrebbero sorgere una costruzione composta da due blocchi di sette piani (con altezza massima dal suolo di oltre 26 metri). Al suo interno troveranno posto cinque spazi commerciali, alcuni uffici e 95 unità abitative di piccole dimensioni. A queste si aggiungono 17 posteggi per le moto e 140 posti auto.

‘Troppi 140 parcheggi’

Proprio dal numero di automobili che potranno trovare posto nel nuovo comparto parte l’opposizione lanciata dai confinanti: “Il progetto ha previsto 140 posti auto assegnandone uno a ogni unità abitativa, spesso di dimensioni inferiori ai 50 metri quadrati. Questa scelta progettuale è sicuramente sproporzionata rispetto alla sezione delle strade del quartiere”. Le vie che occupano l’area sono infatti per la maggior parte zona 30. “L’accesso all’autorimessa risulta essere chiuso tra quattro edifici, fonte inevitabile di rumore e conseguente carico di traffico direttamente sulla via Boscioro, e su tutto il quartiere”. Il tema del rumore era già stato oggetto di discussione a Lugano lo scorso mese di novembre, quando uno studio della Banca cantonale di Zurigo aveva posizionato il centro urbano sulle rive del Ceresio al secondo posto tra le città più rumorose della Svizzera. Dall’analisi era emerso infatti che a Lugano oltre un alloggio su cinque è esposto a un rumore di oltre 60 decibel, equivalente a quello provocato da un tosaerba a una distanza di 10 metri, che dovrebbe essere percepito anche tenendo le finestre chiuse. A preoccupare i confinanti non è però solo il rumore generato dal traffico. “La verifica dovrà infatti tenere conto anche della diffusione dei rumori molesti in generale, vista la destinazione di parte degli spazi a uso commerciale”. A destare preoccupazione è anche il contesto nel quale l’edificio andrebbe a inserirsi. “Vogliamo sottolineare l’aggravio di traffico nella zona in oggetto, generato dagli aggiuntivi 140 stalli. Recentemente sono state anche realizzate diverse costruzioni e altre verranno ultimate a breve. A queste si aggiungono il nuovo Campus della Supsi e, prossimamente, il liceo cantonale Lugano 1”.

‘Ci tolgono la vista lago’

A preoccupare i confinanti è quindi anche la dimensione del nuovo edificio, che una volta realizzato andrebbe a togliere la vista sul lago a numerosi appartamenti già presenti nella zona. “Attualmente disponiamo di un’ottima vista lago, che con la nuova edificazione sarebbe definitivamente compromessa. Non si tratta di un danno esclusivamente paesaggistico, ma anche economico. Le nostre proprietà verrebbero infatti private di un loro importante valore commerciale”. La richiesta è quindi chiara: “Chiediamo una verifica approfondita da parte degli uffici competenti (con eventuale sopralluogo nel quartiere) in merito al numero reale di posteggi necessari, che devono essere proporzionati non solo al progetto, ma soprattutto al contesto urbano nel quale questo edificio si inserisce e il conseguente rispetto dei valori limite di esposizione al rumore”. Gli oppositori al progetto si sono rivolti anche all’Associazione cittadini per il territorio di Viganello, chiedendo un supporto per cercare di fermare la realizzazione della costruzione. È stata anche lanciata una petizione online, nella quale viene esposta anche la preoccupazione legata alla presenza di amianto e al suo smaltimento: “La demolizione dei capannoni ‘ex Ronda’, sito inquinato per la presenza di amianto, preoccupa non poco per il suo smaltimento e costringerà il vicinato a respirarne le polveri”.

Leggi anche:

Lugano, lo sfitto residenziale preoccupa la Città

Lugano è la seconda città più rumorosa della Svizzera

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
costruzione lugano opposizione parcheggi rumore viganello
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved