quarantene-di-classe-focolaio-nella-zona-di-origlio
Test per i più piccoli (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
5 ore

Rivoluzione e trasformazione digitale, incontro al Ciani

Conferenza a più voci il 30 agosto nell’ambito degli Eventi al parco promossi dalla Città di Lugano
Mendrisiotto
6 ore

Vacallo, una colonia da Grecia antica ma non un’Odissea

Successo per l’iniziativa che ha visto la partecipazione di 55 bambini e 20 giovani monitori
Locarnese
6 ore

È morto Aldo Belloli. Fu re Kapiler del Carnevale di Locarno

Prima bidello al Liceo, poi ristoratore: è stato uno degli ideatori del premio ‘Boccalino’ del Festival del film
Locarnese
6 ore

Recuperato il corpo dell’83enne annegato a Vira Gambarogno

Il cadavere è stato ritrovato a una profondità di circa 106 metri e a 550 metri da riva usando fra l’altro un sonar e un robot per il recupero
Mendrisiotto
7 ore

Vacallo, ti presento la nuova edizione della Via Lattea

La manifestazione, alla sua 18esima edizione, che unisce il piacere del camminare a quello dell’ascolto, sarà illustrata il 23 agosto
Bellinzonese
7 ore

A Bellinzona ricco programma per la stagione Mini e Maxi teatro

Dodici gli appuntamenti suddivisi in spettacoli per bambini e adolescenti. Si comincia mercoledì 21 settembre
Ticino
7 ore

Il ritorno a scuola si avvicina, la polizia invita alla prudenza

Lo scorso anno 36 bambini si sono infortunati a seguito di un incidente stradale. A dover fare attenzione anche chi utilizza l’auto vicino alle scuole
Bellinzonese
7 ore

Festa popolare per i 127 anni della Musica di Daro

Venerdì 9 settembre ad Artore il corteo seguito dal concerto, dai saluti ufficiali e da una cena
Bellinzonese
8 ore

Luca Chieregato al Teatro Tan di Biasca

Venerdì 26 agosto lo scrittore, regista e cantastorie presenterà il suo nuovo libro ‘Di che storia hai bisogno?’
16.11.2021 - 17:45
Aggiornamento: 18:32

Quarantene di classe: focolaio nella zona di Origlio

Su undici sezioni di scuole elementari e dell’infanzia in confinamento in Ticino, cinque sono riconducibili alla regione di Capriasca e dintorni

Undici classi in confinamento di cui la metà in Capriasca e dintorni. Solo un caso? Oppure è possibile pensare a una correlazione? Quello che è forse un focolaio? Domande che sorgono spontanee nella lettura del bollettino che il Dipartimento dell’educazione, della cultura e dello sport (Decs) stila quotidianamente dall’inizio della pandemia. Delle undici classi – oggi si è aggiunta una sezione delle scuole elementari di Chiasso – cinque, come detto, sono ricollegabili a una precisa regione luganese. Secondo le quarantene di classe attualmente figurano: due sezioni delle scuole elementari di Capriasca e una sezione delle scuole elementari di Ponte Capriasca, una sezione della scuola dell’infanzia di Capriasca e una della scuola dell’infanzia di Origlio. Gli alunni dovranno rispettare il confinamento fino a giovedì e venerdì.

«In merito alla sua domanda – ci risponde l’Ufficio del medico cantonale – confermiamo che attualmente vi è un accumulo di casi nella regione da lei indicata, in relazione a un piccolo focolaio attorno alla zona di Origlio. Segnaliamo che sul tempo vi sono stati sul territorio vari focolai qua e là, apparsi e scomparsi rapidamente. Le indagini ambientali proseguono e non vi sono motivi di allarme».

Più allarmati sono però genitori e famiglie: «Un po’ di preoccupazione c’è, inutile nasconderlo – ci dice un papà di due alunni che vivono proprio in Capriasca –. Rispetto a un anno fa la situazione è decisamente migliore, il vaccino tranquillizza pensando al rischio di ammalarsi gravemente, ma vedere questa concentrazione di quarantene di classe in zona qualche domanda la solleva. Il dubbio che ci sia qualche problema locale viene, è naturale. Magari non in classe ma nel tragitto casa-scuola, con tragitti relativamente lunghi su bus affollati».

Gli allievi, lo ricordiamo, hanno avuto comunicazione da parte della direzione, dell’Ufficio del medico cantonale o dal contact tracing. Coloro che nell’ambito dell’istituto scolastico non sono stati raggiunti dal provvedimento, non sono coinvolti nella quarantena e stanno proseguendo pertanto normalmente l’attività scolastica in presenza. È in particolare l’ufficio del medico cantonale, il dottor Giorgio Merlani, che informa la direzione dell’istituto in merito a eventuali quarantene di classe che toccano le scuole comunali (scuola dell’infanzia, scuola elementare) o le scuole cantonali (scuole medie, scuole medie superiori, scuole professionali). La direzione comunica poi l’ordine di quarantena direttamente agli allievi della classe toccata (rispettivamente, ai detentori dell’autorità parentale). Fino al termine della quarantena, le lezioni per gli allievi direttamente coinvolti proseguono temporaneamente a distanza, come previsto dalle indicazioni previste dal Protocollo di quarantena di classe predisposto dal Decs. La quarantena, non va dimenticato, è una misura preventiva che consiste nell’isolarsi in casa ed evitare di avere contatti con altre persone.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved