Zurigo
1
Young Boys
0
fine
(0-0)
Lucerna
Basilea
16:30
 
Losanna
Servette
16:30
 
Milan
1
Sassuolo
2
2. tempo
(1-2)
Spezia
0
Bologna
0
2. tempo
(0-0)
Lakers
2
Ajoie
1
1. tempo
(2-1)
Zugo Academy
1
Sierre
0
1. tempo
(1-0)
Winterthur
0
La Chaux de Fonds
3
1. tempo
(0-3)
da-genova-al-ticino-per-rubare-collanine-condannato
I fatti risalgono all'aprile 2019 (archivio Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
2 min

Pse, le reazioni dei partiti: chi soddisfatto, chi veglierà

Dal Movimento per il socialismo al Partito popolare democratico, dal Partito socialista al Partito liberale radicale le reazioni dopo la vittoria del sì
Bellinzonese
17 min

Ente regionale sviluppo: in 10 anni sostenuti 250 progetti

Con un effetto leva di uno a tredici i 5,5 milioni elargiti sono andati a favore di investimenti per 74 milioni complessivi
Locarnese
24 min

Gordola, riapre la ‘curva Ghiggioli’

Migliorie in campo viario, il punto ai lavori del capodicastero Infrastrutture e corsi d’acqua Nicola Domenighetti
Bellinzonese
46 min

‘Un ente comunale’ per tutte le case anziani di Bellinzona

Lo chiede l’Mps con una mozione che suggerisce anche l’inclusione delle tre strutture private e dell’Assistenza e cure a domicilio
Luganese
58 min

Mobilità scolastica, si punta sul credito-quadro

Il messaggio sarà ispirato da uno studio svolto presso le sedi scolastiche di Lugano
Ticino
1 ora

‘Il governo agisca subito contro la ripresa della pandemia’

Lo chiedono i deputati in Gran Consiglio dell’Mps che propongono la mascherina obbligatoria nelle scuole elementari e durante eventi pubblici
Luganese
1 ora

Rossi (No): ‘Intercettata la forte perplessità dei cittadini’

Colui che ha impersonificato con Fulvio Pelli il fronte contrario al Polo sportivo ed eventi di Lugano commenta la sconfitta del referedum
Ticino
1 ora

Ocst, Fabiola Gnesa presidente del comitato statali

L’ha eletta l’assemblea tenutasi lo scorso 24 novembre. Subentra all’uscente Enrico Pusterla
Luganese
1 ora

Manno, i giovani con Fazzini, Pestoni e Roos

Ricevimento a tinte sportive per i 18enni del Comune sul Vedeggio
Luganese
27.09.2021 - 14:470
Aggiornamento : 17:45

Da Genova al Ticino per rubare collanine, condannato

Alla sbarra il primo componente di una banda che ha agito nelle discoteche nell’aprile 2019. Per lui 6 mesi di carcere sospesi e 5 anni di espulsione

Partivano da Genova per raggiungere le discoteche del Ticino e rubare collanine. Lo stesso reato che sabato scorso ha aperto le porte del carcere ad altre due persone. Erano attesi in quattro questa mattina davanti alla Corte delle Assise correzionali di Lugano (riunita al Pretorio di Mendrisio). Solo un imputato era presente: si tratta di un 22enne cittadino ecuadoregno che il giudice Siro Quadri ha riconosciuto colpevole di furto aggravato commesso in banda e infrazione alla Legge federale sugli stranieri e ha condannato a 6 mesi di detenzione sospesi per un periodo di prova di 2 anni. Il giovane è anche stato espulso dalla Svizzera per 5 anni; il provvedimento non verrà segnalato al Sistema informativo Schengen.

I fatti risalgono all’aprile del 2019 e hanno coinvolto due discoteche, una nel Locarnese e una nel Luganese dove è scattato l’arresto dopo la segnalazione di una vittima agli agenti di sicurezza. Nel locale «entravamo in tre – ha ricordato l’imputato –. La maggior parte del tempo eravamo insieme». Quando era il momento di agire «uno strappava e gli altri due erano nelle vicinanze ma non facevamo nulla che potesse creare confusione». Su precisa domanda del giudice sul come la vittima venisse scelta, il 22enne si è limitato a rispondere che «non ero io a cercare le vittime» e che «per non scaricare colpe sugli altri, non me la sento di fare nomi». L’imputato ha inoltre aggiunto di «non avere mai strappato le collanine» e che il suo ruolo era quello di «stare dietro al soggetto che veniva identificato, ossia controllare che lo strappo della collana funzionasse bene». Dopo la vendita dei preziosi, il 22 riceveva «una parte dei soldi». Il bottino veniva diviso in tre perché «all’autista pagavamo il viaggio, al ritorno in Italia». Nell’atto d’accusa firmato dalla procuratrice pubblica Marisa Alfier si legge che la sera dell’arresto il valore complessivo della refurtiva denunciata (e recuperata) era di 3’640 franchi. I preziosi sottratti nelle precedenti tre incursioni non sono invece stati recuperati. In un caso è stata denunciata una refurtiva pari a 2’100 franchi.

Accusa e difesa, rappresentata dall’avvocata Elisa Lurati, hanno raggiunto un accordo proponendo una condanna a 6 mesi (sospesi) in caso di accoglimento, da parte della Corte, dell’aggravante della banda o del mestiere o di 100 giorni in assenza di quest’ultima. La Corte, come visto, ha fatto sua la prima proposta. «Non ci sono abbastanza elementi per dire che questa era la vostra professione – ha spiegato il giudice –. Ma l’aggravante ci deve essere perché vi siete organizzati per delinquere». Il processo contro gli altri tre imputati – difesi agli avvocati Danilo Margaroli, Anna Grümann e Cesare Lepori – sarà riaggiornato nelle prossime settimane.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved