quarantene-di-classe-focolaio-nella-zona-di-origlio
Test per i più piccoli (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
10 min

Torna il Mercalibro in Piazza Buffi a Bellinzona

L’Associazione MeTeOra annuncia che il prossimo appuntamento è in programma per mercoledì 2 febbraio
Luganese
23 min

Meditazione, silenzio e riflessioni al Convento del Bigorio

Nel mese di febbraio ci saranno tre appuntamenti. Il primo è dedicato a un aspetto della figura di S. Francesco d’Assisi
Bellinzonese
29 min

Italia, multata l’azienda che aveva chiesto foto in costume

La multa per l’annuncio di lavoro di una società di Napoli che cercava una receptionist è stata inflitta dall’Ispettorato nazionale del lavoro
Locarnese
1 ora

Il presidente della Confederazione in visita da Rabinowicz

Nel Giorno della Memoria, Ignazio Cassis ha raggiunto nel suo domicilio di Locarno il 97enne artista, reduce dai campi di sterminio nazisti
Ticino
1 ora

Prestazione ponte Covid, il Governo propone la proroga

Il Messaggio del Consiglio di Stato recepisce gli auspici del Gran Consiglio chiedendo la proroga degli aiuti di almeno 6 mesi con effetto retroattivo
Luganese
1 ora

Paradiso, un corso per i giovani tiratori

Lo organizza la società San Salvatore e si rivolge a ragazzi e ragazze svizzeri nati tra il 2004 e il 2007
Bellinzonese
1 ora

‘Le mille e una notte’ sul palco dell’oratorio di Bellinzona

Il 4 febbraio saranno di scena nell’ambito della rassegna Minimusica gli attori di Storie di Scintille
Grigioni
1 ora

I fondisti (giovani e adulti) si sfidano a San Bernardino

Domenica mattina gara sul circuito di Fornas. La pista sarà poi nuovamente aperta al pubblico da mezzogiorno
Ticino
2 ore

In Ticino contagi in calo, pazienti Covid stabili e zero decessi

Restano 166 le persone positive al Covid in ospedale, una più nei reparti di cure intense dove sono 15 le persone con complicazioni più gravi da Covid
16.11.2021 - 17:450
Aggiornamento : 18:32

Quarantene di classe: focolaio nella zona di Origlio

Su undici sezioni di scuole elementari e dell’infanzia in confinamento in Ticino, cinque sono riconducibili alla regione di Capriasca e dintorni

Undici classi in confinamento di cui la metà in Capriasca e dintorni. Solo un caso? Oppure è possibile pensare a una correlazione? Quello che è forse un focolaio? Domande che sorgono spontanee nella lettura del bollettino che il Dipartimento dell’educazione, della cultura e dello sport (Decs) stila quotidianamente dall’inizio della pandemia. Delle undici classi – oggi si è aggiunta una sezione delle scuole elementari di Chiasso – cinque, come detto, sono ricollegabili a una precisa regione luganese. Secondo le quarantene di classe attualmente figurano: due sezioni delle scuole elementari di Capriasca e una sezione delle scuole elementari di Ponte Capriasca, una sezione della scuola dell’infanzia di Capriasca e una della scuola dell’infanzia di Origlio. Gli alunni dovranno rispettare il confinamento fino a giovedì e venerdì.

«In merito alla sua domanda – ci risponde l’Ufficio del medico cantonale – confermiamo che attualmente vi è un accumulo di casi nella regione da lei indicata, in relazione a un piccolo focolaio attorno alla zona di Origlio. Segnaliamo che sul tempo vi sono stati sul territorio vari focolai qua e là, apparsi e scomparsi rapidamente. Le indagini ambientali proseguono e non vi sono motivi di allarme».

Più allarmati sono però genitori e famiglie: «Un po’ di preoccupazione c’è, inutile nasconderlo – ci dice un papà di due alunni che vivono proprio in Capriasca –. Rispetto a un anno fa la situazione è decisamente migliore, il vaccino tranquillizza pensando al rischio di ammalarsi gravemente, ma vedere questa concentrazione di quarantene di classe in zona qualche domanda la solleva. Il dubbio che ci sia qualche problema locale viene, è naturale. Magari non in classe ma nel tragitto casa-scuola, con tragitti relativamente lunghi su bus affollati».

Gli allievi, lo ricordiamo, hanno avuto comunicazione da parte della direzione, dell’Ufficio del medico cantonale o dal contact tracing. Coloro che nell’ambito dell’istituto scolastico non sono stati raggiunti dal provvedimento, non sono coinvolti nella quarantena e stanno proseguendo pertanto normalmente l’attività scolastica in presenza. È in particolare l’ufficio del medico cantonale, il dottor Giorgio Merlani, che informa la direzione dell’istituto in merito a eventuali quarantene di classe che toccano le scuole comunali (scuola dell’infanzia, scuola elementare) o le scuole cantonali (scuole medie, scuole medie superiori, scuole professionali). La direzione comunica poi l’ordine di quarantena direttamente agli allievi della classe toccata (rispettivamente, ai detentori dell’autorità parentale). Fino al termine della quarantena, le lezioni per gli allievi direttamente coinvolti proseguono temporaneamente a distanza, come previsto dalle indicazioni previste dal Protocollo di quarantena di classe predisposto dal Decs. La quarantena, non va dimenticato, è una misura preventiva che consiste nell’isolarsi in casa ed evitare di avere contatti con altre persone.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved