ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
10 min

50 anni di Fondazione Ipt, 50 anni di aiuto nel lavoro

Domani all’Hotel Splendide Royal di Lugano un evento. Il direttore di Ipt Ticino Marco Romano: ‘Importante opportunità di networking’.
Locarnese
16 min

Lupi in Rovana, si teme ‘seguano’ le prede al piano

Incontro a Bellinzona tra mondo agricolo, istituzioni locali, Associazione contro i grandi predatori e Cantone per cercare possibili soluzioni al problema
Mendrisiotto
16 min

Servizio idrico, c’è il sigillo degli Enti locali

Via libera della Sezione alle fondamenta del Consorzio che vede unire le forze del Basso Mendrisiotto
Luganese
1 ora

Lugano, all’ex asilo Ciani arriva il festival Satori

La manifestazione del benessere olistico ‘slegata dalla pura vendita’ e a chilometro zero propone una due giorni con terapisti e prodotti ticinesi
Bellinzonese
1 ora

Villaggio di Natale e pista di ghiaccio confermati a Bellinzona

Il Municipio ha fissato le misure di risparmio energetico ma senza rinunciare alle principali attrattive per le famiglie. Salvo anche il Rabadan
Grigioni
2 ore

Festa del vino con Luis Landrini Trio a Grono

Appuntamento per sabato 8 ottobre dalle 11 alle 18 nella piazzetta Birraria al B Atelier Bistrôt
Mendrisiotto
2 ore

L’insegna copre il trompe l’oeil. Scattano gli interrogativi

A Besazio a un intervento dell’artista Marti si è preferita una pubblicità. E l’AlternativA adesso vuole sapere perché
Luganese
3 ore

Lugano, chiusure viarie per la ‘Ladies run’

La tratta del lungolago verrà sbarrata alle auto dalle 9 alle 16, dalla rotonda del Lac fino a piazza Castello. Lo stesso per la zona di Riva Caccia.
03.11.2021 - 19:17
Aggiornamento: 22.11.2021 - 09:55

C’è posta per Divoora. Unia chiede un incontro coi titolari

Al termine dell’assemblea durata quattro ore i lavoratori hanno dato mandato al sindacato di avviare trattative contro il nuovo contratto ‘illegale’

c-e-posta-per-divoora-unia-chiede-un-incontro-coi-titolari
Ti-Press
Assemblea dei driver indetta da Unia

Paura? L’imposizione di un tempo di decisione troppo stretto? (“(...) le chiediamo gentilmente di voler firmare e ritornarci entro il 28.10.2021 non oltre le ore 12.30 il nuovo contratto...”). Difficile dire. Di certo c’è che il nuovo contratto di lavoro sottoposto ai dipendenti da Divoora e ritenuto illegale dai sindacati Unia e Ocst è stato firmato dalla maggioranza dei lavoratori. Tutti felici e contenti? Nient’affatto. La battaglia contro il repentino cambiamento degli accordi prospettato dalla società di delivery ai circa 200 driver attivi nel recapitare pasti a domicilio a clienti di tutto il cantone prosegue. Giangiorgio Gargantini, segretario regionale di Unia, da noi raggiunto al termine dell’assemblea dei dipendenti svoltasi nel pomeriggio e durata quattro ore, dichiara: «I dipendenti di Divoora ritengono il nuovo contratto un passo indietro nelle condizioni, anche se lo hanno firmato. Noi contesteremo i contenuti del nuovo accordo stipulato dalle parti, perché decisamente illegale, e discuteremo con i titolari dell’azienda che intendiamo incontrare presto. L’assemblea ci ha dato un chiaro mandato di prendere contatto con l’azienda per una trattativa sul nuovo contratto».

‘Restiamo in fiduciosa attesa’

Detto, fatto. Unia ha scritto a Divoora per richiedere un incontro con i suoi vertici e ha esposto punto per punto le diverse criticità del nuovo contratto. «Restiamo in fiduciosa attesa di un cenno da parte dei titolari» afferma Gargantini, che assicura come durante i lavori oggi «sono emerse da parte delle lavoratrici e dei lavoratori rabbia e delusione e la voglia di un confronto per venire a capo di una situazione ritenuta inaccettabile». Il punto più dolente del nuovo contratto datato 1° novembre 2021 riguarda le condizioni salariali: 35 centesimi al minuto, ma solo a far stato dall’ordine del cliente all’avvenuta consegna del pasto a domicilio. Prima e dopo questo tempo-lavoro nessuna retribuzione. Senza contare che nessuna tredicesima è prevista. L’assemblea svoltasi oggi rappresenta praticamente un novum per il settore, perché i dipendenti non spartiscono sedi comuni, ma lavorano individualmente con il proprio veicolo. Un’assemblea, dunque, tenutasi atipicamente “a gruppi” perché gli orari dei driver sono talmente flessibili che per il sindacato è stato difficile radunare tutti in uno stesso momento. Il sindacato Ocst, dal canto suo, non ha escluso a breve di denunciare in sede civile l’illegalità del nuovo contratto.

Leggi anche:

Driver: ‘35 centesimi al minuto, ma senza ordini è una miseria’

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved