ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
15 sec

Obesità infantile, serata di sensibilizzazione per i genitori

La propone il Centro Oto-logopedico dell’Istituto Sant’Eugenio il 13 ottobre alle 19.45 in Via al Sasso 1. Posti limitati, iscrizioni entro il 12 ottobre
Mendrisiotto
4 min

Riva San Vitale sensibilizza sul risparmio energetico

Il Municipio non rinuncerà a organizzare, nei mesi di novembre e dicembre, alcuni eventi tradizionali
Luganese
11 min

Nell’hangar di Agno ‘non c’è presenza di amianto’

Lo spiega il Municipio di Lugano, interrogato da Sara Beretta Piccoli. La struttura è stata oggetto di perizia nel 2014.
Locarnese
12 min

Pranzo e tombola Atte ogni giovedì

Proseguono gli appuntamenti proposti dall’Associazione ticinese terza età, che propone anche gite e corsi di interesse vario per le persone in Avs
Locarnese
16 min

Fescta di castegn in quel di Vairano

Domenica 9 ottobre il bar sarà in funzione dalle 11. Alle 12.15 maccheronata e dalle 13.30 castagne, vermicelles e dolci fatti in casa
Locarnese
20 min

Visita alla scoperta della Collezione Ghisla

Un tour condotto dal proprietario in persona è in programma domenica 9 ottobre, alle 16. Visitabile la mostra temporanea d’autunno di Andrea Mariconti
Locarnese
25 min

Moghegno, castagne... a tutta birra

Sabato 8 ottobre verrà presentata, alle 11.30, la “Bira di Baröi”. Da mezzogiorno grigliata, musica con i Trii Bütt, giochi in piazza e tanto altro
Locarnese
33 min

Castagnata con la Pro Minusio in zona Rivapiana-Portigon

Le caldarroste saranno distribuite dalle 15 e ad allietare la manifestazione (che sarà annullata in caso di cattivo tempo) vi sarà un gruppo musicale.
Locarnese
40 min

Essere adolescenti nell’epoca della fragilità adulta

La clinica Santa Croce di Orselina propone una conferenza sul tema giovedì 13 ottobre dalle 18 nella Sala dei congressi di Muralto
Locarnese
55 min

‘Ascona è un Comune ricco, abbassiamo il moltiplicatore’

Lo chiede, per andare incontro ai cittadini già confrontati con crisi energetica e aumento dei premi delle casse malati, il gruppo Lega/Udc/Indipendenti
Mendrisiotto
1 ora

Mendrisio, la Giornata internazionale della salute mentale

In vista del 10 ottobre, arriva la presa di posizione congiunta di Supsi, Osc, Pro Mente Sana e Club ’74
Ticino
1 ora

Lascia il vescovo Lazzeri? Due nomi per la gestione pro tempore

Il capo della Curia di Lugano sarebbe prossimo a dimettersi. Farine e De Raemy in lizza per l’amministrazione in attesa della designazione del successore
Mendrisiotto
1 ora

La Sagra della castagna riparte ‘con il botto’

A Morbio Superiore sono pronti ad accogliere l’edizione numero 43 della manifestazione, che torna alla normalità
Mendrisiotto
3 ore

Mendrisio ritrova la ‘sua’ Fiera di San Martino

Da giovedì 10 a domenica 13 sui prati attorno alla chiesetta si rinnoverà l’incontro con il mondo agricolo
Mendrisiotto
3 ore

Disturbi dell’apprendimento, conferenza a Riva San Vitale

L’appuntamento è per mercoledì 19 ottobre nell’aula magna dello Steger Center Viginia Tech
Luganese
3 ore

‘Cambiare il sistema di nomina per i direttori delle scuole’

È quanto chiede, con un’interpellanza al Governo, l’Mps dopo l’arresto per atti sessuali con fanciulli del direttore di una scuola media di Lugano
Locarnese
3 ore

Locarno, la Mappo-Morettina chiusa di notte per lavori

Gli interventi di manutenzione degli impianti elettromeccanici si protrarranno da lunedì prossimo al 28 ottobre. Traffico deviato sulle cantonali
Luganese
4 ore

‘Lugano città universitaria?’, se ne parla in una conferenza

L’evento promosso da Lugano Forum 2030 è in programma lunedì 17 ottobre al palazzo dei Congressi
02.11.2021 - 17:12
Aggiornamento: 23:18

Driver: ‘35 centesimi al minuto, ma senza ordini è una miseria’

Ecco il nuovo contratto sottoposto a 200 dipendenti di Divoora. Giangiorgio Gargantini, Unia, denuncia: ‘È illegale’. Presto una nuova assemblea

driver-35-centesimi-al-minuto-ma-senza-ordini-e-una-miseria
Ti-Press
‘Se nessun cliente chiama, nessuna retribuzione’

Nessuna consegna? Nessuna remunerazione. Una sola consegna in un giorno? Trentacinque centesimi al minuto, calcolati dal momento che sulla App ti si è accesa la richiesta fino all’avvenuta consegna del pasto al cliente. Per l’orario di lavoro, prima e dopo, invece... nessun compenso. “Il collaboratore percepisce un salario lordo di franchi 0,355 al minuto (franchi 21,30 all’ora), rispettivamente franchi 0,363 (franchi 21,80 all’ora) per i giovani fino al compimento dei 20 anni, per ogni ordine concluso (dall’assegnazione dell’incarico dell’ordine alla consegna al cliente”. Eccola, in estrema sintesi, la nuova deriva salariale nel settore del delivery. Un nuovo contratto - di cui ‘laRegione’ è riuscita a entrare in possesso - è stato sottoposto mercoledì scorso ai circa suoi 200 dipendenti dalla società Divoora, con la richiesta di firmarlo entro il giorno successivo, giovedì 28 ottobre, alle 12.30. “Se è sua intenzione accettare le condizioni del nuovo contratto di lavoro valido dal 1° novembre 2021, le chiediamo gentilmente di voler firmare e ritornarci entro il 28.10.2021 non oltre le ore 12.30 il nuovo contratto che le abbiamo inviato unitamente alla presente comunicazione e al nuovo regolamento”. «Già solo per questo termine imposto ai lavoratori, il contratto è illegale. Non sono rispettati i tempi di disdetta: trattandosi di un cambiamento di contratto, la legge prevede che il contratto in vigore sia vincolante fino allo scadere dei tempi di disdetta, che possono essere di uno o più mesi a seconda dell’anzianità» - dichiara Giangiorgio Gargantini, segretario regionale di Unia. Il sindacato in questi giorni ha incontrato i dipendenti di Divoora e nei prossimi giorni è annunciata un’assemblea dei lavoratori, la seconda dopo quella svoltasi venerdì scorso.

Una sequela di tre contratti

Il nuovo contratto prospettato da Divoora ai propri dipendenti, che oltretutto non prevede la 13esima, è il terzo di una sequela: dapprima quello in vigore fino al 31 agosto 2021, poi quello entrato in vigore dal 1° settembre 2021 e ora quest’ultimo, a distanza di soli due mesi, che si richiede di sottoscrivere in un tempo lampo dal primo giorno di novembre. “Nel frattempo, lavoreremo al fine di implementare un sistema informatico più performante e forme contrattuali meglio definite per garantire regole chiare, soddisfazione per i collaboratori, per i partner e per i clienti” - si legge nel nuovo e sorprendente contratto. Un nuovo scandalo all’orizzonte dopo il caso TiSin, l’organizzazione che ha applicato in alcune aziende del Mendrisiotto lo stipendio minimo al di sotto dei 19 franchi orari fissati dalla nuova normativa che entrerà in vigore a dicembre. «Qui il problema è un altro» - sottolinea il sindacalista di Unia, Giangiorgio Gargantini. Ai dipendenti di Divoora viene prospettato un contratto che prevede una retribuzione per ogni ordine concluso, ossia dall’assegnazione dell’incarico dell’ordine alla consegna del cliente. Questo vuol dire che i driver sono pagati da quando parte l’ordinazione a quando il prodotto giunge al cliente. Significa che il tempo di attesa della comanda e il tempo di rientro da una consegna non sono per nulla pagati. E questo è perfettamente illegale». Ancora Gargantini: «Il nostro sindacato si sta battendo affinché il settore del delivery sia controllato in maniera importante. In qualità di membro della Commissione tripartita cantonale ho fatto proprio questa richiesta di stretta sorveglianza perché sapevamo cosa sarebbe successo... Già in passato eravamo intervenuti. Sappiamo che il delivery è esploso nel 2020, nel periodo della pandemia e temiamo che, rispetto al picco iniziale, il mercato diminuirà con la ripresa e il ritorno ormai alla quasi totale “vita normale”. Quando ci sono settori che si espandono in maniera così forte e repentina il rischio di deregolamentazione è dietro l’angolo».

Che in questo momento aleggi la tensione nel settore del delivery lo testimonia anche lo striscione (poi rimosso) comparso davanti alla sede di Unia a Manno, con la scritta: “Vi siete chiesti cosa vogliamo veramente noi driver? No! 1. Contratti non vincolanti. 2. Pagamento a cottimo con un minimo garantito”. L’evidenza, secondo Gargantini, è che l’azione provenga da uno dei proprietari di azienda del settore in difficoltà. Dopo i dipendenti, avvinerete anche i titolari di Divoora? «Assolutamente sì. La priorità, ora, è comunque con i dipendenti di Divoora che abbiamo sentito in questi giorni. La suddivisa dell’azienda è in distretti in tutto il cantone, non vi è alcuna filiale o sede. I lavoratori si ritrovano nei posteggi dei loro maggiori fornitori». Dal canto nostro abbiamo tentato di raggiungere i titolari di Divoora, ma «oggi non sono in ufficio, provi domani» - è finora la risposta ottenuta. Alla Rsi, una delle titolari di Divoora, Giulia Del Bue, ha evidenziato che la flessibilità del nuovo contratto soddisfa proprio la richiesta dei driver e inoltre garantisce una situazione “Win-Win”, ossia vantaggi per entrambe le parti.

‘La gente deve sapere in quali inaccettabili condizioni lavoriamo’

«Se mi garantite l’anonimato, parlo». Un giovane dipendente di Divoora alle condizioni appena pattuite accetta di rilasciare dichiarazioni. «Io ho iniziato nel settembre dell’anno scorso, quando c’era ancora il contratto a cottimo, dove a ogni consegna effettuata prendevamo 8 franchi lordi e 1 franco e 50 netti per il veicolo. Poi a settembre di quest’anno hanno voluto introdurre il contratto a ore, dove il salario era di 21 franchi e 05 lordi per ogni ora lavorata e di 2 franchi netti per il veicolo. Nel frattempo hanno continuato ad assumere altri driver e così spesso e volentieri eravamo fermi senza ricevere neppure un ordine dai clienti, di conseguenza, dal momento che quel tempo lavoro era pagato, hanno dovuto versare parecchi salari pieni. Poi la svolta: ci hanno consegnato il nuovo contratto: 35 centesimi al minuto, ma questa tariffa parte solo dal momento in cui ricevo l’ordine, finché premo sulla App che ho consegnato l’ordine. Quindi se otteniamo poche comande non riusciamo neppure a coprire i costi del veicolo. Prendiamo una miseria. La gente deve sapere in quali inaccettabili condizioni lavoriamo».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved