ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
1 ora

Ferite di media gravità per centauro finito fuori strada

L’incidente è avvenuto sul mezzogiorno di sabato lungo la strada cantonale che da Carabietta conduce ad Agnuzzo
Bellinzonese
3 ore

Scontro fra due auto a Cadenazzo: un ferito

Il tratto di via Ala Campagna è stato chiuso per oltre un’ora per consentire le operazioni di soccorso e il recupero dei veicoli accidentati
Video
Ticino
7 ore

La Chiesa si mette in attesa ‘un po’ particolare’ del Natale

Messaggio alla Diocesi ticinese del vescovo Alain de Raemy in occasione domenica dell’inizio del cammino d’Avvento
Luganese
11 ore

A2, PoLuMe anche da Gentilino alla Vedeggio-Cassarate

L’Ustra conferma: in autostrada si potrà usare la terza corsia d’emergenza come ‘dinamica’ in caso di necessità fino a Lugano nord
Ticino
11 ore

Cantonali ’23, Andrea Giudici torna in pista. E lo fa con l’Udc

Deputato liberale radicale dal 2003 al 2019, l‘avvocato locarnese proverà a tornare in Gran Consiglio: ’I democentristi rappresentano meglio le mie idee’
VIDEO
Locarnese
11 ore

‘Non si può ammazzare una donna per un ciuffo di capelli’

Tre 18enni che frequentano il Liceo Papio hanno deciso di compiere un gesto simbolico a sostegno delle donne iraniane che lottano per i propri diritti
Bellinzonese
19 ore

‘Hanno dato il massimo ma sono stati travolti da una tempesta’

La difesa dei vertici della casa anziani di Sementina chiede l’assoluzione contestando anche le direttive di Merlani. Morisoli: ‘Fatto il possibile’
Ticino
19 ore

Targhe, il governo rilancia con 2 proposte. Dal Centro nuovo No

Il Consiglio di Stato tende la mano con delle alternative di calcolo. Gli iniziativisti non ci stanno, la sinistra sì. Ognuno per la sua strada, ancora
Ticino
20 ore

‘Polizia unica? Sfruttiamo le potenzialità del sistema attuale’

Fsfp in assemblea. E sul delicato e controverso dossier si attende che la politica decida.‘Venga però sentita anche la nostra Federazione’
15.12.2021 - 10:35
Aggiornamento: 17.12.2021 - 17:28

Malcantone Ovest, sostegno al progetto Prometheus

Giovanni Pedrazzini, con altre personalità del territorio, sottoscrive una lettera rivolta ai Comuni affinché appoggino l’operatore di prossimità

malcantone-ovest-sostegno-al-progetto-prometheus
Ti-Press/Archivio
The Van, Servizio di prossimità per i giovani della Città di Lugano

La necessità della figura educativa dell’operatore regionale di prossimità in Malcantone trova l’appoggio di Giovanni Pedrazzini, decano della Facoltà di scienze biomediche dell’Università della Svizzera italiana che ha sottoscritto una lettera di sostegno ai Comuni della regione. Un lettera firmata anche dal sindaco di Bioggio Eolo Alberti e da diverse autorità politiche locali, cantonali e federali. In sostanza ai Comuni viene chiesto “di valutare una partecipazione finanziaria”, il progetto Prometheus, avviato con successo nel Malcantone Ovest a sostegno della gioventù in difficoltà. Pedrazzini sottolinea inoltre che “in recenti studi commissionati dalla Confederazione, un giovane su tre ha problemi psichici, gli episodi di violenza anche per futili motivi sono in aumento e, non da ultimo, il consumo di psicofarmaci anche a scopo ricreativo insieme ad altre sostanze che creano dipendenza, ha raggiunto cifre molto preoccupanti”. Ma non bisogna dimenticare il senso di solitudine e di abbandono favorito dalle lunghe restrizioni della pandemia da Covid.

Pertanto, mediante un lavoro di strada, disegnato e strutturato secondo modelli già esistenti e che hanno dato ottimi risultati, giovani in difficoltà per varie ragioni hanno la possibilità d’incontrare, negli spazi/ambiti da loro frequentati, degli educatori/collaboratori, dei professionisti del settore e iniziare con loro una relazione di sostegno. Il lavoro di prossimità, evidenzia il decano, è uno degli strumenti più importanti e funzionali nell’ambito del lavoro sociale e permette di arrivare in realtà difficilmente raggiungibili altrimenti. Gli esempi in Ticino di servizi come questo sono ormai molti e mostrano tutta la loro efficacia nel rilevamento precoce di situazioni di vulnerabilità. La letteratura scientifica, in tutti gli ambiti, è concorde sul fatto che la prevenzione e l’intervento tempestivo sul disagio giovanile, permettano di arginarne le evoluzioni più preoccupanti (e i relativi costi finanziari). Purtroppo, malgrado la crescente necessità, il finanziamento di questi progetti non è ancora garantito istituzionalmente e la loro sopravvivenza dipende dal sostegno di enti pubblici (e privati) che ne riconoscono il valore per la società.

A sponsorizzare il progetto c’è anche Ilario Lodi, direttore Fondazione Pro Juventute Svizzera Regione Svizzera italiana, secondo cui “le esigenze educative, che con il nuovo millennio si sono sempre più fatte insistenti, necessitano la realizzazione di progetti e azioni educative all’altezza della nuova situazione venutasi a creare. Molte, in verità, sono le idee che hanno trovato forma; quella di un servizio regionale di prossimità, o di un’educativa da strada itinerante, è certamente tra le più interessanti e significative, e questo per vari motivi, tra i quali troviamo la presenza costante e continua a livello regionale di un professionista dell’educazione in un contesto fatto di giovani, la sua attenta e saggia gestione di situazioni potenzialmente delicate, la sua opera di prevenzione per proteggere i giovani e per contribuire ad aggiustare situazioni le quali, se lasciate andare senza un’intelligente gestione, molto facilmente potrebbero trasformarsi in problemi per l’intera collettività (che non sono risolvibili solo con interventi di tipo finanziario...)”.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved