Yverdon-sport Fc
Sciaffusa
20:30
 
FC Stade Ls Ouchy
Xamax
20:30
 
Aarau
Winterthur
20:30
 
MEKTIC N./PAVIC M.
CACIC N./DJOKOVIC N.
20:50
 
CILIC M. (CRO)
0
DJOKOVIC N. (SRB)
2
fine
(4-6 : 2-6)
Zurigo
2
Bienne
0
1. tempo
(2-0)
Friborgo
1
Berna
2
1. tempo
(1-2)
Ginevra
1
Lakers
0
1. tempo
(1-0)
Losanna
1
Davos
0
1. tempo
(1-0)
Olten
2
Langenthal
1
1. tempo
(2-1)
La Chaux de Fonds
2
Turgovia
0
1. tempo
(2-0)
Sierre
0
Visp
2
1. tempo
(0-2)
Ticino Rockets
1
GCK Lions
1
1. tempo
(1-1)
lugano-no-al-faraonico-polo-sportivo
Il comitato contrario al Pse, il volantino e il rendering del progetto
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
18 min

Altra ‘manif’ di protesta sabato a Bellinzona

Gli Amici della Costituzione sfilano contro gli inasprimenti decisi oggi dal Consiglio federale
Ticino
1 ora

Tassazione frontalieri, Roma dà luce verde alla ratifica

Il Consiglio dei ministri ha dato via libera all’esecuzione dell’accordo italo-svizzero. Un iter analogo è in corso a Berna
Bellinzonese
1 ora

Mercatino di Natale sulla piana di Ambrì

Appuntamento per mercoledì 8 dicembre sul piazzale esterno dello stadio multifunzionale
Luganese
1 ora

Lugano: tornano i corsi d’italiano per stranieri de ‘Il Centro’

Le lezioni dell’associazione, organizzate nell’ambito delle attività a favore dell’integrazione, si svolgeranno da febbraio a giugno 2022
Bellinzonese
1 ora

‘Music on Ice’ pronto a incantare i ticinesi

Lo spettacolo proporrà un viaggio nel tempo il 21 e 22 gennaio al Centro sportivo di Bellinzona
Luganese
1 ora

Tesserete: la Bottega del Mondo cambia orari sotto Natale

Durante il periodo festivo il negozio resterà aperto durante giorni e fasce orarie un po’ diversi dal solito
Luganese
1 ora

A Lugano l’acqua costerà il 20% in più. ‘Giù gli sprechi’

Un’interpellanza interpartitica chiede al Municipio di valutare l’introduzione di tasse progressive basate sul consumo domestico dell’oro blu
Luganese
1 ora

Lugano: ‘Al Conza attesa incredibile per il vaccino’

Lunghe code anche al freddo. ‘Tanti si sono presentati per la terza dose senza appuntamento’. Segnalata anche una carenza di personale sanitario
Luganese
2 ore

Lugano: aperture straordinarie dei negozi e mega show

In programma diverse aperture eccezionali dal 5 al 19 dicembre e lo spettacolo ‘Effimero & Balocchi di Huma Show’ il 16 dicembre
Ticino
2 ore

Tutte le caselline dei... radar

La prossima settimana i controlli si svolgeranno nei distretti di Bellinzona, Blenio, Locarno, Lugano e Mendrisio
Bellinzonese
2 ore

Colpo grosso in un chiosco di Bellinzona

Un affezionato cliente dell’edicola Ramarro ha vinto 250’000 franchi con un biglietto di Swisslos
Locarnese
2 ore

Conciliabilità lavoro-figli, tre realtà territoriali si aiutano

Nel Pedemonte il Municipio risponde a un’interrogazione del Ppd e rende noti i dati di un questionario sul tema. Scarsa la rispondenza
il video
Bellinzonese
3 ore

Covid Pass obbligatorio nel capannone in Piazza del Sole

Il Municipio di Bellinzona opta da subito per il 2G ma non per la pista di ghiaccio e lo snow-tubing. Mascherina al mercato del sabato e a quelli natalizi
Luganese
3 ore

Porte aperte al convento del Bigorio

In programma l’8 dicembre, sarà possibile visitare: il museo, il coro dei frati, il corridoio delle celle, la biblioteca e la cappella di Botta
Luganese
3 ore

Croce Rossa, ‘la pandemia ha cambiato il nostro modo d’aiutare’

Il servizio ‘Baby help - Mamy help’ sostiene da 25 anni i genitori con figli malati. ‘Le quarantene ci impediscono di entrare in azione’
Luganese
3 ore

Tilo soppressi provvisoriamente fra Lugano e Taverne

I treni saranno sostituiti da bus. I provvedimenti sono dovuti a lavori di manutenzione da mezzanotte alle 5.20 fra il 5 e il 6 dicembre.
Locarnese
3 ore

Brione Verzasca, mercatino in piazza

Bancarelle e San Nicolao
Locarnese
3 ore

Musica di Minusio, Concerto di gala

Ad aprire la manifestazione sarà la minibanda Lago Maggiore
Mendrisiotto
3 ore

Stabio fa gli auguri a Dolores Keller

Il sindaco Simone Castelletti ha fatto visita alla concittadina per le sue cento candeline
Ticino
4 ore

Angelo Piritore e Alessandro Recalcati alla testa di Atio

Rinnovati la presidenza e il comitato dell’Associazione ticinese industria orologiera che raggruppa una quarantina di aziende
Luganese
14.10.2021 - 18:000
Aggiornamento : 19:34

Lugano, no al ‘faraonico’ Polo sportivo

Il comitato di opposizione presenta le proprie argomentazioni. Nel mirino i 4 palazzi residenziali, il blocco servizi e le due ‘torri’

«Siamo un gruppo eterogeneo, tutti convinti della necessità di realizzare lo stadio di calcio e il palazzetto dello sport che la cittadinanza richiede da almeno vent’anni. Il progetto di Polo sportivo e degli eventi (Pse) promosso dal Municipio, però, col passare del tempo, si è arricchito di contenuti non necessari, che rispondono agli interessi di carattere commerciale del partner privato a cui verrebbero ceduti ben 33mila quadrati di superficie del comparto, terreno che perderebbe così la sua destinazione sportiva». Fulvio Pelli, consigliere comunale Plr ed ex consigliere nazionale e presidente del partito svizzero, nella conferenza stampa di presentazione del comitato contrario al Pse, è entrato subito nel vivo della campagna in vista della consultazione popolare del prossimo 28 novembre, sul referendum lanciato dall’Mps. E alla domanda relativa al fatto che lo stadio di calcio è da anni fuori norma e che il Lugano calcio rischia di essere penalizzato, nel caso prevalessero gli argomenti dei contrari fra un mese e mezzo, ha risposto che la Swiss Football League «non vorrà certo darci uno schiaffo di fronte al risultato della votazione popolare. E sicuramente il Municipio ha un Piano B che però tiene nascosto». Occorrerà quindi una modifica radicale del progetto, come sostenuto dai promotori del referendum.

‘Non siamo contrari ad Arena e Palazzetto’

Il comitato, ha tenuto a precisare Pelli, contrariamente a quanto viene sostenuto dai favorevoli al Pse, è invece schierato per concentrare tutte le infrastrutture sportive a Cornaredo, con il nuovo stadio da Super League e il Palazzetto dello sport da costruire subito. «La Città ha sbagliato allontanandosi dal progetto originale previsto dalle precedenti amministrazioni, che non demoliva lo stadio, non imponeva stadi provvisori e nemmeno lo spostamento della pista di atletica, né la costruzione d’inutili palazzi in via Trevano e non richiedeva investimenti esorbitanti. La Città si è lasciata trascinare per disattenzione e inesperienza in una spirale di ingenti costi collaterali». In altre parole, ha proseguito il consigliere comunale Plr, esistono alternative di finanziamento, a tassi decisamente più favorevoli, rispetto a quelli proposti dai “partner” della città. La saturazione del quartiere è invece l’aspetto sul quale si è concentrato l’ex consigliere comunale socialista Martino Rossi: «La nuova arena sportiva andrà a occupare il sedime che ora ospita altri campi, mentre al posto dell’attuale stadio verrebbero costruiti degli edifici destinati ad abitazioni e uffici. Sarebbe meglio rinunciare alla soppressione completa dell’attuale stadio, per mantenere la pista d’atletica e il campo di calcio da destinare agli allenamenti dell’Fc Lugano, come previsto nel progetto presentato nel 2012».

‘I contenuti non sportivi sono di troppo’

L’ex consigliere comunale socialista parte dalla constatazione che il comparto sportivo verrebbe smembrato per fare spazio a contenuti amministrativi e residenziali, decisamente non necessari, visto che «a Lugano i primi sono in eccesso e ci sono troppi appartamenti sfitti». Il risultato è che, oltre ai 167 milioni di franchi previsti per la realizzazione dello stadio omologabile per la Super League e del Palazzetto dello Sport, ne servono almeno altri 218, per le opere private, con la cessione per 90 anni di terreni pubblici a Cornaredo. Rossi propone inoltre una riflessione sul mancato ragionamento relativo alla cesura odierna (il vasto posteggio) e futura (con una strada a quattro corsie, la via Stadio): «Ciò che si prevede peggiora la situazione fra lato sud e lato nord di Cornaredo». L’ex consigliere comunale Ps solleva inoltre la questione delle squadre giovanili che «verrebbero allontanate dal Pse al il Maglio di Canobbio (con un altro investimento di 37 milioni di franchi). Eppure, il progetto Sigillo, uscito vincente dal concorso di architettura, «manteneva il campo di calcio attuale, la pista di atletica e la tribuna ovest, smantellava la est, per accostare al vecchio stadio, quello nuovo e manteneva i campi di allenamento a sud del comparto», ha evidenziato Rossi. Poi, il progetto è stato modificato per inserire contenuti extrasportivi. Rossi sostiene la necessità di tornare al progetto Sigillo.

Via Stadio, ricorso pendente al Tram

Gli aspetti problematici a livello pianificatorio e urbanistico sono invece stati evidenziato da Maria Clara Magni, in rappresentanza delle tre associazioni ambientaliste contrarie al Pse (Stan, Ata e Cittadini per il territorio): «L’area sportiva di Cornaredo è una localizzazione fortunata, che dev’essere conservata integra e preservata da elementi invasivi e distruttivi: come il progetto stradale (a quattro corsie) che taglia le aree destinate alle attività sportive». Lo spostamento di circa 120 dipendenti della Città di Lugano (quelli che lavorano negli uffici degli stabili in via della Posta) a Cornaredo danneggerebbe inoltre i quartieri più centrali, «che vanno invece fatti rivivere». Il trasferimento viene contestato perché genererebbe ulteriore traffico in una zona già satura. Le tre associazioni hanno inoltrato un ricorso sulla sistemazione viaria che comprende la creazione di via Stadio (oltre alla contestazione delle ‘mega’ rotatoria sul fiume nei pressi dell’uscita della galleria Vedeggio-Cassarate). Un ricorso tuttora pendente al Tribunale amministrativo cantonale (Tram). Insomma, il Pse sarebbe troppo lontano dagli obiettivi dello sviluppo sostenibile e le tre associazioni chiedono un progetto più sobrio.

‘Il vecchio, se funzionale, non va abbattuto’

Secondo Danilo Baratti, consigliere comunale dei Verdi di Lugano, non andrebbe demolito ciò che è ancora funzionale: «Quello nuovo va costruito in armonia con il vecchio, non distruggendo quest’ultimo». Baratti sostiene la necessità di non realizzare una struttura smisurata, con un impatto finanziario esorbitante, ben al di là della realtà economica, sociale e ambientale in profonda trasformazione: «Invece, si ragiona sul futuro della Città pianificandola con i criteri del passato». Il consigliere comunale dei Verdi ha pure messo in evidenza come nella campagna verso il voto ci sia una doppia asimmetria: «La prima è finanziaria, con Golia che ha già tappezzato città e siti web di cartelloni e banner mentre Davide fa quel che può. La seconda è argomentativa mentre i referendisti cercano di fare un discorso analitico sul progetto, la controparte punta tutto ingannevolmente sull’inesistenza di un piano B». A sostenere il comitato c’è anche la consigliera comunale e deputata in Gran Consiglio Tamara Merlo (Più Donne).

Ingrandisci l'immagine
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved