KHACHANOV K. (RUS)
0
NADAL R. (ESP)
2
3 set
(3-6 : 2-6 : 0-0)
municipio-lugano-al-parco-saroli-proporzionalita-rispettata
I proiettili raccolti dai giovani che hanno partecipato alla festa
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
1 ora

Casinò a Locarno, ACE ‘sorpresa’ non molla l’idea permanenza

“Rammarico” espresso dalla Holding dopo l’annuncio di Kursaal Sa e Stadcasino Baden di aver trovato un accordo per il post nuova concessione
Luganese
2 ore

Incendio in un appartamento a Lugano, salvi gli inquilini

Due persone di una palazzina in via Gerso, dove si sono sviluppate le fiamme, sono state visitate poichè potenzialmente potevano aver inalato del fumo
Ticino
2 ore

In Ticino +5 pazienti Covid e 3 decessi, contagi stabili

In cure intense rimangono 15 persone con complicazioni da Covid, 2 in meno rispetto a ieri. Un ricovero e un decesso fra gli ospiti delle case anziani
Ticino
2 ore

La sperimentazione? ‘Ci sono diversi punti da chiarire’

Superamento livelli in terza media, il capogruppo del Ppd Agustoni: senza risposte soddisfacenti non potremo sostenere l’emendamento governativo
Luganese
3 ore

Migranti e centri di accoglienza: ‘È questo fare casa?’

Due testimonianze riportano al tema degli asilanti in Ticino. Dalla struttura provvisoria di Pasture all’intensa attività dell’associazione DaRe.
Mendrisiotto
4 ore

Più fotovoltaico a Mendrisio grazie a tariffe agevolate

L’AlternativA lancia una proposta per incrementare la diffusione di impianti a vettore solare nella Città dell’Energia
Luganese
7 ore

Da Caslano: ‘Terza media senza livelli? Grosso vantaggio’

In vista del voto in Gran Consiglio sul superamento dei corsi A/B in matematica e tedesco, reportage dalla scuola ticinese pioniera nella sperimentazione
Ticino
7 ore

‘Siamo una delle voci della scuola, no alla sperimentazione’

Il presidente del Plr Alessandro Speziali boccia la proposta di emendamento del governo al Preventivo per partire col test sul superamento dei livelli
Locarnese
7 ore

Brissago-Locarno in bus, ci sono margini di miglioramento

Incontro nel borgo di confine con Fart, Cit e Ufficio dei trasporti pubblici per vedere di risolvere le criticità dei collegamenti con il centro
Luganese
16 ore

Lugano, rissa al Parco Ciani: due feriti

La dinamica esatta non è ancora nota, sono intervenuti la Polizia cantonale e la Polizia comunale. I fatti sono avvenuti vicino all’entrata lato Casinò
Ticino
16 ore

La sinistra politica in strada contro i licenziamenti Dpd

Presidio di solidarietà coi lavoratori del colosso dei pacchi, accusato di condotta antisindacale. Spunta un quinto licenziamento.
Ticino
17 ore

Mauro Antonini a processo settimana prossima

L’ex comandante delle Guardie di confine deve rispondere delle presunte irregolarità nella gestione di fondi finanziari emerse in seno al corpo federale
03.12.2021 - 15:490
Aggiornamento : 16:16

Municipio Lugano: ‘Al Parco Saroli proporzionalità rispettata’

L’esecutivo ha fornito (alcune) risposte sui tafferugli dello scorso settembre, durante i quali la Polizia comunale ha usato proiettili di gomma

Il controverso intervento della Polizia comunale di Lugano, che interrompendo una festa al Parco Saroli lo scorso settembre si è ritrovata a utilizzare i proiettili di gomma contro i giovani, sarebbe stato conforme al principio di proporzionalità. Lo afferma il Municipio, rispondendo a un’interrogazione del consigliere comunale Raoul Ghisletta (Ps). Una risposta parziale – non a tutte le domande è stata data una replica –, la quale giustifica l’operato delle forze dell’ordine, che aveva fatto molto discutere.

Domande senza risposta

Il Municipio ricorda che gli agenti sono intervenuti sostanzialmente per riportare la quiete pubblica, compromessa dal forte rumore del party in corso. “Sul posto sono intervenuti due ufficiali della Polizia Città di Lugano i quali si sono preventivamente consultati anche con l’ufficiale di picchetto della Polizia cantonale” si legge nella risposta alla prima domanda. Domanda che tuttavia chiedeva ‘chi ha deciso l’intervento della polizia?’ e alla quale quindi non si risponde direttamente. Altrettanto senza risposta sono rimasti altri quesiti – significativi per giudicare l’effettiva proporzionalità – relativi a quanti agenti sono intervenuti, a che ora lo hanno fatto e quanti di questi erano dotati delle armi con proiettili di gomma e di che tipo erano queste armi. “Trattandosi di una domanda tattico/strategica rispettivamente di sicurezza non vengono rilasciate informazioni a riguardo”, la replica per tutti questi interrogativi.

Gli operatori sociali? ‘Non riconosciuti dai giovani’

In compenso l’esecutivo ha effettivamente riconfermato che i proiettili di gomma sono stati utilizzati – fatto più unico che raro in Ticino per casi simili, ricordiamo – ma “nel rispetto delle regole e delle direttive imposte dall’Istituto svizzero di polizia” e della già citata proporzionalità. Si ricorda infatti che i giovani partecipanti al ‘Salotto sonoro lampo’, questo il nome dell’evento non autorizzato, avrebbero avuto un “atteggiamento aggressivo sfociato dapprima in un pericoloso contatto fisico e in seguito anche nel lancio di sassi”. Si precisa comunque che l’utilizzo dei mezzi coercitivi è avvenuto solo dietro ordine del responsabile, e non su iniziative singole. Non sarebbero per contro mancati tentativi da parte delle autorità di “descalare la situazione molesta” con approcci più soft: richieste, intimazioni e dialogo in particolar modo con chi gestiva gli apparecchi musicali. A tal proposito, una curiosa osservazione sugli operatori sociali della Città. Ghisletta ha infatti chiesto come mai non sia stato richiesto l’intervento degli operatori di prossimità del Comune, servizio recentemente potenziato. “Non essendo stato autorizzato né preannunciato (sebbene dei flyer sulla serata girassero nei giorni precedenti, ndr) l’evento in questione, non è stato possibile preavvisare o coinvolgere alcun servizio” premette il Municipio, aggiungendo: “Va precisato che gli operatori sociali della Città sono figure generalmente non riconosciute dai giovani”, oltre che non formate per affrontate situazioni come quella in questione.

Né fermi, né sequestri, né controdenunce

In altre parole, sul servizio di prossimità verosimilmente c’è da lavorare. La risposta all’atto parlamentare si conclude evidenziando che nessun giovane è stato fermato (“considerata la tensione e al fine di indurre una descalazione della stessa”) e anzi sono state levate diverse contravvenzioni alle infrazioni contestate. Viceversa, nemmeno dalla controparte vi sarebbero state denunce nei confronti della polizia. Alla notte di alta tensione e alle polemiche, insomma, sarebbe seguito un periodo di distensione. Allo stesso modo le autorità sottolineano che nessun impianto musicale è stato sequestrato, ma che tuttavia il generatore di musica è stato allontanato per evitare che si continuasse a farlo suonare. L’oggetto in questione si trova ancora alla sede della Polcom ma al momento non è ancora stato reclamato da nessuno.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved