ANA Ducks
1
MIN Wild
2
fine
(0-0 : 1-1 : 0-1)
lugano-no-al-faraonico-polo-sportivo
Il comitato contrario al Pse, il volantino e il rendering del progetto
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
2 ore

Dalle macerie della cappelletta i germogli di un mestiere

A Gordola la ricostruzione del manufatto raso al suolo dalle ruspe nel 2018 è diventata esercizio didattico per gli apprendisti muratori del Cfp Ssic
Bellinzonese
2 ore

Gudo e Castione: presto più sicurezza e nuova ciclopista

Pronto il progetto per l’Isolone, dove l’accesso a chiocciola verso il ponte dello Stradonino permetterà di evitare l’insidiosa rampa
Ticino
11 ore

‘Coi test in azienda si dovrebbero rilasciare certificati Covid’

È la proposta dell’Udc depositata sotto forma di mozione urgente. Si vuole ‘evitare di sovraccaricare le strutture esistenti nel periodo delle vacanze’
Ticino
12 ore

Personale sanitario, licenziate perché non si vogliono testare

È il caso di due collaboratrici della Cinica luganese Moncucco. In Ticino i casi simili sarebbero meno di una decina
Bellinzonese
12 ore

Bene la zona d’incontro, meno il taglio di 10 posti auto

Piazza Governo a Bellinzona: la maggioranza commissionale suggerisce di ridiscutere la questione col Cantone. Dalla minoranza no alla riduzione
Luganese
13 ore

Torricella, il caso scuole non finisce qui

Il Municipio ne discuterà nuovamente, mentre spuntano lettere dei genitori a difesa del maestro
Luganese
13 ore

L’Operazione Macello vince il premio Agustoni

Convince la giuria, il documentario realizzato da Anna Bernasconi per Falò sulla demolizione di un edificio del centro sociale
Gallery
Ticino
13 ore

‘Il riformismo fiscale non deve essere rallentato’

All’assemblea della Camera di commercio è stato ribadita la necessità di ridurre l’aliquota sugli utili delle imprese dall’8 al 5%
Grigioni
13 ore

Museo Moesano, chiusura di stagione con castagnata

Appuntamento per sabato 23 ottobre nel cortile di Palazzo Viscardi
Mendrisiotto
13 ore

La corsia per i Tir è ‘inaccettabile’ anche per Coldrerio

Il Municipio si allinea a Balerna, Novazzano e Mendrisio nel fare muro al progetto dell’Ustra. ‘Peggiorerà la qualità di vita dei cittadini’
Luganese
13 ore

Villa Heleneum, ‘la proposta stimolerà esperienze nuove’

Il Municipio risponde agli interrogativi posti da Aurelio Sargenti (Ps-Pc) sul futuro dell’edificio di Castagnola, che ospiterà il museo Bally
Bellinzonese
14 ore

Cinque storie d’emozione, domani la presentazione a Bellinzona

Sarà l’occasione per scoprire il libro raccontato e scritto da 9 bambini delle scuole di Contone e Monte Carasso
Ticino
14 ore

Ecco dove saranno i radar settimana prossima

I controlli mobili toccheranno sette distretti ticinesi
Ticino
14 ore

I 40 anni da sindacalista di Ambrosetti in un libro

Vania Alleva (Unia): ‘I liberisti criticano il nostro patrimonio, ma in realtà vogliono attaccare i Ccl’
Mendrisiotto
14 ore

I bambini sono pronti ad andare a scuola a piedi

Un progetto pilota della Supsi nelle scuole di tre comuni rivela la voglia dei piccoli utenti di cambiare mobilità. Convinti anche i genitori
Mendrisiotto
15 ore

‘La Città dia vita a MendrisioNetwork’

Tre consiglieri Lega-Udc-Udf lanciano la proposta nel solco dell’esperienza luganese a favore delle persone in cerca di lavoro
Luganese
15 ore

Lugano ‘non può ospitare persone in fuga da crisi politiche’

In relazione all’emergenza afghana, il Municipio ‘assicura la collaborazione con il Cantone nei limiti concessi dalla Legge sull’asilo’
Locarnese
15 ore

Feri Mazlum, ‘gocce’ di vita alla Biblioteca cantonale

L’autobiografia dell’esponente bahá’í, trapiantato in Ticino dagli anni Sessanta, sarà presentata venerdì 22 ottobre a Palazzo Morettini
Ticino
15 ore

Tre giorni di esercitazione per la Polizia cantonale

L’esercitazione Legione 21 ha avuto lo scopo di mettere alla prova le strutture e le procedure di sicurezza di fronte a una minaccia puntuale
Grigioni
15 ore

È morto Romano Fasani

L’ex sindaco di Mesocco e deputato in Gran Consiglio è deceduto all’età di 77 anni
Luganese
14.10.2021 - 18:000
Aggiornamento : 19:34

Lugano, no al ‘faraonico’ Polo sportivo

Il comitato di opposizione presenta le proprie argomentazioni. Nel mirino i 4 palazzi residenziali, il blocco servizi e le due ‘torri’

«Siamo un gruppo eterogeneo, tutti convinti della necessità di realizzare lo stadio di calcio e il palazzetto dello sport che la cittadinanza richiede da almeno vent’anni. Il progetto di Polo sportivo e degli eventi (Pse) promosso dal Municipio, però, col passare del tempo, si è arricchito di contenuti non necessari, che rispondono agli interessi di carattere commerciale del partner privato a cui verrebbero ceduti ben 33mila quadrati di superficie del comparto, terreno che perderebbe così la sua destinazione sportiva». Fulvio Pelli, consigliere comunale Plr ed ex consigliere nazionale e presidente del partito svizzero, nella conferenza stampa di presentazione del comitato contrario al Pse, è entrato subito nel vivo della campagna in vista della consultazione popolare del prossimo 28 novembre, sul referendum lanciato dall’Mps. E alla domanda relativa al fatto che lo stadio di calcio è da anni fuori norma e che il Lugano calcio rischia di essere penalizzato, nel caso prevalessero gli argomenti dei contrari fra un mese e mezzo, ha risposto che la Swiss Football League «non vorrà certo darci uno schiaffo di fronte al risultato della votazione popolare. E sicuramente il Municipio ha un Piano B che però tiene nascosto». Occorrerà quindi una modifica radicale del progetto, come sostenuto dai promotori del referendum.

‘Non siamo contrari ad Arena e Palazzetto’

Il comitato, ha tenuto a precisare Pelli, contrariamente a quanto viene sostenuto dai favorevoli al Pse, è invece schierato per concentrare tutte le infrastrutture sportive a Cornaredo, con il nuovo stadio da Super League e il Palazzetto dello sport da costruire subito. «La Città ha sbagliato allontanandosi dal progetto originale previsto dalle precedenti amministrazioni, che non demoliva lo stadio, non imponeva stadi provvisori e nemmeno lo spostamento della pista di atletica, né la costruzione d’inutili palazzi in via Trevano e non richiedeva investimenti esorbitanti. La Città si è lasciata trascinare per disattenzione e inesperienza in una spirale di ingenti costi collaterali». In altre parole, ha proseguito il consigliere comunale Plr, esistono alternative di finanziamento, a tassi decisamente più favorevoli, rispetto a quelli proposti dai “partner” della città. La saturazione del quartiere è invece l’aspetto sul quale si è concentrato l’ex consigliere comunale socialista Martino Rossi: «La nuova arena sportiva andrà a occupare il sedime che ora ospita altri campi, mentre al posto dell’attuale stadio verrebbero costruiti degli edifici destinati ad abitazioni e uffici. Sarebbe meglio rinunciare alla soppressione completa dell’attuale stadio, per mantenere la pista d’atletica e il campo di calcio da destinare agli allenamenti dell’Fc Lugano, come previsto nel progetto presentato nel 2012».

‘I contenuti non sportivi sono di troppo’

L’ex consigliere comunale socialista parte dalla constatazione che il comparto sportivo verrebbe smembrato per fare spazio a contenuti amministrativi e residenziali, decisamente non necessari, visto che «a Lugano i primi sono in eccesso e ci sono troppi appartamenti sfitti». Il risultato è che, oltre ai 167 milioni di franchi previsti per la realizzazione dello stadio omologabile per la Super League e del Palazzetto dello Sport, ne servono almeno altri 218, per le opere private, con la cessione per 90 anni di terreni pubblici a Cornaredo. Rossi propone inoltre una riflessione sul mancato ragionamento relativo alla cesura odierna (il vasto posteggio) e futura (con una strada a quattro corsie, la via Stadio): «Ciò che si prevede peggiora la situazione fra lato sud e lato nord di Cornaredo». L’ex consigliere comunale Ps solleva inoltre la questione delle squadre giovanili che «verrebbero allontanate dal Pse al il Maglio di Canobbio (con un altro investimento di 37 milioni di franchi). Eppure, il progetto Sigillo, uscito vincente dal concorso di architettura, «manteneva il campo di calcio attuale, la pista di atletica e la tribuna ovest, smantellava la est, per accostare al vecchio stadio, quello nuovo e manteneva i campi di allenamento a sud del comparto», ha evidenziato Rossi. Poi, il progetto è stato modificato per inserire contenuti extrasportivi. Rossi sostiene la necessità di tornare al progetto Sigillo.

Via Stadio, ricorso pendente al Tram

Gli aspetti problematici a livello pianificatorio e urbanistico sono invece stati evidenziato da Maria Clara Magni, in rappresentanza delle tre associazioni ambientaliste contrarie al Pse (Stan, Ata e Cittadini per il territorio): «L’area sportiva di Cornaredo è una localizzazione fortunata, che dev’essere conservata integra e preservata da elementi invasivi e distruttivi: come il progetto stradale (a quattro corsie) che taglia le aree destinate alle attività sportive». Lo spostamento di circa 120 dipendenti della Città di Lugano (quelli che lavorano negli uffici degli stabili in via della Posta) a Cornaredo danneggerebbe inoltre i quartieri più centrali, «che vanno invece fatti rivivere». Il trasferimento viene contestato perché genererebbe ulteriore traffico in una zona già satura. Le tre associazioni hanno inoltrato un ricorso sulla sistemazione viaria che comprende la creazione di via Stadio (oltre alla contestazione delle ‘mega’ rotatoria sul fiume nei pressi dell’uscita della galleria Vedeggio-Cassarate). Un ricorso tuttora pendente al Tribunale amministrativo cantonale (Tram). Insomma, il Pse sarebbe troppo lontano dagli obiettivi dello sviluppo sostenibile e le tre associazioni chiedono un progetto più sobrio.

‘Il vecchio, se funzionale, non va abbattuto’

Secondo Danilo Baratti, consigliere comunale dei Verdi di Lugano, non andrebbe demolito ciò che è ancora funzionale: «Quello nuovo va costruito in armonia con il vecchio, non distruggendo quest’ultimo». Baratti sostiene la necessità di non realizzare una struttura smisurata, con un impatto finanziario esorbitante, ben al di là della realtà economica, sociale e ambientale in profonda trasformazione: «Invece, si ragiona sul futuro della Città pianificandola con i criteri del passato». Il consigliere comunale dei Verdi ha pure messo in evidenza come nella campagna verso il voto ci sia una doppia asimmetria: «La prima è finanziaria, con Golia che ha già tappezzato città e siti web di cartelloni e banner mentre Davide fa quel che può. La seconda è argomentativa mentre i referendisti cercano di fare un discorso analitico sul progetto, la controparte punta tutto ingannevolmente sull’inesistenza di un piano B». A sostenere il comitato c’è anche la consigliera comunale e deputata in Gran Consiglio Tamara Merlo (Più Donne).

Ingrandisci l'immagine
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved