NJ Devils
2
LA Kings
3
fine
(2-1 : 0-1 : 0-1)
Seattle Kraken
3
FLO Panthers
2
2. tempo
(0-1 : 3-1)
VAN Canucks
0
STL Blues
0
1. tempo
(0-0)
energia-la-capriasca-diventa-comunita-di-autoconsumo
L’area della Lugaggia Innovation Community (Lic)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
6 ore

Trenord, il Covid continua a colpire il personale

I dati forniti da Regione Lombardia dopo le proteste dei pendolari
Locarnese
9 ore

Cevio, lieve calo demografico nel 2021

La diminuzione della popolazione nel capoluogo distrettuale è dovuta soprattutto alle partenze
Locarnese
9 ore

Locarno, quest’anno non si scaccia gennaio

La Pro Città Vecchia ha annullato l’edizione della tradizione che da tempo immemore coinvolge i bambini alla fine di questo mese
Luganese
9 ore

Montagnola, una nuova guida per il museo Hermann Hesse

La direttrice Regina Bucher lascerà l’incarico alla fine di quest’anno. La fondazione si attiva per ricercare una persona in grado di sostituirla
Luganese
9 ore

Lugano, scazzottata tra due ventenni in piazza Dante

Dopo la lite nelle prime ore di oggi, un giovane finisce all’Ospedale Civico per un possibile trauma cranico. La polizia avvia accertamenti
Locarnese
9 ore

Locarno, conferenza su Francesco Chiesa e identità culturale

A proporla è il Lyceum Club Locarno, giovedì 27 gennaio alla Biblioteca cantonale, con la partecipazione del professor Ariele Morinini
Locarnese
9 ore

Locarnese, il premio Giovanna Dalcol a Formation Partage

L’Ong si occupa di progetti di formazione e di educazione in diversi Paesi dell’Africa francofona
Luganese
10 ore

Lugano, si adotti il label ‘VilleVerte Suisse’

Mozione dei Verdi chiede passi avanti: la certificazione avrebbe effetti benefici sul necessario aumento della biodiversità in città
Bellinzonese
10 ore

‘Contrastare il traffico parassitario’ a Monte Carasso

Il consigliere comunale di Bellinzona Luca Madonna torna alla carica sul problema irrisolto ormai da anni
Bellinzonese
10 ore

Ampio sostegno trasversale alla fusione nella Bassa Leventina

In un volantino un centinaio di persone e alcuni ‘tenori’ si schierano a favore dell’aggregazione
Locarnese
11 ore

Ascona, Antoinette al cinema Otello

Secondo appuntamento con il cineclub dell’Alliance française, martedì 25 e mercoledì 26 alle 18.15
Mendrisiotto
12 ore

‘30x30’, mostra collettiva alla Filanda di Mendrisio

Esposizione del Gruppo Acquarellisti Ticinesi fino al 30 gennaio per sottolineare il nuovo traguardo del sodalizio
Mendrisiotto
13 ore

‘Ri-pensare i confini’, a Mendrisio film sulle frontiere

Al via dal 26 gennaio un ciclo organizzato da Museo etnografico della Valle di Muggio e Cineclub
Bellinzonese
13 ore

Quartieri Bellinzona: avanti con 3 commissioni ma non in centro

Al via la pubblicazione per candidarsi a Monte Carasso, Sementina e Gudo: deciderà poi il Municipio chi incaricare
Luganese
15 ore

Incidente della circolazione a Pura: grave un 62enne

Il sinistro è avvenuto intorno alle 11 in via Colombera. Ha riportato ferite lievi anche una 60enne
Ticino
18 ore

Aumento dei ricoveri in Ticino, segnalato anche un nuovo decesso

Nelle ultime 24 ore sono stati registrati in Ticino 1’174 casi di positività al Covid-19. 163 i pazienti ricoverati, 17 dei quali in cure intense
Ticino
1 gior

In Ticino ospedalizzazioni stabili e un nuovo decesso

Nelle ultime 24 ore si sono registrati 1348 nuovi contagi da coronavirus
Ticino
1 gior

‘L’ordinanza sui casi di rigore Covid è da cambiare’

Per Fabio Regazzi la proposta del Consiglio federale è troppo burocratica e rischia di non indennizzare tutte le Pmi toccate dalla regola del 2G
26.11.2021 - 21:290

Energia, la Capriasca diventa ‘comunità di autoconsumo’

Dopo il progetto pilota di Lugaggia, a inizio dicembre parte una nuova tappa che coinvolge l’arena sportiva di Tesserete

Lugaggia ha fatto scuola. Il progetto pilota avviato nel quartiere di Capriasca per sperimentare soluzioni innovative per valorizzare le risorse energetiche locali e la produzione di energia da fonti rinnovabili, sbarca infatti anche al centro sportivo di Tesserete, dove il progetto partirà ufficialmente il 1° dicembre. I due progetti sono inseriti in due distinti programmi di ricerca europea. Sviluppata dall’Azienda elettrica di Massagno (Aem) in partenariato con Supsi e le società Optimatik, Hive Power e Landis+Gyr, la ‘Lugaggia Innovation Community’ (Lic) ha portato Capriasca a essere premiato come ‘Comune innovativo 2020’. Quella creata in Capriasca è una ‘comunità di autoconsumo’, con un gruppo di consumatori e produttori che scambiano energia al loro interno, mediante regolari contratti di vendita e acquisto, gestendo i propri consumi e le possibilità di stoccaggio energetico con l’obiettivo di massimizzare l’indipendenza energetica del gruppo stesso.

Da dove nasce il progetto

È Paolo Rossi, direttore dell’Aem, a spiegarci quali sono stati i passi che hanno portato alla creazione della Lic. «Il sistema tradizionale di produzione dell’energia era un sistema verticale, con grandi unità di produzione centralizzate – commenta –. Dal 2010, con lo sviluppo delle energie rinnovabili e in particolare del fotovoltaico, l’energia si genera in unità sempre più decentralizzate e si scambia tra gli utenti per linee sulla bassa tensione». Un passaggio «che ha molti vantaggi, come la sostenibilità e l’indipendenza energetica del paese», ma anche qualche svantaggio. «Avvenendo tutto sulla bassa tensione, l’ultimo miglio, che è stato costruito storicamente per portare l’energia e non per portarla via. Se abbiamo una sovrapproduzione locale che non viene utilizzata, abbiamo questo flusso di ritorno. Stiamo quindi partiti da questa constatazione per capire come possiamo limitare gli impatti negativi che derivano dalla decentralizzazione della produzione». Aem, dal 2016, ha così provveduto alla sostituzione dei suoi contatori con «contattori intelligenti – aggiunge Rossi –. Si tratta di contatori digitali che permettono di fare una lettura a distanza dei dati e che, se attaccati a determinati apparecchi come termopompe o bollitori, possono caricare anche determinati ordini». Per garantire il flusso di comunicazione «abbiamo costruito una banda larga dedicata su tutto il nostro territorio, grazie alla quale siamo in grado di fare il download dei dati di tutti i nostri utenti ogni quarto d’ora e determinare consumo, potenza impegnata e livello di tensione». A questi dati vanno in seguito aggiunti quelli «della nostra produzione, della produzione fotovoltaica, i dati del punto di collegamento con la rete dell’alta tensione e quello sulla meteorologia (temperatura soprattutto, umidità, insolazione)». In collaborazione con Supsi e una società di servizio svizzero tedesca – un processo durato 4 anni – «abbiamo elaborato un algoritmo basato sull’intelligenza artificiale», con l’obiettivo di fare una previsione di quello che consumerà il territorio, suddiviso per ogni singolo utente, nelle successive 24 ore «così da poter fare una programmazione per determinare al punto di connessione con la rete dell’alta tensione un profilo più piatto possibile (con meno picchi, perché controllando il picco, riusciamo a tenere sotto controllo la tariffa per i nostri utenti) e, infine, per controllare il livello di tensione (cioè la qualità dell’erogazione) sulle reti a bassa tensione».

La scelta di Lugaggia

L’idea di Aem è stata quella di identificare un quartiere e farlo diventare un’area di autoconsumo. «Oltre a essere un quartiere esistente e non pianificato apposta, Lugaggia è un quartiere con una forte concentrazione di fotovoltaico – spiega ancora Rossi –. Il grado di autoconsumo di ogni singolo utente era attorno al 25 per cento, mentre il resto andava in rete, e c’era anche una grossa flessibilità con una bella concentrazione di bollitori, boiler, termopompe». Aem, aggiunge il direttore, «ha semplicemente destinato una parte della sua rete a questo quartiere: la linea è stata dedicata, come se fosse la linea di una casa e il quartiere, dove abbiamo installato una batteria comprensoriale, è diventato per legge un cosiddetto raggruppamento per il consumo proprio». I test dell’algoritmo «hanno dato risultati veramente molto interessanti: siamo riusciti ad aumentare il grado di autoconsumo attorno al 95 per centro e non c’erano più flussi di ritorno nella nostra rete». Rossi tiene a sottolineare che «nel sistema tradizionale a comandare è la domanda, mentre in quello orizzontale è la produzione: il sole c’è quando c’è e, nel limite del possibile, la domanda deve essere adeguata alla produzione: l’algoritmo deve telecomandare diversi apparecchi in modo che funzionino il più possibile quando c’è produzione solare». L’utilizzo della batteria ha inoltre permesso di «tagliare i picchi: alla sera i picchi sono più alti quindi utilizzavamo la batteria in parte per dare energia fotovoltaica prodotta di giorno e non consumata alla sera».

Più stabili coinvolti a Tesserete

Nell’area sportiva di Tesserete «la potenza fotovoltaica è molto più grande e va a coprire una parte maggiore rispetto al 10 per cento di Lugaggia: vi saranno più stabili coinvolti ma con meno consumo perché nell’arena sportiva, servita anche dalla rete di telecalore, ci sono pochi bollitori e una sola termopompa. Rispetto a Lugaggia, che è più residenziale, Tesserete è più complesso: stiamo studiando come gestire le infrastrutture legate al telecalore con l’algoritmo. Andiamo avanti per gradi per verificare come delle realtà diverse reagiscono a una soluzione simile». L’obiettivo futuro, conclude Paolo Rossi, «è andare a segmentare la nostra rete in piccole celle di autoconsumo, un po’ come un alveare. La nostra è una ricerca di efficienza, proteggendo la rete ma avendo tariffe più efficienti possibili».

Guarda le 2 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved