da-genova-per-rubare-in-discoteca-altre-tre-condanne
Ti-Press
I fatti sono avvenuti in una discoteca del Luganese e in una del Locarnese
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
5 min

Tazio Marti espone le sue opere alla Galleria Job di Giubiasco

La mostra ’Alfabeti ’dipinti acrilici’’ sarà inaugurata sabato 21 maggio alle 11 con la presentazione del poeta Massimo Daviddi
Locarnese
1 ora

Luci e Ombre, altri eventi e la copertura del ‘buco’ pandemico

L’Ente iniziative del Locarnese, in assemblea al Fevi, ha annunciato gli estremi della grande festa che torna dopo 2 anni, dal 7 al 9 luglio
Bellinzonese
1 ora

A Giubiasco sarà costruita una centrale a biogas

L’impianto promosso da Amb e Ses permetterà di smaltire i rifiuti verdi e organici urbani producendo allo stesso tempo pregiata energia
Bellinzonese
2 ore

Ritom, la funicolare riprende l’attività dopo la pausa invernale

Da sabato 21 maggio sarà di nuovo possibile raggiungere il comprensorio e i suoi innumerevoli laghetti alpini
Mendrisiotto
2 ore

Mendrisio: Ata in assemblea, con dibattito su PoLuMe e Tir

L’evento è previsto domani sera alla Filanda e avrà come ospiti Maurizio Agustoni (Ppd) e Ivo Durisch (Ps). Modera Daniela Carugati
Luganese
2 ore

Record per la Comano Run con oltre 500 partecipanti

La manifestazione podistica si è tenuta ieri e ha visto il trionfo di Ivan Boggini per gli uomini e Sara Solari per le donne
Ticino
2 ore

Coronavirus, 173 casi e un decesso da venerdì

Rispetto a lunedì della settimana scorsa si registra un calo dei test positivi e delle ospedalizzazioni
Bellinzonese
2 ore

Spettacolo dei liceali di Bellinzona al Teatro Sociale

Venerdì 20 e sabato 21 maggio alle 20.30 andrà in scena ‘Rinoceronte’ del drammaturgo Eugène Ionesco
27.10.2021 - 16:28
Aggiornamento : 17:36

Da Genova per rubare in discoteca, altre tre condanne

In aula si è presentato solo un componente della banda che ad aprile 2019 ha sottratto diverse collanine. Pene dai 9 ai 6 mesi sospesi

«Venivano in Ticino da Genova solo per rubare collanine a chi si stava divertendo in discoteca». Erano attesi in tre questa mattina davanti alla Corte delle Assise correzionali di Lugano, gli stessi che non si erano presentati in aula lo scorso mese di settembre. Alla fine solo uno di loro, un 26enne ecuadoregno, si è presentato. «Io non sapevo che gli altri rubassero. Facevo solo da autista per guadagnare qualche soldo e aiutare la mia famiglia. Durante le serate infatti restavo fuori dai locali a dormire in automobile», si è giustificato l’uomo. Una versione alla quale il giudice Siro Quadri non ha creduto, condannando il 26enne a 6 mesi sospesi e a 5 anni di espulsione dal suolo elvetico. «Si tratta di una banda organizzata, dove ognuno ha il suo ruolo. È impossibile che non fosse a conoscenza dello scopo dei viaggi in Svizzera», ha affermato il giudice prima di emettere la sentenza. A essere condannati sono stati anche gli altri due complici, reo confessi e attori materiali dei furti. A un 23enne italiano sono stati inflitti 9 mesi sospesi, mentre 8 ne sono stati comminati a un 21enne ecuadoregno. Entrambi non potranno entrare in Svizzera per i prossimi 5 anni.

‘In Ticino per festa e belle ragazze’

I fatti risalgono alla primavera del 2019 quando i 4 complici, partendo dal capoluogo ligure, si recavano regolarmente in una discoteca del Luganese e in una del Locarnese. «Io facevo solo da autista. Gli altri volevano venire in Ticino perché qui ci si diverte di più e ci sono ragazze molto belle». Motivazioni ritenute poco credibili dalla pp Marisa Alfier: «Come se a Genova non ci fossero discoteche. Il loro agire era premeditato e finalizzato a mantenere i loro vizi, come il gioco d’azzardo». La difesa del 26enne, rappresentata da Xavier Meyer, aveva invece chiesto il proscioglimento, ritenendo l’uomo estraneo ai reati: «Non ha avuto intenzione di commettere furti e il bottino veniva diviso in parti uguali tra gli altri tre, mentre al nostro assistito veniva pagato solo il servizio di trasporto». In aula diverse domande si sono concentrate sulla sera del 28 aprile, quando la banda è stata fermata dalle forze dell’ordine prima che potesse far ritorno in Italia. «Sono partiti senza un componente del gruppo, evidentemente sapevano che c’era qualcosa che era andato storto», ha commentato la pp. Una versione che, come detto, è stata condivisa anche dalla Corte.

Leggi anche:

Da Genova al Ticino per rubare collanine, condannato

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
discoteche furti genova lugano marisa alfier siro quadri
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved