ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
30 min

Va in scena una Locarno On Ice da favola

Domenica dedicata ai più piccoli, con racconti e rappresentazioni del musical Favolandia. Ma non mancheranno anche musica e le partite dei Mondiali
Locarnese
48 min

Annullata la giornata di pulizia dei sentieri

Lo ha deciso, a causa delle poco incoraggianti previsioni meteo, il Comitato dell’Associazione di quartiere Solduno - Ponte Brolla - Vattagne
Locarnese
1 ora

Si (ri)alza forte, la Vos da Locarno

Lo storico coro cerca il rilancio dopo un periodo difficile dovuto in particolare alla pandemia, che ne ha dimezzato gli effettivi. ‘Ma l’entusiasmo c’è’
Ticino
5 ore

Un ‘audit’ cantonale per i diritti umani

Domani all’Usi si discuterà di come fare per migliorarne il rispetto anche a livello locale. Tra gli ospiti anche la ginevrina Léa Winter
Luganese
6 ore

Lugano, l’appello: ‘La bici è la mia compagna, ritrovatemela’

La storia di Chiara e della sua e-bike, rubata alla Stazione Ffs e rivenduta. ‘La Polizia mi ha detto di dimenticarmela ma io non mi arrendo’.
Gallery
Luganese
12 ore

Manno: con l’auto nella scarpata, due ferite

L’incidente stradale è avvenuto attorno alle 21. Le due occupanti della vettura, una donna e una bambina, se la sono cavata con qualche escoriazione
Grigioni
13 ore

Parco Calanca avanti tutta: il sì dell’associazione alla Charta

L’assemblea dei delegati ha votato all’unanimità lo strumento pianificatorio. Il 29 gennaio parola alla popolazione. Se avallato, il dossier andrà a Coira
11.11.2021 - 10:51
Aggiornamento: 15:32

Pecunia Olet, Galeazzi non patteggia: si profila il processo

Il municipale Udc è indagato nell’inchiesta italiana per riciclaggio aggravato. Decisione il 15 dicembre

pecunia-olet-galeazzi-non-patteggia-si-profila-il-processo
Ti-Press

Si profila il processo in Italia per il municipale Udc di Lugano Tiziano Galeazzi, indagato per riciclaggio aggravato, in relazione alla sua professione di fiduciario, nell’ambito dell’inchiesta Pecunia Olet avviata dalla squadra mobile di Brescia e dalla Guardia di Finanza di Bergamo. Lo scrive il Corriere della Sera nell’edizione locale di Bergamo.

L’inchiesta ha visto il sequestro complessivo di 10 milioni di euro su conti svizzeri, soldi che facevano la spola fra Calcio (il comune del Bergamasco di cui è originario Sirani, precisa Tio), Singapore, San Marino, le Isole Marshall e la Svizzera.

La difesa di Galeazzi, affidata all’avvocato Davide Giudici, del Foro di Como, secondo quanto scrive il Corsera non imboccherà la strada del patteggiamento, scegliendo probabilmente la via del processo con rito ordinario. Il municipale di Lugano ha sempre sostenuto, in sua difesa, che la Procura di Bergamo ha considerato erroneamente illecita la sua attività professionale, invocando a supporto della propria tesi la decisione del Tribunale penale federale che nel maggio del 2018 ha smontato il reato di riciclaggio accertando che i soldi in questione sarebbero stati versati in Svizzera prima dei reati contestati in Italia. Galeazzi aveva all’epoca dichiarato che, lavorando in banca, era semplicemente il consulente finanziario della moglie dell’imprenditore di calcio Luca Sirani, imputata nel processo insieme ad altri familiari, e che si era attenuto alle regole bancarie e alle leggi svizzere in vigore a quel tempo con il segreto bancario, analogamente a tantissimi altri colleghi. L’accusa sostiene invece che con l’espressione “magazzini di mele” usata nelle conversazioni telefoniche con i Sirani, Galeazzi si riferisse ai conti-deposito di denaro da riciclare.

L’avvocato difensore della famiglia Sirani, Gianbattista Scalvi, ha invece optato per la via del patteggiamento, respinta dalla Procura: un “passaggio tecnico, per garantirci la possibilità di chiedere il patteggiamento a dibattimento. È un caso che dobbiamo ancora definire, vedremo. Posso dire che, anche se ridimensionati, i sequestri sono rimasti in essere”, ha dichiarato il legale. Per tutti gli imputati (oltre a Galeazzi, la suddetta moglie dell’imprenditore Sirani Isabella, la madre di lei Pierina Pesenti, il padre Innocente Sirani e il fratello Fausto) è stato chiesto il rinvio a giudizio, su cui il giudice dell’udienza preliminare Maria Beatrice Parati si è riservata ogni decisione. L’udienza è fissata al 15 dicembre.

Leggi anche:

'Pecunia olet': vasta operazione anti-riciclaggio italiana, con risvolti svizzeri

Pecunia Olet, il Tpf smonta il riciclaggio. Galeazzi soddisfatto.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved