operai-sottopagati-nell-edilizia-coppia-condannata-per-usura
Archivio Ti-Press
L’azienda nel frattempo è fallita
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
5 ore

Lega dei Ticinesi, Consiglio esecutivo al completo

Agli eletti in Cds e al Nazionale, si aggiungono Sabrina Aldi, Massimiliano Robbiani, Patrizio Farei e Alessandro Mazzoleni
Locarnese
7 ore

Gordola, ‘Littering: quando si passerà dalle parole ai fatti?’

Con un’interrogazione al Municipio, il Plr chiede se quanto pianificato per combattere il fenomeno sia stato attuato, altrimenti quando
Ticino
7 ore

Referendum sulla giustizia, votano anche gli italiani all’estero

Il plico con il materiale di voto arriverà per posta entro il 25 maggio a tutti gli iscritti alle anagrafi consolari
Ticino
8 ore

È attivo il Centro tumori cutanei complessi dell’Eoc

Il cancro della pelle è in costante aumento in tutto il mondo. Diagnosi e cura sono ora più efficaci e i tassi di mortalità in calo
Ticino
8 ore

Il futuro energetico al centro dell’assemblea dei fiduciari

I lavori inizieranno domani alle 16 presso Villa Negroni di Vezia, sede dell’istituto di formazione professionale del settore
Locarnese
8 ore

Orselina, i maggiorenni festeggiati dal Municipio

Dopo due anni di attesa, l’esecutivo ha potuto tornare a omaggiare i 18enni del Comune con una visita alla Madonna del Sasso
Luganese
8 ore

Il tempo libero lungo la Tresa

Analizzato da uno studio della Supsi, presentazione a Ponte Tresa
Locarnese
8 ore

Verzasca e Piano, torna la rassegna gastronomica

Dallo scorso 20 maggio, è partita la manifestazione mangereccia dedicata a prodotti locali e piatti della tradizione. Coinvolti undici ristoranti.
Luganese
9 ore

Fienile distrutto dalle fiamme ad Arogno

Le cause del rogo sono per ora sconosciute. Non ci sarebbero feriti o intossicati.
Bellinzonese
9 ore

Malattie genetiche rare, ‘La cucina di Manu’ dona 30mila franchi

La pubblicazione del ricettario in memoria di Manuela Righetti ha permesso di raccogliere l’importante somma per l’Associazione malattie genetiche rare
Luganese
9 ore

Besso pulita! in assemblea

Si parlerà anche dei disagi provocati dai lavori alla stazione Ffs di Lugano
Locarnese
9 ore

Locarno, Ps: ‘Accuse spiacevoli, pretestuose e imbarazzanti’

Bocciatura mozione contro il tabagismo nei parchi giochi: il Ps locale risponde alle insinuazioni della presa di posizione dell’associazione non fumatori
20.12.2021 - 19:21
Aggiornamento : 19:57

Operai sottopagati nell’edilizia, coppia condannata per usura

A due cittadini italiani attivi nel Luganese inflitti 20 e 19 mesi sospesi. ‘Sfruttavano lo stato di bisogno dei lavoratori’. Espulsi anche per 5 anni

«Ero chiaro con i dipendenti. Dicevo loro fin dall’inizio che non potevo pagare quello che prevedeva la legge», si è difeso così un 45enne cittadino italiano comparso quest’oggi davanti alla corte delle Assise correzionali di Lugano, presieduta dal giudice Marco Villa, con l’accusa di usura per mestiere. Insieme alla compagna, pure lei in aula con la stessa accusa, ha sottopagato 10 dipendenti (tutti frontalieri) della ditta di cui era amministratore unico, attiva nel mondo dell’edilizia e ora fallita. Di che cifre stiamo parlando? «Tra i 9 e i 10 euro l’ora per chi si occupava delle pulizie in cantiere, mentre per i muratori fino ai 15 euro. La paga variava in base alle competenze e tutti gli operai erano d’accordo, per loro erano salari fino a due o tre volte superiori a quelli che avrebbero percepito in Italia», ha spiegato l’uomo. In Svizzera la retribuzione oraria prevista dal Contratto mantello per l’edilizia varia fra i 32,81 e i 38,36 franchi, ha precisato il procuratore pubblico Moreno Capella nel suo decreto d’accusa, dove i casi segnalati di dipendenti sottopagati erano 18 («ma in alcuni non si sono potute raccogliere le prove sufficienti», ha detto il giudice). Un agire che ha permesso alla coppia di sottrarre un totale di oltre 147mila franchi. A loro carico il giudice ha inflitto rispettivamente 20 mesi sospesi all’uomo e 19 sospesi alla donna (entrambi con la condizionale) e l’espulsione dalla Svizzera per i prossimi 5 anni. «È stato coscientemente sfruttato il bisogno evidente di operai che accettavano un contratto che altrimenti avrebbero rifiutato», ha affermato in conclusione Villa.

‘Agivano sull’ignoranza dei lavoratori’

«Sfruttavano il fatto che gli impiegati non conoscevano il regolamento elvetico dell’edilizia e l’esistenza di salari minimi dovuti. Sapevano bene di violare le regole. In questo caso possiamo parlare di lesione della dignità del lavoratore. Un atteggiamento che mette in pericolo lo stesso mercato delle commesse e delle aziende che vi partecipano rispettando le regole. Il loro scopo era abbassare i costi così da poter presentare offerte inferiori a quelle della concorrenza», ha spiegato il pp. Il procedimento adottato dalla coppia era il seguente: lui reclutava i lavoratori, contattandoli direttamente tramite il passaparola e accordandosi oralmente sulla remunerazione. «Per me il requisito fondamentale era che potessero essere disponibili da subito, per questo mi rivolgevo al mercato italiano», si è giustificato l’uomo. La compagna, pure lei cittadina italiana, si occupava invece della parte amministrativa dell’azienda. A lei toccava il compito di stilare i contratti di lavoro, che presentavano cifre maggiori (e in linea con la legge) rispetto a quanto poi si trovavano in busta paga gli impiegati. «Io non avevo alcun potere decisionale, mi limitavo a fare quanto mi veniva indicato», ha cercato di giustificarsi lei. L’accusa chiedeva una pena di 24 mesi sospesi per lui (che aveva anche piccoli precedenti in Italia) e 21 per lei.

‘Dava la stessa paga anche al fratello’

La difesa si è invece battuta per il proscioglimento di entrambi, chiedendo anche un risarcimento (di oltre 6mila franchi ciascuno) per il mese di carcerazione preventiva già scontato. «Il suo unico requisito era la disponibilità del dipendente. La stessa cifra la corrispondeva anche al fratello, impiegato presso la ditta. Dobbiamo parlare anche nei suoi confronti di usura?», ha argomentato l’avvocato Rocco Taminelli, difensore dell’uomo. Motivi ribaditi anche dal collega Davide Pedrotti, difensore della donna: «Stiamo comunque parlando di salari buoni per la realtà italiana». I due imputati hanno poi voluto ribadire il loro pentimento: «Pensavamo di rimediare solo una multa. Ci siamo sempre preoccupati che i nostri dipendenti avessero il necessario per vivere e non facevamo mancare degli anticipi, se richiesti». Un’argomentazione a cui il giudice non ha dato troppo peso. La difesa ha fatto sapere che ricorrerà in appello.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
davide pedrotti edilizia luganese marco villa moreno capella rocco taminelli usura
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved